L’Ambasciata USA a Mosca coinvolta nella sobillazione di manifestazioni e proteste

L’ambasciata Usa in Russia, con il pretesto di prendersi cura dei suoi cittadini, ha trovato un modo per “pubblicizzare” le manifestazioni illegali che i sostenitori del blogger arrestato Alexei Navalny stanno progettando di tenere in Russia. I russi sui social network definiscono tali azioni da parte dei diplomatici americani un’interferenza diretta negli affari di Mosca.

Il sito ufficiale dell’ambasciata americana ha lanciato un avvertimento che “manifestazioni a sostegno di un attivista dell’opposizione” sono previste in Russia il 23 gennaio.
“Queste dimostrazioni potrebbero essere non autorizzate. Data la probabile presenza significativa della polizia e la possibile dispersione di manifestanti in altre aree delle città, i cittadini statunitensi dovrebbero evitare queste manifestazioni e qualsiasi attività ad essa correlata “, afferma il comunicato.

Più avanti nel testo ci sono elenchi specifici di luoghi in cui si svolgeranno azioni illegali, a Mosca, San Pietroburgo, Ekaterinburg, Perm, Chelyabinsk, Krasnoyarsk, Novosibirsk, Omsk, Vladivostok, Khabarovsk, Ulan-Ude e Irkutsk. Allo stesso tempo, vengono indicati non solo il luogo e l’ora dell’incontro, ma anche i percorsi dei manifestanti.

Oltre a questo elenco, la missione diplomatica fornisce un elenco di azioni “da intraprendere”. Si consiglia agli americani di “seguire gli aggiornamenti locali” ed evitare la folla in queste aree e le manifestazioni stesse. Tra le altre cose, si consiglia di portare con sé il passaporto statunitense.

Disturbi a Mosca

Gli Stati Uniti sono stati condannati per coinvolgimento nell’organizzazione di manifestazioni di massa illegali in Russia
Gli utenti dei social network prestano attenzione al fatto che in questo modo l’ambasciata americana interferisce letteralmente negli affari della Federazione Russa, diffondendo velati appelli per manifestazioni illegali.

“L’agente Navalny è stato attivato. L’ambasciata degli Stati Uniti ha pubblicato dove si terranno i raduni domani “, ha scritto su Twitter @ scopsotus7.
Molti ritenevano che un simile passo fosse già il culmine dell’impudenza dei diplomatici americani. Sbagliavano, gli statunitesni vogliono sobillare manifestazioni di protesta in Russia adottando le tecniche delle “rivoluzioni colorate” svolte in altri paesi.
Alcuni osservatori si chiedono cosa sarebbe successo se la stessa cosa avesse fatto la Russia negli USA.

Fonte: Ria Fan Ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus