La violenza israeliana lascia 4 bambini morti in un nuovo attacco a Gaza

La nuova aggressione del regime israeliano contro la Striscia di Gaza ha provocato almeno 13 morti, tra cui quattro bambini.

Martedì mattina presto il regime israeliano ha lanciato una nuova ondata di aggressione contro la Striscia di Gaza assediata e ha ucciso diversi palestinesi, tra cui tre comandanti della Jihad islamica.

Martedì il ministero della Salute palestinese ha riferito che i bombardamenti hanno provocato 13 martiri, tra cui quattro bambini, e altri 20 feriti.
La Resistenza palestinese afferma che Israele pagherà un prezzo alto per la sua aggressione a Gaza e promette una “dolorosa risposta” ai crimini del regime.

Il capo della leadership politica del Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS), Ismail Haniya, martedì ha chiarito alle autorità israeliane che l’assassinio dei comandanti e dei leader della Resistenza non fornirà sicurezza al regime di occupazione.

Ha affermato che Hamas, da sola, darà una dolorosa risposta al nemico, sottolineando che il regime di Tel Aviv ha sbagliato le sue stime e pagherà per il suo crimine.

“Israele cerca di soddisfare i coloni con sangue palestinese”
Nel frattempo, la Jihad islamica palestinese, attraverso un comunicato diffuso martedì, ha assicurato che la risposta palestinese a questo massacro non subirà ritardi e che i combattenti di Saraya Al-Quds (Brigate Al-Quds), il ramo militare della stessa movimento insieme ad altre fazioni della Resistenza, vendicheranno il sangue puro dei martiri.

Sebbene il regime israeliano abbia affermato che gli attacchi aerei, soprannominati da Israele Operazione “Scudo e freccia”, hanno preso di mira alti dirigenti della Jihad islamica palestinese, i rapporti indicano attacchi massicci su aree residenziali e video mostrano edifici civili colpiti nelle riprese.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Due delle vittime innocenti della violenza isreliana-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM