La svolta verso la guerra diretta fra Russia e USA/Nato si avvicina in Ucraina

Come riporta South Front, La mattina del 5 dicembre, il regime di Kiev ha tentato di attaccare, con UAV di fabbricazione sovietica, gli aeroporti militari di Dyagilevo nella regione di Ryazan ed Engels nella regione di Saratov (a 750 Km circa dal confine ucraino) nel tentativo di disabilitare gli aerei russi a lungo raggio.
Le forze di difesa aerea russe hanno intercettato gli UAV ucraini mentre volavano a bassa quota.
Lo schianto e l’esplosione del relitto sugli aeroporti russi ha causato lievi danni alla corazzatura dello scafo dei due aerei.

Tre addetti alla manutenzione russi sul campo d’aviazione hanno riportato ferite mortali.
Altri quattro militari feriti sono stati portati in strutture sanitarie dove hanno ricevuto tutte le cure mediche necessarie.
Ci sono pochi dubbi sul fatto che l’attacco con i droni sia stato un tentativo fallito di interrompere parti dell’aviazione russa a lungo raggio utilizzate per colpire obiettivi di infrastrutture militari ed energetiche sul territorio controllato dal regime di Kiev. Inoltre, l’attacco ha dimostrato che le forze di Kiev utilizzano la tecnologia che consente loro di lanciare attacchi su obiettivi con un raggio di circa 1000 km. E questo è già successo, come ha dimostrato l’incidente del 5 dicembre.
Tuttavia non è da trascurare il fatto che aerei della NATO sono stato avvistati nelle vicinanze dell’aeroporto attaccato dai droni ucraini, poche ore prima delle esplosioni, volando nelle vicinanze della frontiera con la Russia. Non si sa se i due eventi siano relazionati ma tutto potrebbe essere. Quello che è certo è che, sei ore prime dell’incidente, i voli degli aerei di avvistamento della NATO, accompagnati da caccia di scorta, si sono intensificati nel cielo, tanto di UAV come di aerei. Questo fa sospettare che le coordinate per gli attacchi alle basi aeree russe siano state fornite dall’aviazione della NATO.

Base aerea di Engels, Russia

E’ un dato certo che ogni azione delle forze ucraine è decisa e ordinata dai generali statunitensi che hanno preso il comando delle operazioni e questo rende più grave l’episodio.
Dalle notizie che si sono avute, risulta che l’aviazione russa e le forze aerospaziali hanno lanciato un massiccio attacco di missili contro obiettivi situati in varie regioni dell’Ucraina. Sembra che i missili siano stati lanciati dal mar Nero. Altri missili sono stati lanciato dal Mar di Azov e l’attacco ha causato molte distruzioni sulle infrastrutture elettriche e sui depositi delle forze ucraine.
I sistemi di difesa ucraini sono riusciti ad abbattere alcuni missili ma si è dimostrato che buona parte dei sistemi di difesa aerea ucraini erano del tutto inattivi, per effetto dei sistemi di inabilitazione elettronica messi in atto dai russi.

Aereo Tupolev danneggiato


Le conseguenze degli attacchi dei droni ucraini alle basi aeree russe

Vari analisti militari hanno lanciato l’allarme sulle conseguenze che potrebbero avere questi ultimi attacchi fatti dagli UAV ucraini sulle basi aeree strategiche in profondità nel territorio russo. Questa è una svolta nel conflitto che potrebbe spingere la Russia a considerare questi attacchi una minaccia alla propria sicurezza.
In particolare l’ex ammiraglio della marina statunitense, ex comandante delle forze NATO in Europa, James Stavridis, ha scritto in un rubrica di opinioni su Bloomberg, che gli attacchi dell’Ucraina agli aeroporti militari russi si riveleranno un “nuovo pericoloso round” del conflitto che potrebbe avere effetti ancora più drammatici. L’ammiraglio americano ha espresso la speranza che i partner occidentali cerchino di costringere gli ucraini ad astenersi dall’effettuare attacchi più grandi, secondo la colonna di Stavridis su Bloomberg .
Tuttavia sembra che l’ammiraglio non voglia considerare il fatto che il coordinamento di tutte le azioni viene effettuato dai generali del Pentagono che hanno preso il comando delle operazioni in Ucraina. Questo potrebbe essere un chiaro intento di provocare una risposta russa diretta contro le basi della NATO nell’Europa dell’Est ed un allargamento del conflitto.
Arrivati a questo punto non si può escludere che la Russia decida l’utilizzo di armi nucleari a bassa intensità, visto che la dottrina militare russa prevede questo sviluppo in caso di minaccia al proprio territorio.
Rimane il dubbio di capire se gli strateghi del Pentagono abbiano preso la mano del conflitto di propria iniziativa, approfittando di un momento di “sonnolenza” del presidente Biden.

Fonti varie

Luciano Lago

17 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 12:38h, 06 Dicembre Rispondi

    ‘E evidente che gli americani e la loro carne da cannone ucraina stanno facendo di tutto per spingere alla guerra ‘ tutto’ il popolo russo : una cosa che avrebbero dovuto evitare

  • Stefano
    Inserito alle 13:30h, 06 Dicembre Rispondi

    Se la Russia non reagisce in modo estremamente deciso facendo capire con i fatti che tutto l’occidente rischia di brutto, ovvero muoia Sansone ma con tutti i filistei, la Nato o per meglio dire gli USA continueranno con l’ escalation. L’ occidente è un mondo rammollito che ha tutto da perdere da un confronto “all’ultimo sangue”.

    • Gasparino
      Inserito alle 20:27h, 06 Dicembre Rispondi

      Ciao Stefano, approvo in pieno la tua analisi . . l’importante è che la Russia si possa permettere questa escalation considerando i pochi passi che sta effettuando , non riuscendo nemmeno a bloccare i rifornimenti di armi !

  • blackarrow
    Inserito alle 14:25h, 06 Dicembre Rispondi

    Ma gli ucraini si fidano davvero dell’alleanza con gli Stati Uniti, unica nazione al mondo che con 250 guerre l’ulica guerra vinta è quella di secessione?

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 14:51h, 06 Dicembre Rispondi

    Amerikani perseguono questa guerra da anni…. ma mal gliene incolse!… questa guerra hanno già persa poiché hanno perso aura di invincibilità… hanno sciorinato senza accorgersi tutta loro debolezza… volevano nuovo ordine mondiale e ce lo avranno… ma no quello a loro guida e con loro sempre più psicopatiche regole!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 14:58h, 06 Dicembre Rispondi

    Amerikani perseguono questa guerra da anni…. ma mal gliene incolse!… questa guerra hanno già persa poiché hanno perso aura di invincibilità… hanno sciorinato senza accorgersi tutta loro reale debolezza… volevano nuovo ordine mondiale e ce lo avranno… ma no quello a loro guida e con loro sempre più psicopatiche regole!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Massimiliano
    Inserito alle 15:15h, 06 Dicembre Rispondi

    Ciao a tutti, francamente questa escalation mi preoccupa seriamente, mi preoccupa il fatto che coloro che stuzzicano la Russia, sono distanti e non sulla linea di contatto con l’orso russo!
    Quindi per loro è lecito portare la Russia al lancio di ordigni nucleari tattici, visto che le conseguenze principali interesserebbero principalmente l’Europa. L’opinione pubblica americana non vive alcun coinvolgimento diretto o di vicinanza, quindi non possono avvertire la pericolosità della situazione.
    Non fermano con la loro pressione la loro folle classe dirigente, che si spinge sempre più avanti, fino a che raggiunto il punto di rottura, non si potrà più tornare indietro! Ed i Russi e Putin, sono persone decise e risolute, e non gli mancano gli armamenti né il coraggio di usarli. Fino ad ora ci ha detto bene perché la classe dirigente russa, si è dimostrata, nonostante tutto, e nonostante una guerra in atto, molto responsabile.
    Speriamo bene davvero!

    • Emanuele
      Inserito alle 18:16h, 06 Dicembre Rispondi

      Non fermano con la loro pressione, mi sembra un affermazione un po’ ingenua. I popoli, a patto che non scendano nelle piazze a mo’ di Rivoluzione, non sono in grado di fermare proprio nulla. Basta dare un’occhiata al passato ; milioni nelle piazze di tutto il Mondo a protestare contro la guerra di turno e mai nulla e` successo. Per poter dettare le regole da cittadini, bisogna far saltare qualche testa pubblicamente (Rivoluzione francese 2.0) eppoi vedi come cambia la musica. Il problema e` che i nostri aguzzini hanno imparato e si sono adattati, e non portano mai il popolo cojone (come lo definiva il grande Trilussa) alla fame, quella fame che si, fa da miccia alla Rivoluzione.

      Blackarrow, come dici in 250anni di guerre hanno vinto solo quella di secessione. Mah, io non direi. Tutte le guerre fatte, sono state per G.O.D. (gold, oil, drug) e credimi che in anni di Nam e Afghanistan, le loro casse si sono gonfiate. Se avessero veramente voluto vincere in Nam, avrebbero vinto; credimi. E cmq dopo la guerra, il Vietnam e` cmq una colonia yankee a tutt’oggi (risultato, hanno vinto). Questa del Deep State e` gente che difficilmente sbaglia e anche quando sbaglia, bisogna vedere e analizzare se tale “errore” porta a dei benefici dopo 20/30 anni. Le guerre servono anche per smaltire le scorte che altrimenti sarebbe costosissimo da fare. Vuoi mettere tirare su un impianto per lo smantellamento di bombe, quando mi costa meno sganciarle in zona di guerra ? Del resto successe la stessa cosa con i caccia italiani di ritorno dal Kosovo, avvolte sganciavano bombe per alleggerire i veivoli (dicevano loro), e la gente si beveva la fregnaccia di turno. Queste merde a stelle e striscie devono ringraziare il padreterno che c’e` Putin alla guida, se ci fosse stato uno degli altri falchi del Cremlino, un paio di Sarmat erano gia` arrivati in California. e un Poseidon sulle scogliere bianche di Dover.

      • Massimiliano
        Inserito alle 22:11h, 06 Dicembre Rispondi

        Ciao Emanuele, in verità in America conta molto l’opinione pubblica, poichè ha una forza che va al di là di ciò che si possa immaginare! Ad esempio la guerra in Vietnam, è stata fermata dalle proteste del popolo Americano che ha protestato molto e a lungo per i molti ragazzi morti che tornavano a casa nelle bare, le stesse dove la CIA nascondeva la droga, per intenderci. Non è ovviamente l’unico motivo, ma conta molto, per questo vi sono tutti questi meccanismi subdoli per orientare l’opinione pubblica.
        Poi magari, hai ragione tu, ed io sarò anche un ingenuo e il sociologo che mi ha spiegato queste cose all’università un incapace!
        Buona serata

  • Rosa
    Inserito alle 17:44h, 06 Dicembre Rispondi

    Sinceramente non capisco cosa stiano aspettando alla nato a passare un pacchetto di armamenti serio al Ucraina ? Probabilmente hanno bisogno di tempi più lunghi per gli addestramenti, non è possibile che tutti I paese della nato assieme , con il potenziale militare che hanno combinato e la capacità produttiva di armamenti non riescano a fornire all Ucraina dei sistemi seri e già collaudati … delle batterie di patriot potrebbero fornire uno scudo sicuro al paese e dei lanciatori himars non modificati e con missili a raggio lungo potrebbero colpire pesantemente le retroguardie …. Credo potrebbero raggiungere L obbiettivo entro la primavera ….

    • gennaro
      Inserito alle 19:08h, 06 Dicembre Rispondi

      Secondo me tu non capisci anche tante altre cose…

    • Rosa
      Inserito alle 21:10h, 06 Dicembre Rispondi

      Ti confondi , quella è tua madre !!!

  • Sarabanda 82
    Inserito alle 18:03h, 06 Dicembre Rispondi

    Siamo alle solite ora vengono colpiti obbiettivi militari sul suolo russo e l’unica reazione russa e minacciare a parole come tante volte precedenti, forse hanno fatto partire qualche razzo in più, ma niente di serio ne di risolutivo. Contenti loro, ma sicuramente non vinceranno questa guerra o come la vogliono chiamare se continuano di questo passo

  • Francesco
    Inserito alle 19:43h, 06 Dicembre Rispondi

    La nato è sempre stata debole sulla terraferma (ad eccezione dell’esercito turco). Le armi le hanno già date in abbondanza, anche quelle ad alta tecnologia (Stinger, Nlaw, Himars, obici Caesar, Radar antibatteria, droni blade switch, missili antiradar, droni marini e sottomarini, sistemi di comunicazione e intelligence satellitare Nato etc.etc.), mancano solo i droni reaper e i patriot ma penso non li usino per paura di fare una figuraccia. Ora sono all’ultimo step, pare che i droni in realtà fossero moderni e forniti dagli uk….. il canto del cigno dell’occidente

  • eusebio
    Inserito alle 19:44h, 06 Dicembre Rispondi

    Il regime USA ha poco tempo prima del suo collasso, il rialzo dei tassi di interesse sta stramazzando l’economia USA e quindi devono rallentarli, pure la UE a furia di comprare costoso GNL e armi USA non può più essere spremuta, le economie asiatiche tipo Cina, Giappone e Sud Corea hanno venduto in massa dollari sia come valuta che come obbligazioni, infatti le loro monete si stanno ampiamente rivalutando rispetto al dollaro, soprattutto lo yuan cinese, infatti i mercati finanziari cinesi stanno volando mentre quelli USA collassano, la de dollarizzazione del commercio internazionale, ormai controllato dalla Cina, va avanti spedita, infatti metà del commercio tra Cina e Russia ormai si effettua in yuan e rubli, e considerando che quest’anno l’interscambio si avvicinerà a 190 miliardi di dollari è un grande danno per il dollaro.
    Gli USA sono sempre più deindustrializzati, solo l’8% del PIL viene dall’industria mentre il 90 viene dal terziario che si sta sgonfiando a velocità supersonica, infatti nei primi nove mesi dell’anno gli USA hanno importato la cifra record di merci dalla Cina per circa 450 miliardi di dollari.
    L’industria cinese ormai rappresenta oltre il 30% della manifattura mondiale, quindi il ruolo dello yuan sarà sempre più egemone, quindi gli USA per non fallire devono prendere il suo controllo assieme a quello delle risorse russe e iraniane.
    Se si considera che il solo fondo di investimenti USA Black Rock gestisce 21 trilioni di dollari di capitele, bloccato perlopiù nell’indice USA Standard e Poors 500 che sta collassando, se non cambiano regime a Mosca, Teheran e Pechino prendendo il controllo delle loro economie praticamente svanisce senza lasciare tracce.

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 21:55h, 06 Dicembre Rispondi

    MI chiedevo che fine avevano fatto quei figli di puttana di coglioni invasati squilibrati oppure di squilibrate puttane sceme che scrivono sempre le stesse idiozie stupide è folli ripetitive ANTI-RUSSE !
    La Russia perde la guerra !
    Gli eroici difensori Ucraini vanno aiutati !
    La NATO deve fornire più armamenti agli Ucraini !
    Con tutti gli armamenti USA-UK-UE-NATO inviati in Ucraina e distrutti dai Russi la NATO (USA-UK-UE ) potevano invadere e occupare per altre 5 volte l” Afghanistan !
    Comunque sia la guerra la avete persa cari fanatici criminali FILO-USA !
    Chissà se gli imbecilli capiranno che mi riferisco a loro ???

  • Acquagratis
    Inserito alle 23:13h, 06 Dicembre Rispondi

    Macché! Non lo capiranno mai!

Inserisci un Commento