L’Amico e il Nemico

EVENTO RINVIATO AL 18 Marzo, Ore, 21,15

“La nostra posizione, sul crinale amico/nemico è netta: il nemico principale è oggi il capitalismo e la società di mercato sul piano economico, il liber(al)ismo sul piano politico, l’individualismo sul piano filosofico, la borghesia sul piano sociale e gli Stati Uniti sul piano geopolitico”.
Alain De Benoist

Su questa significativa affermazione di Alain De Benost, intellettuale francese della “Nuova Destra”, si svolgerà un dibattito in teleconferenza il giorno Giovedì, 18 Marzo alle ore 21,15 sulla pagina FB di Casaggi Modena Spazio Identitario.


Intervengono Maurizio Rossi, Luciano Lago, Andrea Borelli. Introduce Fabio De Maio


4 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 12:31h, 06 Marzo Rispondi

    Consiglio di leggere un vecchio saggio del mio Maestro, Costanto Preve, Finalmente! L’atteso ritorno del nemico principale.
    Link: http://www.comunismoecomunita.org/?p=1571

    Saggio che, guarda caso, prende spunto dall’affermazione del de Benoist, amico e corrispondente di Costanzo Preve.
    Il piano dell’opera, di seguito:

    “Considerazioni politiche e filosofiche

    1. Introduzione. Sul nemico principale. Commento di una recente formulazione di Alain de Benoist

    2. Le mort saisit le vif (Marx). Il peso inerziale ormai insopportabile della storia tricentenaria del profilo della filosofia politica moderna e della sua variante subalterna postmoderna

    3. Il primato dello struzzo. Lo struzzo come animale totemico-tribale del passaggio dal realismo storico-politico al moralismo ostensivo testimoniale

    4. L’imbecillità socialmente organizzata. Per una nuova teoria degli intellettuali e delle strutture ideologiche

    5. Il nemico principale in economia: il capitalismo e la società di mercato

    6. Il nemico principale in politica: il liberalismo

    7. Il nemico principale in filosofia: l’individualismo

    8. Il nemico principale nella società: la borghesia

    9. Il nemico principale in geopolitica: gli Stati Uniti d’America

    10. Conclusione. Verso un radicale riorientamento gestaltico nella visione complessiva del mondo storico e politico”.

    Cari saluti

    P.S. mi pare che il saggio l’ho ribattuto io alla tastiera del computer, su richiesta di Costanzo, che usava ancora la macchina per scrivere …
    Al posto del liberalismo, come nemico principale in politica ci avrei messo la democrazia, ma Costanzo era affascinato dalla democrazia degli Elleni …

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 13:24h, 06 Marzo Rispondi

    abbastanza bizarro che un sito si scaglia contro gli stati uniti, il capitalismo, dimenticando i milioni, anzi usiamo la metrica precisa, centina di milioni di morti che il comunismo ha perpetrato in 100 anni di infame storia.
    anzi, non bizarro, usiamo il termine preciso : aberrante.

    • Eugenio Orso
      Inserito alle 14:03h, 06 Marzo Rispondi

      Non capisco che attinenza abbiano questi discorsi con il Nemico Principale neocapitalista che sarà l’oggetto della teleconferenza …
      Inoltre, Alain de Benois fu nella nouvelle droite francese, se ben ricordo fino al 1994, divenendo poi un libero pensatore critico e indipendente (amico del mio Maestro Preve).
      Il comunismo sovietico, CCCCP, Stalin non hanno attinenza cvon questi discorsi!
      infine , cosa dovrebbe fare Controinformazione se non “scagliarsi” contro gli stati uniti e il (nuovo) capitalismo? Dovrebbe aderire?
      Ma andiamo!

      Cari saluri

    • Giorgio
      Inserito alle 19:49h, 06 Marzo Rispondi

      Se vogliamo fare proprio la conta dei morti ….. mi spiace ma il capitalismo stravince ….. non c’è proprio storia …..
      Non si possono paragonare le stragi della tirannia liberal democratica capitalistica a guida usa con quelle commesse da chi quel sistema lo ha combattuto ….

Inserisci un Commento