L’Amministrazione Biden: il ritorno della follia neoliberista?

Il quadro ha iniziato a formarsi nelle prime 48 ore dell’Amministrazione Biden, ma ora è chiarissimo: l’amministrazione Biden intende riprendere esattamente da dove aveva interrotto l’amministrazione Obama / Biden nel 2016 con un’affermazione aggressiva della potenza militare statunitense per compensare il suo declino economico globale , oltre che della sua posizione politica e morale.

Tutti i segnali sembrano dirigersi in quella direzione. Il Consiglio Atlantico, una struttura di destra che è un portavoce della NATO e dell’alleanza occidentale, ha emesso una accusa strillata di 26.000 parole contro la Cina, il che rende l’argomento per un’eventuale guerra se il cambio di regime e altre politiche di “contenimento” non riescono a convincere i cinesi ad arrendersi negli Stati Uniti. Questa è una follia assoluta.

Ma tuttavia continua. In un altro commento molto pubblicizzato , l’ ammiraglio Charles A. Richard ha avvertito che “C’è una reale possibilità che una crisi regionale con la Russia o la Cina possa degenerare rapidamente in un conflitto che coinvolge armi nucleari”.

L’amministrazione ha annunciato pochi giorni fa che avrebbe sostanzialmente minato il processo di pace in Afghanistan estendendo la presenza delle truppe statunitensi in quel paese, il che viola sostanzialmente i termini dell’accordo firmato dagli Stati Uniti. È chiaro che Trump non è l’unico che può annullare gli accordi internazionali negoziati.

Domenica 7 febbraio, l’amministrazione Biden ha annunciato che non revocherà le sanzioni imposte all’Iran dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dal Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) a meno che l’Iran non tornerà in conformità. Poiché sono stati gli Stati Uniti a violare per primi l’accordo ritirandosi unilateralmente e poi imponendo sanzioni, l’Iran chiede che gli Stati Uniti si conformino per primi, il che significa nuove crescenti tensioni e possibile conflitto con l’Iran.

È questo che volevano gli oltre 80 milioni di persone che hanno votato per Biden alle elezioni? Oppure questo programma di guerra imperialista della classe dirigente dimostra perché, nelle primarie del partito democratico, i dibattiti tra Trump e Biden sulla politica estera hanno ricevuto meno di un’ora di dibattito.

Proteste contro la NATO

L’opinione pubblica per più di un decennio ha indicato che la maggioranza del pubblico, e in particolare i veterani e le loro famiglie, ha sostenutola necessità del ritiro delle truppe statunitensi dall’Iraq e dall’Afghanistan dopo 20 anni di conflitti in quei paesi. Ma quell’informazione non arriva mai al pubblico tramite la stampa e i media corporativi liberale “basati sui fatti”. Invece, il pubblico è bombardato dalle opinioni di generali in pensione, hack di politica estera ed ex funzionari dell’intelligence pro-guerra che spiegano perché la pace è impossibile.

L’amministrazione Biden ammette persino che la guerra contro le comunità Black e Brown deve continuare, e quindi è disposto ad apportare solo piccole modifiche estetiche al programma 1033 del Dipartimento della Difesa responsabile del trasferimento di carri armati, mitragliatrici, blindati da trasporto personale e tutti i tipi di armi da guerra dal governo federale ai dipartimenti di polizia in tutta la nazione.

Sfilata dimostranti contro politica imperialista USA

L’Alleanza Nera per la Pace non resterà in silenzio mentre l’elite di potere di Washington si prepara alla guerra nazionale o internazionale. Questo è il motivo per cui stiamo rafforzando la resistenza al piano di Biden di continuare il programma 1033 e di minare il processo di pace in Afghanistan.
Stiamo promuovendo azioni come le nostre due petizioni che chiedono la fine del programma 1033 e il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan e la conclusione di un accordo di pace.
Unitevi a noi per chiedere la pace nelle nostre comunità e all’estero. Bisogna opporsi alla follia neoliberista.
Black Alliance for Peace

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • Nessuno
    Inserito alle 23:32h, 09 Febbraio Rispondi

    BRRRR…!!!! Che paura. Ben DUE petizioni! A Washington saranno terrorizzati. Questi della Global Research pensano ancora di cambiare la folle corsa del loro paese con le “petizioni”. Più ingenui dei bambini

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 00:21h, 10 Febbraio Rispondi

    Possiamo fare anche noi un paio di petizioni contro draghi?
    Servirà a un cazzo?
    Mah …

    Cari saluti

  • giorgio
    Inserito alle 10:36h, 10 Febbraio Rispondi

    Prima o poi si capirà che sarà più utile sostituire le petizioni con proiettili …..

    • Nessuno
      Inserito alle 12:02h, 10 Febbraio Rispondi

      “la rivoluzione non è un pranzo di gala … La rivoluzione è un’insurrezione, un atto di violenza con il quale una classe ne rovescia un’altra” (Mao Tse-Tung)

      • giorgio
        Inserito alle 19:11h, 10 Febbraio Rispondi

        Anche “il potere politico nasce dalla canna del fucile” ……. (Mao) ….
        ……. in fondo è solo questione di rapporti di forza ….

Inserisci un Commento