L’affondamento della pace in Europa

di Thierry Meyssan
Mentre gli anglosassoni sono già riusciti ad escludere la Russia dal Consiglio d’Europa e si preparano a impedirle di partecipare alle riunioni dell’OSCE, gli stessi stanno lavorando per affondare l’Unione Europea creando una struttura concorrente dell’Europa Centrale: la “Three Seas Initiative”. In tal modo, stanno riprendendo un vecchio progetto polacco volto a sviluppare questa regione preservandola da qualsiasi influenza tedesca o russa.

Il 23 giugno 2022 il Consiglio dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea ha deciso di concedere all’Ucraina lo status di paese richiedente l’adesione. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha precisato che il percorso sarà lungo (la Turchia ha questo status da 23 anni) per elevare questo Paese al livello richiesto dall’Unione, sia in materia economica che politica.

Il gabinetto del presidente ucraino aveva già specificato che kiev non spera di entrare nell’Unione, né oggi né domani, perché ha un altro progetto, ma che lo status di candidato apre la strada a un forte sostegno finanziario da parte di Bruxelles per avvicinarla agli standard dell’UE.

L’Ucraina, infatti, condivide il progetto polacco di Intermarium: un’alleanza di tutti gli stati situati tra il Mar Baltico e il Mar Nero.
Intermarium contro Unione Europea

Questo progetto si basa sia su una realtà geografica che su un passato storico: la “Repubblica delle due Nazioni” (Corona di Polonia e Granducato di Lituania) dal XVI al XVIII secolo. Fu formulato per la prima volta durante la rivoluzione polacca del 1830 dal principe Adam Jerzy Czartoryski, poi durante il periodo tra le due guerre dal generale polacco Józef Piłsudski, sotto il nome di “Federazione Międzymorze”. Piłsudski concepì parallelamente un’ideologia volta a liberare tutti i popoli dell’Europa centrale dalla loro integrazione negli imperi germanico e soprattutto russo, il “Prometeismo”. Come il Titano, ha promesso agli uomini il progresso tecnico che ha permesso loro di liberarsi dai loro padroni.
In pratica, preferiva i tedeschi ai russi e non esitò ad allearsi con gli austroungarici ei tedeschi contro lo zar. Nel 2016, una terza versione di questo progetto è stata presentata dal presidente polacco, Andrzej Duda, sotto il nome di “Three Seas Initiative” (il terzo mare è l’Adriatico). Hanno partecipato undici stati. Sono dodici da qualche giorno.

Questo progetto offre in linea di principio una legittima risposta politica all’assenza di confini fisici nella grande pianura dell’Europa centrale: è meglio unirsi che sottomettersi o entrare in guerra. Tuttavia, le cose non sono così chiare come sembrano: la Repubblica delle due Nazioni era una confederazione che permetteva al Regno e al Granducato di mantenere ciascuno il proprio funzionamento, mentre Piłsudski immaginava una Federazione in cui ogni popolo si sarebbe fuso e dove i polacchi si sarebbero assicurati di tenere il sopravvento. Tutti i movimenti nazionalisti dell’Europa centrale si riferiscono alla Repubblica delle due Nazioni, ma ne traggono conclusioni molto diverse.

Per i banderisti ucraini, la Repubblica delle due Nazioni è l’erede della Rutenia creata dai Vichinghi svedesi, i Varagues, che è un po’ inverosimile in quanto i loro territori non si sovrappongono. Al massimo, possiamo dire che, culturalmente, queste entità hanno dei punti in comune. Per il presidente ucraino Volodymyr Zelenski, la Repubblica delle due Nazioni è un buon esempio di confederazione che permette di superare sia la Russia… sia la Germania, che domina l’Unione Europea.

È perché i leader politici polacchi e ucraini stanno scommettendo su questo progetto congiunto di una confederazione Intermarium dove il presidente Zelensky ha potuto contemplare senza arrossire la cessione della Galizia orientale alla Polonia. [ 1 ] Tuttavia, in entrambi i paesi, l’estrema destra (nel senso totalitario del periodo tra le due guerre) intendeva utilizzare questa politica per promuovere le sue idee razziali.

La Polonia non ha mai giocato il gioco dell’Unione Europea, di cui è membro dal 2004. Durante il suo periodo di candidatura all’Unione, non ha esitato a raccogliere ingenti somme destinate a riformare la sua agricoltura e a spenderle per acquistare negli USA aerei da guerra e hanno partecipato al la guerra in Iraq su ordine di Washington. Questo gioco di prestigio era stato ideato dallo statunitense non polacco Zbigniew Brzezinski e dalla statunitense non francese Christine Lagarde. [ 2 ] Nulla è cambiato: oggi Varsavia è in perenne disputa con Bruxelles, in particolare sul suo sistema giudiziario. L’Ucraina non avrà problemi a giocare lo stesso doppio gioco.

Questo è il problema principale dei popoli dell’Europa centrale: giustamente cercano di assumersi le proprie responsabilità senza i loro grandi vicini russi e tedeschi, ma non riescono ad affermarsi senza combatterli. In passato, questa patologia li ha sempre spinti a confrontarsi.
Il principe Adam Jerzy Czartoryski terminò la sua vita in esilio a Parigi e il generale Piłsudski fondò anche a Parigi la sede del suo movimento prometeico. In entrambi i casi si trattava di fuggire sia dalla Germania che dalla Russia. La memoria di questo periodo diede origine nel 1945 alla creazione di una rete di emigranti dal centro Europa operante prima per il Vaticano poi per i servizi segreti francesi ed infine per gli anglosassoni (rete detta anche Intermarium). [ 3] Ha riunito i principali leader fuggitivi degli Ustascia croati, la Guardia di ferro rumena ecc. Poi è stata, nel 1991, la costituzione del “Gruppo Visegrád” (Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia).
Oggi i sostenitori di questo progetto si rivolgono agli anglosassoni, da qui il sostegno di Washington e Londra a Varsavia e kyiv. Così il vertice della Three Seas Initiative, a Varsavia nel 2017, ha ricevuto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Durante il vertice del 20 giugno 2022, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, parlando in video, ha immediatamente chiesto e ottenuto l’adesione del suo Paese.

L’interesse degli anglosassoni per il progetto Intermarium è antico. Uno dei padri della geopolitica anglosassone, Sir Halford Mackinder, aveva identificato l’Europa centrale come il cuore ( Hartland ) dell’Eurasia. Per lui, l’Impero britannico poteva controllare il mondo solo controllando prima questa regione. Uno dei suoi discepoli, il primo ministro Boris Johnson, si è quindi precipitato a Kiev per sostenere il presidente Zelensky. Tutti i geopolitici anglosassoni hanno ripreso le idee di Mackinder, compreso ovviamente Zbigniew Brzezinski, che fu con lo straussiano Paul Wolfowitz una delle due figure principali della conferenza di Washington del 2000, che segnò l’alleanza tra Regno e Ucraina. [ 4 ]

Purtroppo, coloro che spingono gli Stati Uniti a sostenere il progetto Intermarium sono figure rappresentative del nazionalismo di estrema destra. Così, i consiglieri dei presidenti Dwight Eisenhower e Ronald Reagan che fecero loro adottare il concetto di “nazioni prigioniere (dell’URSS)” furono tutti ex collaboratori dei nazisti, membri del Blocco delle Nazioni antibolscevico [ 5 ]; coloro che hanno organizzato il suddetto congresso del 2000 sono stati i loro figli; e oggi il più importante di loro è Marek Jan Chodakiewicz, Stati Uniti-Polonia, che non smette mai di minimizzare i crimini dei nazisti. [ 6 ]

Tutti i membri dell’iniziativa Three Seas sono membri dell’UE, ad eccezione dell’Ucraina. La maggior parte ritiene spontaneamente che per loro sia molto più importante dell’UE, sebbene non disponga degli stessi mezzi. Il fatto che l’Ucraina abbia aderito tre giorni prima del riconoscimento dello status di candidato all’UE non solo dimostra che per essa è più importante, ma anche che Bruxelles ha capito che deve accettare tutti i membri dell’Iniziativa Three Seas per non perderne nessuno.

In definitiva, questa logica dovrebbe portare i membri dell’Iniziativa Three Seas a lasciare collettivamente l’UE quando non è più redditizia per loro dal punto di vista finanziario, perché non ne hanno mai condiviso gli obiettivi politici.

L’intera architettura di sicurezza del continente è già stata messa in discussione. Si basava su due pilastri, da un lato il Consiglio d’Europa e dall’altro l’Organizzazione per la cooperazione e la sicurezza in Europa.
La Russia espulsa dal Consiglio d’Europa

Il Consiglio d’Europa è stato creato nel 1949. Per alcuni fondatori si trattava di fondare l’unità europea su principi giuridici comuni tramite un Consiglio di Stati e per altri tramite un’assemblea di parlamentari. Alla fine, i due progetti furono combinati, ma all’epoca i sovietici e i loro paesi fratelli furono esclusi. L’URSS ei membri del Patto di Varsavia vi aderiscono subito dopo la caduta del muro di Berlino.

Questo Consiglio ha due istituzioni faro. In primo luogo la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU). Sfortunatamente, negli ultimi mesi si è politicizzato, mostrando un evidente pregiudizio nei confronti della Russia. Ad esempio, a gennaio ha riconosciuto il diritto di un cittadino russo di sputare sul ritratto ufficiale del Presidente della Federazione Russa ( sentenza Karuyev c. Russia ). Oppure, nel febbraio 2022, il diritto di un cittadino russo di interrompere una manifestazione pro-Putin esibendo un cartello “Putin, meglio di Hitler!” ( Sentenza Manannikov c. Russia). E ha appena censurato la legge russa che era stata adottata dopo le rivoluzioni colorate che richiedevano alle organizzazioni politiche finanziate dall’estero di mostrarla su tutte le loro pubblicazioni ( decisione Ecodefence e altri c. Russia ).

L’altra grande istituzione è la Commissione di Venezia, che ha aiutato i nuovi Stati indipendenti ad assimilare le regole democratiche. Commissione che, per inciso, ha più volte messo in guardia l’Ucraina sulle sue procedure amministrative e istituzionali… [ 7 ]

Alla fine, l’Occidente ha sospeso i diritti di voto della Russia nel Consiglio d’Europa con la motivazione che avrebbe tentato di annettere l’Ucraina con la forza. Al che la Russia, sbalordita, ha risposto che non aveva mai avuto intenzione di farlo e che si stava ritirando da un’istituzione diventata partigiana.
Alla Russia è stato impedito di partecipare alle riunioni dell’OSCE

L’altra piattaforma intergovernativa è l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). È stato creato nel 1973 in occasione degli Accordi di Helsinki. A differenza delle Nazioni Unite, non è un luogo di arbitrato, ma solo un forum che consente a tutti gli attori del continente di parlarsi liberamente. Ad esempio, ha adottato la Dichiarazione di Istanbul del 1999, nota anche come “Carta per la sicurezza in Europa”, che stabilisce i due principali principi (1) del diritto di ciascuno Stato di scegliere gli alleati di sua scelta e ( 2) il dovere di non minacciare l’incolumità altrui garantendo la propria; principi il cui mancato rispetto è alla base del conflitto tra Stati Uniti e Russia. [ 8 ]

Ricordiamo che la Federazione Russa non ha mai contestato il diritto di nessuno di entrare a far parte della NATO, ma quello dei membri della NATO di ospitare basi militari statunitensi. I nostri lettori ricordano che quando il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov scrisse a ciascuno dei suoi “partner” chiedendogli come conciliasse i due principi di Istanbul con l’installazione di equipaggiamenti militari americani e personale vicino alla Russia, nessuno osò rispondergli.

Tuttavia, la neutralità di questo forum è stata violata ad aprile quando nuovi funzionari dell’OSCE, più precisamente ex soldati della NATO, sono stati colti nell’atto di spionaggio nel Donbass. [ 9 ]

Come se non bastasse, il Regno Unito ha appena rifiutato i visti necessari alla delegazione russa che doveva partecipare all’assemblea parlamentare annuale dell’OSCE, dal 2 al 6 luglio 2022 a Birmingham. Londra, che sta violando i suoi obblighi, si è rifugiata dietro le sanzioni nominali dell’Unione Europea contro ogni membro della delegazione.

Di conseguenza, non solo i documenti firmati dai 57 Capi di Stato e di governo dell’OSCE non hanno più alcun valore, ma l’amministrazione di questa organizzazione è diventata un’arma di guerra e, in definitiva, non svolgerà più il suo ruolo di forum.

L’architettura di sicurezza del continente europeo sta quindi cambiando radicalmente. Alla fine, l’Europa centrale si unirà come un blocco, prima all’interno dell’Unione Europea e dei suoi candidati, poi al di fuori dell’Unione. La sua Difesa sarà garantita dagli Stati Uniti. Mentre le due parti occidentale e orientale del continente non si parleranno più. Questo sarà il culmine del piano dei geopolitici anglosassoni. Ma questo progetto, se realizzato, sarà instabile. Prima gli europei occidentali hanno sempre avuto bisogno della Russia e poi i popoli dell’Europa centrale hanno vissuto a lungo su un campo di battaglia. Quando i Cavalieri Teutonici ei Cosacchi non vennero a combattere a casa loro, combatterono tra loro. Perché una pace sia duratura, tutti i protagonisti devono essere rispettati.

Thierry Meyssan
Giudizi
[ 1 ] “Polonia e Ucraina”, di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 14 giugno 2022.

[ 2 ] “Con Christine Lagarde, l’industria statunitense si unisce al governo francese”, di Thierry Meyssan, Voltaire Network, 22 giugno 2005.

[ 3 ] Unholy Trinity: I nazisti del Vaticano, l’intelligence sovietica e le banche svizzere, Mark Aarons e John Loftus, ‎St Martin’s Press (1998).

[ 4 ] “Ucraina: la seconda guerra mondiale non è mai finita”, di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 26 aprile 2022.

[ 5 ] Vecchi nazisti, la nuova destra e il partito repubblicano, Russ Bellant, South End Press (1991).

[ 6 ] Intermarium: La terra tra il Mar Nero e il Mar Baltico, Marek Jan Chodakiewicz, Routledge (2012).

[ 7 ] Sentenze della Commissione di Venezia sull’Ucraina.

[ 8 ] “La Russia vuole costringere gli USA a rispettare la Carta delle Nazioni Unite”, di Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 4 gennaio 2022.

[ 9 ] “OSCE espulsa da Lugansk per spionaggio”, Rete Voltaire, 14 aprile 2022.

Fonte: voltairenet.org

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM