L’Allargamento continuo della NATO mira ad indebolire l’influenza russa nei Balcani

di Paul Antonopoulos

SKOPJE – Dei 29 stati membri della NATO, 22 hanno già ratificato il protocollo di adesione della Macedonia del Nord all’alleanza anti-russa. Il processo di ratifica sarà probabilmente completato prima della fine del vertice NATO che si terrà a Londra questa settimana, il che renderà la Macedonia del Nord il nuovo paese dell’alleanza militare.

Questo ora appare ancora più probabile da quando il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dato il suo appoggio, dicendo su Twitter:

“Lieto di annunciare che gli Stati Uniti hanno depositato la ratifica del protocollo di adesione alla NATO della Macedonia del Nord. Un passo avanti verso l’accoglienza della Macedonia del Nord come trentesimo alleato della NATO! ”

Questo renderà la Macedonia del Nord il quarto paese tra i sei stati successivi della Jugoslavia a diventare membro della NATO, dopo Slovenia, Croazia e Montenegro. Con la Bosnia divenuta effettivamente un satellite NATO, questo lascia la Serbia come il baluardo del sentimento anti-NATO e filo-russo nella regione, in particolare questo si verifica poiché anche gli altri paesi balcanici, Grecia, Bulgaria e Romania, sono membri della NATO.

Mappa dei Balcani

La confusa questione della Macedonia è stata una priorità fondamentale per la politica della Russia nei Balcani : la Macedonia del Nord è un paese a maggioranza schiacciante ortodossa che ha il potenziale per diventare un altro stato filo-russo nei Balcani, insieme alla vicina Serbia. Tuttavia, la Macedonia del Nord dalla sua indipendenza dalla Jugoslavia nel 1991 ha perseguito una politica filo-occidentale e ha aderito al programma “NATO Partnership for Peace” già nel 1995 ed è diventata candidata all’Unione Europea un decennio dopo.

Questo però non aveva scoraggiato gli sforzi russi per spingere la Macedonia settentrionale fuori dalla sfera di influenza della NATO. I governi di Atene e Skopje hanno gareggiato sul nome Macedonia da quando la Macedonia settentrionale è diventata indipendente dalla Jugoslavia, poiché anche la regione settentrionale della Grecia è confusamente chiamata Macedonia. In effetti, poiché sulla Macedonia settentrionale è stato continuamente messo il veto dalla Grecia dall’adesione alla NATO e all’UE, a causa della disputa sul nome, gli sforzi russi per radicalizzare l’identità macedone sono stati incoraggiati. La strategia per radicalizzare l’identità macedone come più anti-occidentale e filo-russa è stata uno sforzo per evitare una situazione come l’accordo di Prespa che ha portato a una finalizzazione della disputa sul nome macedone nel 2018, aprendo la strada alla Macedonia del Nord per unirsi alla NATO e al UE, senza veto greco.

L’accordo di Prespa, che prende il nome da un lago che attraversa i confini di Grecia, Macedonia settentrionale e Albania, ha definito esattamente cosa si intendesse per “Macedonia” e “Macedone”. Per la Grecia, secondo l’accordo, questi termini indicano un’area e un popolo della regione settentrionale della Grecia, che continua l’eredità dell’antica civiltà ellenica macedone, la storia e la cultura, nonché l’eredità di Alessandro Magno.
In riferimento alla Macedonia del Nord, questi termini indicano il moderno territorio della Macedonia del Nord, della lingua slava e delle popolazioni slave con la loro storia e cultura estranee agli antichi macedoni. L’accordo prevede anche la rimozione degli sforzi irredentisti della Macedonia settentrionale contro il territorio greco e di allinearli agli standard dell’UNESCO e del Consiglio d’Europa.

Proteste contro il governo in Macedonia

La radicalizzazione di un’identità macedone indipendente era nella speranza che i macedoni del Nord avrebbero rifiutato il cambio di nome, nonostante il consenso accademico e storico secondo cui gli antichi macedoni erano greci. Questa speranza nata nella denuncia della Macedonia del Nord contro l’Occidente era sulla base del fatto che la risoluzione della disputa sul nome andasse contro la dottrina nazionalista della Macedonia del Nord, dal momento che qualsiasi modifica del nome deve supportare la realtà storica che gli antichi macedoni erano ellenici. Questo è stato un cattivo calcolo che ha incoraggiato i macedoni del Nord a concentrare i loro sforzi e risorse sul revisionismo storico non solo sull’eredità ellenica, ma anche bulgara e serba, come personaggi storici come il re Samuele di Bulgaria, Ilyo Voyvoda, Aleksandar Turundzhev, Yane Sandanski, Hristo Batandzhiev e molti altri sono rivendicati sia dalla Macedonia del Nord che dalla Bulgaria, e la non riconosciuta e scismatica chiesa ortodossa macedone separata in un brutto divorzio dalla Chiesa ortodossa serba nel 1967.

Questo revisionismo storico ha significato ignorare le gravi ambizioni per una Grande Albania che si espande nei territori occidentali della Macedonia settentrionale. Ignorare gli sforzi per l’espansionismo albanese, qualcosa che è stato parzialmente realizzato con il controllo albanese del Kosovo, ha minato la sicurezza della Macedonia settentrionale e ha aperto le porte affinché diventasse un grande fantoccio della NATO per preservare la loro integrità territoriale. Come sostenuto in un precedente articolo, poiché la stragrande maggioranza degli albanesi vuole una Grande Albania, è improbabile che si ottenga con il sostegno di Washington in Grecia, Montenegro e Macedonia del Nord, in quanto non rappresentano una minaccia per l’egemonia degli Stati Uniti nei Balcani, ma piuttosto servire gli interessi USA, resistendo all’influenza russa nella regione.

Finché Skopje rimane fedele alle agende globaliste, gli Stati Uniti non appoggeranno l’espansionismo albanese nel paese. Tuttavia, gli Stati Uniti possono certamente usare la minoranza albanese come forza destabilizzante, come si vede dalla dichiarazione di indipendenza illegale del Kosovo e dalla rivolta albanese del 2001 nella Macedonia settentrionale. Oltre a Washington, che ha la possibilità di utilizzare gli albanesi come fattore destabilizzante, gli stessi albanesi possono formare una instabilità senza il sostegno degli Stati Uniti, poiché il 53% dei circa 500.000 albanesi nella Macedonia settentrionale crede in una Grande Albania.

Con gli influencer russi che non riescono a rinvigorire il sentimento anti-NATO nella Macedonia del Nord, arriva la realtà che il paese dei Balcani, fiducioso dopo la finalizzazione della disputa sul nome, può ora marciare nelle mani dei suoi nuovi padroni quale fantoccio della NATO.
È per questo motivo che un alto funzionario del ministero degli Esteri russo ha dichiarato che: “La posizione della Russia riguardo all’espansione della NATO è ben nota: è un processo distruttivo che mina la fiducia e la stabilità in Europa, porta ad un aumento dell’antagonismo“. Secondo il funzionario , non è una minaccia militare che la Macedonia del Nord porterebbe alla Russia, ma una serie di rischi per la sicurezza europea che “devono essere garantiti con metodi totalmente diversi, invece di coinvolgere questo paese [dei Balcani] nella pianificazione militare dell’Alleanza e in un sistema di politica anti- russa. “

Fonte: InfoBRICS

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code