"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’ARABIA SAUDITA AFFERMA CHE È DISPONIBILE AD INVIARE TRUPPE IN SIRIA

L’Arabia Saudita è disposta a inviare truppe in Siria sotto il comando della coalizione guidata dagli Stati Uniti, se tale decisione sarà presa, ha detto il ministro degli Esteri Adel al-Jubeir il 17 aprile, secondo i media di stato.

“Siamo in discussione con gli Stati Uniti e siamo stati dall’inizio della crisi siriana disponibili all’invio di nostre forze in Siria”, ha detto Jubeir durante una conferenza stampa con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a Riyadh.

Il ministro degli Esteri ha aggiunto che l’Arabia Saudita aveva precedentemente proposto questa idea all’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

In precedenza, il rapporto del Wall Street Journal speculava che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump stava cercando di stabilire una “forza araba” che avrebbe sostituito le truppe statunitensi nella Siria settentrionale e nord-orientale. Secondo quanto riferito, questa “forza araba” potrebbe essere stabilita con l’appoggio dell’Arabia Saudita e di alcuni altri stati del Golfo. Vedi: 150.000 Saudy mercenaries ready to Enter Syria…

Tuttavia, un possibile spiegamento di truppe saudite in Siria è lontano dalla realtà secondo gli esperti siriani. L’Arabia Saudita è attualmente coinvolta in un lungo e complicato conflitto militare nello Yemen. La coalizione guidata dai sauditi è intervenuta nel paese nel 2015 per sconfiggere gli Houthi dello Yemen e istituire un governo fantoccio nella zona.

Truppe saudite

Tuttavia, da allora, la coalizione guidata dai sauditi non ha raggiunto i suoi obiettivi principali nel paese ed ha subito vari rovesci militari. Le sue forze hanno persino fallito nel riconquistare la capitale yemenita. Allo stesso tempo, gli Houthi yemeniti hanno aumentato gli attacchi transfrontalieri e i lanci di missili contro obiettivi situati in Arabia Saudita.

Vista l’inadeguatezza delle truppe saudite, il Governo di Rijad, dietro consiglio dei suoi assessori USA ed Israliani, sta procedendo ad arruolare mercenari da paesi dell’Africa nera quali il Ciad ed il Sudan per farli addestrare ed inviarli a combattere in sostituzione delle scarse e poco combattive truppe saudite.Vedi: Captured Saudi Soldier: Sudanese, Somalian mercenaries….

Il piano viene attentamente seguito dalle autorità militari di USA e Regno Unito che provvedono a fornire istruzione militare alle truppe mercenarie a supporto del proprio alleato.

Fonti:   South Front   Fars News

Traduzione e sintesi : Alejandro Sanchez

*

code

  1. Manente 3 mesi fa

    Spero che Russia, Cina ed Iran si decidano finalmente ad armare fino ai denti i combattenti yemeniti, un fiero popolo di guerrieri in grado di fare giustizia una volta per tutte dei sanguinari tiranni sauditi !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce Ernesto 3 mesi fa

      Amici della redazione,
      questo vostro articolo copre, involontariamente, il ruolo nefasto dell’Arabia Saudita. Le migliaia e migliaia dei terroristi, recimolati da tutti gli angoli del mondo, sono stati inviati in Siria da loro.
      Si sa’ che gli stipendi di questi mercenari terroristi, feci umana, sono elargiti dal regno saudita.
      L’uso delle parole “DISPONIBILE” e “disposta”, coprono il ruolo dei monarchici del Golfo Persiano, in primis Riad’
      Il titolo “ L’ARABIA SAUDITA AFFERMA CHE È DISPONIBILE AD INVIARE TRUPPE IN SIRIA cancella i suoi misfatti in questi sette anni”
      Ben detto, il regno saudita non riesce a camminare in Yemen, adesso vuole a correre in Siria!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio franceschini 3 mesi fa

    Una cazzata del pedocrate di turno.può essere però che manderanno qualche migliaio in.più di mercenari.se i 2000(3500 ?) americani si ritirano ,cosa assai improbabili, i siriani faranno dell’Est un solo boccone perché i unici che combatteranno saranno i jihadisti riciclati ma sempre jijadisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio 3 mesi fa

    Seeee… magari ci cascassero, i sauditi in siria durano lo spazio di un mattino, sento già assad sghignazzare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      Proposta meravigliosa per tutti noi ! Vadano sauditi e ratti mercenari a trovare morte di fogna putrida in Siria !
      Forse, forse, e’ la volta che , con i miei anni, parto anche io a dare una mano ad Assad, tanto per aiutare l’eliminazione dei ratti di fogna.
      Poi se muoio , almeno ho combattuto per la liberta’ della Siria e del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. atlas 3 mesi fa

    arrivano i terroristi neri (dove l’ho già sentita …)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bruno 3 mesi fa

    Una volta queste si chiamavano INVASIONI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Walter 3 mesi fa

    L’Arabia saudita è disposta ad inviare truppe in Siria: perché, i terroristi mercenari che hanno mandato finora non andavano bene? (scusate il sarcasmo, ne ho proprio bisogno per digerire). Le truppe regolari sono meno pagate e meno addestrate, è probabile che molti militari sauditi disertino (come hanno fatto molti di quelli inviati nello Yemen); gli altri si faranno gentilmente ammazzare per la gloria di Salman. Gli USA se ne vanno davvero dalla Siria, non hanno più niente da guadagnare a restare. Hanno venduto armi ai sauditi per centinaia di miliardi e hanno creato i presupposti per continuare a vendere armi, assistenza tecnica e pezzi di ricambio, dopo che i sauditi le avranno rotte, cercando di imparare come si usano, o se le saranno fatte rubare dai curdi, molto più scaltri di loro.
    La cosa più ingegnosa che hanno fatto gli arabi è stata quella di scavare una buca nel suolo. Poi hanno comprato una pompa, a credito, da una qualche azienda occidentale per succhiare il petrolio. quasi contemporaneamente hanno cominciato a comprare armi (sempre da qualche azienda occidentale) per difendere il loro pozzo dai vicini di casa e, così, hanno ipotecato la loro terra e il loro futuro. Quando il petrolio sarà finito, gli resterà una montagna di armi e, magari, nel frattempo avranno imparato ad usarne qualcuna (dopo averle rotte, provano a leggere le istruzioni e le ricomprano); allora, useranno quella montagna di armi per finire di ammazzarsi tra loro ed i cinesi, rimasti pazienti lungo il fiume per veder passare il cadavere, diranno: avete visto, esiste un kharma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      generalizzi sugli Arabi ignorando Uomini come Gheddafi, Abdennasser, Ben Ali, Boumedienne, Saddam, Assad…ma chi c’hai tu, Renzi ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 3 mesi fa

        taci tu, italiota rinnegato ed apostata, !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 3 mesi fa

          che nego le bugie cristiane è vero, che della tua filosofia me ne sono liberato è vero, ma italiota, non sono stato mai, non posso mai mischiarmi con te. Io sono Napolitano di etnia e Siciliano politicamente

          (stai zitta poi lo dici a tua moglie, visto che non hai nulla da metterle in bocca)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Walter 3 mesi fa

        Renzi non è roba mia, non siamo neanche cugini di terzo grado. Gente come Gheddafi e Saddam sono criminali che hanno preso il potere e si sono imposti come dittatori nei loro paesi; sono diventati “eroi post-mortem” solo perché chi li aveva sostenuti prima e ammazzati dopo ha fatto peggio di loro, precipitando quei paesi (che già non erano di certo un ottimo esempio di civiltà) nel caos più totale. Assad, poi, è un emblema di come si può diventare “eroi per caso”. Questo coglione di un oculista mancato non ha mai davvero governato; all’inizio della sua Presidenza si è dedicato a “pizze e vizi”, sostendo lo shopping compulsivo della moglie, che spendeva centinaia di milioni di dollari i tutto quello che poteva piacerle mentre una significativa porzione del popolo stentava a mettere in tavola una cena decente. L’intervento dei veri cattivi (USA, Arabia saudita e Israele) ha fatto passare a vittima idiota come un eroe. Vittima, si fa per dire – mica ci sta lui sotto le bombe. Cos’è Assad se non un burattino protetto dalla Russia e dall’Iran? Pensi davvero che sia un grande statista e che la suo opinione conti qualcosa sulle sorti della Siria?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 3 mesi fa

          mi sa che tu con Renzi hai molto in comune invece. Evito quindi pure di risponderti su quanto hai scritto, non è utile alla causa. Mi auguro muoriate presto tutti e due, ma no dipende da me. Intanto io chiedo a Dio di ascoltarmi…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. HERZOG 3 mesi fa

    Mettetevi nella testa che atlas non e musulmano e’ un minorato mentale millantatore che si gode a spararne un po di qua e un po di LA un mestatore da tastiera,riguardo gli Arabi.ricordo che qusti chiesero a suo tempo LA conversions di tutti I dollari ,mucchiati col Petrolio,con l’oro ; Gli USA dissero di no ! Perche di ORO non CE ne stava piu . percio da allora tutti gli stati del mondo sono stati obbligati ad accettare I dollari moneta creata dal nulla dagli EBREI pena distruzione invasions rivoluzioni omicidi ,tutti argomenti convincenti che nel tempo hanno persuaso I piu duri di Cervice

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      dovresti già essere ricoverato, se ancora scrivi è proprio perché questo è il tuo sistema giudaico che t’invia qui a distrarre le discussioni delle libere genti non omologate

      Rispondi Mi piace Non mi piace