La valuta dei BRICS colpirà il muro di mattoni della NATO

Attenzione al petrodollaro! Tre potenze energetiche del Golfo Persico hanno appena aderito ai BRICS
BRICS hanno rivelato le loro priorità geopolitiche aggiungendo tre stati del Golfo Persico alla loro lista di membri, un tempo esclusiva. Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti sono stati coinvolti strategicamente per porre fine al petrodollaro.

Il filo conduttore del vertice BRICS tenutosi a Johannesburg dal 22 al 24 agosto è stato, come era prevedibile, l’allargamento del gruppo a sei nuovi Stati membri. Sebbene sia di per sé un evento a sé stante, in realtà è parte dell’agenda principale del gruppo, vale a dire la multipolarità globale e la creazione di un’architettura commerciale e finanziaria internazionale più giusta, cruciale per la crescita economica.

La dichiarazione di Johannesburg II adottata al termine del vertice menziona modestamente, alla fine del documento, che l’aggiunta di sei nuovi membri è il risultato di un ” consenso sui principi guida, gli standard, i criteri e le procedure del processo di espansione dei BRICS ” .

Tuttavia, l’elenco dei sei paesi – Argentina, Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti – rivela anche altri importanti indizi. Innanzitutto, questo consenso dei BRICS è ancorato a una profonda intesa russo-cinese. Inoltre, i BRICS si dichiarano un gruppo non occidentale. Non c’è dubbio che i BRICS attribuiscono la massima importanza all’Africa e alla regione del Golfo Persico, con l’Egitto e l’Etiopia, i due antichi stati di civiltà, come “spina dorsale”.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha poi rivelato che il “consenso” era stato raggiunto dopo “discussioni vivaci” e alcune serie considerazioni:

“ Il peso, la rilevanza e l’importanza dei candidati, così come la loro reputazione internazionale, sono stati per noi fattori fondamentali. Siamo tutti dell’opinione che dobbiamo reclutare tra le nostre fila paesi che la pensano allo stesso modo e che credono in un ordine mondiale multipolare e nella necessità di più democrazia e giustizia nelle relazioni internazionali. Abbiamo bisogno di coloro che sostengono un ruolo maggiore per il Sud del mondo nella governance globale. I sei Paesi la cui adesione è stata annunciata oggi soddisfano pienamente questi criteri ”.

Si pensava che il processo di espansione dei BRICS sarebbe stato molto controverso, ma l’unità del gruppo ha retto bene. La sorpresa più grande è stata il passaggio dell’India ad un ruolo proattivo, contraddicendo tutte le previsioni occidentali. Ciò crea un nuovo clima per le relazioni India-Cina poiché il presidente Xi Jinping e il primo ministro Narendra Modi hanno effettivamente rotto il ghiaccio.

Con così tanta attenzione all’Asia occidentale e all’Africa, il Brasile potrebbe essere sembrato un’aberrazione, ma l’inclusione dell’Argentina ha calmato il senso di disagio del Brasile; La Cina ha cercato di includere l’Etiopia; La Russia voleva includere l’Egitto. L’India è stata inoltre lieta di mantenere rapporti storicamente amichevoli e stretti con i sei nuovi arrivati.

Il merito forse va al ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, le cui capacità diplomatiche e perseveranza hanno contribuito a sviluppare l’algoritmo alla base dell’espansione dei BRICS.

Lavrov ha visitato Pretoria almeno quattro volte dopo l’inizio delle operazioni militari speciali russe (SMO) nel febbraio dello scorso anno. È vero che la macchina dei cuori e delle menti del Cremlino funzionava a pieno ritmo: in occasione del primo anniversario dell’OMS il Sudafrica ha organizzato un’esercitazione militare congiunta con la Russia e quest’anno il presidente Cyril Ramaphosa si è recato due volte a Mosca. In parole povere, ha tenuto per mano il presidente Vladimir Putin mentre la Russia affermava il suo “non isolamento”. I risultati del vertice BRICS lo testimoniano.

Il crollo del petrodollaro
Ma ciò che veramente risalta nell’espansione dei BRICS è la preponderanza degli stati membri della regione del Golfo Persico – Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Iran.
Allora qual era il piano d’azione per integrare tre delle più importanti superpotenze energetiche del mondo? Putin ha più volte espresso l’opinione della Russia secondo cui, per molto tempo a venire, l’economia mondiale, soprattutto le economie occidentali, non potranno fare a meno degli idrocarburi come principale fonte di energia per far funzionare i mezzi di produzione in modo efficiente e redditizio.

La Russia e l’Arabia Saudita da sole rappresentano un quarto della produzione mondiale di petrolio. Russia e Iran detengono le riserve di gas più grandi e seconde al mondo.

Se la guerra in Ucraina ha dimostrato qualcosa, è che i paesi ricchi di materie prime non possono essere intimiditi. Si tratta della volontà e dello spazio a disposizione di questi stati ricchi di risorse per esercitare la propria autonomia strategica. L’era della Guerra Fredda non offriva alcun margine di manovra. Ma la correlazione delle forze è cambiata radicalmente, soprattutto con lo svanire del “momento unipolare” post-Guerra Fredda.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti ne sono l’esempio migliore. Stretti alleati degli Stati Uniti per decenni, stanno ora diversificando le loro relazioni estere, in particolare con Cina e Russia, che Washington considera nemiche giurate. L’Iran, soggetto anche a sanzioni estreme da parte di Stati Uniti e Unione Europea, vanta oggi una partnership strategica con Mosca e Pechino.

È interessante notare che questi tre paesi produttori di petrolio sono aperti anche al commercio di petrolio in valute diverse dal dollaro. Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto alla Russia l’anno scorso, confiscando le sue riserve per centinaia di miliardi di dollari, ha provocato un’onda d’urto in tutti i cosiddetti stati “petrodollaro” del Golfo Persico e oltre.

Qualche settimana fa, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov si è rallegrato del fatto che il processo di dedollarizzazione dell’economia mondiale “ continua senza sosta ”. L’uso delle valute nazionali è già diventato una realtà oggi, una realtà che sta crescendo su scala globale. Non solo i paesi che si trovano ad affrontare sanzioni restrittive, ma anche quelli che non lo sono, ricorrono a questa pratica, poiché comprendono i benefici di questo regime per l’attività economica estera.

A luglio, infatti, l’India e gli Emirati Arabi Uniti, che non sono soggetti a sanzioni, hanno firmato un accordo per regolare i loro scambi commerciali in rupie anziché in dollari, che rafforza gli sforzi compiuti dagli Emirati Arabi Uniti per ridurre i costi di transazione eliminando le conversioni in dollari. Basti dire che lo scorso anno il commercio bilaterale tra India ed Emirati Arabi Uniti è ammontato a 84,5 miliardi di dollari. Le prime transazioni tra i due paesi nell’ambito del nuovo accordo, in particolare per quanto riguarda petrolio e oro, sono già iniziate.

Tutto suggerisce che la possibile creazione di una moneta unica BRICS rientrasse nelle discussioni di Johannesburg. Putin ha fatto riferimento a questo nella sua dichiarazione ai media, dicendo: “ Penso che una moneta unica meriti davvero la nostra attenzione. Questa è una questione complessa, ma dobbiamo risolverla in un modo o nell’altro ”.

È molto probabile che questa complessa discussione progredirà fino ai prossimi due vertici BRICS, nel 2024 e nel 2025, sotto la presidenza rispettivamente di Russia e Brasile, due Stati membri che sostengono l’idea di una valuta comune.
In sintesi, con l’intronizzazione dei tre principali paesi produttori di petrolio del Golfo Persico, i BRICS 2023 segneranno l’inizio dell’erosione del petrodollaro. Questo è un grande passo verso un mondo multipolare. I nuovi meccanismi di regolamento, la moneta comune, ecc., detronizzeranno gradualmente il dollaro, liberando così l’economia mondiale dalle grinfie della Federal Reserve americana.

Rafforzare il Sud del mondo
La logica alla base dell’integrazione dei tre stati petroliferi dell’Asia occidentale – così come dell’Egitto e dell’Etiopia – può essere valutata anche in termini di imperativi di connettività regionale con il continente africano, che Russia e Cina vedono come sull’apice di un percorso storico. trasformazione economica. Si prevede che entro il 2050, la sola spesa manifatturiera in Africa raggiungerà i mille miliardi di dollari, offrendo enormi opportunità alle imprese globali.

Ma un’efficace integrazione intra-africana sarà essenziale per la trasformazione economica del continente. La Russia spera di collegare la regione del Golfo Persico al corridoio internazionale di trasporto nord-sud, una rete multimodale di 7.200 km di navi, treni e strade per il trasporto di merci, ed estenderlo oltre al mercato africano.

Mosca discute con Il Cairo la creazione di una zona economica speciale vicino al Canale di Suez. L’Arabia Saudita sta sviluppando una vasta rete ferroviaria che collega il nord e il sud. Sono previsti una serie di nuovi porti lungo le coste saudite ed emiratine.

In definitiva, la grande domanda è se ciò che è accaduto a Johannesburg sia l’espansione dei BRICS come evento “autonomo”. È certo che la comparsa, da un giorno all’altro, di sei importanti Stati sotto la loro egida – che diventeranno membri a pieno titolo dei BRICS dal 1° gennaio 2024 – ha cortocircuitato tutte le lungaggini procedurali, come è uso all’interno dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO ) o dell’Unione europea.

Il senso di urgenza è palpabile. Non sono state poste domande, non hanno avuto luogo interrogatori, non ci si aspettava alcuna relazione di conformità da parte dei nuovi Stati membri selezionati con cura. I paesi, ciascuno una potenza regionale con le proprie credenziali, sono stati semplicemente accolti su un tappeto rosso.

Naturalmente, molte confabulazioni e discussioni silenziose tra Russia e Cina hanno aperto la strada. I russi sanno perfettamente distinguere la tattica dalla strategia e, in questo caso, si dà il caso che si adattino all’ordine mondiale sostenuto da Mosca.

Se a questo aggiungiamo la profonda riforma del commercio e dei pagamenti già in corso, ciò che sta accadendo non è altro che la sostituzione del sistema commerciale internazionale che è stato governato esclusivamente dall’Occidente nel corso dei secoli con l’obiettivo di trasferire ricchezza dal resto del mondo al loro curatissimo “giardino”. Se l’Occidente collettivo non mostra la sagacia necessaria per adattarsi alle nuove realtà, le erbacce potrebbero presto iniziare a invadere il suo “giardino” e trasformarlo in una giungla. La ripresa economica dell’Europa sarà difficile.

Si prospetta un periodo turbolento
In sintesi, il significato storico dell’espansione dei BRICS dovrebbe essere valutato come segue: in primo luogo, l’Iran e due ex alleati regionali degli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, hanno lo spazio tanto necessario per negoziare con Washington un rapporto di uguaglianza basato sul rispetto e sulla cooperazione in beneficio reciproco. Non commettere errori, hanno voglia di approfittarne.

In secondo luogo, la dominazione occidentale dell’Asia occidentale sta giungendo al termine, in senso storico, preannunciando un profondo cambiamento nell’ordine regionale. Il processo che la Cina ha avviato – con il silenzioso appoggio della Russia dietro le quinte – nel mediare la riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran si muoverà ora verso la sua logica conclusione prima piuttosto che dopo.

Ciò significa che la mentalità coloniale occidentale del “divide et impera” non troverà più acquirenti tra gli stati della regione. Ciò che è accaduto a Johannesburg avrà quindi conseguenze per Israele e Turchia.

Infine, e soprattutto, il processo di dedollarizzazione, che sarebbe progredito a passo di lumaca, ora accelererà. Ciò che Putin ha annunciato quando il governo di Biden ha imposto le “sanzioni infernali” contro la Russia – in particolare la sua esclusione dal sistema di pagamento SWIFT – che gli Stati Uniti avrebbero dovuto pagare un prezzo molto alto, si sta avverando. La reazione negativa è appena iniziata nel sistema finanziario e commerciale internazionale.

L’Occidente semplicemente non può vincere nel prossimo confronto con la Maggioranza Mondiale. E la transizione può essere affrontata da Washington solo attraverso la riconciliazione con Mosca e Pechino, che non è un veleno facile da digerire per gli americani.

Ciò dovrà iniziare con la fine della guerra per procura contro la Russia in Ucraina e con il ritiro o l’abbandono del tentativo di alimentare le tensioni con la Cina su Taiwan. D’altra parte, qualsiasi spostamento della strategia statunitense dalle sue politiche militarizzate e bellicose avrà implicazioni a lungo termine per l’intero sistema di alleanze occidentali guidate dagli Stati Uniti, mentre avrà un impatto a breve termine sulla campagna di rielezione del presidente Joe Biden. L’umiliante sconfitta nella guerra in Ucraina non può più essere nascosta.

I tempi futuri saranno turbolenti, poiché la vecchia mentalità occidentale, egocentrica ed egemonica, non si arrenderà facilmente. Per quanto riguarda i gruppi di interesse radicati negli Stati Uniti e in Europa, il loro istinto di base sarà quello di inventare tattiche ritardatrici per ritardare il cammino della storia. Ma ciò non funzionerà se i BRICS manterranno la rotta.

Reseau international

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “La valuta dei BRICS colpirà il muro di mattoni della NATO

  1. Gli arabi andavano sterminati 100 anni fa ‘ , quelle colonie dovevano essere ripulite da quei seviziatori di cammelli, si mandavano li a lavorare i nostri meridionali e la questione era risolta ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM