La Turchia sfratta gli USA dalle basi Militari

placeholder


La Turchia ha annunciato di aver proibito alla Forza Aerea degli Stati Uniti l’utilizzo delle sue basi militari e ha dato 15 giorni per uscire dal suo territorio.
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato sabato che il suo paese classifica come “genocidio”, il massacro degli armeni da parte delle forze dell’Impero Ottomano , l’attuale Turchia, durante la prima guerra mondiale; fatto che ha portato a dure condanne da parte del governo turco.

La Turchia rifiuta di riconoscere il massacro degli armeni nel 1915 come “genocidio”
A tal proposito, il presidente del Partito Patriottico della Turchia, Dogu Perinçek, ha annunciato domenica che il suo Paese ha deciso di interrompere la cooperazione militare con Washington, annunciando l’espulsione dell’esercito americano dal proprio territorio e il divieto di utilizzo delle sue basi aeree dall’Aviazione militare degli Stati Uniti, anche nell’ambito della cooperazione dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), secondo il portale russo Avia.Pro.

Secondo Perinçek, Washington sarà obbligata a lasciare le installazioni militari turche entro 15 giorni, indipendentemente dal fatto che il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) sia preparato o meno.

L’alto funzionario ha spiegato che la cooperazione tra Stati Uniti e Turchia in campo militare può considerarsi conclusa. “Le forze armate turche devono stabilire immediatamente il pieno controllo della base aerea di Incirlik [nel sud della Turchia] e far tornare a casa le truppe statunitensi dispiegate lì entro 15 giorni”, ha osservato.
La Turchia ha convocato l’ambasciatore Usa per le dichiarazioni di Biden

Il governo turco ha anche convocato domenica l’ambasciatore Usa ad Ankara (capitale della Turchia), David Satterfield, e ha chiarito di considerare “inaccettabili” le parole del presidente Usa.

La Turchia è pronta a dare una risposta ferma alle minacce statunitensi
Ankara ritiene che l’affermazione di Biden sia “non valida in termini di diritto internazionale” e quindi la respinge a titolo definitivo, hanno detto le autorità turche al diplomatico Usa.

Il premier turco Erdogan

Intanto l’ambasciata Usa ad Ankara, così come i consolati Usa a Istanbul, Adana e Izmir, hanno annunciato che saranno chiusi lunedì e martedì 26 e 27 aprile, come “misura precauzionale” contro possibili proteste.

Il massacro armeno ha avuto luogo tra il 1915 e il 1917 e si stima che abbia ucciso 1,5 milioni di persone. Questo massacro è stato riconosciuto come un genocidio da diversi paesi.

Tuttavia, la Turchia sostiene che il massacro non ha seguito un piano sistematico di sterminio della popolazione armena, ma è avvenuto in scontri che descrive come una “guerra civile”, aggravata dalle carestie, che hanno ucciso diverse centinaia di migliaia di armeni e di etnia turca.


Nota: La perdita della Turchia per la NATO costituisce un grave problema proprio nel momento di maggiori tensioni nel Mar Nero.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus