"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Arabia Saudita apre la campagna di accuse contro l’Algeria

Il giornale saudita Okaz la scorsa Domenica ha sostenuto che l’Hezbollah libanese avrebbe finanziato il movimento palestinese Hamas attraverso alcune banche algerine
Il Ministro algerino degli Affari religiosi e Dotazioni, Mohamed Aissa, ha respinto ufficialmente le insinuazioni di notizie da parte del quotidiano saudita Okaz che vorrebebro collegare il finanziamento di Hamas con Hezbollah.
Infatti, Aissa ha reagito con forza qualificando questa come una intromissione saudita negli affari algerini sottolineando che l’Algeria non accetterà mai di diventare il campo di battaglia di un conflitto settario o etnico fagocitato da centrali esterne e ha affermato che coloro che vogliono creare tale conflitto dovrebbero farlo nel loro territorio.

Durante l’ultima riunione al Cairo dei ministri degli Esteri dei paesi membri della Lega Araba, il capo della diplomazia algerina era risultato assente e il suo paese era stato rappresentato dal delegato permanente dell’Algeria presso la Lega Araba, che è anche l’ambasciatore dell’Algeria in Egitto.

L’Algeria è tra gli stati arabi quello che si è sempre rammaricato del fatto che la Lega Araba sia stata per anni sotto il controllo delle monarchie arabe del Golfo Persico, e il Governo di Algeri è molto attento a non imbarcarsi sulle posizioni settarie dell’Arabia Saudita e dei suoi alleati, specialmente quando si tratta delle dichiarazioni finali della Lega Araba sulla Siria, sul Libano o sull’Iran.
Al Cairo, l’Algeria era stata anche contraria alla creazione di un blocco sunnita guidato da Riyadh che si stava formando in contrasto con il mondo sciita (Siria, Iran, Iraq, libano).

Forze speciali algerine antiterrorismo

Questo spiega perché l’Arabia Saudita vede ora l’Algeria come un avversario o un nemico, insinuando legami occulti tra Algeri, gli Hezbollah e Hamas, in quanto, nel contesto del riavvicinamento tra Riyadh e Tel Aviv, i leader sauditi vedono tutti gli oppositori del regime israeliano come nemici del regno saudita.

Il voltafaccia dell’Arabia Saudita che si riavvicinata ufficialmente con Israele è stato indicato come il tradimento della causa palestinese in cambio di una lotta contro l’Iran in cui i monarchi sauditi sono strettamente alleati dell’entità sionista.

Di conseguenza l’Arabia Saudita sta iniziando una campagna aggressiva di calunnie ed insinuazioni contro tutti i paesi arabi che rifiutano la leadership saudita sul mondo arabo e seguitano a sostenere la causa palestinese contro l’occupazione israeliana delle terre palestinesi.

Fonte: Al Manar

Nota: L’Algeria aveva già conosciuto nel passato la violenza del terrorismo islamista di marca salafita in una guerra civile (1991-1999) tra i miliziani del Fronte Islamico di Salvezza (Fis) e i nazionalisti del Fronte di Liberazione Nazionale (Fln). Quasta avvenne all’indomani delle elezioni presidenziali del 1991, quando il governo rifiutò di riconoscere la vittoria del leader radicale Abbassi Madani, nacque allora il Movimento Islamico Armato (Mia) per opera di Mansour Meliani e di Abdelhak, un gruppo terrorista nel quale confluirono i reduci della guerra in Afganistan ed addestrati nei campi alla frontiera col Pakistan (molti dei quali costruiti dai americani in chiave anti-sovietica). Alleatosi con il Fis nella lotta contro i nazionalisti algerini, il MIA organizzò tutta una serie di attentati dentro e fuori i confini nazionali fino a quando i due movimenti non furono definitivamente sradicati dal Paese in una guerra fratricida durata otto anni dove morirono circa 60mila persone.
L’Algeria ha buona memoria da chi fossero sobillati i gruppi radicali islamici ed è per questo che si mostra molto diffidente nei confronti dell’Arabia Saudita che da anni finanzia e sostiene gruppi islamisti in molti paesi della regione per i suoi fini di egemonia sul mondo arabo.

Traduzione e nota: Luciano Lago

 

*

code