L’Arabia Saudita impedisce all’ONU di aprire un ponte aereo per soccorsi medici alla popolazione dello Yemen


L’ONU, la OMS che non riescono ad aprire un ponte aereo medico umanitario per lo Yemen: ministro della sanità

Il ministro yemenita della sanità pubblica e della popolazione ha criticato le Nazioni Unite e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per la loro incapacità di aprire un ponte aereo medico umanitario per i civili yemeniti, che soffrono di patologie che non possono essere curate all’interno dell’arabo martoriato da cinque anni dalla guerra .

Parlando in una conferenza stampa nella capitale yemenita di Sana’a sabato, Taha al-Mutawakel ha affermato che gli organismi internazionali non sono riusciti a garantire un meccanismo per il trasferimento medico di pazienti critici, tramite volo aereo noleggiato, verso strutture mediche all’estero che sono attrezzate per gestire tali casi, accusandoi il silenzio della comunità internazionale sulla morte graduale di 30.000 pazienti, che hanno un disperato bisogno di cure fuori dallo Yemen.

Mutawakel ha sottolineato che era stato fissato il 20 ottobre per il trasferimento del primo gruppo di cinquanta pazienti all’estero, ma le Nazioni Unite hanno annunciato solo 24 ore prima della mossa che non poteva aprire il ponte aereo umanitario dall’aeroporto internazionale di Sana’a. Di conseguenza, i pazienti che erano andati a Sana’a per usufruire del servizio dovevano tornare alla loro città natale.

Il ministro della salute yemenita ha quindi invitato le Nazioni Unite e l’OMS a rivelare le ragioni della loro violazione degli accordi con le autorità di Sana’a in una dichiarazione ufficiale, altrimenti saranno considerati complici dei paesi della coalizione saudita, che conducono l’ aggressione contro lo Yemen,, per crimini contro il popolo yemenita.

Il 16 settembre scorso, il rappresentante dell’OMS in Yemen, il dott. Nevio Zagaria (nella foto in alto), ha annunciato che le Nazioni Unite stavano lavorando per creare un ponte aereo medico umanitario in Yemen.

David Beasley ha espresso la sua disperazione per la situazione umanitaria nello Yemen dopo la sua visita di tre giorni.
“L’obiettivo è aiutare i pazienti che soffrono di cancro, malattie croniche e anomalie congenite a ricevere le cure di cui hanno bisogno. Sono state concordate dodici condizioni. È così importante che le persone che hanno queste condizioni ricevano supporto e cure ”, ha detto Zagaria al momento.

“I civili che ne trarranno beneficio comprendono pazienti affetti da leucemia, tumori allo stadio iniziale, cancro cervicale e tiroideo e pazienti che necessitano di radioterapia e trapianti di midollo osseo e reni”, ha aggiunto.

Malati nello Yemen senza cure per il blocco saudita

Parlando in un’intervista esclusiva con Press TV a fine maggio, il ministro della salute yemenita ha affermato che il blocco saudita ha ostacolato gli sforzi per aiutare i civili yemeniti con assistenza medica.
Ha detto che molti yemeniti soffrivano di malnutrizione acuta.

Mutawakil ha aggiunto che c’erano più di 8000 pazienti in dialisi, ma gli è stato negato il trattamento perché i sauditi impedivano l’ingresso di attrezzature e forniture per dialisi.

Il ministro della salute yemenita ha inoltre sottolineato che il numero di casi di cancro era aumentato anche a causa degli incessanti bombardamenti dei sauditi e del loro uso di munizioni all’uranio impoverito, vietate a livello internazionale.

L’Arabia Saudita e alcuni suoi alleati regionali hanno lanciato una devastante campagna militare contro lo Yemen nel marzo 2015, con l’obiettivo di riportare al potere il governo dell’ex presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi e schiacciare il movimento Houthi Ansarullah.
l Progetto di localizzazione di eventi e conflitti armati con sede negli Stati Uniti (ACLED), un’organizzazione no-profit di ricerca sui conflitti, stima che la guerra abbia causato oltre 91.000 vittime negli ultimi quattro anni e mezzo.

Bambini moribondi nello Yemen per causa del blocco saudita

La guerra ha anche messo a dura prova le infrastrutture del paese, distruggendo ospedali, scuole e fabbriche. Le Nazioni Unite affermano che oltre 24 milioni di yemeniti hanno un disperato bisogno di aiuti umanitari, tra cui 10 milioni che soffrono di livelli estremi di fame.

Nota: Anche questa volta si ode il silenzio assordante dei governi europei, sempre attenti ai problemi dei “diritti umani” nei paesi con regime non gradito all’Occidente ma del tutto silenti quando c’è da intervenire per sanare le conseguenze delle guerre di aggressione portate avanti dall’Arabia Saudita, da USA e da Israele.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

2 Commenti

  • La soluzione
    19 Ottobre 2019

    Che indecenza, siamo nel 3 millennio e siamo a questo punto. Dove sono gli urlatori dei diritti umani??? Gli occidentali sono complici.

  • michele
    19 Ottobre 2019

    dona …..tot euro per salvare i bambini da……
    questi sono gli spot che ci bombardano quotidianamente in occidente…………le persone che si prestano consapevolmente a queste porcherie le dovremmo appendere ai lampioni stradali senza alcuna pietà………..

Inserisci un Commento

*

code