L’agenda va avanti: ID digitale in Canada. Quali paesi saranno i prossimi?

Il World Economic Forum (WEF) sta promuovendo attivamente gli ID digitali. The Known Traveller Digital Identity (KTDI) è un’iniziativa del WEF che, secondo il suo sito Web, “riunisce un consorzio globale di individui, governi, autorità e industria dei viaggi per migliorare la sicurezza dei viaggi in tutto il mondo”.
Secondo un recente rapporto pubblicato dal governo canadese, i funzionari vogliono “rendere più facile per i canadesi interagire con il governo canadese”. Tuttavia, perché ciò avvenga, sono necessari “sistemi moderni e integrati e un’attenzione costante ai bisogni e all’esperienza dei cittadini”. In un linguaggio umano semplice: ciò richiederà l’introduzione di ID digitali. Le élite di Davos, si immagina, sono entusiaste degli sviluppi in Canada.

Il World Economic Forum (WEF) sta promuovendo attivamente gli ID digitali. The Known Traveller Digital Identity (KTDI) è un’iniziativa del WEF che, secondo il suo sito Web, “riunisce un consorzio globale di individui, governi, autorità e industria dei viaggi per migliorare la sicurezza dei viaggi globali”.

Come probabilmente ti renderai conto dal nome dell’iniziativa, gli ID digitali sono una componente fondamentale del desiderio del WEF di “migliorare la sicurezza”. Il Canada è il membro più importante di KTDI. Ora il Canada, presumibilmente un paese interessato a promuovere i diritti umani, vuole introdurre un “Programma di identità digitale” federale.

Secondo un recente rapporto pubblicato dal governo canadese, i funzionari vogliono “rendere più facile per i canadesi interagire con il governo canadese”. Tuttavia, perché ciò avvenga, sono necessari “sistemi moderni e integrati e un’attenzione costante ai bisogni e all’esperienza dei cittadini”. In un linguaggio umano semplice: ciò richiederà l’introduzione di ID digitali. Le élite di Davos, si immagina, sono entusiaste degli sviluppi in Canada.

L’anno scorso, in un white paper piuttosto rivelatore, il WEF ha delineato i molti modi in cui gli ID digitali alimenteranno il nostro futuro digitale. Gli autori citano l’uso di ID digitali e tecnologie biometriche in Cina; Questi, insistono, hanno “trasformato le abitudini di consumo e fornito benefici tangibili” ai cittadini cinesi. Il fatto che il World Economic Forum stia usando la Cina come un fulgido esempio del perché gli ID digitali funzionano dovrebbe preoccupare chiunque apprezzi l’idea di libertà.

I cittadini statunitensi ed europei dovrebbero essere preoccupati se il Canada, il vicino dell’America, è pronto a implementare gli ID digitali? La risposta è si. Se può succedere in uno dei paesi più sviluppati del mondo, può succedere negli Stati Uniti come in Europa. In effetti, alcuni democratici stanno attivamente spingendo gli ID digitali e questo accade anche in alcuni paesi europei.

In un recente articolo per The American Conservative, ho posto la domanda: perché i Democratici promuovono gli ID digitali? Il rappresentante Bill Foster (D-Ill.) ha introdotto per la prima volta il “Digital Identity Enhancement Act” nel 2020, ma la sua idea non ha mai preso piede. Foster ha deciso di reintrodurre la misura.

Come ha osservato l’autrice Natalie Aims, il disegno di legge “istituirebbe anche una task force sull’identità digitale e istituirebbe un programma di sovvenzioni presso il Dipartimento per la sicurezza interna per supportare la creazione di sistemi interoperabili di verifica dell’identità per la verifica dell’identità digitale”. . .”

Sì, il DHS, lo stesso dipartimento esecutivo federale che all’inizio di quest’anno stava cercando di introdurre il consiglio direttivo per la disinformazione.

Foster, come ho detto nell’articolo di The American Conservative, non è l’unico democratico a spingere gli ID digitali. È solo uno dei tanti. Il che fa sorgere la domanda, perché un certo numero di politici della sinistra liberal sono così interessati a queste identificazioni problematiche? In breve, vogliono contrastare la frode d’identità, un problema crescente negli Stati Uniti. Nel 2021, quasi 42 milioni di americani sono stati vittime di frodi di identità. Decine di miliardi di dollari sono stati persi a causa di truffatori opportunisti.

Ora solo un pazzo direbbe che la frode d’identità non è un problema negli Stati Uniti; è. Qualcosa deve essere fatto. Tuttavia, dobbiamo assicurarci che la presunta cura non sia peggiore della malattia.

Vedete, gli ID digitali sono strettamente associati ai sistemi di credito sociale. Quando leggi le parole “sistema di credito sociale”, la tua mente salta automaticamente alla Cina comunista, dove 1,4 miliardi di persone sono costantemente monitorate e valutate. A coloro che non sono all’altezza è vietato prenotare voli e iscrivere i propri figli in alcune scuole. Diventano prigionieri, incapaci di trasferirsi altrove e incapaci di dare una vita migliore ai propri figli. Niente di buono viene da un sistema di credito sociale. Le persone sono costrette a vivere in un costante stato di paura, controllando costantemente il proprio punteggio per vedere se sono considerate “buone” o “cattive” dai responsabili.

Con le autorità canadesi che creano l’infrastruttura necessaria per implementare una rete di identificazione digitale, alcuni temono che un sistema di credito sociale simile a quello cinese sia proprio dietro l’angolo. Le tue preoccupazioni sono giustificate. Gli ID digitali aprono la strada ai sistemi di credito sociale (che rappresenta anche il sistema di controllo sociale voluto dalle elite di Davos,N.d.R.). Senza di loro, un sistema di credito sarebbe impossibile.

Controllo digitale

Dal punto di vista dell’acquisizione globalista, come ha affermato l’autore Tim Hinchcliffe, gli schemi di identità digitale sono un must. Anche se non ci sarà mai un buon momento per introdurre le ID digitali (almeno per noi cittadini), sembrano essere inevitabili e indiscutibili. Quelle stanno arrivando. Avranno un ruolo centrale in questo mondo e nell’altro.

Nel Metaverse, la prossima iterazione di Internet che vedrà gli umani abitare nell’ignoto digitale, le identità digitali giocheranno un ruolo da protagonista.

Sai chi altro avrà un ruolo da protagonista? Il WEF. Le élite di Davos sembrano molto desiderose di governare il mondo virtuale immersivo, questa rappresentazione 3D di Internet. Il Metaverse include l’uso della realtà virtuale e delle cuffie per realtà aumentata. E se il WEF riuscirà, includerà anche l’uso delle identità digitali.

Fonte: The Pulse

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM