L’AMERICA NON DETIENE PIÙ TUTTE LE CARTE DELLA POLITICA MONDIALE

di Vladimir Prokhvatilov


La visita di ottobre del presidente russo Vladimir Putin in India e i suoi colloqui con il primo ministro Narendra Modi hanno segnato una nuova tappa nello sviluppo delle relazioni tra le due grandi potenze eurasiatica. Le parti hanno firmato un accordo per la fornitura di cinque reggimenti di sistemi missilistici antiaerei S-400 in India, nonostante il fatto che gli Stati Uniti abbiano cercato in tutti i modi di impedirlo.

Inoltre, sono stati firmati una decina di accordi e contratti, compreso un accordo sull’acquisizione da parte dell’India delle fregate russe del Progetto 11356, una “tabella di marcia” della cooperazione nel settore dell’energia nucleare, che prevede la costruzione di nuovi reattori nucleari in India e nei paesi terzi, nonché un memorandum su un programma spaziale comune. voli, permettendo agli astronauti indiani di studiare in Russia.
Uno dei motivi dell’espansione della cooperazione tecnico-militare tra i due paesi è stata l’atmosfera inaccettabile di una forte pressione sulle autorità indiane, che ha prevalso durante i colloqui tra i ministri degli esteri e la difesa dell’India e degli Stati Uniti durante la visita di settembre a New Delhi del Segretario di Stato degli Stati Uniti Mike Pompeo e del Pentagono James Mattis (il cosiddetto “dialogo 2 + 2”).

I ministri americani hanno insistito su questi negoziati affinché l’India acquistasse più attrezzature militari americani. Nonostante il desiderio degli Stati Uniti di sostituire completamente le armi e le attrezzature militari russe sul mercato indiano con prodotti del complesso militare-industriale statunitense, nonché di “ridurre la dipendenza” dall’India sul petrolio iraniano, la parte indiana ha chiarito che non intende rifiutarsi di cooperare con Russia e Iran. L’India ha confermato l’intenzione di acquisire il sistema di difesa aerea russo S-400 e di importare il petrolio iraniano, nonostante le sanzioni statunitensi.

Di particolare importanza fu l’incontro di Pompeo e Mattis con Ajit Doval, un ufficiale e politico dell’Intelligence indiano, l’autore del concetto di sicurezza nazionale dell’India, che è chiamato il concetto di “difesa attiva”, o la “dottrina Doval”. Ajit Dowal detiene la posizione di consigliere per la sicurezza nazionale e ha una grande influenza negli ambienti governativi. Apparentemente, i risultati dei negoziati con gli americani non andarono bene a Doval, che presto era volato a Washington, dove aveva tenuto nuove trattative con Pompeo e Mattis, ma già alla presenza di John Bolton.

Nonostante le recensioni positive su questi colloqui sulla stampa indiana, uno dei principali strateghi indiani ha probabilmente concluso che alla pressione degli americani che hanno lanciato una guerra commerciale non solo contro la Cina, ma anche contro la Russia e l’Iran, si può solo resistere con la diversificazione della cooperazione economica e militare-tecnica con altri poteri. Questo è stato portato all’attenzione del primo ministro Modi, che in due settimane ha ricevuto il presidente russo a Nuova Delhi.

Il predecessore di Ajit Doval come consigliere per la sicurezza nazionale, il noto politico indiano Mayankot Kelat Narayanan nell’articolo analitico Outcomes versus promises, pubblicato su The Hindu, ha paragonato il summit Putin-Modi e il “dialogo 2 + 2” non in favore di quest’ultimo. “Sebbene il” dialogo 2 + 2 “tra l’India e gli Stati Uniti abbia aperto la strada a una valanga di moderne attrezzature di difesa dall’America”, scrive Narayanan, “l’esito della visita di Putin ha completamente eclissato questa circostanza”.

“La Russia ha cercato fondamentalmente di consolidare le sue relazioni con l’India per un certo numero di anni, senza insistere su nessuna esclusività”, continua Narayanan. “Gli Stati Uniti vogliono che l’India consideri le prospettive della politica estera principalmente attraverso il prisma degli interessi americani”, cioè si comportano come un “amante geloso”, ha dichiarato con indignazione il politico indiano.

Narayanan ha sottolineato che gli Stati Uniti non detengono più tutte le carte della politica mondiale. Ciò è indicato, a suo parere, dalla crescita del potere economico cinese e dalla rinascita della Russia, dimostrando con sicurezza la “fermezza dei russi” (fermezza russa).

Il politico indiano ha sottolineato che l’America non ha la determinazione di resistere attivamente all’espansione della Cina nel Mar Cinese Meridionale. “Il fallito tentativo americano di guidare un cuneo in Asia dimostra chiaramente le limitate capacità degli Stati Uniti”, sottolinea Narayanan. Crede che in tali condizioni l’India non possa permettersi l’alienazione dalla Russia. In ogni caso, il “dialogo 2 + 2” indo-americano e la visita di Putin hanno sollevato molte domande per l’India che non hanno ancora ricevuto risposta.

Non sarà facile per gli indiani superare la pressione degli Stati Uniti, cercando di ostacolare la cooperazione tecnico-militare dell’India con la Russia. Tuttavia, nella comunità politica indiana hanno già prestato attenzione al fatto che gli americani sono diffidenti nei confronti di misure estreme. Quindi, gli Stati Uniti non hanno osato usare la legge sulla lotta agli avversari dell’America attraverso le sanzioni (CAATSA) contro l’India. Presidente del Consiglio consultivo per la sicurezza nazionale per l’India, membro del Club Valdai, ex ambasciatore della Federazione russa, Pundi Srinivasa Raghavan ha detto in un’intervista all’edizione russa di Kommersant che “oltre a punire la Russia, l’obiettivo di CAATSA è persuadere altri paesi ad abbandonare gli acquisti di armi russe e passare alle forniture di armi dagli Stati Uniti. “

La vittoria della Russia nella gara indiana per la fornitura di sistemi di difesa aerea a corto raggio è diventato un nuovo passo nello sviluppo della partnership russo-indiana. Il sistema missilistico antiaereo portatile Igla (MANPADS) (produttore di Machine Building Design Bureau) ha gareggiato in questa gara con i prodotti delle società europee MBDA e SAAB, che hanno definito Mistral-2 MANPADS e il complesso RBS-70Mk2. Secondo NDTV, l’esportatore di armi speciali russo Rosoboronexport ha fatto l’offerta più redditizia, assicurandosi di vincere una gara del valore di $ 1,5 miliardi.

Con la guerra mercantile scatenata dagli Stati Uniti in ogni azimuth, l’India risponde espandendo la cooperazione con la Russia.

Fonte: FSK.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code