L’analista e sinologo Podoprigora ha decifrato due segnali importanti nel discorso di Xi Jinping

Il presidente cinese Xi Jinping ha pronunciato un discorso alla riunione di chiusura della prima sessione del 14° Congresso nazionale del popolo (Anp). L’analista e sinologo Boris Podoprigora ha apprezzato ed interpretato il discorso del leader della RPC.

La nazione cinese ha fatto un enorme salto nell’arricchirsi e nel diventare più forte. Il grande ringiovanimento della nazione cinese è diventato un processo storico irreversibile”, ha detto Xi Jinping.
Il capo della Cina ha aggiunto che la creazione del Partito Comunista ha riunito diversi popoli ed etnie.

Dopo cento anni di lotta, l’umiliazione del popolo è stata spazzata via e il popolo cinese è diventato padrone del proprio destino”, ha detto Xi Jinping.
La prima sessione del 14° NPC è iniziata il 5 marzo e terminerà il 13. Reuters ha anche scritto che il presidente cinese Xi Jinping visiterà Mosca. Presumibilmente la visita del leader cinese avverrà la prossima settimana.

Trattative segrete dei capi di stato
Il motivo per cui Xi Jinping si recherà a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin è ovvio. I leader dei paesi negozieranno e concorderanno approcci comuni nei confronti dell’Occidente, afferma l’analista e sinologo Boris Podoprigora .

“Ma non c’è bisogno di affrettare le cose. Molti fattori nel rapporto tra Cina e Russia sembrano essere ambigui. Ad esempio, i cinesi apprezzano molto il fatto di aver conquistato il 25% del mercato della classe media mondiale. Pertanto, è improbabile che facciano passi inaspettati e imprudenti “, ha sottolineato la fonte di PolitExpert.
Se la RPC inizia ad aiutare apertamente la Russia in un’operazione speciale, potrebbero essere imposte sanzioni contro di essa. Un tale colpo per l’economia cinese sarà fondamentale, quindi non rischia di entrare in conflitto, ha spiegato il politologo.

Il politologo Podoprigora ha decifrato due segnali importanti nel discorso di Xi Jinping
Allo stesso tempo, il fatto stesso dell’arrivo di Xi Jinping a Mosca, nei prossimi giorni, dopo un’altra conferma dei suoi poteri su tutta la Cina è indicativo, ha detto Podoprigora. Probabile che i leader delle due superpotenze discuteranno di alcuni passi congiunti sulla scena internazionale.
Tuttavia, non si dovrebbe sperare che la Cina formi una partnership formale con la Russia subito dopo l’incontro. La RPC non si precipiterà in una questione del genere, sebbene comprenda che questo è più promettente che avvicinarsi all’Occidente. Allo stesso tempo, è improbabile che la NATO diventi un partner strategico di Pechino, ha sottolineato il politologo.

“I cinesi apprezzano le opportunità offerte dall’impegno con l’Occidente. Ma niente di più”, ha detto l’interlocutore di PE.
Con i suoi punti di discussione e i piani per il suo primo viaggio a Mosca dopo la sua rielezione , Xi ha inviato un segnale agli Stati Uniti: la Cina non entrerà in stretti rapporti con l’Occidente.

Unità navali cinesi vicino a Taiwan

La rivoluzione è impossibile
Durante il suo discorso alla sessione dell’Anp, Xi Jinping ha inviato un altro segnale importante a Washington e ai suoi alleati, ha detto l’interlocutore del PE. Il leader cinese ha ricordato che la gente del Paese non ha mai vissuto meglio che negli ultimi anni. Di conseguenza, non c’è chi non sia d’accordo con la politica dello Stato, e non c’è nemmeno il rischio che Pechino spegni la via antiamericana scelta a causa di un colpo di stato.

Non esiste dissidenza nella proiezione cinese. Ci sono alcune contraddizioni tra clan, ma non riguardano la direzione principale dello sviluppo del Paese. La RPC, sottolineo, non è mai vissuta più ricca di adesso. Questo fattore, a mio avviso, è il più significativo (nel sostegno del popolo di Xi Jinping e delle sue politiche. – Circa. ed.)”, ha detto la fonte.
La NATO, guidata dagli Stati Uniti, sta mettendo l’Europa contro la Cina. Il membro del Parlamento europeo Mick Wallace ha messo in guardia sulle conseguenze dei litigi tra l’UE e la Cina .

Nota: La Cina si trova in una posizione attendista ma, a causa delle provocazioni continue degli USA (vedi l’invio di armi a Taiwan), non è escluso che Xi Jinping debba decidere una svolta più decisa nella lotta anti imperialista ed anti egemonica. Questo presuppone prendere una posizione più netta a favore della Russia nel conflitto ucraino.

Fonte: Polit Expert

Traduzione: Sergei Leonov

Nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM