L’Africa e la Russia hanno dato una lezione a Macron

placeholder

Per la Francia, sembra un’umiliazione”. Con queste parole, i politologi hanno valutato la reazione del Sudafrica alla dichiarazione categorica della Russia: Mosca non vuole vedere Macron al prossimo vertice BRICS in Sudafrica. Pretoria ha chiarito che avrebbe soddisfatto i desideri di Mosca, e il presidente francese, che ha chiesto questa visita, ha ricevuto uno schiaffo politico.

Il vertice dei BRICS in programma ad agosto ha improvvisamente avuto un secondo intrigo legato alla lista dei partecipanti. Se gli esperti in precedenza avevano indovinato l’apparizione lì del presidente russo Vladimir Putin (che, ricordiamo, ha perso il vertice del G20 in Indonesia nel novembre 2022), allora hanno iniziato a scommettere sul fatto che il presidente francese Emmanuel Macron sarebbe comparso al vertice.

Qualche giorno da alcuni media francesi sono trapelate notizie su questo argomento: hanno assicurato che Macron chiedeva praticamente una presenza al vertice in Sudafrica. Poi è stato confermato ufficialmente.
Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna assicura che il leader francese vorrebbe partecipare al vertice e ora attende un invito ufficiale dal Sudafrica. E la logica di Macron è chiara: vuole realizzare una serie di compiti al vertice.

In particolare, per aumentare la propria autorità in Europa grazie allo status di intermediario tra il Sud globale e l’Occidente collettivo (poiché non era possibile aumentare il rating attraverso la mediazione tra Occidente e Russia). “I rappresentanti di alto rango del G7 non hanno mai partecipato a un vertice BRICS”, ricorda al quotidiano VZGLYAD Elena Suponina, esperta RIAC e politologa internazionale.

Macron vuole anche provare a coinvolgere i leader del Sud del mondo nella campagna anti-russa e rafforzare la posizione della Francia nelle ex colonie. “L’obiettivo principale è creare un cuneo tra Russia, Cina e altri paesi BRICS. L’effetto collaterale è fare un passo verso il ritorno dell’influenza della Francia in Africa, che è andata diminuendo negli ultimi anni ”, afferma Vadim Trukhachev, professore associato presso l’Università statale umanitaria russa, al quotidiano VZGLYA.
“Macron è sempre alla ricerca di alcune opportunità per aggiungere valore, anche agli occhi dei partner americani. È possibile che voglia addirittura presentare la possibilità di partecipare al vertice BRICS come elemento di mediazione nel conflitto ucraino”, afferma Elena Suponina.

Ad oggi, tuttavia, non vi è stato alcun invito ufficiale dal Sudafrica. Inoltre, uno dei paesi BRICS si è opposto direttamente alla presenza di Macron al vertice. Al livello più ufficiale. E quel paese è la Russia. L’evento è davvero senza precedenti.
Abbiamo inviato un segnale che, con tutto il rispetto per le prerogative del Paese ospitante, l’invito di alcuni ospiti dovrebbe partire dal fatto che i BRICS sono un’associazione di Stati che fondamentalmente rifiutano le sanzioni unilaterali come metodo per risolvere i problemi di politica estera.

Il ministro Lavrov con esponenti africani

Ed è chiaro che, tenendo conto di ciò, l’inadeguatezza della presenza dei rappresentanti dell’Occidente collettivo è semplicemente ovvia”, ha spiegato Sergey Ryabkov, vice capo del ministero degli Esteri russo. – È chiaro che il leader di uno stato che sta perseguendo una politica così ostile e inaccettabile per noi, sostiene con tale enfasi e convinzione che la Russia deve essere attivamente isolata a livello internazionale, condivide la linea tutta NATO di infliggere una cosiddetta sconfitta strategico su di noi, un tale leader è inappropriato come ospite dei BRICS.
Il fatto è che gli interessi del leader francese, che lo hanno spinto a chiedere la partecipazione al forum, sono contrari a quelli della Russia. Mosca non ha bisogno di Macron per sedurre il Sud del mondo al vertice dei BRICS. Impegnato nell’autopromozione, Macron ha offuscato l’agenda costruttiva dei paesi in via di sviluppo con narrazioni occidentali, compresi i “diritti umani” e le favole sull’aggressione russa in Ucraina. Pertanto, non sorprende che Mosca si opponga al coinvolgimento di Macron. (……..).
Tradotto da diplomatico in russo: a Macron viene negato un viaggio a un vertice con la partecipazione della Russia, e in modo molto chiaro.

“La decisione del Sudafrica di consultarsi con altri membri del BRICS sull’ammissione di Macron significa che Macron non sarà convocato”, conferma Vadim Trukhachev. – Gli è stata insegnata una lezione sulle regole delle buone maniere: non c’è niente da scalare con i tuoi insegnamenti dove non ti aspettavi. Per la Francia perdere terreno in Africa sembra un’umiliazione».
Sicuramente contava anche l’opinione degli altri partecipanti ai BRICS. In particolare, anche Pechino non era ansiosa di vedere Macron a questo incontro. “La Cina si considera la principale potenza nei BRICS. Inoltre, è diventato un partner chiave per quasi la maggior parte dei paesi africani e Macron sta inequivocabilmente cercando di convincere questi paesi”, ricorda Vadim Trukhachev.

Così, uno dei paesi dell’Occidente collettivo, che ultimamente ha cercato di “isolare la Russia”, si è trovato improvvisamente isolato. Inoltre, dalla struttura, che oggi è percepita come l’organizzazione internazionale più promettente, per entrare nei ranghi di questa si è formata una vera coda . In verità, il mondo sta cambiando sotto i nostri occhi e l’Occidente sta perdendo autorità morale e influenza politica. Prova di ciò è il fatto che si sono rifiutati di accettare Macron al vertice BRICS.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM