La telefonata di Biden a Guaido non ha lasciato dubbi: il Venezuela riprende le armi e si prepara allo scontro

Iniziata giovedì 4 marzo 2021, l’esercitazione denominata “Lo Scudo Bolivariano 2020” termina domenica. Alti comandanti dell’esercito venezuelano affermano che l’esercitazione su vasta scala mira a dimostrare “le capacità di difesa dell’esercito venezuelano”, in occasione della commemorazione della memoria del defunto presidente Hugo Chavez. L’esercitazione ha mobilitato quasi 600.000 soldati, il che dovrebbe far riflettere il duo Austin-Blinken.

Il Capo di Stato Maggiore del Comando Operativo Strategico delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB), l’ammiraglio Remigio Ceballos ha annunciato lo svolgimento di un’importante esercitazione con la partecipazione di circa seicentomila truppe per rafforzare le capacità difensive dell’esercito venezuelano.

“Più di 545.000 truppe sotto forma di forze civili, militari e di polizia in tutto il paese si stanno addestrando per combattere il contrabbando, la criminalità organizzata e garantire la sicurezza nel paese. In questo esercizio è stata formata la difesa di centrali elettriche, siti petroliferi e infrastrutture strategiche. Dal riavvicinamento del Venezuela a Russia, Cina e Iran, il settore della difesa sembra essersi diversificato.

L’esercitazione, che si svolge sotto la diretta supervisione del presidente venezuelano, è iniziata giovedì scorso e si concluderà domenica scorsa.

Il presidente Nicolas Maduro ha recentemente ribadito i suoi impegni per rafforzare le capacità delle forze armate venezuelane al punto da prepararsi il più possibile a difendere il Paese. Uno dei settori più presi di mira è quello del petrolio, dove la cooperazione iraniano-venezuelana continua ad espandersi, con dispiacere degli americani e del loro regime di sanzioni. Nel 2020, le raffinerie venezuelane sono state ripetutamente prese di mira da attacchi informatici e soprattutto atti di sabotaggio, il che pone la necessità di barricare meglio questo settore. L’Iran, già presente nel settore della difesa venezuelana con i droni Mohajer-6, starebbe ovviamente al fianco del Venezuela.

Non molto tempo fa l’IRGC ha svelato un sistema di rilevamento e disturbo del radar, chiamato martire Abdollah Bagheri, che ha lo scopo di interferire con il funzionamento dei sistemi di difesa nemici, dei combattenti e delle navi per ridurre la loro efficacia interrompendo il loro radar o creando grossi problemi al loro radar e operazioni di rilevamento. Idem per questo altro sistema di rilevamento anti-radar, il martire Mohammad Reza Dehghan che è un sistema di rilevamento anti-radar, adatto a vari tipi di droni e missili anti-radar. In questi tempi di guerra ibrida, questo tipo di dispositivo che sta gradualmente comparendo nell’arsenale venezuelano potrebbe rafforzare la difesa del paese.

Difesa aerea del Venezuela

Nicolas Maduro ha insistito, in un tweet in occasione della Giornata delle Forze Armate, sulla necessità rappresentata dagli sforzi delle forze armate del Paese per raggiungere il massimo livello di morale, strategia, difesa, addestramento e fornitura di varie armi, nonché il massima capacità di reazione rapida.

Infatti, il 3 maggio 2020, l’esercito venezuelano ha sventato un attacco navale di mercenari supportati dagli Stati Uniti che stavano cercando di entrare in Venezuela attraverso la Colombia e rapire Maduro. I rapporti rilasciati subito dopo hanno rivelato che due dei mercenari arrestati erano dipendenti di una società di sicurezza privata statunitense. I due hanno ammesso di essere coinvolti nel programma di addestramento delle forze di opposizione per rapire Maduro. Si prevedono ora operazioni statunitensi più complesse messe in atto da Washington contro il Venezuela.

FANB alla frontiera con la Colombia

Il ministero degli Esteri venezuelano ha denunciato le menzogne ​​degli Stati Uniti e dell’Unione Europea sottolineando, un po ‘come l’asse della Resistenza, che Caracas avrebbe continuato ad avanzare nei suoi programmi a dispetto delle sanzioni americane.

Il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Ariza ha reagito ai commenti del suo omologo americano, Anthony Blinken, secondo cui Washington continuava a fare pressione su Caracas. In un’intervista con Sputnik , Ariza ha detto che il Venezuela non rappresenta una minaccia per altri paesi della comunità internazionale e che l’Europa e gli Stati Uniti stanno diffondendo bugie ideologiche sul Venezuela. Il capo della diplomazia venezuelana ha anche denunciato gli Stati Uniti per aver presentato il Venezuela come una “minaccia straordinaria”, sottolineando che Washington sta perseguendo una politica di sanzioni unilaterali contro Caracas.
Ariza ha ulteriormente chiarito:

“Non ci aspettavamo nulla di più da Blinken e dagli Stati Uniti. Non ci aspettiamo più niente da nessuno tranne da noi stessi. Indipendentemente da ciò che Washington affronta o non affronta il Venezuela, continueremo ad andare avanti ”.

Gli Stati Uniti ei loro alleati, inclusa la Gran Bretagna, hanno riconosciuto illegalmente Juan Guaido come presidente ad interim del Venezuela il 22 gennaio 2018 e hanno definito illegale il governo di Nicolas Maduro, che era stato rieletto presidente dagli Stati Uniti. Vox populi.

Manifestazione di appoggio alla resistenza anti imperialista in Venezuela

In una conversazione telefonica con Guaido pochi giorni fa, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che l’amministrazione statunitense sostiene la continua pressione multilaterale sul governo Maduro fino a quando non potrà cambiare il “regime” in Venezuela.

Nota: Gli Stati Uniti hanno rimesso il voga la vecchia dottrina Monroe secondo la quale sono soltanto loro, gli USA, che possono stabilire quali siano i governi legittimi nel continente Latino Americano e quali non lo siano. Questo per assicurarsi la possibilità di interferenza negli altri paesi e di promuovere un cambio di regime con mezzi violenti o con guerra ibrida sulla base di sanzioni ed embargo economico. Tuttavia il mondo è cambiato e nello stesso continente Latino Americano è cresciuta la insofferenza per le interferenze degli USA e il desiderio di molti paesi, dal Messico all’Argentina, di essere sovrani e non dover dipendere dal possente vicino.

Fonti: Telesur Pars Today

Traduzione e nota: Luciano Lago

5 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 19:07h, 08 Marzo Rispondi

    Biden, la bestia guerrafondaia manovrata da élite e sionisti (che gli hanno fatto vincere le elezioni con i brogli) sta dichiarando rapidamente guerra a tutti i Paesi Liberi nel mondo e vuole stringere il cappio intorno al collo dell’Europa,
    Perciò, chiunque sia veramente contro dev’essere nostro amico.
    Non importa se i generali birmani falciadiano nelle strade i sobillatori/destabilizzatori locali al servizio degli usa, i generali birmani fanno benissimo (anche troppo buoni, per i miei gusti, perché ne eliminano troppo pochi), sono nostri amici e noi dobbiamo sostenerli!

    Cari saluti

    • atlas
      Inserito alle 03:56h, 09 Marzo Rispondi

      e concordo anch’io caro Eugenio, al 100%, soprattutto sui militari birmani. Solo che un art.lo più avanti la redazione (che sulla Birmania non ha ancora messo nulla) ci posta per la seconda volta un papa massone e uno sciita (religione creata dal giudeo)…

      un’accoppiata che nemmeno ha anche solo nominato i giudei democratici nelle loro passeggiate. Quando i cristiani palestinesi (per il falso papa) sono oppressi quanto i Musulmani Sunniti. E quando la religione sciita nulla dovrebbe entrarci con i cattolici venezuelani, perchè quì l’appoggio (che riconosco ottimo) è politico e non religioso

      ma non era meglio se la redazione si occupasse dei casi nostri anzichè dare spazio a simili falsità e a simili personaggi melliflui ?

      Evidentemente alla redazione i militari sotto casa piacciono. Così come evidentemente gli piace un papa gesuita e che papa non è (a detta anche dei veri cristiani). E porco giuda

  • Giorgio
    Inserito alle 19:30h, 08 Marzo Rispondi

    Concordo Eugenio Orso …..
    La lotta ai criminali usa non deve conoscere frontiere ….. via i loro artigli anche dalla Birmania ……

  • eusebio
    Inserito alle 18:46h, 09 Marzo Rispondi

    La stessa strategia attacchi informatici-sanzioni verrà usata dall’amministrazione Sionista di Biden contro la Russia e presumibilmente contro la Cina, ma gli andrà male, i russi hanno disconnesso la loro rete telematica come i cinesi dal resto del mondo, usano hardware locale per le amministrazioni pubbliche ed hanno, unici oltre all’occidente che usa la tecnologia x86, una propria famiglia di microprocessori chiamata Elbrus, che è stata offerta ai cinesi in sostituzione dei microchip USA negati a Huawei.
    La Cina è molto più avanti degli USA nelle TLC e nell’IA e quindi a Russia, Cina, Iran e pure Venezuela gli attacchi hacker USA gli fanno un baffo.
    Difatti contro avversari teoricamente più deboli come la Bielorussia stanno usando i gruppi terroristici dinamitardi, ne hanno arrestato uno nelle ultime ore, sembra di non bielorussi, mentre ne era stato arrestato un’altro composto da bielorussi guidato da Avtukhovich e Olinevich.
    Entrambi i gruppi erano dotati di armi ed esposivo.

  • antonio
    Inserito alle 10:37h, 10 Marzo Rispondi

    gli abramitici vogliono rapinare sempre in nome di Yaheh

Inserisci un Commento