L’America sa che non può sconfiggere la Russia con i suoi alleati in Europa

L’America ed i suoi alleati non possono sconfiggere la Russia o la Cina ei loro alleati in una guerra regionale combattuta con armi convenzionali. Ecco perché gli Stati Uniti stanno cercando, in caso di prossima guerra regionale, di alzare il mantra all’opinione pubblica mondiale che la Russia o la Cina siano quelle potenze che hanno fatto ricorso alle armi nucleari.

L’ex maggiore generale Mitar Kovacs, direttore dell’Eurasian Security Forum, ha commentato per Sputњik-Srbija il fatto che gli Stati Uniti dovrebbero essere preparati per una guerra nucleare contro la Russia o la Cina, come affermato da un importante comandante militare statunitense, l’ammiraglio Richard.

In particolare, Richard ha detto, in un articolo per il giornale ufficiale dell’American Maritime Institute, che il Pentagono non aveva dovuto prendere in considerazione un conflitto militare diretto con una potenza nucleare dal crollo dell’Unione Sovietica, ma ora la situazione è cambiata e che “non c’è è una reale possibilità che una crisi regionale con la Russia o la Cina possa rapidamente degenerare in un conflitto con armi nucleari, se si dovesse verificare che, dopo un attacco con armi convenzionali, ci fosse una minaccia per il sistema politico o per lo stato.

Il nuovo mantra americano: incolpare sempre Russia e Cina

Kovacs crede che gli Stati Uniti dovrebbero riconoscere a se stessi e al loro pubblico che non sono loro l’unico potere che risolve i problemi strategici chiave del mondo moderno.

Lo scopo degli americani, secondo la loro attuale strategia, è affrontare, suscitare e persino provocare guerre con la Cina sia in Europa che in Estremo Oriente. Da qui questi commenti e valutazioni dei massimi ufficiali militari statunitensi che evidenziano alcune alternative oggettivamente irrealistiche. Penso che sappiano anche che né la Russia né la Cina hanno bisogno nemmeno di utilizzare i missili nucleari perché hanno abbastanza unità e risorse per difendere la loro sovranità e integrità territoriale e i loro interessi geostrategici in regioni che normalmente sono loro “, – dice Kovacs.

Forze USA

Washington sta cercando una scusa

In tal senso, aggiunge Kovacs, lo scopo di una simile campagna americana e la pubblicazione di informazioni che non si basano su valutazioni realistiche sono più che chiare.

Gli Stati Uniti e i loro alleati in Europa non hanno alcuna possibilità di sconfiggere la Russia ei suoi alleati in una guerra regionale condotta con mezzi convenzionali, che potrebbe derivare da diversi scenari. Lo sanno, e lo hanno ampiamente verificato nelle esercitazioni che conducono nell’area, dove vedono grossi problemi nel fornire contingenti nazionali di membri della NATO per partecipare a queste esercitazioni in pace, figuriamoci per raggiungere alcuni obiettivi strategici con mezzi convenzionali.

Loro capiscono che alcuni obiettivi strategici in senso regionale possono essere raggiunti solo con mezzi nucleari, quindi questi rapporti sono accuse verso altre grandi potenze “ in anticipo ” in modo che in caso di crisi di guerra regionale abbiano una scusa davanti all’opinione pubblica mondiale per sostenere che la colpa è della Russia o della Cina “, – spiega Kovacs.

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 20:47h, 06 Febbraio Rispondi

    combatteremo per la libertà dello Zar

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 07:46h, 07 Febbraio Rispondi

    Ci vorrebbe, almeno, una “gladio al contrario”, che in caso di aggressione nato alla Russia saboti con attentati che si spera riusciti le strutture nato dell’aggressore, in Italia.
    Sarebbe un piccolo contributo alla lotta per la libertà.
    Purtroppo, non ci sono reclite, per come è ridotta l’Italia e non ci sono armi e esplosivi a disposizione.

    Cari saluti

    • Giorgio
      Inserito alle 21:38h, 07 Febbraio Rispondi

      Verissimo Eugenio …. ma piccoli granelli di sabbia possono sabotare distruggere o rendere inutili grandi ingranaggi … come quello usa nato ….

Inserisci un Commento