La tattica strategica della Russia colpisce Stati Uniti e Israele con le capacità ipersoniche dell’Iran


di Elia J. Magnier

In una svolta imprevedibile degli eventi, la Russia ha inferto un colpo calcolato agli Stati Uniti e a Israele armando l’Iran con missili ipersonici avanzati, rendendo a quel paese uno strumento di scelta strategica. Le implicazioni di questa manovra strategica sono di vasta portata e potrebbero alterare l’equilibrio di potere nella volatile regione del Medio Oriente.

Il conflitto tra Stati Uniti e Russia si è gradualmente trasformato in una guerra per procura. Gli Stati Uniti hanno prima radunato i paesi occidentali alla loro causa. Aderendo a questa alleanza occidentale, Israele si è allineato strettamente con il comando centrale statunitense (CENTCOM), responsabile della protezione degli interessi statunitensi nella vasta regione che si estende dal Corno d’Africa all’Asia centrale. I leader di Tel Aviv hanno condannato apertamente le azioni della Russia e sostenuto attivamente l’Ucraina fornendole attrezzature di intercettazione e intelligence di sicurezza per uccidere i soldati russi.
Questo sforzo congiunto, che riunisce cinquanta paesi, è stato coordinato nella base americana di Ramstein, in Germania. In questo contesto, la Russia, che non è rimasta ferma, sta lavorando diligentemente ma con discrezione,

L’annuncio dell’Iran dello sviluppo di Al-Fatah, un missile balistico ipersonico con una gittata di 1.400 chilometri, segna un passo importante. Con una velocità di Mach 13-15, o circa 15.000 chilometri all’ora, Al-Fatah può cambiare marcia durante il volo, rendendo praticamente impossibile la sua intercettazione. Questa impresa colloca l’Iran in un gruppo esclusivo di paesi che possiedono questa tecnologia avanzata, tra cui Russia, Cina e Corea del Nord, che molti paesi europei non si aspettavano.

Iran unveils new air defense missile Sayyad 4B.  The new missile, dubbed ‘Sayyad 4B’, has a range of 300 kilometers. In a recent test, the Bavar-373 air defense system is claimed to have successfully hit a target at a distance of over 300 km with the new missile. Tehran, Iran, November 7, 2022. Photo by SalamPix/Abaca/Sipa USA Iran Unveils New Air Defense Missile – Tehran

Per anni la Russia ha mantenuto un equilibrio precario in Medio Oriente, astenendosi dall’armare l’Iran con missili avanzati per evitare di provocare Stati Uniti e Israele. Ma quella riluttanza è cambiata a metà del 2022, poco dopo lo scoppio del conflitto tra Russia e Occidente in Ucraina. A quel tempo, uno storico accordo di cooperazione per la difesa tra Iran e Mosca ha aperto la strada al trasferimento di migliaia di droni iraniani a Mosca (accordo di cui sono stato il primo a riferire) e al sostegno alla costruzione di una fabbrica di droni in Russia.
La decisione del Cremlino di rivolgersi all’Iran si spiega con il fatto che si è reso conto di combattere da solo. L’Iran è stato l’unico paese a fornire un sostegno militare incrollabile e a non temere le sanzioni statunitensi e occidentali.

Il possesso da parte dell’Iran di missili ipersonici rappresenta un salto di qualità senza precedenti e testimonia la stretta collaborazione tra Russia e Iran. Manda un chiaro messaggio agli Stati Uniti, che mantengono una significativa presenza militare intorno alla Repubblica islamica, che l’Iran ha avanzate capacità di deterrenza per salvaguardare i propri interessi in Asia e possibilmente minacciare l’alleato degli Stati Uniti Israele.

Il messaggio a Israele non potrebbe essere più chiaro. Consentendo all’Iran di acquisire missili in grado di eludere il sistema di difesa Iron Dome di Tel Aviv, la Russia ha effettivamente neutralizzato la capacità di Israele di intercettare i missili iraniani. Questo sviluppo rappresenta una sfida scoraggiante per Israele, che ora deve affrontare la prospettiva di potenziali attacchi sul suo territorio se attacca gli impianti nucleari iraniani. L’Iran ha già mostrato audacia attaccando Ain al-Assad nel 2020, la più grande base militare statunitense in Iraq, in risposta all’assassinio del generale Qassem Soleimani da parte dell’allora presidente Donald Trump.

Di conseguenza, l’Iran ha diverse potenti carte di deterrenza nel suo mazzo:

  1. Ha forti alleati in Medio Oriente, pronti a scendere in guerra per difendere l’Asse della Resistenza istituito da Teheran.
  2. Il suo arsenale di droni si è dimostrato altamente efficace, provocando il caos nell’esercito ucraino e distruggendo le armi occidentali nel conflitto ucraino, aiutando la Russia a riprendere il controllo del campo di battaglia.
  3. Le capacità missilistiche iraniane hanno dimostrato il loro potenziale ed efficacia effettuando con successo attacchi contro basi Daesh in Siria, basi dell’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano in Iraq e persino una base del Mossad israeliano nel Kurdistan iracheno.

Dotando i suoi alleati di missili avanzati e precisi, l’Iran ha creato un equilibrio tra terrore e deterrenza, che limita la libertà di azione militare di Israele in Libano e in Siria contro Hezbollah, per paura di una risposta rapida e robusta.

La Russia non ha riconosciuto pubblicamente il suo coinvolgimento nel programma missilistico iraniano, così come l’Iran ha ripetutamente tentato di negare la fornitura dei suoi droni a Mosca. Tuttavia, le azioni della Russia la dicono lunga sulla sua determinazione ad affrontare le lamentele e segnare un nuovo approccio strategico a Teheran. Il Cremlino ha aperto le sue porte a un paese (l’Iran) che ha tenuto duro nelle circostanze più oscure, che ha ignorato le minacce americane ed europee e che ha mostrato una convinzione incrollabile nel rimanere impermeabile alle intimidazioni occidentali.

Il messaggio russo sta risuonando con le parti interessate a Washington e Tel Aviv, poiché cancella le ultime linee rosse e apre la strada a un futuro senza precedenti per la cooperazione russo-iraniana. Questa partnership, forgiata da accordi onorari, rischia di produrre ulteriori sorprese che potrebbero avere ripercussioni durature. Quando la polvere si sarà calmata, i costi per l’attuazione dell’accordo diventeranno sempre più evidenti, rimodellando il panorama geopolitico e possibilmente alterando le dinamiche di potere nella regione.

Di fronte all’iniziativa strategica della Russia, il mondo trattiene il fiato per le ripercussioni del possesso iraniano di missili ipersonici. Dotato di armi all’avanguardia e di un fermo impegno per i propri interessi, l’Iran è pronto a proteggere la propria sovranità e sfidare le tradizionali dinamiche di potere in Medio Oriente. Mentre le tensioni rimangono alte e la posta in gioco continua a salire, l’alleanza russo-iraniana in evoluzione sta diventando un punto focale dell’attenzione internazionale, con potenziali ricadute che si estendono ben oltre i confini di questi paesi.

fonte: Elia J. Magnier

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM