L’alleanza sino-russa: un punto di vista dal Medio Oriente


Autore: Yuriy Zinin
La recente visita del presidente cinese Xi Jinping in Russia, i colloqui tra i leader di entrambe le nazioni e gli accordi firmati hanno suscitato un notevole interesse nei media mediorientali. Gli osservatori stanno analizzando lo svolgimento e l’esito dell’evento, il suo impatto sulla regione e sul mondo e il suo contributo allo sviluppo delle relazioni tra le due grandi potenze.

I commentatori hanno evidenziato la dimensione storica dei legami Mosca-Pechino, che risalgono a molti anni fa, quando entrambi i paesi si schierarono contro l’Occidente. Un analista degli Emirati ricorda come, nei primi anni ’70, Washington abbia sfruttato le lacune del “muro cinese” per indebolire l’Unione Sovietica e le sue posizioni di politica estera. Tuttavia, sembra che le due grandi potenze abbiano imparato da questa esperienza.

Con la crisi ucraina, Washington ha portato sull’orlo del collasso le intricate connessioni economiche e politiche tra Europa e Russia. Tuttavia, nonostante i suoi sforzi per interrompere le relazioni tra Mosca e Pechino, non ha avuto successo. 1
Secondo un autore locale, il presidente della Repubblica popolare cinese, che ha recentemente visitato la Russia, è consapevole che l’obiettivo dell’Occidente non è solo la Russia ma anche la Cina, e che la difesa di quest’ultima comincia dall’Ucraina. 2 Pechino comprende le idiosincrasie del piano strategico di Washington e il fatto che percepisce la Cina come un potenziale avversario a causa del “potere cinese latente”… Pertanto, Pechino ha bisogno di un sistema di supporto internazionale da cui possa dipendere per potenziali strumenti e risorse in caso di un possibile conflitto.

L’America ha “incitato il confronto con Cina e Russia”. Non ha tenuto conto degli avvertimenti di alcuni dei suoi esperti. E la Cina e la Russia non hanno avuto altra scelta che “approfondire la loro partnership strategica”, secondo un’importante figura dei media libanesi. 3

L’idea prevalente nei media mediorientali è che la Cina ha bisogno della Russia, così come la Russia ha bisogno della Cina, e le due nazioni stanno cercando di scrollarsi di dosso il secolare predominio del dollaro, che è il principale strumento di influenza americana sul mercato del palcoscenico globale. . Anche se non accadrà dall’oggi al domani, il processo è già in corso.

Le parti russa e cinese hanno integrato le loro connessioni bilaterali e multilaterali nell’arazzo di partenariati regionali e internazionali, in particolare con i BRICS, l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e altri. Nonostante le sanzioni economiche imposte a Mosca, negli ultimi anni sono stati raggiunti numerosi accordi commerciali ed economici del valore di oltre 100 miliardi di dollari. Questi accordi fungono da canale per l’economia russa.

Il recente vertice di Mosca è percepito anche dai commentatori arabi attraverso il prisma della crescita dei diversi legami sino-arabi. È chiaro che il centro dell’economia mondiale si sta spostando a est, verso l’Asia. I mercati energetici dei paesi del Golfo Persico sono orientati da ovest a est e i flussi principali del loro petrolio e gas sono diretti verso la Cina e i paesi asiatici, non verso l’America e l’Europa. Oggi le economie dei Paesi arabi sono più che mai connesse con la Cina, che dal 2020 è diventata il loro principale partner commerciale, sostituendo in tal senso l’Unione Europea.

Accordo Cina Arabia Saudita petrolio in Yuan

Questi paesi vedono nello sviluppo delle loro relazioni con Pechino un fattore favorevole per allentare la pressione USA-occidentale su di loro. Una notevole risonanza è stata causata dalla sponsorizzazione di Pechino nella firma di un recente accordo tra Riyadh e Teheran sulla ripresa delle relazioni diplomatiche tra di loro.

Tale mediazione tra il Regno dell’Arabia Saudita e l’Iran e il ruolo della Russia nel lavorare per risolvere i problemi tra Turchia e Siria, e attraverso di essa tra la Siria e altri paesi della regione, evidenziano i segni di un progetto sino-russo. Ha lo scopo di stabilire una nuova base per le relazioni internazionali in Medio Oriente, diversa nella forma e nei contenuti da quanto hanno cercato di fare gli Stati Uniti. Gli sforzi sino-russi mirano a spingere la regione verso l’integrazione e la risoluzione pacifica delle divergenze .

Si può essere certi, riassume una pubblicazione libanese, che “il mondo intero ha bisogno di relazioni mature, stabili e forti tra i due potenti Paesi”. I due paesi guardano in modo completo ai problemi planetari – dal commercio alle relazioni economiche, dimostrano una valutazione generalmente identica degli esacerbati problemi politici del mondo per colpa di Washington.

A livello economico e finanziario, è chiaro che entrambi i paesi stanno sfidando apertamente e direttamente il dollaro. L’obiettivo è liberarsi dal suo predominio nelle valute di riserva mondiali e nel commercio, soprattutto nei mercati dell’energia. Il successo di questa missione porterà a una svolta nelle dinamiche delle relazioni economiche internazionali, afferma il direttore generale del Consiglio economico e sociale in Libano, specialista della sicurezza nazionale della Russia e delle relazioni russo- atlantiche .

E se questo accadrà, causerà uno “tsunami” per la valuta “verde”, sarà un duro colpo alla luce del fatto che la Russia ha deciso di vendere risorse energetiche in rubli e utilizzare attivamente le valute locali nel commercio con vari paesi asiatici Paesi.

Nello spazio mediatico della regione si sente spesso la tesi secondo cui esiste un’obiettiva necessità nel mondo di riformattare i legami e le catene geoeconomiche. La visita di Xi Jinping e le sue eccezionali relazioni con il suo omologo russo Vladimir Putin sono considerate da un commentatore locale come il culmine delle relazioni russo-cinesi. Sono in grado di dare nuove caratteristiche all’ordine mondiale, che si sta formando in opposizione al desiderio dell’Occidente, guidato dagli Stati Uniti, di preservare il sistema precedente .

Una tale svolta sicuramente non si addice all’Occidente, affermano gli esperti arabi, e questo non abbandonerà i suoi tentativi di mettere i bastoni tra le ruote della cooperazione tra le due potenze in vari modi. Ma sull’onda delle relazioni internazionali, la nave russo-cinese non seguirà la rotta che vorrebbero i “venti dell’ovest” .

Yury Zinin, ricercatore senior presso il Center for Middle Eastern and African Studies dell’Istituto Statale di Relazioni Internazionali (Università) di Mosca del Ministero degli Affari Esteri, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook . “

Fonte New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM