L’Arabia Saudita assume più di dozzine di società di lobbying negli Stati Uniti per riciclare la sua reputazione

Secondo quanto riferito, le autorità saudite hanno assunto più di una dozzina di società di lobbying per aiutare a rafforzare le relazioni con gli Stati Uniti e migliorare l’immagine del regime di Riyadh da quando il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assunto la carica.

Secondo i documenti di registrazione di agenti stranieri presso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Riyadh ha utilizzato almeno 16 aziende “per ripristinare in gran parte la sua macchina di influenza nella capitale [Washington] e in altre parti del paese, e contribuire a rafforzare le relazioni commerciali USA-Arabia Saudita”.

Lo sforzo di lobbying sarà ancora più cruciale durante il mandato del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la cui amministrazione ha deciso mercoledì di congelare le vendite di armi a Riyadh in attesa di una revisione, afferma un rapporto di politica estera.

Le autorità saudite sono già nei problemi di immagine e di credibilità su questioni tra cui la devastante guerra di Riyadh allo Yemen, il trattamento delle donne e l’omicidio del giornalista dissidente in esilio Jamal Khashoggi all’interno del consolato saudita a Istanbul nel 2018.

Secondo il rapporto, gli agenti stranieri assunti per fare pressioni a favore degli interessi sauditi hanno apparentemente contribuito con quasi 2 milioni di dollari in donazioni politiche ai candidati federali, tra cui Trump e il nuovo presidente democratico Joe Biden.

Tra queste aziende c’è la centrale elettrica Edelman, che favorisce pesantemente i candidati democratici nelle sue donazioni politiche e ha firmato un contratto da $ 225.000, dopo le elezioni presidenziali di novembre, per fornire servizi al controverso progetto di megalopoli di Neom che dovrebbe essere costruito nella regione di Tabuk, nel nord-ovest dell’Arabia Saudita. Arabia sul Mar Rosso in un’area grande quasi quanto il Belgio.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman (MBS) avrebbero tenuto un incontro segreto nella città di Neom alla fine di novembre.

Israele esorta l’amministrazione Biden a limitare le critiche all’Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti: rapporto, questo in quanto Tel Aviv considera questi paesi fondamentali nella sua strategia anti-iraniana.
Secondo quanto riferito, Israele ha intenzione di fare pressioni sull’amministrazione Biden entrante per limitare le critiche all’Arabia Saudita, agli Emirati Arabi Uniti e all’Egitto su questioni relative ai diritti umani e alla guerra in corso nello Yemen.
La società di comunicazioni Edelman è stata anche incaricata dalla ” Saudi Basic Industries” di proprietà statale all’inizio del 2020 per fornire comunicazioni strategiche in un contratto da 5,6 milioni di dollari.

Inoltre, il regime di Riyadh ha concluso accordi con società considerate il più vicine al Partito Repubblicano. Poco prima del voto presidenziale, l’ambasciata saudita a Washington aveva assunto la “Off Hill Strategies”, una società gestita da una coppia con una lunga storia nella politica conservatrice, per $ 75.000 utilizzandola per fare pressioni per loro conto sul governo di Washington fino a gennaio 2021.

“I sauditi devono mantenere la loro influenza all’interno del Partito Repubblicano post-Trump nella speranza che il Senato repubblicano possa [aiutare] a bloccare qualsiasi legge che potrebbe danneggiarli, come il divieto di vendita di armi o il ritiro delle truppe dallo Yemen”, come ha riferito Ben Freeman del Centro per L’Iniziativa per la trasparenza sull’influenza straniera della politica internazionale, che mira a promuovere la trasparenza e la responsabilità nelle relazioni globali.
Lo stesso ha aggiunto che “c’era questa percezione pubblica che la lobby saudita si fosse nascosta” dopo l’omicidio di Khashoggi, vista l’ondata di indignazione internazionale sollevata dal caso.

“Ma non è affatto vero, quello che abbiamo visto anzi risulta che in realtà i sauditi hanno raddoppiato gli sforzi, dando soldi a think tank e università statunitensi per aiutare a riciclare la loro reputazione”, ha detto Freeman.

Ha notato che il regno ha assunto la multinazionale Qorvis per un contratto da 10 milioni di dollari solo tre mesi dopo la morte di Khashoggi nel tentativo di migliorare la sua immagine e reputazione.

Andrea Prasow, il vicedirettore di Washington di Human Rights Watch, ha detto che Riyadh ha usato i lobbisti per “imbiancare” la sua immagine, citando il fallimento del principe ereditario saudita e governante de facto che si è presentato come riformatore ai governi occidentali. Molti anche in Europa crevano in questa sua immagine e lo sostenevano.

Il capo dell’intelligence statunitense in arrivo ha giurato che rilascierà un rapporto su chi ha ordinato l’omicidio di Khashoggi

Il candidato al vertice dell’intelligence statunitense, il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, si è impegnato a pubblicare un rapporto non classificato su chi ha diretto l’omicidio del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi.
Biden ha promesso di essere più duro con l’Arabia Saudita rispetto a Trump, che si vantava di proteggere bin Salman all’indomani dell’omicidio di Khashoggi.

Diverse agenzie di intelligence, inclusa la CIA, avrebbero concluso che MBS aveva ordinato l’uccisione di Khashoggi. Riyadh ha negato le accuse in cambio.
La situazione dei diritti umani dell’Arabia Saudita è stata oggetto di un attento esame a seguito dell’omicidio del giornalista saudita.

Il gruppo per i diritti chiede alle Nazioni Unite di ottenere il rilascio del massimo religioso dissidente saudita
Separatamente, in mezzo a una brutale repressione guidata dal principe ereditario saudita contro attivisti pro-democrazia, predicatori e intellettuali musulmani nel regno, un’organizzazione per i diritti umani con sede in Svizzera ha invitato le Nazioni Unite (ONU) a intervenire e garantire il rilascio di illustri chierico dissidente Sheikh Salman al-Ouda.

Bin Salman mandante dell’omicidio del giornmalista Kashoggi

Alkarama ha chiesto al Comitato per i diritti delle persone con disabilità (CRPD) di portare avanti il ​​caso e ha esortato esperti indipendenti a visitare il sacerdote di 64 anni imprigionato per esaminarlo e riferire sulle sue condizioni e bisogni.

L’organizzazione per i diritti umani ha invitato l’organismo delle Nazioni Unite a “intervenire e sollecitare le autorità saudite a rilasciare l’eminente studioso dottor Salman al-Ouda, che è stato arbitrariamente detenuto, e a fermare le rappresaglie contro la sua famiglia”, ha scritto il figlio del religioso, Abdullah, in un post pubblicato giovedì sulla sua pagina Twitter ufficiale.

Il 4 settembre 2018 il quotidiano saudita in lingua araba Okaz ha riferito che i pubblici ministeri sauditi avevano livellato 37 capi di imputazione contro Ouda e ne avevano persino chiesto l’esecuzione.

Le autorità saudite hanno arrestato l’eminente studioso musulmano il 7 settembre 2018 e da allora lo tengono in isolamento senza accusa né processo. I funzionari hanno imposto divieti di viaggio anche ai membri della sua famiglia.


Nota: Particolarmente assente è l’Unione Europea che, sempre pronta a criticare le violazioni dei diritti umani che avvengono in paesi come l’Iran, la Cina o il Venezuela, si guarda bene dal criticre o condannare i numerosi crimini e violazioni che vengono commesse in Arabia Saudita, visto il livello elevato del business che interorre fra l’Arabia Saudita e alcuni paesi europei come la Germnia, la Franci e l’Olanda.

Fonte: Press:Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

7 Commenti

  • Eugenio Orso
    29 Gennaio 2021

    Per quanto riguarda i politici italiani, ricordiamoci del ministro salvini in “pellegrinaggio” in israele e, anocr prima, renzi e i suoi in “pellegrinaggio” proprio in arabia saudita …
    La realtà è sotto gli occhi di tutti … quelli che la vista buona ce l’hanno ancora.

    Cari saluti

  • eusebio
    29 Gennaio 2021

    Dietro Biden c’è Obama che è legato ai Fratelli Musulmani nemici giurati della dinastia saudita, niente di più facile che Biden voglia un sovrano saudita non legato a Trump e più vicino ai Fratelli Musulmani.

    • Eugenio Orso
      29 Gennaio 2021

      Quindi tu prevedi addirittura un peggioramento, con l’estromissione di MBS e di quel fantasma rincoglionito che è suo padre Salman?

      Cari saluti

    • atlas
      30 Gennaio 2021

      che il PD usa tutto, non solo Obama, sia dietro la fratellanza salafita è vero, come il PD italiano sta dietro all’UCOI

      sono solo concorrenti col wahhabismo, il vero loro nemico è solo chi non è giudeo e va contro i loro interessi (cioè Nazionalisti e cristiani e Musulmani)

      • Eugenio Orso
        31 Gennaio 2021

        Una precisazione Atlas: per fratellanza salafita, intendi anche i fratelli musulmani, quelli nati in Egitto nel’28, quello di Sayyid Qutb?

        Cari saluti

        • atlas
          31 Gennaio 2021

          intendo loro, solo loro, null’altro che loro, la merda

          cmq Sayyd Qutb e il fratello, Muhammad Qutb, vennero dopo, l’uomo dei servizi di sicurezza britannici giudeizzati fu il massone egiziano Hassan Al Banna, fondatore

      • Eugenio Orso
        31 Gennaio 2021

        Se si trattasse dei fratelli musulmani, favoriti dagli elitisti che governano gli usa, mi pare che questi siano invisi ai sauditi, quindi la rimozione futura e ipotetica di MBS e del rimbambito padre salman ci starebbe a pennello …

        Cari saluti

Inserisci un Commento