L’Africa diventa la base per un nuovo ordine mondiale

di Alexandre Lemoine

Pochi in Eurasia o in America sono interessati al destino e alla storia del continente africano. Allo stesso tempo, è nel continente nero che nell’agosto 2023 si sono verificati eventi che potrebbero avere conseguenze sull’ordine politico mondiale nei decenni a venire, se non addirittura nei secoli.

In Sudafrica si è svolto il vertice dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), durante il quale è stata presa la decisione sull’allargamento del gruppo. Gli scettici ritengono che le decisioni prese in questo vertice non avranno grandi implicazioni a livello globale. Il loro argomento principale è che i BRICS si stanno posizionando come un’unione economica piuttosto che politica, il che significa che questa organizzazione non sarà in grado di apportare cambiamenti significativi alla mappa geopolitica globale.

Tuttavia, la geoeconomia e la geopolitica sono come i gemelli siamesi che non possono essere separati. Gli strumenti politici vengono utilizzati per raggiungere obiettivi economici e il denaro, a sua volta, funge da mezzo per ottenere risultati politici. E l’Occidente lo ha capito bene. Così scrive il quotidiano tedesco Berliner Zeitung che l’espansione dei BRICS è stata una sconfitta personale per Ursula von der Leyen e Josep Borrell. Ci si potrebbe chiedere come ciò riguardi i burocrati europei. Entrambi sostengono il mantenimento delle cosiddette regole della politica e dell’economia internazionale, ma in realtà sostengono il mantenimento della posizione dominante degli Stati Uniti nel mondo. A questo proposito, sono molto più servitori di Washington che gli altri funzionari di Bruxelles. Inoltre, Borrell è noto per la sua affermazione razzista secondo cui “ l’Europa è un giardino e il resto del mondo è come una giungla ”. E ora queste “giungle” si stanno unendo in un’alleanza globale che potrebbe porre fine all’egemonia degli Stati Uniti e dei suoi satelliti dell’UE nel mondo.

Attualmente in Africa esiste una situazione prebellica, con la formazione di coalizioni contrapposte nella parte occidentale del continente. In Niger, il presidente filofrancese Mohamed Bazoum è stato rovesciato dagli ufficiali, cosa che non è piaciuta a Parigi. Ora, diversi paesi della regione che fanno parte della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) stanno pianificando di invadere il paese per riportare Bazoum al potere. In questo contesto, Burkina Faso e Mali si sono dichiarati pronti a inviare i propri eserciti per difendere il Niger in caso di invasione.

Gli scettici potrebbero obiettare che in Africa si verificano continuamente capovolgimenti e guerre, senza alcun impatto sugli altri continenti. Tuttavia, il confronto in Africa occidentale ha una marcata dimensione geopolitica. Niger, Burkina Faso e Mali formano una coalizione antioccidentale. Le preferenze politiche di questi paesi sono molto chiare: il Niger, ad esempio, ha deciso di espellere gli ambasciatori da Francia, Stati Uniti e Germania. Va anche ricordato che il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland si è recato in Niger e lì ha incontrato i militari al potere. Secondo alcune indiscrezioni diffuse dai media, avrebbe offerto loro un accordo: la Francia si ritirerà dal Niger, ma l’influenza francese sarà sostituita da quella americana. I soldati hanno rifiutato, dimostrando così che la loro azione non è diretta solo contro la Francia, ma anche contro l’Occidente nel suo insieme e contro il colonialismo. Se scoppiasse un conflitto armato nell’Africa occidentale, potrebbe essere visto come un fronte caldo contro il dominio occidentale nel mondo.

In che modo il vertice dei BRICS e gli eventi in Niger potrebbero influenzare il futuro dell’ordine politico globale? L’influenza americana sui processi globali non può scomparire in un istante. Anche se non è più così importante come 30 anni fa, quando importanti processi globali non potevano aver luogo senza il sostegno degli Stati Uniti. Se un leader osava agire diversamente da ciò che Washington voleva, lui e il suo paese venivano severamente puniti. Come dimostra il destino di Slobodan Milosevic e Saddam Hussein, e quindi quello della Jugoslavia e dell’Iraq.

Giunta militare in Niger

Naturalmente, per alcuni aspetti, i leader mondiali e le organizzazioni internazionali devono ancora tenere conto di Washington. La presidente della Banca BRICS Dilma Rousseff ha affermato che mentre adempie ai suoi obblighi nei confronti di tutti i fondatori, compresa la Russia, non può aiutare la Russia ad affrontare le sanzioni occidentali per paura che la banca stessa diventi il ​​​​bersaglio delle sanzioni degli Stati Uniti e dell’Europa. Ha detto : “ Non si può negare che il sistema finanziario internazionale esista… Bisogna conviverci ”.

Quello che Rousseff chiama sistema finanziario internazionale è in realtà il sistema finanziario anglo-americano, creato dalle élite economiche e dai governi britannico e americano e controllato di conseguenza da loro. Uno dei compiti dei BRICS è creare un’alternativa a questo sistema. Una struttura di istituzioni finanziarie, regole operative e meccanismi di pagamento che potrebbero operare al di fuori del sistema anglo-americano. Più paesi saranno coinvolti in questo sistema alternativo, meno il dollaro sarà utilizzato nel commercio mondiale e più gli Stati Uniti e i suoi satelliti europei saranno indeboliti.

Se i paesi dell’ECOWAS, con l’aiuto di Francia e Stati Uniti, non riusciranno a sconfiggere rapidamente il Niger e i suoi alleati, e la guerra si protrarrà, è molto probabile che inizieranno i rovesciamenti dei francesi filogovernativi anche nei paesi attualmente membri dell’ECOWAS, la coalizione filo-occidentale. E se gli eserciti della coalizione antioccidentale riuscissero a infliggere gravi sconfitte alle forze nemiche nelle grandi battaglie, l’“epidemia” anticoloniale potrebbe diffondersi in tutta l’Africa occidentale, come un virus. Ciò causerebbe un danno economico significativo a Francia, Stati Uniti e UE, e un danno politico ancora maggiore. Dopotutto,

fonte: Observateur continental

Traduzione: Gerard Trousson

4 commenti su “L’Africa diventa la base per un nuovo ordine mondiale

  1. se non è zuppa è pan bagnato… allora se al posto della Francia ci va l’America, tanto vale. devono ribellarsi e mandare fuori dall’Africa tutti, Americani e Francesi. l’Africa dev’essere libera di decidere da sola anche se sbaglia… nessuno è perfetto. Yankee go home, Francès a cà… tucc a cà sò.

  2. Spero che qualche vietnamita vada a dare una lezione di storia ai nigeriani, se a qualcuno passasse per l’anticamera del cervello di accettare la proposta della Nuland. Dopo Dieh Bien Pu successe la stessa cosa in Vietnam. Costo’ la vita a qualche milione di vietnamiti, l’arrivo della democrazia americana.

  3. Begli alleati gli americani! Hanno offerto di far sloggiare la Francia per rimanere loro. 🙂 Per tenerseli come alleati bisogna proprio essere dei deficienti. Vero melona?

  4. Storia già vista in Vietnam, cacciati armi in pugno i francesi, ecco gli arrivare gli yankee, ma anche loro sono fuggiti a gambe levate, purtroppo dopo milioni di morti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM