L’aeroporto iracheno di Erbil preso di mira da un attacco di droni: funzionari curdi


Nessuna notizia di vittime nell’attacco all’aeroporto nel nord dell’Iraq, che funge da base per le forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti.
L’aeroporto internazionale di Erbil, nel nord dell’Iraq, è stato preso di mira in un attacco di droni, hanno detto funzionari della sicurezza curda, l’ultimo di una serie di incidenti simili nell’ultimo anno (ad opera delle forze di resistenza).

Il servizio di sicurezza interna per la regione autonoma curda dell’Iraq, di cui Erbil è la capitale, ha inizialmente affermato che tre razzi avevano colpito nelle vicinanze dell’aeroporto.
La coalizione afferma che la base irachena che ospita le truppe statunitensi è stata colpita da un attacco di droni
Una seconda dichiarazione della forza antiterrorismo curda ha affermato che l’attacco è stato effettuato da droni carichi di esplosivo.
“Non ci sono vittime nell’attacco effettuato da due droni armati”, si legge nel comunicato.

Non ci sono al momento notizie di vittime. I testimoni hanno detto di aver sentito almeno sei esplosioni nella zona.

Lawk Ghafuri, capo delle relazioni con i media esteri per il governo regionale del Kurdistan, ha dichiarato su Twitter che le forze di sicurezza curde stanno indagando sull’incidente.

“Il drone trasportava ordigni esplosivi ed è esploso lontano dai terminal e dai territori dell’aeroporto internazionale di Erbil. Non si registrano vittime”, ha detto Ghafuri .

L’aeroporto, che funge anche da base per le forze della coalizione guidate dagli Stati Uniti, non ha subito danni, secondo il suo direttore Ahmed Hochiar.

Milizie FMP in Iraq

Le forze statunitensi stanno guidando una coalizione militare internazionale il cui mandato è aiutare le forze irachene a combattere i resti dell’ISIL (ISIS).
In realtà sia il governo che il Parlamento iracheno hanno chiesto già da tempo il ritiro delle truppe americane dall’Iraq. la richiesta era stata fatta subito dopo l’assassinio del genrale iraniano Soleimani e del comandate iracheno al-Muhandis. Tuttavia gli USA non hanno adempiuto alla richiesta.
La coalizione non ha commentato immediatamente l’incidente di sabato.

L’aeroporto di Erbil è stato attaccato diverse volte nell’ultimo anno, anche da droni che trasportavano esplosivi.
Droni con trappole esplosive sono stati lanciati contro l’aeroporto a luglio, ma quella volta non hanno causato vittime o danni materiali. Poche settimane prima, tre droni avevano preso di mira l’aeroporto di Baghdad, dove sono schierate anche le truppe statunitensi.

Fonte: Al Jazeera

Traduzione: Fadi Hadda

Aggiornamento:

Fonti informate hanno riferito ad Al-Mayadeen che “quello che è stato preso di mira ieri a nord dell’aeroporto di Erbil nel Kurdistan iracheno è un quartier generale del Mossad”. Hannno sottolineato che “il quartier generale preso di mira è un covo di spionaggio del Mossad, ed è stato colpito da missili e razzi Katyusha”.

Il giornalista di Al- Mayadeen aveva parlato di informazioni preliminari su quale fosse l’obiettivo dell’attacco.

1 Commento
  • mario
    Inserito alle 13:18h, 12 Settembre Rispondi

    ebrei anglo america cani fogna dell ” umanita “………………………………………………………………………………

Inserisci un Commento