L’Alleanza Cina-Iran-Russia che mette fine all’egemonia Globale Unilaterale degli Stati Uniti

Di Elijah J. Magnier

Gli esercizi navali tripartiti di quattro giorni nell’ambito dell’operazione ” Cintura di sicurezza marittima ” Guidati da Iran, Cina e Russia nelle acque del Mar Arabico e dell’Oceano Indiano segneranno il tempo in Medio Oriente nei prossimi decenni.
Queste esercitazioni segnano la fine dell’egemonia e del controllo assoluto degli Stati Uniti sul Medio Oriente e sul mondo.

Tali manovre congiunte vengono condotte nel cuore della zona marittima d’influenza degli Stati Uniti. Si tratta di esercizi tattici che simulano il salvataggio di fregate attaccate da un nemico comune in un’area di oltre 17.000 km. Non si tratta di esercizi strategici, poiché la Cina e la Russia non avranno accesso ai porti iraniani su base permanente. Nessun avversario comune dovrebbe attaccare la Russia, la Cina o l’Iran in queste acque. Lo scopo di questi esercizi per i tre paesi è di inviare un messaggio congiunto agli Stati Uniti.

È la prima volta che l’Iran ha tenuto un esercizio congiunto di tale portata con due potenze navali dall’avvento della “Repubblica islamica” nel 1979. L’Iran ha esteso l’invito ed è il paese ospitante per questi esercizi tripartiti dal porto di Chabahar, nel sud-est del paese, in risposta alla politica di “massima pressione” degli Stati Uniti. Teheran invia al mondo il messaggio che sta sviluppando le sue capacità militari nonostante le sanzioni più pesanti che mai imposte dagli Stati Uniti , per dimostrare che la loro politica di isolamento dell’Iran è inefficace. Il presidente Donald Trump e il suo team sono riusciti a raggiungere persone con sanzioni e assedi senza precedenti, ma il governo di Teheran è riuscito ad adattarsi a queste misure punitive adottando un nuovo ” Bilancio di resistenza “per limitare la sua dipendenza dalle esportazioni di petrolio.

La politica del presidente Donald Trump accelera la formazione di un’alleanza tra Iran, Cina e Russia (tutti soggetti a sanzioni statunitensi). Nonostante gli esercizi dell’Operazione Cintura di sicurezza marittima, questi paesi non hanno firmato alleanze strategiche formali tra loro, ma stanno trovando il modo di proteggersi operando nelle acque del Mar Arabico e dell’Oceano Indiano . In questi esercizi si potrebbe vedere una contestazione delle sanzioni degli Stati Uniti, poiché si svolgono in una delle principali rotte del traffico marittimo nel mondo, considerate vitali dagli Stati Uniti e attraverso le quali passano ogni giorno 18,5 milioni di barili di petrolio.

Il sole americano sta tramontando. Brillava brillantemente nel 1991 quando la guerra fredda finì tra Washington e Mosca. E fu questo punto che il presidente George Bush aveva annunciato la politica e la visione degli Stati Uniti, quella di una ” nuovo ordine mondiale in cui le varie nazioni stanno portando avanti una causa comune per realizzare le aspirazioni umane universali umanità: pace, sicurezza, libertà e stato di diritto ”.

Questo giorno infatti aveva segnato la creazione di uno squilibrio globale sotto il dominio politico, economico e militare degli Stati Uniti. Fu l’inizio di una strategia “distruttiva-costruttiva” per annientare qualsiasi paese che respingesse l’egemonia degli Stati Uniti, con l’Iran in cima alla lista.

Sotto la presidenza di George W. Bush, Washington decise di circondare l’Iran, la Cina e la Russia più strettamente e di occupare l’Afghanistan, a causa della sua posizione geopolitica strategica a strapiombo nella Cina occidentale , Asia centrale e Iran orientale, oltre ad essere ricca di uranio . Poi è stata la volta dell’Iraq. Il controllo del petrolio in Medio Oriente era diventato una priorità, e successivamente fu elaborato un piano per creare un “nuovo Medio Oriente” per rompere l’alleanza dell’Iran con il Libano (Hezbollah) e il presidente siriano Bashar al-Assad.

Gli Stati Uniti sono costantemente alla ricerca di modi per dividere i continenti, governare nella regione del M.O. e prevenire le alleanze minacciose. L’Eurasia, che contiene i due terzi delle risorse energetiche mondiali, è costantemente controllata dagli Stati Uniti, così come l’Iran.

Tranne il fatto che l’Iran nel 2019 non è l’Iran del 1979. All’indomani della “guerra delle petroliere” nello Stretto di Hormuz, il drone americano più costoso che è stato abbattuto e la distruzione delle installazioni petrolifere dell’Arabia Saudita (che hanno ridotto la sua capacità di esportazione di un terzo) utilizzando missili da crociera di precisione iraniani, gli Stati Uniti sono stati riportati a questa amara realtà: tutte le basi militari statunitensi che circondano il L’Iran saranno nel raggio di portata dei missili da crociera iraniani se Washington decidesse di attaccare la “Repubblica islamica”. L’Iran non deve preoccuparsi di prendere di mira obiettivi americani lontani dal suo territorio.

Inoltre, l’Iran non ha esitato a intercettare e arrestare una petroliera britannica, inviando così il messaggio inequivocabile alla Gran Bretagna che era pronto per una scaramuccia militare, se necessario. L’Iran ha dimostrato di poter combattere i suoi nemici su molti fronti. I funzionari iraniani hanno reso molto chiaro ai leader della sua regione (Arabia Saudita, Emirati, Iraq, Siria nord-orientale, Israele) che i suoi missili di precisione non risparmieranno nessun paese in cui si trova una base americana, qualora un attacco contro L’Iran dovesse essere lanciato.

Numerosi elementi hanno indicato che l’Iran è pronto per lo scenario peggiore e si è allenato per una situazione estrema, sapendo che gli Stati Uniti non oserebbero avventurarsi in una guerra imprevedibile il cui la vittoria è tutt’altro che garantita. Il presidente Trump era pronto a condurre alcune battaglie qua e là, una “battaglia tra due guerre” in stile israeliano piuttosto che una guerra distruttiva.
Trump e il suo team hanno capito, tuttavia, che i nemici degli Stati Uniti hanno acquisito abbastanza missili per impegnarsi simultaneamente su più fronti in diversi paesi del Medio Oriente.

Comandante Marina Iraniana

Trump vuole evitare le perdite durante la sua presidenza. Sa che in caso di scontro contro la “Repubblica islamica”, gli alleati dell’Iran attaccheranno gli alleati degli Stati Uniti nella regione del Medio Oriente.

L’Iran ha consegnato agli Hezbollah libanesi, il suo alleato più forte e meglio organizzato in Medio Oriente, decine di migliaia di missili e missili di precisione, sufficienti a distruggere obiettivi israeliani, già inclusi nella sua banca dati di ‘obiettivi. Gli obiettivi israeliani si trovano a pochi chilometri dalle basi di Hezbollah, troppo vicini per consentire ai missili intercettori israeliani di neutralizzare tutti i missili e i razzi lanciati contemporaneamente. Ma il vero problema risiede sul fronte interno, dato che Israele è lungi dall’essere pronto per andare in guerra, cosa che persino i funzionari militari israeliani riconoscono.

Hezbollah è riuscito a contrastare la politica di deterrenza israeliana e a infrangere la volontà di Israele, come ha osservato il mondo durante l’ultimo confronto, quando Israele ha deciso di rinunciare alle sue posizioni di 100 km di larghezza per due settimane 5 km di profondità lungo il confine con il Libano, a seguito di una semplice minaccia fatta alla televisione locale dal segretario generale di Hezbollah, ha detto Hassan Nasrallah. Ciò dimostra chiaramente che anche se Israele continuasse a minacciare verbalmente il Libano, una guerra non sarà per domani.

Gli alleati dell’Iran sono presenti anche in Siria, Iraq e Yemen e sono tutti dotati di missili di precisione. Gli Stati Uniti e i suoi alleati non possono ignorare questa realtà e il fatto che un grave danno può essere inflitto al campo americano in caso di guerra (nonostante tutto il potere distruttivo di Stati Uniti e Israele).

Un altro fattore cruciale da non trascurare è il fatto che gli Stati Uniti si stanno allontanando dal Medio Oriente. Nel 2019, ho osservato che gli Stati Uniti non hanno interferito nella scelta di un primo ministro iracheno, una prima dal 2003. Insolitamente, non è intervenuto nella scelta di un primo ministro libanese. Tuttavia, questi sono due importanti paesi in cui gli Stati Uniti si sono messi in prima linea per frenare l’influenza dell’Iran. Allo stesso modo, in Siria (dove gli Stati Uniti rubano esattamente il petrolio siriano), gli Stati Uniti sembrano essersi stancati di occupare il Levante per costringere l’Iran a lasciare la Siria, con dispiacere di Israele.

Navi Iraniane russe e cinesi nel mar di Oman

L’unica arma che gli Stati Uniti possono ancora brandire sono le sanzioni economiche, un’arma che presto sarà inefficace quando i paesi colpiti si adegueranno alla loro nuova situazione. Trump sanziona i suoi amici, i suoi nemici e i suoi concorrenti, soffocando così il potere finanziario degli Stati Uniti. Questo offre ai paesi interessati il ​​vantaggio di prepararsi a contromisure a lungo termine. Nonostante i loro tentativi di mantenere la loro egemonia, gli Stati Uniti si ritirano nel periodo precedente al 1991.

È vero che sotto la presidenza di Trump, gli Stati Uniti hanno venduto enormi quantità di armi ai paesi del Medio Oriente. L’industria militare americana ne ha beneficiato per alcuni anni, ma non dovrebbe durare. Queste armi non saranno utilizzate in una guerra imminente perché la prospettiva di uno scontro militare in Medio Oriente sta svanendo e tutte le parti e tutti i potenziali belligeranti sono ben equipaggiati e armati della stessa potenza di fuoco distruttiva.

Oggi gli Stati Uniti hanno gli occhi puntati su Russia, Cina e loro alleati, che vedono come fonti di pericolo nei settori altamente competitivi della tecnologia e dell’intelligenza artificiale. Uno scontro militare non ha posto. È giunto il momento per i paesi del Medio Oriente di risolvere i loro problemi nazionali e regionali tra loro senza interferenze dall’esterno.

Elijah J. Magnier https://ejmagnier.com/2019/12/30/china-iran-russia-alliance-ending-us-unilateral-global-hegemony/

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • atlas
    1 Gennaio 2020

    e se poi ci mettiamo Haftar e Al Sisi, i fratelli massoni salafiti magari in Algeria non riescono a sfondare

    e poi in Tunisia prendono tutto in mano i militari

    chissà

Inserisci un Commento

*

code