La vendetta dell’Impero: far bruciare l’Eurasia meridionale


di Pepe Escobar

I politici egemoni fingono che il Nord Atlantico si sia spostato verso la Cina meridionale. Buona notte e buona fortuna.

Non si dovrebbe mai sottovalutare la dissonanza cognitiva collettiva mostrata dal branco di iene dalla faccia lucida che guidano la politica estera degli Stati Uniti.

Eppure, questi psicopatici straussiani neocon sono riusciti a ottenere un successo tattico. L’Europa è una nave di pazzi diretta a Scilla e Cariddi – con lacchè come il Piccolo Re francese e il Cancelliere di fegato tedesco che collaborano alla debacle, con le Gallerie governative che annegano in un vortice di moralismo isterico .
Sono coloro che guidano l’egemone che stanno distruggendo l’Europa. Non la Russia.

Ma c’è anche il quadro generale del New Great Game 2.0.
Due analisti russi, con mezzi diversi, hanno stilato una roadmap sorprendente, del tutto complementare e del tutto realistica.

Il generale Andrei Gurulyov, in pensione, è ora membro della Duma. Crede che la guerra tra NATO e Russia sul suolo ucraino finirà solo nel 2030, quando l’Ucraina avrebbe praticamente cessato di esistere.

La sua scadenza è il 2027-2030, che finora nessuno ha osato prevedere. E “cessare di esistere”, secondo Gurulyov, significa effettivamente scomparire da qualsiasi mappa. La logica conclusione dell’operazione militare speciale – più volte ribadita dal Cremlino e dal Consiglio di Sicurezza – è implicita: smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina; stato di neutralità; nessuna adesione alla NATO; e “indivisibilità della sicurezza”, sia per l’Europa che per lo spazio post-sovietico.

Quindi, finché non avremo questi fatti sul campo, Gurulyov sta sostanzialmente dicendo che il Cremlino e lo stato maggiore russo non faranno alcuna concessione. Nessun “conflitto congelato” imposto dalla Beltway o finti cessate il fuoco, che tutti sanno non saranno rispettati, così come non lo sono mai stati gli accordi di Minsk.

Eppure, Mosca ha un problema. Anche se il Cremlino insiste ancora che questa non è una guerra contro i fratelli e i cugini slavi dell’Ucraina – il che significa che non ci sarà un’operazione Shock and Awe in stile americano per polverizzare tutto ciò che vede – il verdetto di Gurulyov implica che la distruzione dell’attuale escrescenza cancerogena e lo stato ucraino corrotto è un imperativo.

Un inventario completo di questo crocevia cruciale così com’è afferma giustamente che se la Russia fosse stata in Afghanistan per 10 anni e in Cecenia, per tutti i periodi, per altri 10 anni, l’operazione militare speciale – descritta anche da alcune persone molto influenti a Mosca come un La “quasi guerra” – e, inoltre, contro l’intera forza della NATO, potrebbe durare altri 7 anni.

Una fonte sostiene anche giustamente che per la Russia l’aspetto cinetico della “quasi-guerra” non è nemmeno il più importante.

In quella che, a tutti gli effetti, è una guerra all’ultimo sangue contro il neoliberismo occidentale, ciò che conta davvero è un grande risveglio russo – già in atto: “L’obiettivo della Russia è emergere nel 2027-2030 non come un mero “vincitore” in piedi tra le rovine di un paese già dimenticato, ma come uno stato che si è ricollegato al suo arco storico, ha ritrovato se stesso, rifondato i suoi principi, il suo coraggio in difesa della sua visione del mondo. »

Sì, è una guerra di civiltà, come ha magistralmente spiegato Alexander Dougin . E questo è un rinascimento della civiltà. Eppure, per gli psicopatici straussiani neocon, questo è solo un altro racket per far precipitare la Russia nel caos, installare un burattino e rubare le sue risorse naturali.

Il fuoco della polvere da sparo
L’analisi di Andrei Bezrukov integra perfettamente quella di Gurulyov ( qui, in russo ). Ex colonnello dell’SVR (servizio di intelligence straniero russo), Bezrukov è ora professore presso la cattedra di analisi applicata dei problemi internazionali presso MGIMO e presidente del think tank Council on Foreign and Defence Policy.

Bezrukov sa che l’Impero non prenderà alla leggera la massiccia umiliazione della NATO in Ucraina. E anche prima della possibile linea temporale del 2027-2030 proposta da Gurulyov, afferma che l’Impero darà fuoco all’Eurasia meridionale, dalla Turchia alla Cina.

Il presidente Xi Jinping, durante la sua importante visita al Cremlino il mese scorso, ha detto al presidente Putin che il mondo sta attualmente subendo cambiamenti ” senza precedenti da 100 anni”. »

Bezrukov ci ricorda opportunamente lo stato delle cose in quel momento: “ Tra il 1914 e il 1945 il mondo era nello stesso stato intermedio di oggi. Questi trent’anni hanno cambiato completamente il mondo: dagli imperi e dai cavalli all’emergere di due potenze nucleari, le Nazioni Unite e i voli transatlantici. Stiamo entrando in un periodo simile che, questa volta, durerà circa vent’anni. »

L’Europa, come ci si potrebbe aspettare, “appassirà ” , perché “ non è più il centro assoluto dell’universo ”. Nel bel mezzo di questa ridistribuzione del potere, Bezrukov torna su uno dei punti chiave di un’analisi fondamentale sviluppata di recente da Andre Gunder Frank: ” 200-250 anni fa, il 70% dell’industria manifatturiera era in Cina e in India. Torniamo all’incirca a quella percentuale, che corrisponderà anche alla dimensione della popolazione. »

Non sorprende quindi che la regione in più rapida crescita – che Bezrukov chiama “Eurasia meridionale” – possa diventare una “zona a rischio”, potenzialmente trasformata dall’egemone in un gigantesco barile di polvere da sparo.

Sottolinea che l’Eurasia meridionale è costellata di confini in conflitto, come il Kashmir, l’Armenia-Azerbaigian, il Tagikistan-Kirghizistan. L’egemone è destinato a investire in un divampare di conflitti militari su confini contesi e tendenze separatiste (ad esempio in Balochistan). Le operazioni segrete della CIA si moltiplicheranno.

Paracadutisti russi

Secondo Bezrukov, la Russia riuscirà comunque a cavarsela: “ La Russia ha grandissimi vantaggi, perché siamo il più grande produttore di generi alimentari e il più grande fornitore di energia. E senza energia a buon mercato, non ci sarà né progresso né digitalizzazione. Inoltre, siamo l’anello di congiunzione tra Oriente e Occidente, senza il quale il continente non può vivere, perché deve commerciare. E se il Sud brucia, le rotte principali non attraverseranno gli oceani meridionali, ma il Nord, principalmente via terra. »

La sfida più grande per la Russia sarà mantenere la stabilità interna: ” Tutti gli stati si divideranno in due gruppi in questa svolta storica: quelli che riescono a mantenere la loro stabilità interna e si muovono ragionevolmente, senza spargimento di sangue, nel prossimo ciclo tecnologico. , e quelli che falliscono, che scivolano, che vivono una sanguinosa resa dei conti interna come quella vissuta cento anni fa. Questi ultimi saranno indietro di dieci o vent’anni, guariranno le loro ferite e cercheranno di mettersi al passo con gli altri. Il nostro compito è quindi quello di mantenere la stabilità interna. »

Ed è qui che il Grande Risveglio evocato da Gurulyov, o la Russia che si riconnette con il suo vero ethos di civiltà, come afferma Dougin, svolgerà il suo ruolo unificante.

C’è ancora molta strada da fare e una guerra contro la NATO da vincere. Nel frattempo, in altre notizie, i politici egemoni stanno facendo sembrare che il Nord Atlantico si sia spostato verso la Cina meridionale. Buona notte e buona fortuna.

Pepep Escobar

Fonte: Strategic Culture
Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM