L’America, una Democrazia Marcia

di Pablo Jofre Leal

A differenza di quanto dice Joe Biden, quello che abbiamo visto a Capitol Hill esprime esattamente ciò che è l’America. Una democrazia marcia è in crisi.

Gli Stati Uniti, il paese nordamericano, o “Gringolandia”, si mostrano come quello da cui hanno sempre cercato di fuggire: di essere un repubblica delle banane. Questo mercoledì 6 gennaio, un’insurrezione dei settori suprematisti – per nulla sorprendente come era stato annunciato urbi et orbe – promossa dai repubblicani e dal loro leader radicale Donald Trump ha scioccato il paese nord americano. Questo, lo stesso giorno in cui doveva essere ratificato il trionfo del presidente eletto Joe Biden, alla presidenza degli Stati Uniti, attraverso una certificazione che contava anche con la presenza del vicepresidente Mike Pence, che è stato classificato come traditore nelle file repubblicane sostenendo che costituzionalmente non poteva impedire la suddetta certificazione.

Il faro di “giustizia e democrazia“, ​​come ci hanno venduto l’immagine degli Stati Uniti, a poco a poco spegne la luce di questo riflettore che non è più in grado di illuminare alcun percorso, con la stessa intensità con cui viene spenta un’aggressore. all’interno del Campidoglio si alzano voci che cercano di chiarire se è stata preordinata, se faceva parte di uno scontro, se è il costo che si paga per la difesa degli interessi che muovono quel paese.

Sul piano esterno, sionisti e wahabiti tremano perché il loro presunto padre è in crisi. I Guaidò e i Duques, i pupazzi dell’Impero, tremano. Aumentano i tic e piccoli gesti armonici del Piñera in Cile e del Moreno (Ecuador ) in Sudamerica. Il suo referente politico ha mostrato le sue crepe. A chi rivolgersi? E ora, chi potrà difenderci, gridano i politici più rumorosi ma anche i politici di base (1) del nostro continente. Ma attenzione, il mondo è in pericolo perché la casta politico-militare di questo Paese, i suoi gruppi di pressione, tendono ad “andare avanti” ovvero a parlare di attaccare o cercare di calmare le acque interne scuotendo quelle esterne.

Violenze davanti al Campidoglio di Washington

Abbiamo assistito all’espressione di sorpresa di giornalisti, analisti, amanti dello stile di vita americano, coloro che hanno trasmesso dalle viscere del mostro dal petto gonfio per mostrare la “maggiore democrazia” lo scorso novembre dell’anno 2020, trasmettono quello che sta succedendo ora, incredulo. E non ci si crede perché il marciume che corrode le viscere di questa società non è stato analizzato a fondo o in verità il fatto che il suo modello politico sia basato sui piedi d’argilla è un fatto che è stato semplicemente banalizzato.

Un giornalista della CNN, partito pro-democratico con sede in Cile, dice di essere triste nel vedere “come nessuna delle istituzioni è rispettata da alcuni estremisti filo-trumpisti”. Indubbiamente, per questa pletora di giornalisti formati nel modello gringo, questa deve essere la fine, e la crisi totale, perché, se accade negli Stati Uniti, cosa possiamo aspettarci per il resto del mondo. I referenti e i paradigmi sono finiti.

I professionisti della stampa lamentano che la “povera” Nancy Pelossi, leader democratica e “femminista” subisca questi abusi, in cui sconosciuti entrano nel suo ufficio di deputata, violando così un luogo sacrosanto ¡¡¡orrore profano ¡¡¡Sempre con la superficialità con il meno importante. Analisti di Cry, yanaconas e altri amanti del gringo, giornalisti cileni dei canali televisivi e dei media radiofonici destinati a mantenere la disinformazione e la manipolazione all’ordine del giorno. Versare lacrime davanti a quelle immagini che ricordano loro l’enorme ammirazione che provano per il più grande degli oppressori del pianeta e giustificano ciò che accade assegnando la responsabilità a un presidente morente e non a un sistema elettorale obsoleto,

Ricordo a ciascuno di questi analisti, giornalisti, ricercatori che il loro territorio naturale è la grande patria, ma gli Yanacona tendono a dimenticarlo. Martedì 5 gennaio l’Assemblea nazionale si è insediata in Venezuela a riprova di tranquillità e le analisi su questo fatto democratico erano destinate a continuare a destabilizzare il governo di Nicolás Maduro. Nessuna parola all’opposizione per fermare i suoi destabilizzanti, golpisti e attacchi distruttivi. Lamenti per la morte di uno dei ladri al Campidoglio che non ricordo di aver sentito di fronte alle dozzine di morti nelle proteste in Cile o alle morti quotidiane contro il popolo palestinese per mano del sionismo, migliaia di yemeniti per mano della casa saud. Di migliaia di siriani, gli iracheni invasero, attaccati da bande militari sostenute da questi stessi “democratici” che oggi subiscono l’assalto alla loro capitale. Buono per lamentarsi del sacrificio di una vita, ma i doppi standard non sono accettabili.

La turba dei trumpisti all’interno del Campidoglio

Mercoledì 6 gennaio 2020, gli Stati Uniti e la loro capitale sono assaliti dagli estremisti e tuttavia il linguaggio di questi analisti è così misurato, così cauto che genera il mio più profondo disprezzo per i loro doppi standard, la loro ipocrisia quando si tratta di Uno o l’altro. Non ho sentito nessuno affermare che Trump stia chiaramente incitando a un colpo di stato, il che provoca questa situazione invitando i suoi sostenitori a interrompere il processo di consegna. Dozzine di soldati all’interno del Campidoglio, migliaia di ragazzi orgogliosi (questi ragazzi orgogliosi) in periferia sono la prova dello sporco che inonda questa democrazia.

I membri del Congresso degli Stati Uniti hanno esortato Mike Pence a invocare il 25 ° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti (2) per rimuovere Donald Trump. Altri, analisti, opinion leader e legislatori hanno proposto di avviare un processo politico contro il presidente per aver incitato a protestare i manifestanti che hanno preso d’assalto il Campidoglio. “Non possiamo permettergli di rimanere in carica”, ha scritto il deputato Ilhan Omar. Idee improbabili a causa delle tensioni che potrebbero generarsi e che aumentano la violenza politica e sociale, che è un esempio di quanto sia incontrollabile questo ancora presidente e della preoccupazione generata dalla sua presenza che è eterna.

A differenza di quanto dice Joe Biden, il presidente eletto, quello che abbiamo visto a Capitol Hill esprime esattamente ciò che è l’America. Ecco questa democrazia marcia in crisi, che non dà l’ampiezza, che non soddisfa i propri bisogni di cambiamenti fondamentali. Da parte mia, che la Sodoma e Gomorra della politica internazionale affondino e che tutti quei giornalisti e analisti impresentabili, che sostengono questa pulizia dell’immagine del partito repubblicano (in gran parte responsabile di questa situazione), hanno diretto le freccette verso ciò che chiamano TRUMPISMO però, ricordate che dalle elezioni i repubblicani non hanno avuto una posizione netta a difesa della loro debole democrazia. Trump è il nome principale ma senatori come Ted Cruz; Ron Johnson, Josh Hawley,

La CNN cerca di imporre una linea di analisi, Atlanta l’ha definita insieme al partito democratico che ha la sua mano così con quei repubblicani che hanno preso le distanze da Trump. L’ordine è “dobbiamo parlare di Trumpisti, non repubblicani, dobbiamo salvare la casta politica americana”. Il concetto di analisi utilizza il termine Trumpistas, per salvare un partito repubblicano che fin dall’inizio si è schierato con Trump e che con questo assalto alla capitale mostra solo il suo volto para fascista. Soprattutto ora che i Democratici hanno pareggiato per i senatori.

Crisi in Stati Uniti abituati a organizzare, sponsorizzare, dirigere e realizzare, in modo permanente: colpi di stato, aggressioni e invasioni, il paese del destino manifesto dei “valori democratici che il mondo dovrebbe assumere” ha oggi le orde barbare e Suprematisti che attaccano il simbolo di quella schifosa democrazia. Il problema per i Democratici e per chi li sostiene è che Trump morente ha intatte le sue forze di appoggio, ha tutte le intenzioni di correre ancora tra quattro anni e dal marciapiede opposto si dedicherà al lancio di mortai, missili, l’artiglieria pesante per minare un governo che non conosce.

Quanti moriranno alla fine della giornata? Quanti feriti? Quante voci si alzeranno per chiedere sanzioni contro il governo barbaro e antidemocratico che intende compiere un autogolpo? Quante sessioni del Consiglio di Sicurezza dovranno tenersi? Lascia che la Sodoma e Gomorra della politica mondiale affondino. Dobbiamo purificarci affinché subiscano gli effetti di un colpo che scuote le loro fondamenta e sperimentiamo in prima persona ciò che hanno fatto a gran parte del mondo.

Appunti e note:

Chapulin. Riferimento a un eroe immaginario della televisione messicana rappresentato da un personaggio magro, piccolo, dal cuore gentile con più ingegno che acutezza, che affrontava il male dotato di un martello di plastica chiamato chipote stridente e con la capacità di ridurne le dimensioni.
L’emendamento 25 è stato approvato dal Congresso come meccanismo per garantire la successione al potere dopo l’assassinio del 1963 del presidente John F. Kennedy. Lo standard contiene quattro disposizioni:
Il vicepresidente assumerà il governo se il capo dello stato muore, si dimette o viene rimosso dall’incarico.
Se si verifica un posto vacante alla vicepresidenza, il presidente deve nominare un sostituto che deve essere confermato dalla maggioranza in entrambe le camere del Congresso: la Camera dei rappresentanti e il Senato.
Il presidente può delegare temporaneamente le sue funzioni al vicepresidente.
Il vicepresidente e la maggioranza dei membri del gabinetto possono dichiarare che il presidente non è in grado di “svolgere le funzioni e i doveri del suo ufficio”, il che può portare alla sostituzione del presidente con il suo numero due.
Articolo originariamente pubblicato su: www.segundopaso.es

Fonte: Blog patria Grande20

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti
  • Monk
    Inserito alle 01:44h, 10 Gennaio Rispondi

    Ma che trumpisti e trumpisti di sta ceppa! Erano tutti demobastardi, ma guarda caso le sedi istituzionali appena vengono sfiorate, Hollywood ci fa vedere orde di reparti speciali che fanno il culo a chi cerca di violare le sacre aree e qui i tangheri in divisa li invitano ad entrare per poi assassinare una poveraccia ingenua che ha creduto all’insurrezione. Trump è un cagone alla Salvini che avrebbe potuto fare molto di più, per poi ritirarsi come un coniglietto. Fanculo USA, il globalismo è nato proprio lì

    • atlas
      Inserito alle 02:34h, 10 Gennaio Rispondi

      BRAVO MONK ! Così si scrive. Intanto sentiti questo, Mercyful Fate, Melissa, l’ho caricato oggi. Stupendo. E fatti un giro sui miei video che ci sono carichi recenti come le colonne sonore di 1197 fuga da New York e ‘i guerrieri della notte’ … tanto per restare in tema

      poi io me ne vado un 5 gg. a Gallipoli, in aereo fra 1000 difficoltà, meglio fare una rapina in banca che viaggiare. Maledetti…buon covid e buon vaccino, a chi se lo piglia e a chi se lo fa. Noi siamo un’altra razza vero monk ? A noi quelle porcherie non servono. E a noi il covid ci fa una sega

      https://vk.com/videos561511741?z=video561511741_456239990%2Fpl_561511741_-2

      • Monk
        Inserito alle 12:35h, 10 Gennaio Rispondi

        Li visionerò amico muslim Atlas; il vaccino se lo possono ficcare nel culo, caro mio.

  • Paolo Calvo
    Inserito alle 08:11h, 10 Gennaio Rispondi

    Gli U.S.A. sono lo stato canaglia per eccellenza, insieme a Israele col quale è in simbiosi…ma tutto ha un inizio e una fine, fosse pure tra cinque miliardi di anni, quando il sole collasserà e distruggerà la vita sul pianeta terra.

  • giorgio
    Inserito alle 11:04h, 10 Gennaio Rispondi

    Non trascorreranno miliardi di anni ….. la resa dei conti e la fine del potere anglo sionista si avvicinano a velocità sempre maggiore …..

  • Manente
    Inserito alle 19:15h, 10 Gennaio Rispondi

    L’articolo di questo Pablo Jofre Leal rappresenta la perfetta inversione della realtà. Invece di parlare dei brogli elettorali scoperti e denunciati inutilmente da Trump e dal suo staff e della manifestazione assolutamente pacifica di centinaia di migliaia di persone per ottenere giustizia dal Congresso, se la prende con i “trumpisti” che con l’assalto al Campidoglio non c’entrano nulla come dimostra il fatto che quel cialtrone con le corna la cui foto ha fatto il giro del mondo, è risultato essere un attivista di Biden e, contrariamente a quanto scrivono i pennivendoli nostrani come Lerner ed i servi come lui, si chiama Jakob (sic…) e non è affatto italiano ! Il marcio della democrazia americana è rappresentato da Biden e non da Trump che al contrario rappresenta l’estremo tentativo di riappropriarsi della democrazia da parte del popolo che è quello che dovrebbero fare gli italiani in un Paese come il nostro che è l’unico al mondo dove a governare non sono quelli che vincono le elezioni, ma quelli che le perdono e per restare al potere non hanno neanche bisogno di ricorrere ai brogli elettorali, basta la pecoronnaggine di una consistente parte dei suoi abitanti !!!

  • cinaski
    Inserito alle 19:39h, 10 Gennaio Rispondi

    È Anni che Non vi leggo perche( ma controinformazione dee che???!!!! Come dicono a Roma) ….ma ora‍♀️‍♀️ Dio Santo siete una qualsiasi Monnezza Mainstreem ‍♀️‍♀️‍♀️‍♀️ ma andate a ra/mediaset/la 7 che Vi Accoglieranno a Bracci Aperte.
    Ps: Addio OVVIAMENTE.‍♀️‍♀️‍♀️‍♀️

    • Redazione
      Inserito alle 08:36h, 11 Gennaio Rispondi

      Egregio, certo questo non è un sito per i filo americani e filo atlantisti. Se lei ha queste inclinazioni, fa bene a seguire il sig. Mentana, come anche il sig. Formigli, la sig.ra Lucia Annunziata della RAI, come anche la sig.ra Gruber e gli altri tribuni delle mega TV di regime. Si troverà in buona compagnia.
      Saluti

      Luciano Lago

  • Giorgio
    Inserito alle 22:54h, 10 Gennaio Rispondi

    Ma chi e’ questo ? Uno dei tanti servi felici ?

Inserisci un Commento