L’accordo di Biden con l’Iran affronta la “pillola rossa” dell’Iran

Biden dice che vuole – attraverso la diplomazia – raggiungere un accordo nucleare con l’Iran – cioè un JCPOA “Plus + Plus”. Gli europei concordano disperatamente con questa aspirazione. Ma i “protocolli dell’accordo” che il suo “A-Team” eredita dall’era Obama hanno sempre contenuto i semi del fallimento.

E ora, a quattro anni di distanza, la prospettiva del fallimento sembra assicurata – in primo luogo dagli ostaggi della fortuna già offerti da Biden, e in secondo luogo (e decisamente), dal fatto che il “mondo” di oggi non è il “mondo” di un tempo. . La “sedia” a capo del tavolo della leadership globale non è più un requisito per gli americani. Israele non è lo stesso Israele e l’Iran – di sicuro – non è lo stesso Iran (come all’inizio dell’iniziativa Obama). Il mondo è andato avanti. Gli ultimi quattro anni non possono essere semplicemente cancellati come un’aberrazione irrilevante ai protocolli precedenti, ancora validi oggi.

Il segno di Trump sull’America e sul mondo non può essere normalizzato. Metà dell’America in questi ultimi anni è diventata America First-ers – come sottolinea Pat Buchanan, qualunque cosa creda l’establishment, nello scontro tra nazionalismo e globalismo, il globalismo ha perso metà dell’America .
Se seguiti, i protocolli – le procedure implicite – per “ un accordo ”, nell’ambiente odierno, porteranno inevitabilmente Biden o Harris, o chiunque sia il presidente, lungo il percorso verso il punto finale del protocollo: se la negoziazione non produce il risultato desiderato, la minaccia di un’opzione militare tornerà sul tavolo. Giusto per essere chiari, qualche speranza in questo. La maggior parte delle persone sane non lo fa. Probabilmente, in questa fase iniziale, la squadra “A” di Biden spera solo che non si arrivi a questo. La speranza, da sola, tuttavia, non è una strategia. Quali sono questi protocolli e quali sono questi cambiamenti globali separati che porteranno Biden in quel “tunnel” che alla fine porterà all ‘”opzione militare” – che non è affatto “una vera opzione”? I protocolli risalgono alla “dottrina Wohlstetter” che enunciava che poiché non vi era alcuna differenza tecnica essenziale tra arricchimento pacifico e arricchimento orientato alle armi; “attori inaffidabili” come l’Iran, ha sostenuto, non dovrebbero essere autorizzati ad arricchirsi – mai . Molti oggi, nell’establishment della politica estera statunitense influenzato da Israele , si aggrappano ancora alla visione di Albert Wohlstetter.

Alcuni iraniani dissentirono dalla sua dottrina: No, assicurarono che l’Occidente (già nel 2003), monitorato e verificato, un basso arricchimento poteva essere una soluzione affidabile che precluderebbe la necessità dell’“opzione militare ” (Obama, all’epoca , stava cercando di sfuggire all’opzione militare, poiché, allo stesso tempo, Netanyahu stava sostenendo un attacco israeliano all’Iran).

Quest’ultimo attacco era stato appena evitato (nel 2009) grazie alla ferrea opposizione dell’allora capo del Mossad, il temibile Meir Dagan. Alla fine, Obama ha accettato l’idea verificabile di un arricchimento limitato e ha accettato di limitare l’esperimento attraverso le clausole del tramonto, dopo la cui scadenza le restrizioni sull’arricchimento sarebbero cadute. Ma l’ombra di Wohlstetter è rimasta, facendo sì che i protocolli di Obama accettassero l’azione militare come risposta dovuta, se l’Iran si fosse trasferito entro dodici mesi a un presunto scoppio nucleare (perché l’Iran non era “degno di fiducia”).

A torto o a ragione, anche allora Obama ha capito che la dinamica del protocollo poteva portarlo verso un’opzione militare (con o senza la partecipazione di Israele).
Cosa c’era di così problematico nei protocolli? Ebbene, il punto era che non hanno mai affrontato i veri problemi di fondo, che, semmai, sono diventati molto, molto più acuti, oggi. Questi problemi rimangono “inespressi”, ma molto presenti. Il primo è che nessuno – compreso Israele – crede che le armi nucleari di qualsiasi tipo siano una vera minaccia in Medio Oriente. La regione è semplicemente troppo piccola: un amalgama spinto di sette e interessi in competizione. È fin troppo una “ciotola per mescolare” che non presenta obiettivi “puliti” per armi nucleari strategiche. Persino gli ideologi israeliani non credono che l’Iran considererebbe la liquidazione di 6,5 milioni di palestinesi musulmani per arrivare a Israele.

Quello che spaventa Israele sono le armi missilistiche convenzionali iraniane . E questi non facevano parte dell’accordo. (Non ci sarebbe stato “nessun accordo” se questi fossero stati inclusi, dato il ricordo dell’Iran della vita recente sotto i missili e le armi chimiche di Saddam).

Missili iraniani

La seconda questione occulta derivava dalla (reale) paura sunnita di un Iran sciita risorgente ed energizzato, in un momento di declino a lungo termine e di visibile esaurimento delle vecchie élite sunnite ottomane. Il potere della rivoluzione e della successiva rinascita sciita terrorizzò le monarchie del Golfo. Questa tensione è profonda e la sua “natura per lo più fraintesa in Occidente: i sunniti negli ultimi millenni si sono visti come il naturale” partito del governo “- erano (e credono ancora di essere)” l’establishment “, se preferite. Gli sciiti, d’altra parte, sono sempre stati disprezzati (e discriminati): erano i “deplorevoli” (per usare l’analogia americana). E proprio come l’establishment statunitense detesta Trump e il suo esercito populista, tensioni simili esistono in Medio Oriente: le monarchie del Golfo detestano i “deplorevoli” e li temono (e temono qualsiasi inversione di potere). -Così hanno cercato protezione dall’America contro i loro “deplorevoli” (sciiti). La minaccia della “bomba” nucleare è, ed è sempre stata, la loro leva per ottenere ciò che volevano da Washington, anche se non ci credevano davvero di per sé . Idem per Israele: armi e sussidi a bizzeffe per loro e un contenimento doloroso e dannoso per l’Iran.

Questo è il paradosso del protocollo '': per due decenni, Washington è stata assorbita dal fermare una Grande minaccia ” in gran parte illusoria, mentre l’Iran ha tranquillamente assemblato migliaia di minuscoli deterrenti quasi invisibili (piccoli come i più piccoli droni) proprio sotto il naso di tutti . Un’iniziativa diplomatica “Biden” JCPOA + non risolverà nessuna di queste questioni sottobanco – e quindi non sarà accettata da Israele (o dal Golfo). Un ritorno degli Stati Uniti alla diplomazia – per quanto improbabile sia il suo esito positivo – semplicemente esacerba queste paure. E l ‘”A-Team” dei Democratici sta dando molti ostaggi alla fortuna: non contenti di mirare a un nuovo accordo nucleare – limitando l’arricchimento e le centrifughe – vogliono che l’accordo venga privato delle sue attuali “clausole del tramonto”; vogliono restrizioni sulla politica estera dell’Iran; vogliono che i delegati dell’Iran vengano smantellati; vogliono il controllo delle armi convenzionali (missili balistici); E vogliono il coinvolgimento diretto di Israele e degli Stati del Golfo nel processo. In breve, hanno rilanciato.

Washington non ha imparato nulla dall’esperienza palestinese? I team americani di Oslo immaginavano che se i palestinesi potessero solo “rassicurare” Israele sulla sua sicurezza, Israele avrebbe concesso una soluzione a due stati – nel proprio interesse demografico. Ma questo era un errore: più sicurezza palestinese riceveva da Israele, più voleva. Sarà lo stesso per quanto riguarda l’Iran: Israele non ne avrà mai abbastanza.

Allora che dire delle nuove realtà?

Israele rimane il fulcro attorno al quale ruota interamente la politica estera degli Stati Uniti. Nel periodo intercorso da quando il team di Obama ha lasciato l’incarico, un certo numero di suoi ex membri ha suggerito che i fallimenti di Obama (cioè per attuare l’obiettivo dei due stati) erano dovuti al fatto che i membri del team erano troppo israeliani-centric (“interpretare l’avvocato di Israele”, nel parole di uno). Ma per ripetere, l’Israele di oggi non è l’Israele dell’era Obama.

Non esiste più un “partito di pace” israeliano (con un peso politico significativo). I settori dell’estrema destra e degli ortodossi sono ora il blocco di potere “oscillante” chiave. La linea di Netanyahu sull’Iran non può essere contestata dai politici israeliani oggi (infatti, anche gli ex funzionari israeliani di alto livello “di sinistra” / liberali hanno salutato l’assassinio di Fakhrizadeh). Idem per la questione palestinese. Netanyahu li ha semplicemente tolti dall’agenda interna israeliana. Sono diventate posizioni nazionali consolidate. Se Netanyahu abbandonasse la scena politica, la politica israeliana cambierebbe in modo significativo, visti i cambiamenti già radicati in essa? Improbabile.

Pompeo con Netanyahu

Sull’Iran, l’esplicita condizionalità JCPOA di Netanyahu è più vicina alle linee rosse di 12 punti di Pompeo (massimalista), che a qualcosa che assomiglia all ‘”approccio di Obama”. L’Iran afferma – definitivamente – che non accetterà nuove condizioni per un rilancio del JCPOA. Israele dice – definitivamente – che non accetterà mai il PACG (patto sul nucleare) così com’è.

Nel playbook di Obama, e ora anche di Biden, questo ha sempre aperto concettualmente la finestra a una possibile azione militare (se l’Iran si precipitasse verso un ” arma ” (nella formulazione degli Stati Uniti), e, secondo il punto di vista israeliano, se l’Iran dovesse correre al 90% arricchimento a livello di armi ).

Data la logica della formulazione sia statunitense che israeliana, l’azione militare sarà inevitabilmente distillata in seria considerazione. Il team “A” di Biden crede che un attacco limitato agli impianti nucleari iraniani sia realistico, senza innescare una guerra più ampia? In caso contrario, la squadra “A” è quindi pronta a contemplare una guerra più ampia – per conto di Israele? Si spera di no.

Il Mossad e alcune agenzie di intelligence occidentali considerano l’Iran sull’orlo del collasso economico e dell’implosione politica, a causa della loro percezione di un Iran lacerato dalla disaffezione popolare. La Russia e la Cina, tuttavia, vedono l’Iran in modo diverso: vedono l’Iran sia come il perno dell’RBI (aiutano a finanziarlo), sia al centro di una strategia energetica nord-sud del “cuore”. Riconoscono anche il significativo contributo dell’Iran alla sicurezza regionale – una grande disparità in analisi con quella dell’Occidente, che è raramente considerata.

Quello che dovrebbe essere meno in discussione, tuttavia, è la vera trasformazione all’interno dell’Iran. Il suo centro di gravità politico si è spostato: nelle elezioni parlamentari del 2020, la fazione dei Principalisti (conservatori) ha ottenuto una vittoria senza precedenti conquistando 221 seggi su 291 nel parlamento iraniano. Ed è probabile che il prossimo presidente – che sarà eletto a metà del 2021 – uscirà da questa fazione. L’Iran ha adottato la propria Ostpolitik. Sta sviluppando le sue opzioni lontano dall’America e dall’Europa, ed è più culturalmente nazionalista.

Giovani e meno giovani ora sono ugualmente sospettosi sia dell’Europa che dell’America – mentre all’inizio dell’era Obama c’era un autentico ottimismo sul fatto che fosse possibile un riavvicinamento con l’Occidente. Quell’ottimismo è scomparso da tempo. L’economia iraniana, sebbene non fiorente, si è adattata. Ma in particolare, l’Iran – letteralmente – si è trasformato in termini di capacità militari convenzionali. Questo cambiamento chiave pone la domanda cruciale: perché esattamente oggi l’Iran vorrebbe un nuovo accordo nucleare? A che prezzo?

Tom Friedman del NY Times (nessun amico dell’Iran), sorprendentemente lo capisce :

“Con l’assassinio presumibilmente da parte di Israele di [Mohsen Fakhrizadeh], il Medio Oriente promette di complicare il lavoro di Joe Biden dal primo giorno. Il presidente eletto Biden conosce bene la regione, ma se avessi un consiglio per lui, sarebbe questo: questo non è il Medio Oriente che hai lasciato quattro anni fa …

Sì, Israele e gli stati arabi sunniti vogliono assicurarsi che l’Iran non possa mai sviluppare un’arma nucleare. Ma alcuni esperti militari israeliani oggi vi diranno che la prospettiva che l’Iran abbia una bomba atomica non è ciò che li tiene svegli la notte – perché non vedono Teheran usarla. Sarebbe un suicidio, e i leader ecclesiastici iraniani non hanno tendenze suicide.

Presentazione dei nuovi missili iraniani

Sono, però, pronti a vendicarsi.

E le nuove armi preferite dall’Iran per l’omicidio sono i missili a guida di precisione che gli Yemeniti hanno usato sull’Arabia Saudita e che l’Iran continua a cercare di esportare ai suoi delegati in Libano, Yemen, Siria e Iraq, che rappresentano una minaccia fatale immediata per Israele, Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, l’Iraq e le forze statunitensi nella regione. (L’Iran ha una rete di fabbriche che producono i propri missili a guida di precisione.)

Se Biden cerca di riprendere l’accordo nucleare iraniano così com’era – e rinuncia all’influenza di sanzioni economiche estreme sull’Iran, prima di raggiungere un accordo sulla sua esportazione di missili a guida di precisione – sospetto che incontrerà molta resistenza da Israele, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

Perché? È tutto nella parola “precisione”. Nella guerra del 2006 in Libano, la milizia per procura iraniana, Hezbollah, ha dovuto sparare una ventina di razzi superficie-superficie muti, non guidati, di portata limitata nella speranza di danneggiare un singolo obiettivo israeliano. Con i missili a guida di precisione fabbricati in Iran, Hezbollah – in teoria – ha bisogno di lanciare un solo razzo ciascuno contro 20 diversi bersagli in Israele con un’alta probabilità di danneggiarli tutti …

Questo è il motivo per cui Israele [sta cercando] di impedire a Teheran di raggiungere il suo obiettivo di circondare virtualmente Israele con delegati in Libano, Siria, Iraq e Gaza, tutti armati di missili a guida di precisione … “Pensa alla differenza di versatilità tra telefoni stupidi e smartphone “, Ha osservato Karim Sadjadpour, un senior fellow del Carnegie Endowment:” Negli ultimi due decenni siamo stati consumati impedendo la grande arma dell’Iran, ma sono le migliaia di piccole armi intelligenti che l’Iran ha proliferato che sono diventate il vero e immediato minaccia per i suoi vicini. “

Sistema difesa aerea dell’Iran

Friedman ha ragione (in parte): l’omicidio di Fakhrizadeh probabilmente è stata la missiva formale di Netanyahu alla sorte di Biden per avvertire che Israele sta guardando più alla ‘fine dell’opzione militare’ di qualsiasi ‘spettro di accordi’, piuttosto che accettare qualcosa di simile un risultato in stile JCPOA, all’estremità opposta dello spettro di accordi.

La questione “sottobanco” è l’abilità militare convenzionale dell’Iran , e non le sue presunte armi nucleari. Ed è per questo che Israele insisterà sulla massima pressione – cioè più (e non meno) leva sulle sanzioni estreme degli Stati Uniti – sull’Iran, per imporre vincoli al suo armamento convenzionale, così come al suo programma nucleare. E questo semplicemente non accadrà – l’Iran non lo farà. “Sarà molto, molto difficile da negoziare”, dice Friedman, “è complicato”.

Infatti. Portare avanti i negoziati secondo i vecchi protocolli Obama porterà inevitabilmente Biden direttamente alla minaccia esplicita dell ‘”opzione militare” (che sembra corrispondere esattamente alle intenzioni di Netanyahu).

Paradossalmente, tuttavia, è proprio questa nuova capacità convenzionale “intelligente” iraniana che alla fine potrebbe dissuadere Biden dal percorso dell’opzione militare – la paura di innescare una guerra in tutta la regione che potrebbe distruggere gli Stati del Golfo. Ed è questa trasformazione iraniana che indica perché l ‘”opzione militare” non è una vera opzione : un’opzione militare approvata dagli Stati Uniti è un’opzione “pillola rossa” per la regione.

Qualsiasi nuovo accordo, avverte Friedman, “sarà molto, molto difficile da negoziare”. Friedman implica che la difficoltà di Biden sarà nel persuadere gli iraniani. In realtà, la difficoltà – al contrario – sta nel convincere Biden a persuadere Netanyahu a guardare la verità negli occhi: l’opzione “pillola rossa” distruggerebbe anche Israele.


*Alastair CROOKE
Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum di Beirut.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

N.B. Le opinioni espresse nell’articolo possono non corrispondere a quelle della redazione

5 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 21:06h, 08 Dicembre Rispondi

    I sionisti hanno già utilizzato le atomiche tattiche in Siria nel 2013
    Dicono in risposta all’affondamento di un sommergibile israeliano nuovo di zecca da parte dei siriani

    Per questo che sono intervenuti i russi?

    https://youtu.be/4pI2Liqn7oY

  • Alessandro
    Inserito alle 09:38h, 09 Dicembre Rispondi

    Caro farouq, non capisci o ci fai.
    Dietro l’atomica all’Iran c’è dietro la Germania, I quali sono alleati da sempre.
    Germania che si troverebbe cosi ad avere cosi l’atomica indirettamente.
    In più l’esercito iraniani a combattere per proxy.
    Bene fa Trump a valutare tutte le opzioni e andare dritto al cuore del problema se sarà necessario.

    • giulio
      Inserito alle 21:32h, 09 Dicembre Rispondi

      ma che accidenti racconti? germania dietro l’atomica all’iran, esercito iraniano come esercito “proxy” (che bello questo inglesismo!) della germania….mai lette tante fake (anch’io sono costretto all’inglesismo ma solo per evitare termini peggiori in italiano) in poche righe! Peraltro Farouq non ha minimamente parlato di atomiche iraniane!

  • Mardunolbo
    Inserito alle 00:24h, 10 Dicembre Rispondi

    Bidet difficilmente otterrà la presidenza e quanto desidera per fare il favore al deep state e Wall-Street !
    I perchè sono tanti ma un po’ di chiarezza viene fatta da due video illuminanti , pur se detestati dai filo-comunisti e filo-cinesi:
    1 video da ascoltare per bene: https://www.youtube.com/watch?v=C1iU6tgXxvQ&list=UUOBOQKBXp_ksVnL9s6sWZ9g
    2 https://www.youtube.com/watch?v=VBeC-nb2F6U

    Dopo questi video leggerò con piacere le vomitate giulive….ah,ah,ah !

  • atlas
    Inserito alle 06:02h, 10 Dicembre Rispondi

    si nota come la giulite sia una malattia infettiva e contagiosa

    ci si vaccina semplicemente studiando il mein kampf

Inserisci un Commento