L’aggressione di Israele contro la Cisgiordania continua… e la resistenza affronta incursioni e arresti

I media palestinesi hanno riferito che le forze dell’“esercito” di occupazione israeliano hanno preso d’assalto, nelle prime ore di domenica, varie aree di città e paesi della Cisgiordania, confermando che i combattenti della resistenza hanno risposto con proiettili e ordigni esplosivi artigianali.

Le forze di occupazione israeliane hanno preso d’assalto la città di Qabatiya, a sud della città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, in mezzo al volo di droni israeliani, e hanno fatto irruzione in diversi quartieri della città.

Sono scoppiati scontri tra combattenti della resistenza e forze di occupazione israeliane a Qabatiya, dove i media palestinesi hanno riferito che i combattenti della resistenza hanno preso di mira i veicoli di occupazione con un ordigno esplosivo durante l’assalto, nel mezzo degli scontri in corso.

Le forze israeliane hanno intensificato la loro presenza militare nelle vicinanze dei villaggi di Masliya, Triangolo dei Martiri, Al-Jarba, Marka e Sanur, a Qabatiya e nei suoi dintorni, e hanno anche schierato i loro cecchini sui tetti delle case della città e in nelle zone alte della città, mentre speciali unità “arabe” si infiltrarono nei quartieri della città.

Fonti mediche palestinesi hanno riferito che due persone sono rimaste ferite dai proiettili dell’occupazione durante i violenti scontri scoppiati a Qabatiya in risposta alle forze di occupazione.

Le forze speciali israeliane dell’“esercito” di occupazione hanno preso d’assalto il quartiere di Al-Hadaf nella città di Jenin e, dopo la scoperta delle forze speciali, sono scoppiati scontri tra combattenti della resistenza, che hanno reso necessario l’invio di rinforzi militari e meccanismi di sostegno alle forze speciali di occupazione. I cecchini sono stati schierati anche in diversi edifici durante l’assalto al quartiere.

A sud-est di Jenin, i combattenti della resistenza hanno preso di mira le forze di occupazione con ordigni esplosivi artigianali mentre assaltavano il villaggio di Tayasir, a sud di Tubas.
A Nablus nella Cisgiordania centro-settentrionale, sono scoppiati scontri con le forze di occupazione dopo che queste avevano preso d’assalto la città di Beita, a sud della città. Le forze d’assalto hanno chiamato rinforzi militari, arrestato due giovani e sequestrato veicoli durante la tempesta. oltre ad aver preso d’assalto la città di Zawata, a ovest di Nablus.

A Qalqilya, a ovest della Cisgiordania centrale, le forze di occupazione hanno schierato cecchini in diversi luoghi e hanno fatto irruzione in un edificio residenziale, hanno arrestato anche il prigioniero liberato, Abu Salah Bakeer, dopo aver fatto irruzione nella sua casa in città, e hanno arrestato la donna palestinese, Zahra. Khadraj, dopo aver preso d’assalto anche la sua casa.
A est della città di Qalqilya, le forze di occupazione, rinforzate con veicoli militari, hanno preso d’assalto la città di Azzun.

Per quanto riguarda la Cisgiordania centrale, le forze di occupazione israeliane hanno preso d’assalto la città di Beit Rima, a nord-ovest della città di Ramallah, dove sono scoppiati scontri tra i combattenti della resistenza e le forze israeliane dopo che queste avevano preso d’assalto la città, inviando rinforzi militari e intensificando gli attacchi. , che includeva il lancio di proiettili veri e bombe a gas e sonore. (………).
Le campagne israeliane di incursioni, arresti e raid si sono intensificate nelle città della Cisgiordania dal 7 ottobre, in coincidenza con la continuazione dell’occupazione contro la Striscia di Gaza per il 114esimo giorno consecutivo.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “L’aggressione di Israele contro la Cisgiordania continua… e la resistenza affronta incursioni e arresti

  1. Il piano degli immondi nasi adunchi è quello di “occuparsi” della Cisgiordania – che del resto controllano con le armi già per i tre quarti – dopo aver completato la distruzione di Gaza, quindi si stanno “portando avanti con il lavoro” mentre uccidono i civili a Gaza e distruggono le strutture per la loro sopravvivenza.

    Questo piano criminale è sostenuto dagli statunitoidi e anche dalla colonia italiota, nelle mani dei collaborazionisti (qualcuno con la kippa in testa).

    Cari saluti

  2. I guerrieri della domenica occidentali segnano il passo …………………………….. Le agognate vittorie sono batoste a ripetizione …………………………. Tu chiamali, se vuoi, perdenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM