L’aereo dell’ex presidente afgano ha attraversato senza permesso il confine del Tagikistan

L’aereo del presidente dell’Afghanistan ha violato illegalmente lo spazio aereo del Tagikistan nell’evacuazione dell’ormai ex leader di questo paese. Date le maggiori misure di sicurezza dovute alla probabile incursione dei talebani in Tagikistan (sebbene questi ultimi abbiano negato l’esistenza di tali intenzioni), l’aereo presidenziale avrebbe potuto benissimo essere abbattuto.

“Emergono nuovi dettagli su Ashraf Ghani: è volato in Tagikistan senza permesso, ora è in Oman e volerà negli Stati Uniti”, riporta il canale Telegram “Militarist”.

Lo spazio aereo del Tagikistan è protetto non solo dalle proprie forze di difesa aerea, ma anche dai mezzi di difesa aerea russi. A tal proposito, al momento dell’incursione dell’aereo civile nello spazio aereo del Tagikistan, avrebbero potuto facilmente aprire il fuoco su di esso.
Al momento, i dettagli di quanto accaduto rimangono sconosciuti, tuttavia, a quanto pare, dopo aver attraversato il confine del Tagikistan, l’aereo presidenziale è stato autorizzato all’atterraggio.
È noto che l’ex presidente dell’Afghanistan ha portato via dal paese diversi milioni di dollari paese anche se non è riuscito a caricare tutto a bordo dell’aereo.

Fonte: https://avia.pro/news/rossiyskie-pvo-v-tadzhikistane-mogli-sbit-samolyot-uzhe-byvshego-prezidenta-afganistana

Gli amricani fuggono
Famiglia in Afghanistan

Traduzione di Eliseo Bertolasi

L’Uzbekistan ha abbattuto un aereo dell’aviazione afgana

Il ministero della Difesa dell’Uzbekistan ha riferito che un aereo dell’aviazione afgana è stato abbattuto dai propri sistemi di difesa aerea mentre cercava di violare i confini dello spazio aereo del paese. Si tratta, a quanto pare, di un aereo da attacco leggero A-29 Tucano, a bordo del quale c’erano piloti dell’Aeronautica Militare afgana.

È noto che l’aereo non ha intrapreso alcuna azione ostile e, a quanto pare, i piloti dell’aeronautica afgana hanno semplicemente cercato di lasciare il territorio del loro paese, dove i membri del movimento terroristico talebano sono saliti al potere.
Si è appreso che i piloti sono riusciti a sopravvivere, nonostante l’abbattimento dell’aereo. Al momento, i piloti feriti si trovano in uno degli ospedali locali, ma non si sa ancora quale sarà la loro sorte.
Il ministero della Difesa dell’Uzbekistan non ha ancora fornito alcuna informazione sull’abbattimento dell’aereo dell’aeronautica afgana, tuttavia, a quanto pare, le unità di difesa aerea dell’Uzbekistan hanno il pieno controllo della situazione al confine.

Fonte: https://avia.pro/news/uzbekistan-sbil-samolyot-vvs-afganistana

Traduzione di Eliseo Bertolasi

2 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 12:18h, 17 Agosto Rispondi

    E’ più che scontato che la meta finale dell’ex presidente fantoccio Ghani saranno gli Usa ……
    dove finirono in passato Reza Pahlavi in fuga da Teheran, Marcos da Manila, Saleh il macellaio di Sana in fuga dallo Yemen, Lon Nol fuggito da Phnom Penh caduta in mano ai Kmer rossi ….. e l’elenco naturalmente non è completo ……..
    Usa = stato terrorista rifugio per criminali in fuga ….. cacciati a furor di popolo ….

  • Giorgio
    Inserito alle 19:38h, 17 Agosto Rispondi

    Solito copione ……. i servi cercano asilo dai loro padroni ……
    Andarsi a leggere i dettagli di queste (e altre) fughe …. è molto istruttivo ….. la lista sarebbe molto più lunga …..
    1975 Lon Nol fugge da Phon Penh per scampare ai Khemr rossi ……
    1978 Reza Phalavi fugge da Teheran ……,
    1986 Marcos fugge da Manila …..
    2012 Saleh “il macellaio di Sanaa” fugge dallo Yemen ……
    2021 Ghani fugge da Kabul …….
    Per la cronaca ….. indovinate dove si sono diretti tutti questi grandi presidenti messi al potere da Cia e Pentagono …….
    per passare una vecchiaia consona al loro rango di macellai dei propri popoli ?

Inserisci un Commento