L’America crollerà come l’URSS

Tutto ha una fine, così come gli imperi, quello degli Stati Uniti e quello dell’Unione Sovietica. Washington ha oltraggiosamente favorito una piccola camarilla di ultra-miliardari. Ora deve affrontare i suoi vecchi demoni, prepararsi per le secessioni e la guerra civile.


di Thierry Meyssan.

Ciascuno dei due campi di scontro negli Stati Uniti, i Jacksoniani e i Neopuritani, desidera porre fine all’altro. I primi parlano di insurrezione, mentre i secondi lamentano la repressione, ma tutti si preparano al confronto. Tanto è vero che due terzi dei cittadini si stanno preparando per la guerra civile.

La piccola camarilla che si è appropriata degli Stati Uniti ha censurato il presidente in carica Donald Trump. Qui l’uomo più ricco del mondo, Jeff Bezos, proprietario di Amazon, Blue Origin e del “Washington Post”. Questo il punto di vista jacksoniano
I Jacksoniani prendono il nome dal presidente Andrew Jackson che, prima della guerra civile, si oppose alla creazione della Federal Reserve (banca centrale indipendente). Sono scomparsi dalla vita politica per un secolo fino a quando uno di loro, Donald Trump, è stato eletto alla Casa Bianca. Innanzitutto si oppongono ai legami incestuosi delle banche private e della banca centrale statunitense, editrice del dollaro.

In molti stati, i funzionari responsabili del conteggio del voto presidenziale del 3 novembre 2020 sono stati incaricati di espellere gli osservatori e di chiudere le finestre nei loro uffici. In tal modo, hanno privato il risultato – qualunque esso fosse – di qualsiasi legittimità democratica.

Il problema non è chi è stato eletto, ma cosa fare una volta rotto il patto nazionale.

Secondo il Secondo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, i cittadini hanno il dovere di armarsi e organizzarsi in milizie per difendere la libertà del loro Stato quando minacciati.
L’emendamento fa parte della “Dichiarazione dei diritti” ( Bill of Rights ) la cui adozione era condizione non negoziabile per i cittadini che si battevano per l’indipendenza accettano la costituzione redatta dalla Convenzione di Filadelfia. Implica che ogni cittadino possa possedere armi da guerra, qualunque esse siano, e ha reso possibili i ripetuti massacri che hanno portato lutto alla società americana. Tuttavia, nonostante il prezzo umano di questi crimini, è sempre stato mantenuto come essenziale per l’equilibrio del sistema politico statunitense.
Nello specifico, secondo il 39% dei cittadini statunitensi, ricorrere alle armi contro le autorità corrotte non è un’opzione, è un dovere. Secondo il 17% dei cittadini, il momento di agire è adesso.1
Gruppi armati si stanno preparando a manifestare in ogni stato federato in occasione dell’intronizzazione di Joe Biden a Washington, il 20 gennaio 2021. L’FBI teme gravi rivolte in 17 di questi.

Si possono prendere questi fatti in tutte le direzioni e accusare gli insorti – estremamente diversi – di essere tutti “cospiratori” o “neonazisti” o entrambi allo stesso tempo. Resta il fatto che la loro rivolta è l’unico atteggiamento legittimo nei confronti della storia e del diritto degli Stati Uniti.

Proteste contro Trump a Washington

Possiamo collegare questa rivolta alla bizzarra ed effimera cattura del Campidoglio il 6 gennaio. Resta il fatto che i due eventi non sono collegati. Non si tratta di rovesciare il potere legislativo, ma di neutralizzare tutta la classe politica e di procedere a nuove elezioni, questa volta trasparenti.
I cittadini che protestano contro il “furto del sistema elettorale” sono principalmente elettori di Donald Trump, ma non solo quelli. Non si tratta di recriminazioni da parte dei sostenitori di Donald Trump perché dichiarato psicotico, ma di un problema fondamentale della trasparenza necessaria in una democrazia.

L’opacità del conteggio del voto presidenziale ha scatenato passioni, già tormentate dalla crisi finanziaria del 2007-10. La maggior parte della popolazione non ha accettato il piano di salvataggio bancario da 787 miliardi di dollari proposto dal presidente Barack Obama (oltre ai 422 miliardi di dollari di riacquisto di prestiti tossici del presidente George W. Bush). A quel tempo, milioni di cittadini che affermavano di essere “già tassati abbastanza” avevano fondato il TEA Party, in riferimento al Boston Tea Party che aprì la Guerra d’Indipendenza. Questo movimento contro le tasse pesanti finalizzato esclusivamente al salvataggio degli ultra-miliardari si è sviluppato sia a destra che poi a sinistra, come dimostrano le campagne del governatore Sarah Palin (repubblicana) e quella del senatore Bernie Sanders (democratico).
Il massiccio declassamento della piccola borghesia attribuibile alle conseguenze delle delocalizzazioni porta ora il 79% dei cittadini statunitensi ad affermare che “l’America sta collassando“; una percentuale di disillusi senza eguali in Europa, tranne che tra i “gilet gialli” francesi.
È ovviamente altamente improbabile che se scoppiassero disordini il 20 gennaio, si trasformerebbero in una rivoluzione. Ma questo movimento si è ritagliato un posto tra la popolazione ormai da dieci anni. Ha abbastanza sostenitori, in tutto lo spettro politico, per impegnarsi in battaglia e per durare.

Il punto di vista neopuritano
A differenza dei Jacksoniani, i gruppi che si sono scatenati contro il presidente Donald Trump ancora in carica sono altrettanto sicuri dei loro diritti. Come il Lord Protettore Oliver Cromwell, rivendicano una moralità superiore alla Legge; ma a differenza del repubblicano inglese, non usano riferimenti religiosi. Sono calvinisti senza Dio.

Vogliono creare una Nazione per tutti, non con i loro avversari, ma escludendo tutti coloro che non la pensano come loro. Accolgono con favore anche le decisioni di Twitter, Facebook, Instagram, Snapchat e Twitch di censurare coloro che contestano la regolarità delle elezioni. A loro non importa che queste multinazionali si arrogano un potere politico contrario allo spirito del primo emendamento della Costituzione poiché condividono la loro stessa concezione di Purezza: la libertà di espressione non si applica né agli eretici, né ai trumpisti.

Trasportati dal loro zelo, riscrivono la storia di questa Nazione, “luce sulla collina”, venendo ad illuminare il mondo. Distruggono tutta la coscienza di classe e magnificano tutte le minoranze non per quello che fanno, ma perché sono in minoranza. Purificano le università, praticano la scrittura inclusiva, santificano la natura selvaggia, distinguono le informazioni dai falsi, ribaltano le statue di grandi uomini. Oggi stanno cercando di estromettere il presidente Trump, non perché presumibilmente abbia organizzato la cattura del Campidoglio, ma perché è il campione di coloro che lo hanno preso. Nessuno di questi eretici può avere un posto al sole.

Proteste negli USA

Nel XVII secolo, i puritani praticavano le confessioni pubbliche per ottenere l’accesso alla vita eterna. Nel 21 ° secolo, i loro successori, i neo-puritani, non smettono mai di battersi il sangue per il “privilegio bianco” di cui credono di aver goduto per ottenere l’immortalità. Ultra-miliardari come Jeff Bezos, Jack Dorsey, Bill Gates, Arthur Levinson, Sundar Pichai, Sheryl Sandberg, Eric Schmidt, John W. Thompson e Mark Zuckerberg stanno promuovendo una nuova ideologia che pone la superiorità dell’uomo digitale sul resto del mondo. umanità. Sperano di superare la malattia e la morte.

Queste persone molto razionali hanno da tempo abbandonato la ragione al punto che ora è impossibile, secondo due terzi degli americani, essere d’accordo con loro sui fatti fondamentali. Sto scrivendo qui dei Neopuritani, non dei Trumpisti.

Il loro fanatismo ha già provocato la guerra civile inglese, poi la guerra d’indipendenza americana e la guerra civile. La prima paura del presidente Richard Nixon era che avrebbe aperto una quarta guerra che avrebbe fatto a pezzi l’America. Qui è il punto dove siamo.

Part of Power ha già messo le istituzioni democratiche nelle mani di pochi ultra miliardari. Gli Stati Uniti che una volta conoscevamo non esistono più. La loro agonia è iniziata.

Thierry Meyssan

fonte: https://www.voltairenet.org/

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • nicholas
    Inserito alle 15:36h, 20 Gennaio Rispondi

    Bene , prima avviene il crollo meglio è per tutti

  • eusebio
    Inserito alle 19:10h, 20 Gennaio Rispondi

    Quelli che si devono preoccupare sono i russi, quella folle della Clinton ha ipotizzato che nel momento in cui veniva assalito Capitol Hill Trump fosse al telefono con Putin per coordinare l’assalto, mentre la Pelosi ha fatto girare la voce che il laptop che gli è stato rubato in ufficio in questo momento sia in Russia.
    Intanto la guaidò bielorussa invoca il consiglio di sicurezza dell’ONU per rovesciare Lukashenko, mentre una Ucraina fallita e al freddo, a cui l’FMI ha prima imposto l’iinnalzamento del prezzo del gas e poi congelato una seconda tranche del prestito di 5 miliardi di dollari in quanto paese insolvente, gioisce perchè gli USA hanno imposto nuove sanzioni contro i russi per il North Stream 2.
    I russi chiaramente non vogliono guai ma non è improbabile che l’Ucraina venga spinta ad una guerra con la Russia dai suoi padroni anglosionisti.

    • Mardunolbo
      Inserito alle 00:13h, 21 Gennaio Rispondi

      E’ proprio quel che temo, essendoci alte probabilità con la nuova coalizione di politici formata dal presidente frodeletto

    • atlas
      Inserito alle 01:38h, 21 Gennaio Rispondi

      Eusebio: e sarà la volta buona che i russi entreranno a Kiev non facendoci crescere più manco l’erba. Quanto ci metteranno, 36 ore ? O 48

      certo che mettere una democrazia di merda come gli usa a confronto con l’Urss la redazione se lo poteva proprio risparmiare

  • giorgio
    Inserito alle 09:53h, 21 Gennaio Rispondi

    Atlas sfondi una porta aperta ….. sul confrontare il regime liberal democratico usa con l’Unione Sovietica …… è proprio un confronto impari ……
    Dell’autore dell’articolo, Tierry Meyssan, ne seguo il sito Voltairenet e ho letto diversi suoi libri, tra i quali 2 che svelano l’inganno dell’ 11 settembre, “L’incredibile menzogna nessun aereo è caduto sul pentagono” e “Il Pentagate” , oltre ad altri nei quali indica nella Cia gli autori degli attentati di Londra e Madrid e del massacro di Beslan …..
    penso sia un sincero antiamericano e anti sionista considerato che è stato dichiarato persona non gradita in usa durante la presidenza Bush, anche se resta prigioniero di illusioni liberal democratiche e sposa tesi anti proibizioniste e pro gay …….

    • Kaius
      Inserito alle 19:46h, 21 Gennaio Rispondi

      Pro omofilia?A morte.

Inserisci un Commento