APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

L’Amministrazione USA inizia ad essere più cauta circa l’attacco alla Siria

La decisa reazione russa ai piani di attacco USA contro la Siria, in primo luogo con la risposta dell’ambasciatore russo a Beirut, sembra che abbia indotto l’Amministrazione Washington a maggiore cautela.
L’ambasciatore russo a Beirut, Alexander Zasypkin, nel corso di una intervista alla tv Al-Manar, aveva detto che la Russia avrebbe risposto ai raid e colpito le basi di lancio dei missili, cioè le navi al largo di Libano e Siria.

A questo avviso è seguito nella giornata di ieri una improvvisa esercitazione della flotta russa nel Mediterraneo che ha lascato la base di Tartous in Siria per procedere ad esercitazioni a fuoco reale al largo delle acque territoriali della Siria, quindi in posizione di attacco, inclusi i sottomarini russi che si trovano a breve distanza dalle unità navali USA.


Questi segnali debbono aver fatto comprendere all’Amministrazione Trump ed in particolare al Pentagono che la Russia sta facendo sul serio e questa volta si appresta a colpire le forze aeronavali USA che attaccheranno la Siria.

Oltra a questo risulta che il presidente russo Vladimir Putin ha nominato quello che sembra essere il suo gabinetto di guerra ed ha fatto trasparire la sua determinazione a difendere la Siria da un possibile attacco delle forze USA e questo si ricava anche dalle attività militari sul terreno che i satelliti hanno raccolto in questi ultimi giorni, fra cui il potenziamento dei sistemi missilistici russi a difesa dei centri di comando e delle basi russe e lo spostamento dell’aviazione siriana dai suoi aeroporti alle basi russe, per sottrarsi ad un possibile tiro al bersaglio da parte delle forze aeree USA.

Navi russe in Siria

In pratica viene a mancare l’effetto sorpresa per l’apparato militare USA quello che può infliggere danni al nemico su un primo “strike”, a meno che Washington voglia colpire direttamente obiettivi russi e questo sembra improbabile.
La sensazione che Washington stia procedendo con maggiore cautela, dopo le smargiassate di Trump inviate via Twitter, si ricava anche dalle dichiarazioni del segretario alla Difesa Jim Mattis, il quale ha dichiarato oggi che ancora nessuna decisione era stata presa dal presidente Donald Trump, in merito a uno bombardamento sulla Siria. Mattis ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno ancora aspettando di vedere le prove di un attacco chimico.

Questo suona in aperta contraddizione con le affermazioni fatte due giorni fa dallo stesso Trump.
Il Segretario alla Difesa, a proposito dell’inchiesta che adesso si starebbe svolgendo sull’attacco chimico, ha detto che gli Stati Uniti “non sapranno da questa squadra investigativa che entra, se possiamo farli entrare, se il regime li farà entrare, non sapremo chi è stato.”
“Possono solo dire di aver trovato prove o meno, e ogni giorno che passa come sapete, per un gas non persistente, diventa sempre più difficile da confermare. Quindi è in questo che ci troviamo adesso. ”

Sembra che il Segretario della Difesa abbia dimenticato per caso che la Russia e la Siria sono state le prime a suggerire un’indagine indipendente sull’incidente di Dmoua e ad invitare gli investigatori dell’OPCW che arriveranno in Siria questa settimana.

Inoltre, le dichiarazioni di Mattis sono in contrasto con un atteggiamento pubblico della diplomazia statunitense. Negli ultimi giorni, l’inviato USA all’ONU Nikki Haley e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno ripetutamente accusato il governo di Assad di essere dietro l’attacco. Il presidente degli Stati Uniti ha ripetutamente minacciato di colpire la Siria. Un portavoce per la stampa della Casa Bianca aveva affermato che gli Stati Uniti non escludono di colpire le forze russe in in Siria.

Ora, Mattis dice che gli Stati Uniti hanno ancora bisogno di prove. Quindi, cosa è cambiato?
Indubbiamente l’Amministrazione USA sta procedendo in modo più cauto anche alla luce degli avvisi molto seri lanciati dalle autorità militari russe, in particolare :
il capo dello stato maggiore russo, il signor Valery Gerasimov, ha chiarito un mese fa che se i militari russi fossero stati uccisi o feriti nei bombardamenti americani, i russi avrebbero colpito le piattaforme americane da dove sono stati lanciati i missili.

James Mattis

In un linguaggio semplice: i sottomarini russi affonderanno le navi americane che hanno lanciato i missili da crociera, qualcosa che possono facilmente fare. Alcuni analisti militari sostengono che, mentre gli americani non possono essere sicuri che i russi lo faranno, la possibilità è abbastanza alta da non rischiare a causa delle ripercussioni politiche interne negli USA.
Non bisogna dare credito a chi sostiene che l’ultimo attacco di Israele all’aeroporto siriano sia stato un test delle difese siriane. Gli Stati Uniti non sono interessati alle difese aeree della Siria, … sono interessati al sistema russo. …

Gli americani sono più preoccupati per gli aerei russi in Siria e per i sottomarini, visto che questi non sono troppo lontani da questi cacciatorpediniere statunitensi che potranno colpire in qualsiasi momento.
Il Pentagono prende sul serio la minaccia russa di affondare le navi da cui partiranno gli attacchi, i russi hanno i mezzi per farlo in brevissimo tempo.Ora, Mattis dice che gli Stati Uniti hanno ancora bisogno di prove. Quindi, cosa è cambiato?

Bisogna considerare che gli USA, dai tempi della guerra di Corea, non hanno mai combattuto un vero esercito. Chi hanno combattuto? Gli afgani? Gli iracheni? – Quelli non sono eserciti.
Loro lo sanno. Sono professionisti (gli americani), specialmente la Marina. Conoscono la differenza tra combattere un’unità di semi-guerriglia, i cosiddetti “eserciti di schiavi”, gli afghani e l’ esercito russo .

Questo è il vero motivo per cui gli USA stanno considerando in modo serio la possibile reazione della Russia. Come ogni presidente degli Stati Uniti, Trump, pur avendo i tratti buffoneschi, è un uomo prudente … Dice quello che vuole e parla a vanvera, è un politico. Tuttavia eviterà di iniziare un’operazione che potrebbe rivelarsi un disastro per lui.
Cosa accadrebbe se i due cacciatorpediniere che lanciavano i missili fossero affondati entro 5 minuti? Qual’è il prossimo? Sarebbe forse una vittoria per lui? No, sarebbe un disastro.

Comandante di Stato Magiore russo

Le probabilità che ciò accada sono molto alte perché è stato detto dal capo dello stato maggiore dell’esercito russo (Valery Gerasimov). Questi non è tipo che parla spesso, ma quando lo fa, è diretto e icisivo . Raggiunge le loro orecchie. L’unica cosa che può fermare le azioni degli Stati Uniti è la minaccia di una risposta militare russa. Il linguaggio della forza è l’unico che Washington intende perfettamente.

In sintesi, il bullo e il bugiardo americano / israeliano, con le sue infinite sparate di ridicole macchinazioni false e con l’isteria dei media che le accompagna, è stato costretto a fare marcia indietro da qualcuno che è in grado di rispondere in modo inaccettabile alle smargiassate.

Fonti: South Front      Russia Insider

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Citodacal 6 mesi fa

    Eppure Macron ha appena dichiarato d’avere le prove dell’uso di armi chimiche negli ultimi combattimenti da parte di Assad: deve avergliele procurate Boris Johnson…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Max 6 mesi fa

      Oppure lo zio Rotschild, che possiede il laboratorio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. pierovalleregia 6 mesi fa

      … o bombolo … dopo aver mangiato la zuppa di fagioli
      un saluto
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fabio franceschini 6 mesi fa

      Lo scorso anno l’allora ministro della difesa francese a pochi giorni dalle elezioni presidenziale dichiaro che nel giro di pochi giorni la Francia avrebbe prodotto le prove dell’uso di gas da parte di assad a kein shakun(?). Beh ancora devono arrivare. Macron ha detto che ha le prove che sono stati usati gas non chi li ha usati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 6 mesi fa

        Certamente. Macron applica (più o meno eterodiretto, poco importa in quest’ordine d’applicazioni) i principi della psicologia di massa e della suggestionabilità; se in un ascensore parte un peto (ben più “prosaico” dunque del sarin o del novichok) e qualcuno rivolge con tono imperioso e convincente il suo sguardo di deplorazione verso il passeggero meno allineato dei presenti (pertanto già sospetto d’essere poco omogeneo al gruppo), aggiungendo qualche allusione verbale ben elaborata, l’attenzione dei suggestionabili viene accalappiata automaticamente e indotta a prestar fede che il “puzzone” sia proprio il presunto imputato, di cui peraltro non si è nemmeno fatto il nome.
        (Villaggio ci ricavò la gag del geometra Calboni, notoriamente affetto da tremenda aerofagia, che in treno, dopo averne sganciata una pesante, ne addossa perentoriamente la responsabilità a Fantozzi che viene gettato fuori dallo scomparto a furor di popolo; il pubblico ride, ma non si accorge di comportarsi spesso in un modo del tutto similmente passivo, e preda della suggestionabilità immediata)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Ubaldo Croce 6 mesi fa

      No,glie l’ha procurato la sua ( di Macron) testa di minkia cronica e di impotente ricchione-gender…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. La soluzione 6 mesi fa

    Gli americani si sono messi da soli in una trappola. I francesi hanno le PROVOLE E SALSICCE. GLI INGLESI VOGLIONO PIU PROVOLE. ALLORA DIREI A GUESTI IMBECILLI DI ANDARE A FARSI FOTTERE. Se gli americani e compagni hanno le palle dopo tutte le fandonie che raccontano attaccassero. Vedremo la loro disfatta e rottami in tutto il mediterraneo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. televisione falsa 6 mesi fa

    Peccato che i talebani , Saddam Hussein e Gheddafi non avevano la Russia come alleata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabio franceschini 6 mesi fa

      Non esageriamo talebani e Saddam prensili te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 6 mesi fa

        I Talebani erano alleati e sovvenzionati dai Serpenti Uniti. Saddam e Gheddafi , no, ed erano in difesa del loro popolo e garantivano l’accesso alle chiese cristiane senza porre ostacoli, cosi’ come fece e fa Assad.
        Cio’ mi basta ed avanza per difendere i personaggi eliminati e l’attuale ancora, per fortuna, vivo !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 6 mesi fa

          una volta tanto concordo PERFETTAMENTE con te

          piuttosto, c’è ancora qualcuno che crede fermamente che merdo can farà a botte con gli ameri cani … ?

          ” Numerosi militari inglesi venivano arrestati dall’Esercito arabo siriano nel Ghuta orientale di Damasco; si erano infiltrati nella regione nell’ultimo mese per organizzare il piano fallito per attaccare Damasco in collaborazione coi terroristi e la NATO. Il corrispondente di al-Mayadin a Mosca riferiva che numerosi militari inglesi erano stati catturati nelle operazioni siriane nel Ghuta orientale. Tali forze straniere erano schierate nel Ghuta orientale per lanciare un assalto su Damasco in cooperazione con Stati Uniti ed Israele e in collaborazione con NATO e Giordania, ma il piano falliva quando l’Esercito arabo siriano liberava rapidamente il Ghuta orientale. Stati Uniti ed Israele intendevano sostenere i terroristi con attacchi aerei, in modo da poter occupare delle aree a Damasco, ma “Dopo che il piano fu svelato, i comandanti militari siriani e russi avviarono le operazioni nel Ghuta orientale sopprimendolo”. Dopo tale fallimento, Stati Uniti e Turchia cercarono di salvare i terroristi intrappolati nel Ghuta orientale e di farli trasferire ad Idlib. Il centro di comando degli Stati Uniti si precipitò ad evacuare gli agenti propri e di Israele, Giordania e NATO, mentre i turchi si dichiaravano pronti ad aiutare l’evacuazione dei terroristi di Jabhat al-Nusra dal Ghuta orientale ad Idlib, intendendo in realtà salvare le forze speciali straniere integrate nei ranghi di Jabhat al-Nusra (al-Qaida in Siria). “Pertanto, gli Stati Uniti hanno ordinato a Jaysh al-Islam, Faylaq al-Rahman e altri gruppi terroristici di consentire l’evacuazione dei civili dal Ghuta orientale alle regioni controllate dall’esercito, nel tentativo di permettere a tali agenti stranieri di lasciare Ghuta sotto mentite spoglie e consentire al servizio d’intelligence turco di inviarli nelle regioni di al-Tanaf e della Siria del Nord occupate dalle truppe statunitensi”. Il comando degli Stati Uniti della base di al-Tanaf ordinava la fine di tutte le operazioni delle suddette forze alleate, dopo che i terroristi furono sconfitti ad al-Nashabiyah e al-Muhamadiyah, all’inizio delle operazioni dell’Esercito arabo siriano nel Ghuta orientale. Anche il CENTCOM degli Stati Uniti chiedeva il ritiro delle forze alleate dal Ghuta orientale, da Irbin, Zamalqa e Duma, preparandone il terreno per la ritirata. I terroristi alleati degli statunitensi avevano rivelato a marzo che gli Stati Uniti pianificarono un attacco in una regione tra le province di Homs e Dayr al-Zur. ”

          https://aurorasito.wordpress.com/2018/04/12/situazione-militare-presso-la-siria/

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. claudio 6 mesi fa

            Lo riportava anche la gazzetta di topolinia nell’episodio topolin al topolon e l’intrigo di damasco con il commissario basettoni e minnie..

            Mi piace Non mi piace
          2. Christian 6 mesi fa

            Visto che riporti Aurora Sito, ottimo peraltro, perché non cerchi come Saddam fosse ‘antiimperialista’…

            Mi piace Non mi piace
          3. claudio 6 mesi fa

            La Turchia pubblica la localizzazione delle cinque basi militari segrete francesi in Siria
            RETE VOLTAIRE | 2 APRILE 2018

            L’Agenzia di stampa Anadolu ha pubblicato la mappa delle cinque basi militari segrete francesi in Siria (tra cui la fabbrica Lafarge-Holcim).

            L’Agenzia precisa che il 1° RPIMa (Reggimento Paracadutista di Fanteria di Marina) è dispiegato sul suolo siriano. Inoltre, già 30 soldati francesi aggiuntivi si trovano a Raqqa e 70 in altre località.

            La presenza militare francese in Siria è illegale, secondo il diritto internazionale.

            La pubblicazione costituisce un avvertimento dopo che la Francia ha annunciato il proprio appoggio ai terroristi dello YPG, organizzazione kurda pro-atlantista.
            Siccome c’è ancora qualcuno che pensa che merdogan e frocion stiano dalla stessa parte pubblico questo estratto da leggere insieme alla gazzetta di topolinia, fonte primaria di quel qualcuno di cui sopra.. e anche di 5 bei ” mi piace ” collezionati.. non mi importa di quanta gente ho contro, molti nemici molto onore.. ma sarebbe bello che anche voi vi svegliaste…

            Mi piace Non mi piace
          4. atlas 6 mesi fa

            Christian, se non lo avevi capito il mio Partito è il Baàth e il SSNP, vuoi che non sappia chi era Saddam ? E’ sempre nel mio cuore e chiedo al Dio di Benedire la sua anima

            Mi piace Non mi piace
          5. atlas 6 mesi fa

            e anche quella di Anwar Sadat, se ci tieni a finire un discorso cominciato qualche mese fa

            Mi piace Non mi piace
          6. atlas 6 mesi fa

            Claudio, non guardare agli altri, guardami in faccia quando ti scrivo : non ne voglio avere ragioni io, ma la tua te la darò quando anche un solo soldato turco di merdogan sputerà sugli stivali di un francese. O americ ano. Finora non mi risulta sia successo, se hai notizie a riguardo postale, faresti contenti la maggior parte di coloro che leggono e scrivono su questo sito

            Mi piace Non mi piace
          7. atlas 6 mesi fa

            seconda cosa : i turchi (Musulmani Sunniti, ma che se sono del partito di merdocan non lo sono proprio), continuano ad essere illegali in Siria. Nessuno li ha invitati, proprio come quei wahhabiti salafiti (la maggior parte) che scrivi sempre che t’invadono casa

            Mi piace Non mi piace
  4. Manente 6 mesi fa

    Ahahah chissà come ci rimarranno male Saviano la Boldrina, la Litizzetto e quel fesso patentato di Martina ! Quanto a Macron è il classico soggetto che fa il froci@ con il cul@ degli altri … mi scuso per la volgarità ma con personaggi simili le buone maniere sono del tutto sprecate !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 6 mesi fa

      Attento Manente, perche’ una notizia recentissima mi ha schifato dell’Italia ! Un conoscente cattolico che dirige Radio Spada, sito di commenti ed informazioni prevalentemente di stampo religioso, ha pubblicato tempo fa la info sull’omosex che, a Roma, gestiva l’associazione contro le discriminazioni ecc. ecc. Bene, il soggetto omosex ha querelato Radio Spada per i commenti intervenuti ed i carabinieri solertemente inviati dalla Procura hanno perquisito la sede del sito…
      La notizia mi ha profondamente schifato per questa Italia forte con i deboli e per i reati di pensiero e mi ha convinto ad andarmene via per l’ennesima volta ! Cio’ e’ successo mentre un grottesco pseudo-governo ha celebrato a parole di osanna l’alleanza Nato dell’Italia, in vista di attacco alla Siria ! E’ tutta un teatro allucinante che mi fa sentire estraneo e mi induce ad una violenza che preferisco non esercitare, per ora…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Manente 6 mesi fa

        @Mardunolbo – Quando posso, seguo anche io Radio Spada e mi associo alla sua indignazione ed al suo disgusto per la “solerzia” di certa magistratura nel perseguire presunti reati di opinione che è pari solo alla inerzia pressochè totale nei confronti di reati ben più gravi commessi da “categorie protette” quali i clandestini, gli esponenti della lobby gay ed i morti viventi della sinistra a libro paga di Soros. Dobbiamo resistere, se come credo gli equilibri mondiali cambieranno con la vittoria dei russi nella guerra di Siria, le cose cambieranno anche da noi e ci potremo finalmente liberare dalla dittatura dei Soros e dei suoi miserabili servi !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Horus 6 mesi fa

    Chissa che dispiacere ha adesso bibi dopo aver sentito che gli
    Usa fanno retromarcia. O no?non avranno paura che qualche missile usa li colpisca come di solito capita in MO?
    Caliamo un triste velo sul toyboy francese.Peggio di Hollande.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vittoriano 6 mesi fa

    Perché l’escalation militare in Siria non è nell’interesse degli Stati Uniti

    Why military escalation in Syria is not in US interest | Asia Times
    http://www.atimes.com/military-escalation-syria-not-us-interest/
    Traduci questa pagina
    2 giorni fa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Vittoriano 6 mesi fa

    Perché l’escalation militare in Siria non è nell’interesse degli Stati Uniti

    Why military escalation in Syria is not in US interest | Asia Times
    http://www.atimes.com/military-escalation-syria-not-us-interest/
    Traduci questa pagina
    2 giorni fa –

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Vittoriano 6 mesi fa

    Perché l’escalation militare in Siria non è nell’interesse degli Stati Uniti

    Why military escalation in Syria is not in US interest | Asia Times
    http://www.atimes.com/military-escalation-syria-not-us-interest/
    Traduci questa pagina
    2 giorni fa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 6 mesi fa

      ottimo articolo, Vittoriano, ma infatti e’ scritto da un cinese che vive a San Francisco ! Trasuda buon senso e si capisce che non e’ una mente anglosassone…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. guest star 6 mesi fa

      tutto quello che è interesse di I$rahell
      è o diventa interesse di U$A

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Animaligebbia 6 mesi fa

    E’ confermato da fonti riservate di altissimo livello che, mentre il nonno era in bagno,il nipotino di Trump si sia impossessato del cellulare e abbia mandato il famoso “Russi, preparatevi,arrivano i missili belli,nuovi ed intelligenti”, il discolo rampollo non sarebbe nuovo a marachelle del genere;sembra che ci sia il suo zampino anche per il famoso messaggio al nordcoreano “Il mio bottone e’ piu’ grosso del tuo”.Il tremendo Gianburrasca e’ stato solennemente redarguito perche'”non si scherza coi giocattoli del nonno”,qualche miliardo di persone potrebbe lasciarci le penne.Sembra che per ritorsione il piccolo presidente non sara’ piu’ portato a disneyland e dovra’ rinunciare allo zucchero filato per una settimana.E’ tutto vero,l’ha detto saviano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 6 mesi fa

      Animaligebbia, il tuo commento mi ha sbellicato dalle risate ! Ecceziunaleeeee !! Una medaglia d’onore, non scherzo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Animaligebbia 6 mesi fa

        Grazie,amo sghignazzare,e’ meglio che rovinarsi il fegato;una risata li seppellira’.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Idea3online 6 mesi fa

    Intanto Putin dice:

    “Tra dieci anni testeremo un missile super-pessante”, ha detto il presidente…che…
    Grazie ad un razzo super-pesante sarà possibile inviare navicelle non solo sulla Luna ma anche su Marte e Giove….

    Putin avendo incluso la Luna è come se avesse avvisato gli USA che il mondo intero potrebbe conoscere che nel 1969 tale possibilità non esisteva, se oggi nel 2018 bisogna attendere ancora 10 anni…..è guerra su tutti i fronti anche sulle fake news spaziali…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. dolphin 6 mesi fa

    Questa é un ottima occasione per far sloggiare le basi dei cani abusive alla svelta senza se e senza ma, altrimenti son dolori. Un occasione da non perdere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dolphin 6 mesi fa

    Non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra la stessa squadra navale che stava andando a schiantarsi sugli scogli del faro La Coruna in Spagna tempo fa e che fu salvata dall’impatto, dagli addetti al faro che li avvisarono di effettuare una correzione di rotta perché puntavano dritti su di loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pierovalleregia 6 mesi fa

      … sono dei cacciamine e, da quello che osservo, paiono di produzione italiana, cantieri Intermarine di Bocca di Magra (SP).
      Hanno lo scafo in vetroresina.
      Sono molto simili ai nostri della “classe” Lerici, Milazzo, eccetera
      un saluto
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Walter 6 mesi fa

    Intanto Trump ha perso un altro “pezzo”, il consigliere alla sicurezza interna Tom Bossert.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Horus 6 mesi fa

    E dal nulla spunta un figlio illegittimo di Trump

    https://m.tio.ch/estero/cronaca/1252761/trump–spunta-un-figlio-illegittimo

    Il primo di una lunga serie? Strano che lo abbiano scoperto solo ora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pierovalleregia 6 mesi fa

      … a quando la “scoperta” che un suo prozio era carceriere a Birkenau ?
      un saluto
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Walter 6 mesi fa

    Trump a Macron: “Ma siete proprio sicuri che in Siria ci siano le armi chimiche?”.
    Macron a Trump: “Eccheccazzo, ce le abbiamo portate noi, lo sapremo se ci sono…”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Horus 6 mesi fa

    Appunto, sia il toyboy che il donald duck hanno basi in Siria non autorizzate da Damasco.
    Ma se vanno in mano all esercito di Assad con il contenuto embe’….
    Che cosa avra fermato il pentagono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Christian 6 mesi fa

    La situazione si stà sgonfiando… ma non mi dire… peccato solo per le fanatiche Cassandre che davano la guerra in Siria come Inevitabile, così come dicevano convintissimi ‘la guerra con la Corea del Nord ci sarà sicuramente entro pochi giorni’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 6 mesi fa

      Il flaccido bullo anglosionista ama attaccare paesi che non possono difendersi,a loro piace “vincere facile”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Pesce Ernesto 6 mesi fa

    FIDARSI E’ BENE, MA NON FIDARE W’ MEGLIO. ABBIAMO DIFFRONTE UN CAMALEONTE ALLA CASA SCURA

    Rispondi Mi piace Non mi piace