La Turchia sta uscendo dalla riserva degli Stati Uniti

di   Tom Luongo

Il vertice BRICS di quest’anno è stato un grande spettacolo. Nessuna domanda particolare. L’evento principale è stato fornito dal presidente turco, il dittatore/neosultano,  Recep Tayyip Erdogan.
Erdogan vuole aggiungere una “T” per l’acronimo, rendendoli i BRICTS.

Erdogan ha anche chiarito che il passaggio della Turchia dall’Ovest procederà più rapidamente se il bullismo e l’emarginazione da parte USA  continueranno. Da mesi ormai, la Turchia sta lottando con un Lira turca  in rovina e il mercato dei titoli di stato in forte ribasso.

L’ultimo arrivato del  “cartello” BRICS  per causa della crisi del debito sovrano in corso.

L’amministrazione Trump sa che la Turchia sta scivolando dalla sua presa. Vi siete mai chiesti perché le valute di alcuni paesi vengono spazzate via quando ad altri paesi con bilanci peggiori o bilancia commerciale in passivo  questo non lo accade?

Dovreste chiederlo perché, porre questa semplice domanda, vi porterà a chiedere “Perché X? Perché proprio adesso?”

E nel caso della Turchia questo avviene per molte ragioni

La Turchia ha svolto un ruolo chiave nell’assistere l’Iran a resistere alle sanzioni precedenti all’accordo del JCPOA (nucleare) riciclando le vendite petrolifere iraniane in oro fisico attraverso le banche turche.
La Turchia dipende molto dalle importazioni di energia estera ed è uno dei maggiori clienti dell’Iran come acquirente di petrolio.

Per alleviare questa dipendenza dall’energia estera, la Turchia, attraverso la Russia, sta costruendo centrali nucleari e il gasdotto Turkish Stream.
Il Turkish Stream fornirà alla  Russian Gas di Gazprom uno sconto effettivo poiché la maggior parte della sua capacità è destinata a destinazioni europee e la Turchia probabilmente riceverà commissioni di transito per quel gas che compenserà parte dei costi del gas che acquistano da Gazprom.

La Turchia si rifiuta di rispettare l’editto di Trump di non acquistare petrolio iraniano a novembre.
La Turchia sta acquistando sistemi di difesa missilistica S-400 dalla Russia.

Gli Stati Uniti hanno bloccato la vendita di F-35 alla Turchia come misura di ritorsione. Dato il rapporto costi / benefici dell’F-35, direi che la Turchia è vincente anche su questo fronte.

L’occupazione turca della Siria settentrionale è stata una mossa bloccante per impedire agli Stati Uniti di spostare l’occupazione dall’ovest verso Afrin e unire i cantoni curdi.

Potrei andare avanti, avete compreso il punto della situazione.

Summit dei BRICS

BRICTS of Trade

Nel quadro generale, la Turchia è ancora più importante a causa della sua geografia. E ‘davvero l’unica ragione per cui qualcuno molto potente,  in primo luogo,  si oppone al cambiamento voluto da Erdogan .

Tuttavia, la spinta di Erdogan per l’ammissione nei BRICS è molto più che un puro simbolismo. Questa  riguarda l’accesso al capitale di sviluppo attraverso le loro (dei BRICS) istituzioni parallele a quelle controllate dagli Stati Uniti: il FMI, la Banca Mondiale, la Banca asiatica di sviluppo, le banche Ex-Im, ecc..

Per aiutare la Turchia nella sua lotta per mantenere salde le tattiche di  risposta alle guerre  ibride statunitensi, l’adesione ai BRICS  fornisce ad Ankara l’ accesso a più fonti di capitale cinese. La Cina e la Russia, senza alcuna sorpresa di nessuno, erano favorevoli all’idea.

Come ho sottolineato in un precedente post , Cina e Russia rappresentano quasi il 20% delle importazioni turche, mentre Iran e India rappresentano un ulteriore 6,4%, più grande del contributo degli Stati Uniti.

China Turkey Trade
Importazioni turche per paese

Aumentare le esportazioni della Turchia verso gli altri paesi BRICS dovrebbe essere la priorità. Tuttavia, poiché l’afflusso netto di capitali verso la Turchia è e rimarrà positivo, grazie a una Lira molto più debole, la lenta rimozione della dipendenza dal dollaro può iniziare, grazie ai suoi accordi di cambio di valuta con la Russia e la Cina.

Inoltre, non bisogna sottovalutare il grande giro d’affari commerciale tra Turchia e Germania, un’altra fonte di valuta straniera e di afflusso di capitale.

Guarda la valuta

La risposta della Banca di Turchia alla crisi della lira è stata quella giusta, per acquistare carte di credito  aziendali denominate  in dollari e rimuovere i colli di bottiglia di liquidità dal sistema bancario. Tali passività possono quindi essere ritirate nel tempo mentre si liberano le società per riallineare le loro attività al di fuori del dollaro USA.

Questo è il tallone d’Achille della Turchia, è una grande passività delle sue imprese con nase in dollari. E quelle fragilità potrebbero esplodere se Trump dovesse intensificare la guerra finanziaria e diplomatica contro la Turchia.

Questo è quello a cui il mercato ha risposto.

Poiché la Turchia ha stipulato accordi di swap su valuta con la Cina, è possibile mitigare eventuali eccessi di valuta locale. I prossimi passi qui potranno essere che la Turchia firmi altri accordi swap  con la Russia e / o con l’India.

Questo non toglie  che le cose non saranno difficili per la Turchia. Questo si sta verificando adesso.

Sostengo che esiste un percorso per mettersi fuori  da questo problema, proprio come si era verificato per la Russia alla fine del 2014/15. E in un certo senso proprio come si verifica per l’enorme problema del debito societario in Cina.

Valuta della Turchia 1
La Lira sfonderà questa resistenza?

I titoli continuano a spingere per un ulteriore collasso della Lira e il suo indebolimento potrebbe non essere finito. Ma Triple Tops come vediamo qui di solito sono segnali di inversione, perché dice che i venditori (in questo caso) mancano di convinzione per sopraffare il mix di intervento del mercato da parte della banca centrale e i rialzi  speculativi.

Il punto della campagna di pressione a tutto campo di Trump è di mantenere tutti, specialmente la Cina, a combattere i più piccoli incendi di quanti ne possa tranquillamente spegnere. Questa è la chiave per comprendere la sua politica estera del “Art of the Deal”.

Il problema con questo approccio è che, se non si ottiene capitolazione, alla fine non si ottiene nulla. Perché la leva finanziaria è essenzialmente un bluff. La Turchia dispone di amici e partner, proprio come l’Iran e proprio come la Russia.

Fonte: Straightline logic

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • amadeus
    3 Agosto 2018

    Tutto bene, ma se la Turchia non esce dalla Nato costituisce un grave pericolo per i partner del BRICS, se ci fosse un ripensamento, la cosa può creare molti problemi. Quindi o esce dalla Nato o niente BRICS, Erdogan é abile nello stare con un piede in due staffe.

    • atlas
      4 Agosto 2018

      BRAVO, neanche questa redazione sembra capirlo. Il partito dei fratelli salafiti di merdogan fa capo al PD usa ed è lo stesso che ha distrutto la Tunisia (lì si chiama al nahda)

Inserisci un Commento

*

code