La Turchia di oggi è una nuova versione dell’Impero Ottomano?


di IVAN SEKULOVIĆ

Negli ultimi decenni, la Turchia ha cercato attivamente di rafforzare la propria influenza sulla penisola balcanica. Questa regione è stata storicamente una sfera dei suoi interessi strategici, proprio come il Medio Oriente e il Caucaso. Alcuni secoli fa, l’Impero Ottomano riuscì a conquistare i Balcani con mezzi militari e mantenere il potere per cinque secoli. Ciò è avvenuto in gran parte grazie alla divisione della regione in stati piccoli e deboli, che si sono scontrati tra loro.

Oggi, seguendo la politica del neo-ottomanismo e guidata, come allora, dal principio del “divide et impera”, la Turchia moderna utilizza anche la silenziosa ostilità degli Stati balcanici divisi, e soprattutto la loro debole posizione economica, per aumentare la propria influenza su quel territorio. Avanzando ulteriormente verso gli obiettivi di “Profondità strategica”, fissati dal principale ideologo del neo-ottomanismo A. Davutoglu, il governo turco sta concludendo accordi bilaterali con i paesi balcanici, che prevedono un notevole sollievo economico e creano condizioni favorevoli per gli investimenti turchi. In questo modo, le aziende turche sono stimolate ad oltrepassare i confini del proprio Paese e ad investire nei “territori storici” dello Stato ottomano. È difficile guardare all’attività economica turca nella regione balcanica al di fuori del contesto storico, culturale e politico. Il neo-ottomanismo, che di fatto è l’ideologia dominante della Turchia, è principalmente una strategia politica con l’economia come componente significativa. Seguendo le sue ambizioni di diventare una potenza mondiale, la Turchia negli ultimi 20 anni ha rafforzato attivamente la sua posizione economica in un certo numero di regioni, sviluppando legami economici e commerciali con i paesi di quelle regioni e investendo in industrie strategiche. Questo si vede bene nell’esempio dei paesi balcanici. Il commercio della Turchia con i paesi della regione nel 2002 è stato di 364 milioni di euro. Nel 2016 è salito a 2,5 miliardi di euro! La ragione più importante del suo successo nel campo dell’economia internazionale è sicuramente la crescita accelerata dell’economia del Paese negli ultimi due decenni. Inoltre, a differenza dei paesi dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti, la Turchia nei suoi programmi di investimento presta molta attenzione alle regioni sottosviluppate di quei paesi in cui investe fondi. Grazie a questo approccio strategico, una strada regionale Novi Pazar – Tutin è in costruzione in Serbia nell’area sottosviluppata di Raska, del valore di 20 milioni di euro. Telecomunicazioni, finanza e infrastrutture Tuttavia, non dobbiamo dimenticare le direzioni strategiche degli investimenti turchi. Sforzandosi di diventare una forza particolarmente influente, investe con successo nei rami strategici dell’economia dei paesi balcanici, acquisendone il controllo.

Il presidente Erdogan

Così, ad esempio, la società “alialik Holding” (Çalik Holding) nel 2007 ha ricevuto una partecipazione di controllo nella società di telecomunicazioni statale albanese ALBtelecom. La holding ha inoltre fondato la società Eagle Mobile, che si è fusa con ALBtelec nel 2012, conquistando una posizione dominante sul mercato dei servizi di telecomunicazione in Albania, e anche in Kosovo e Metohija. “Čalik Holding” opera in diversi settori: dall’energia all’estrazione mineraria, all’industria edile, dalla finanza alle telecomunicazioni. Nel 2006, la società ha inoltre acquisito una partecipazione del 60% nella più grande banca commerciale albanese, Banka Kombetare Tregtare. Nel 2014, Čalik Holding è diventata la banca turca con la quota maggiore nel mercato internazionale (26%). Oltre alla società “Chalik Holding” nei Balcani, ci sono altre banche nel settore finanziario, come la più grande banca statale Halkbank. Nell’ambito del suo programma di investimenti nella regione, quella banca ha acquistato il 75% della proprietà della serba “Čačanska banka a.d.” nel 2015, investendo oltre 10 milioni di euro. La stessa banca ha aperto più di 33 filiali nella Macedonia settentrionale, dove opera dal 2011. Nel maggio 2019, Halkbank ha acquistato la compagnia di assicurazioni macedone Nova Insurance. Secondo il management, la mossa è stata fatta per aumentare la presenza della banca nel mercato assicurativo della regione. Un’altra banca turca, Ziraat Bankası, esiste nei mercati finanziari del Montenegro e della Bosnia-Erzegovina. Un fatto interessante è che questa banca è stata fondata come istituzione finanziaria agricola nell’impero ottomano nel 1856. Dopo le riforme di Ataturk, la banca divenne un’istituzione statale indipendente per sostenere il ramo agricolo in Turchia e, nel 1973, fu trasformata in una banca commerciale completamente indipendente dallo stato. Le aziende turche mostrano un interesse significativo per i trasporti e gli investimenti in infrastrutture.

Dopo il mancato acquisto della compagnia aerea serba, la compagnia turca Turkish Airlines ha acquistato il 49% della compagnia albanese “Air Albania”. In questo modo, la Turchia si è assicurata la sua presenza nello spazio aereo dei Balcani. Oltre al trasporto aereo, la nuova potenza regionale esprime interesse per altri progetti nei Balcani. Nel corso del 2019 è stato raggiunto un accordo con i rappresentanti di Serbia e Bosnia ed Erzegovina per la realizzazione dell’autostrada, che collegherà Belgrado e Sarajevo, per un valore stimato di circa 220 milioni di euro. Oltre a questo importante progetto, la Turchia è coinvolta in molti progetti di costruzione o ricostruzione di strade regionali, come il progetto stradale Novi Pazar – Tutin di cui sopra. Settore energetico Rivendicando il ruolo di superpotenza economica, la Turchia moderna cerca di essere presente nella regione e nel campo dell’energia. Tuttavia, crea una strategia per lo sviluppo di questo ramo con una serie di limitazioni. Quando si tratta di approvvigionamento di fonti energetiche tradizionali (petrolio e gas), la regione balcanica è principalmente orientata verso la Russia. Poiché essa stessa dipende dall’importazione di idrocarburi, la Turchia non ha nulla da offrire ai paesi balcanici. Tuttavia, diventando un partner chiave nella costruzione del gasdotto “Turkish Stream”, ha ricevuto una potente leva di pressione economica e politica non solo sui Balcani, ma anche su altri paesi europei. Nel tentativo di ottenere la piena indipendenza energetica, la Turchia sta inviando navi in ​​acque non lontane da Cipro e dalla Grecia per esplorare il gas naturale.

Unità navali turche

L’ultimo caso del genere si è verificato nell’ottobre dell’anno in corso, quando la nave da ricerca “Oruç Reis” ha iniziato a svolgere operazioni non lontano dall’isola greca di Kastelorizo. Quest’isola, come l’altra Turchia, è considerata un’estensione naturale della sua terraferma. Tuttavia, la Grecia, invocando le norme del diritto internazionale e con l’aiuto dell’UE, è riuscita a esercitare il diritto di proteggere i suoi confini marittimi. Un altro di una serie di tentativi da parte dello Stato turco di ottenere la stabilità energetica si è concluso con un fallimento. Tuttavia, le ambizioni della Turchia non si fermano qui. Utilizzando la politica di incoraggiare l ‘”energia verde” nei paesi della regione, le aziende turche che lavorano in quel ramo mostrano un grande interesse per i progetti di energia alternativa. In questo modo, la società “Girişim Elektrik” funge da partner strategico del fornitore di elettricità statale macedone “ESM” (Centrali elettriche in Macedonia del Nord) nel progetto di costruzione di una centrale solare “Oslomej”, con una capacità di 10MV. Il valore stimato dell’investimento è di 6,9 milioni di euro. Agenzia turca di cooperazione e coordinamento Considerando i Balcani come il suo territorio storico, la Turchia presta grande attenzione agli enti di beneficenza e ai progetti legati alla cultura, all’istruzione, alla storia e alla religione. Il ruolo principale in questo è svolto dall’organizzazione governativa «TİKA» (Türk İsbirliǧi ve Koordinasyon Ajansı Başkanlıǧı – Agenzia turca per la cooperazione e il coordinamento). Questa organizzazione ha realizzato in Serbia e in altri paesi balcanici attraverso progetti di ricostruzione e costruzione di ospedali, scuole, monumenti della storia del periodo ottomano, ecc. In Serbia, con l’aiuto di “TİKA”, è stata realizzata la ricostruzione del grande Centro Clinico “Dragiša Mišović” a Belgrado, e sono state costruite una scuola e una casa della cultura a Novi Pazar, Sjenica e Bujanovac. In Bosnia-Erzegovina, le riparazioni di numerose moschee e scuole sono state completate con i fondi dell’Agenzia. Così, l’auditorium “Sarajevo – Istanbul” è stato restaurato presso l’Università di Sarajevo. Va notato che gli investimenti in progetti culturali ed educativi sono distribuiti in regioni con una popolazione a maggioranza musulmana, tra le quali viene sostenuta l’influenza turca. Si può dire che il lavoro di “TİKA” mira principalmente a creare un’immagine speciale della Turchia tra la popolazione locale. Il denaro non conosce né amore né confini.

Nonostante gli sforzi della Turchia per stabilire uno status di potere speciale nei Balcani e per svolgere il ruolo di “protettore” della popolazione musulmana nella regione, gli investimenti delle organizzazioni commerciali vanno in un minor numero di casi alle regioni a maggioranza musulmana. Negli ultimi anni, gli investimenti del paese in Bosnia ed Erzegovina sono stati drasticamente inferiori rispetto alla regione. Se, ad esempio, nel 2018 ammontavano a circa 210,3 milioni di euro, nello stesso anno la Turchia ha investito in Serbia circa 340 milioni di euro. E qui sorge la domanda: perché si è verificata una situazione del genere? La risposta a questa domanda è chiara. In Turchia, come ovunque, gli imprenditori sono molto attenti e cercano in ogni modo di evitare rischi. Di conseguenza, indirizzeranno il loro capitale verso mercati più stabili. In quel caso, il mercato serbo mostra una maggiore stabilità politica ed economica rispetto alla Bosnia-Erzegovina.

Tuttavia, non va dimenticato che la maggiore presenza economica turca nei Balcani può diventare un mezzo efficace per realizzare il sogno neo-ottomano della moderna leadership turca di tornare nei “territori storici” della penisola balcanica e del sud-est Europa. Ivan Sekulović Master in International Business and Management
Да ли је данашња Турска нова верзија Османског царства?
Fonte: BALKANIST.RS
Да ли је данашња Турска нова верзија Османског царства?
Током последњих неколико деценија Турска се активно труди да ојача утицај на Балканском полуострву. Овај регион историјски представља сферу њених стратешких инте…


Traduzione: Biljana Stojanovic

8 Commenti

  • atlas
    18 Novembre 2020

    non so quanti giuli riescano a comprendere il dialetto tunisino, ma in Tunisia oggi vi è sempre più resistenza nella società alla ‘fratellanza musulmana’ che islamica non è, e che invece è quella che ha preso potere oggi nella Turchia di merdogan e della nato; rafforzata di molto dalla provocazione del falso colpo di stato del 2016 che permise di tacitare e rinchiudere in carcere o espellere dalle amm.ni pubbliche i tanti oppositori veramente Nazionalisti, Grazie soprattutto a una donna molto tenace e combattiva, Avvocato e Presidente del Partito patriottico Costituzionale Libero, Abir Moussi

    praticamente questa manifestazione rappresenta un’opposizione alla politica della confraternita massone, che si fa sempre più invasiva e pericolosa

    si sentono le registrazioni di ciò che disse il loro maestro Yusuf Qaradaoui istigando all’omicidio dell’allora Presidente libico Muàmmar Gheddhafi. La fratellanza cerca anche in tutti i modi di penetrare nella Moschea Al Zitouna di Tunisi: ricordo che essa fu la più grande dell’Islam Sunnita, e fu da lì che ne fuoriuscirono gli Scienziati Islamici che ora si trovano ad Al Azhar Al Cairo

    consiglio chiunque di informarsi e prendere posizione su argomento che voglia o non voglia riguarda tutti, perchè gli stessi agitatori del terrore partono anche dalla Turchia ma sono presenti in Tunisia come in Europa, in Francia, Germania, Austria…si dovrebbe invitare Abir Moussi in convegni e conferenze, magari con Ouday Ramadan che traduce, anche perchè la Tunisia è a 40km dalle Sicilie ed è interessata direttamente con noi per il traffico illecito di stranieri, non solo, la confraternita avrà un ruolo sempre più preponderante ovunque soprattutto ora che Biden è al potere negli usa. Ma vedo ancora poca vivacità intellettuale quì da noi. Si subiscono gli eventi alla giulio e giulisticamente, senza prevenzione e senza attenzione, vorrà dire che accetterete il mondo sinistro dei giuli…

    https://www.facebook.com/AbirMoussiOfficielle/videos/364068068204346/

    • atlas
      18 Novembre 2020

      Yusuf El Qaradaoui è persona dei servizi di sicurezza giudaici, il mossad. Da notare quando afferma di volere fare decreti religiosi contro Russia e Cina, che sarebbero regimi della negazione di Dio, cioè il voler strumentalizzare la SUA religione, salafita, con la politica e per finalità democratiche anglogiuliste

      con Luciano vi era un principio di abbozzo sull’intenzione di andare in Tunisia ad invitare questa Donna coraggiosa, l’unica, che veramente sta sfidando, con un consenso interno sempre più crescente, la confraternita del terrore che con un 16% su solo il 41% di votanti pretende d’impossessarsi e di penetrare in tutti i gangli vitali dello Stato. MOLTO preparata e filorussa è sempre aggredita e scortata, se ne deve fare un riferimento politico anche per l’europa e darle visibilità se no prima o poi farà la fine di Benazir Bhutto, se aspettiamo le femministe e i giuli democratici sinistri di quì ………

      • atlas
        19 Novembre 2020

        eccolo Yusuf Qaradawi, il ‘grande’ “scienziato” dei fratelli musulmani che musulmani non sono. Ospite fisso di al jazeera

        e l’Iran li appoggia ………

        eccolo che detta legge: Hezbollah è il partito di satana…

        e l’Iran li appoggia ……

        https://www.youtube.com/watch?v=3IUK0K3w1go

    • giulio
      19 Novembre 2020

      i “giuli” non capiscono e se ne fregano altamente del dialetto tunisino che piace ai monnezzari … in compenso i “giuli” capiscono il russo che i monnezzari non conoscono.
      I “giuli” avrebbero voluto che i russi eltsiniani del ministero degli esteri reagissero ai tempi del golpe in ucraina mentre i monnezzari erano indifferenti o contrari e subirono – loro si – quegli eventi e altri che seguirono.
      Il mondo dei “giuli” non è nè sinistro nè destro come il mondo dei monnezzari.

      • giulio
        19 Novembre 2020

        i “sunniti” – tanto cari ai monnezzari deviati mentali sono anche quei signori dell’arabia saudita che , col fattivo appoggio dei sionisti e dei trumpiani (e domani con l’appoggio degli obamiani alla biden) , stanno commettendo i peggiori crimini di guerra nello Yemen invece aiutato dagli sciiti iraniani.
        I “sunniti” iracheni furono quelli che con saddam e su istigazione di sionisti e americani, aggredirono l’iran sciita con una guerra durata quasi 10 anni!
        Le finalità “democratiche” sono quelle dei monnezzari che “democraticamente” vorrebbero la rielezione dei trump…i giulii invece lo vorrebbero in galera per crimini di guerra assieme ai biden….quantomeno per il momento vorrebbero che i trump si togliessero dalle palle mentre i monnezzari vorrebbero che restasse in modo da favorire le sue guerre e sanzioni specie contro l’iran!
        i giulii preferiscono gli hezbollah perchè sono tra i pochi che davvero combattono il sionismo mentre i monnezzari preferiscono i sionisti razzisti ebrei …salvo poi fingere di essere contro i “giudei”!
        I giulii, così come gli iraniani, anche tra i sunniti sanno distinguere tra sunniti combattenti e sunniti venduti all’imperialismo…perciò appoggiano i sunniti hezbollah ma non appoggiano i sunniti monnezzari.
        I monnezzari sono manovrati dai peggiori imperialisti e sionisti ebrei mentre i giulii sono uomini liberi non manovrati da nessuno e schierati con chi davvero lotta contro l’imperialismo di chiunque!
        p.s. forse ho tralasciato qualche altra stronzata raccontata dai monnezzari e da quello che fa il boss dei monnezzari

Inserisci un Commento