L’America sta intensificando la sua presenza militare nel Golfo Persico… a vantaggio di chi?!

Senza alcuna giustificazione di sicurezza, e senza alcuna richiesta da parte di alcun Paese della regione, il comando della quinta flotta statunitense ha rivelato oggi, lunedì, l’arrivo di 3.000 soldati statunitensi in Medio Oriente, oltre all’arrivo di una nave d’assalto anfibia e di una nave da sbarco nave per il Mar Rosso.

La dichiarazione rilasciata dalla Quinta Flotta degli Stati Uniti ha anche affermato che la nave d’assalto anfibia può trasportare più di 20 velivoli ad ala rotante e ad ala fissa, il che fornisce maggiore flessibilità e capacità marittima per la Quinta Flotta degli Stati Uniti, secondo la dichiarazione.

È interessante notare che la Quinta flotta statunitense, che comprende una portaerei , un certo numero di sottomarini d’attacco, cacciatorpediniere navali e più di 70 caccia, oltre a bombardieri, caccia tattici e aerei di rifornimento, che ha sede nelle acque territoriali del Bahrain, non aveva bisogno di tutte quelle forze che sono state annunciate oggi. , che rientrava nel quadro di un piano precedentemente annunciato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, anche secondo la dichiarazione degli Stati Uniti.

È chiaro che se questa misura americana rientrava nel quadro della politica americana volta a fare pressioni sull’Iran e spingerlo a fare concessioni, l’esperienza storica ha dimostrato che questa politica ha miseramente fallito con l’Iran.

A proposito del Golfo Persico e delle isole iraniane , in cui sono stati utilizzati gli ultimi risultati militari iraniani, ma una chiara prova di ciò che diciamo.

Ma se l’azione americana è venuta per dimostrare che la regione è insicura e che l’America, intensificando la sua presenza militare, cerca di preservare la sua sicurezza e fornire protezione alla navigazione internazionale nel Golfo Persico, allora anche l’esperienza storica ha dimostrato che la maggiore la presenza delle forze americane nella regione, la maggiore tensione in essa, ha aumentato lo sfruttamento dei suoi paesi da parte dell’America e l’esaurimento delle sue risorse.

Tutti i paesi della regione hanno preso coscienza di un fatto evidente che l’interesse del duo americano-israeliano richiede di alimentare e aggravare la situazione nella regione, creando conflitti e fabbricando nemici immaginari per i loro paesi, e non vi è alcuna prova più chiara di questo rispetto alla rabbia americano-israeliana, dal riavvicinamento iraniano-saudita, che è la convergenza di creare un’atmosfera positiva è stata nell’interesse dei paesi della regione senza eccezioni, mentre vediamo che l’America, d’altra parte, risparmia nessuno sforzo per fare pressione sui paesi arabi, in particolare l’Arabia Saudita, per normalizzare le relazioni con un nemico che occupa e usurpa i luoghi sacri islamici e cristiani, aggredisce arabi e popolazione civile giorno e notte e assedia i palestinesi per decenni. e dichiara apertamente durante il giorno che non ha e non riconoscerà mai uno stato chiamato Palestina, e cerca di demolire la moschea di Al-Aqsa ed espellere i palestinesi da Gerusalemme.

Portaerei USA

La misura americana è arrivata per contrastare qualsiasi sforzo arabo-iraniano che potesse portare alla formazione di una forza navale congiunta tra i paesi della regione, per garantire la sicurezza delle loro vie d’acqua nel Golfo Persico e nel Mar di Oman. Una sola superpotenza semina zizzania e crea scompiglio, crisi e conflitti, al fine di raggiungere obiettivi che si riversano dall’alto verso il basso a favore dell’entità terroristica razzista israeliana, obiettivi che non sono stati e non saranno raggiunti grazie all’approccio indipendente che i Paesi di la regione stanno adottando, dopo che è stata loro rivelata la verità della politica americana, anche a paesi che si considerano alleati dell’America.

Fonte: Al Alam.ir

Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “L’America sta intensificando la sua presenza militare nel Golfo Persico… a vantaggio di chi?!

  1. Se gli Usa, aprono più fronti di guerra sarà peggio per loro.
    Non hanno risorse per poter fronteggiare, tanti fronti contemporaneamente.
    Affosseranno prima del previsto

  2. Non si potrebbe collaudare nel Golfo Persico contro le navi da guerra USA dei nuovi Barchini Kamikaze o aerei ?
    Chi di buco su nave ferisce di buco su nave perisce !

  3. La non nominata entità sionista sta attraversando un momentaccio, i sauditi dopo aver riaperto l’ambasciata in Siria l’hanno riaperta pure in Iran, intanto la situazione interna si aggrava, gli israeliani qualificati con doppia cittadinanza scappano dalla Palestina occupata oppure si rifiutano di prestare servizio come riservisti in quanto non si riconoscono nel governo autoritario del vecchio premier pregiudicato e cardiopatico votato dagli strati poveri sefarditi della popolazione, i palestinesi vengono ammazzati quasi tutti i giorni, i cristiani vengono pestati e insultati (i palestinesi cristiani vengono ammazzati e insultati pure dopo morti), i cattolici conservatori negli USA vengono fatti schedare ed arrestare dall’FBI su ordine dei sionisti del gabinetto Biden, intanto però lo stress della situazione nella Palestina occupata, tra inflazione elevata, crisi economica, oppositori e aziende che scappano, rischio attentati, sta facendo star male la popolazione.
    Quasi la metà dei giovani israeliani fa ricorso a cure psichiatriche, tra i militari è sempre più frequente il suicidio, insomma l’entità sionista si sta dissolvendo da sola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM