L’ambasciatore degli Stati Uniti sostiene i raid aerei israeliani sulla Striscia di Gaza, definisce i combattenti della resistenza “cattivi”

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Israele Tom Nides afferma che Washington ha sostenuto pienamente il regime di Tel Aviv nell’assalto militare della scorsa settimana contro la Striscia di Gaza assediata, che ha ucciso 49 palestinesi, inclusi almeno 17 bambini, descrivendo i combattenti della resistenza nell’enclave costiera come “cattivi”.

In un’intervista al canale televisivo israeliano Channel 13 in lingua ebraica, Nides ha affermato che l’amministrazione Joe Biden è “consapevole della situazione in corso a Gaza” e crede che le ultime operazioni israeliane facciano parte di “un’importante missione”.

Questi sono cattivi”, ha detto l’ambasciatore degli Stati Uniti dei membri dei movimenti di resistenza palestinese con sede a Gaza.

“Sosteniamo il diritto di Israele di difendersi, il suo diritto di intraprendere fondamentalmente le azioni necessarie per mantenere questo posto sicuro, quindi siamo pienamente favorevoli alle azioni di Israele”, ha detto a Channel 13.

Nides ha detto che la Casa Bianca non era stata informata in anticipo degli attacchi aerei israeliani contro la Striscia di Gaza, ma ha detto: “Non credo che siamo rimasti sorpresi”.

“Non credo che ci fosse stato detto in anticipo, ma penso che fossimo consapevoli delle azioni in corso”, ha detto. “Eravamo abbastanza chiari sul fatto che sosteniamo la sicurezza di Israele”.

Venerdì scorso, il regime israeliano ha compiuto un massacro a Gaza, uccidendo 49 persone, tra cui Taysir al-Jabari, un alto comandante del movimento di resistenza della Jihad islamica palestinese.

Gli attacchi aerei israeliani hanno spinto le Brigate al-Quds, l’ala militare della Jihad islamica, a rispondere lanciando centinaia di razzi di rappresaglia verso i territori occupati, spingendo le forze del regime in ritardo.

La forte rappresaglia, come promesso dal gruppo di resistenza, ha costretto Tel Aviv a chiedere un cessate il fuoco per evitare il massimo danno. La tregua mediata dall’Egitto è entrata in vigore domenica tardi.

Giovedì, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha lanciato l’allarme sulla velocità con cui il regime israeliano ha ucciso i bambini palestinesi finora quest’anno.

“Infliggere ferite a qualsiasi bambino durante il conflitto è profondamente inquietante e l’uccisione e la mutilazione di così tanti bambini quest’anno è inconcepibile”, ha detto Michelle Bachelet.

Finora quest’anno, 37 bambini palestinesi sono stati uccisi per mano delle forze israeliane. La cifra include 17 bambini, morti a causa dei recenti attacchi aerei back-to-back del regime israeliano contro presunte posizioni appartenenti al movimento di resistenza palestinese della Jihad islamica nella Striscia di Gaza.

“Il diritto internazionale umanitario è chiaro”, ha affermato il funzionario delle Nazioni Unite. “È vietato lanciare un attacco che potrebbe accidentalmente uccidere o ferire civili, o danneggiare strutture civili, in modo sproporzionato rispetto al vantaggio militare concreto e diretto previsto. Tali attacchi devono cessare”.

Bachelet ha lamentato “questo clima di impunità, insieme alle violazioni di vecchia data” che guida il ciclo della violenza e il ripetersi delle violazioni.
Nota: Secondo l’ambasciatore USA la azioni di Israele sono “giuste e necessarie” incluso uccidere i bambini palestinesi, azione che rientra nel suo diritto di difendersi. Queste sono le “regole” concesse ai paesi alleati degli Stati Uniti.

www.presstv.ir

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM