"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La svolta di Grillo: confluire nel gruppo filo europeista dell’ALDE

di Luciano Lago

Mentre in tutta Europa crescono i partiti e movimenti sovranisti e nazionalisti che rivendicano la riconquista della sovranità nazionale e contestano le politiche suicide dell’Unione Europea, Beppe Grillo, il guru del Movimento 5 Stelle, cosa fa?
Lui propone al suo gruppo di aggregarsi in sede di parlamemto Europeo a raggruppamento filo euro e filo europeista che si denomina ALDE (Alliance of Liberals and Democrats of Europe), lo stesso gruppo per intendersi a cui fanno capo personaggi come Monti, Zanetti e Prodi, sostenitore di tutte le più perniciose politiche di Bruxelles dalle politiche di austerità, alle prerogative delle grandi banche ed all’immigrazione incontrollata.

La svolta è venuta con un post pubblicato sul Blog dallo stesso Grillo in cui si preannuncia la fine dell’appartenenza al gruppo di Nicolas Farange e la possibile confluenza in questo gruppo di filo euro, anzi il più fanaticamente filo europeista.

Quella di Grillo è una scelta radicale ed improvvisa che viene sottoposta all’approvazione degli iscritti tramite la rete. Oggi stesso si vota sulla piattaforma, la discussione fra gli iscritti è in pieno corso e si nota un certo sbandamento e confusione fra molti, alcuni dei quali sono anche autorevoli esponenti del movimento, i quali però, alla riprova delle scelte fondamentali pilotate da Grillo, contano come il “due di coppe”.

Bisogna considerare che Grillo non è nuovo a queste svolte: già nel Giugno dell’anno scorso, poco prima del voto sulla Brexit, con una netta inversione di posizioni politiche, era diventato un sostenitore del Remain del Regno Unito nella UE.. “Il Movimento cinque stelle è in Europa e non ha nessuna intenzione di abbandonarla”, aveva scritto in un post lui che era stato prima un euroscettico, poi convertito e folgorato sulla via di Damasco. Si rendeva manifesta in Grillo, già da allora, una nuova e convinta professione di fede europeista, frutto forse anche del nuovo corso ‘governativo’ e ‘istituzionale’ culminato nella conquista di importanti comuni come Roma e Torino”.

“L’Italia è uno dei paesi fondatori dell’Ue”, diceva Grillo, ” ma ci sono molte cose di questa Europa che non funzionano”, “l’unico modo per cambiare questa ‘unione’ è il costante impegno istituzionale, per questo il M5S si sta battendo per trasformare l’Ue dall’interno”.
Un discorso da perfetto politico filo europeista che avrebbe potuto fare qualsiasi esponente renziano del PD.
Si nota che Grillo propende per questa scelta (quella di confluire nell’ALDE) e la giustifica affermando che, “rimanere nell’EFDD (quello di Farange), equivale ad affrontare i prossimi due anni e mezzo senza un obiettivo politico comune, insieme ad una delegazione che non avrà interesse a portare a casa obiettivi concreti”.

Già ma quello che Grillo non dice è quale sia questo obiettivo comune, se effettivamente lo stesso del gruppo dell’ALDE che ai punti 6 e 7 del suo programma testualmente recita: ” Rafforzare la governance economica dopo l’introduzione dell’euro; far sì che la globalizzazione funzioni per tutti”.
Una formazione politica quindi costituita da globalisti convinti, sostenitori ad oltranza dell’oligarchia eurocratica, della subordianzione ai grandi potentati finanziari (quelli che guidano le scelte dei burocrati europei), del vincolo dei trattati.

Peccato che in passato il movimento di Grillo era stato critico con le istituzioni comunitarie, in particolare era arrivato a criticare il ruolo dell’euro che era stato indicato come “strumento di sottomissione dei popoli sovrani”, aveva criticato i trattati europei ed il Fiscal Compact imposto in costituzione. Questo anche se in realtà il movimento su alcuni di questi temi manteneva una certa ambiguità nascondendosi dietro all’idea di indire un referendum sull’euro, per far scegliere agli italiani, pur sapendo che questo sarebbe improponibile e senza effetti reali.

Avviene però che la proposta di Grillo suscita una forte opposizione in un pezzo fore del Movimento, Carlo Sibilia, il quale ha obiettato la sua ferma opposizione alle scelte del capo, argomentando la sua contrarietà, oltre nella formula “meglio soli che male accompagnati”, ha illustrato in 5 punti i motivi per i quali Sibilia ritiene ALDE nemico dei 5 stelle:

“E’ il gruppo più europeista e federalista esistente al PE, e siamo incompatibili con la loro agenda pro-Europa”
Ha definito il M5S “profondamente anti europeo” e il suo programma “irrealistico e populista”.
“E’ favorevole alla clausola ISDS nel TTIP. E quindi al TTIP stesso”.
“Ha boicottato tutte le candidature del M5S alla presidenza e alla vicepresidenza di commissioni del parlamento europeo”. Queste le giuste osservazioni di Sibilia a cui non si può negare il dono della coerenza (quella che manca del tutto in Grillo).

Come ha fatto opportunamente rilevare anche il noto blogger Claudio Messora, la stessa ALDE a suo tempo, a seguito di contatti avuti con il portavoce del Movimento di Grillo, aveva rifiutato con apposita lettera scritta le proposte del gruppo 5 Stelle e l’aveva considerato per il suo programma come un movimento anti europeo, populistico ed irrealistico tanto da respingere, già allora, una qualsiasi proposta di aggregazione.

La sfida è aperta e si vedrà l’esito di questa ma qualcuno inizia a domandarsi quale sia veramente il gioco di Grillo e perchè questo improvviso rovesciamento di posizione e come possa all’improvviso sostenere le ragioni di una Unione Europea e di un sistema euro che da molto tempo ha dimostrato di essere vincolata ad interessi del tutto estranei a quelli dei popoli europei.

Noi ce lo eravamo già chiesto da tempo: per chi lavorano veramente Grillo e Casaleggio junior ?

*

code

  1. Paolo 9 mesi fa

    Che fanno le èlites? Mettono un loro uomo o partito o movimento che dia al popolo la sensazione di andare contro le stesse èlites, il popolo scemo lo vota e chi si ritrova davanti? Nemici che credeva amici. Il solito gioco che va avanti da sempre…Tsipras non dice niente? Anche i comunisti spagnoli della nuova leva di Pablo(non ricordo il cognome) hanno lo stesso compito, fare da terzo incomodo fra i due partiti maggiori e rendere ingovernabile un paese…non ricorda i 5 Stelle e l’Italia? nel marasma arrivano gli stranieri che lavorano per noi e contro di noi. Questi sono i 5 Stelle e la cosa grave e che tanti personaggi del web, tanto critici al sistema credono a questo movimento. Non faccio nomi perché tra loro c’è anche qualcuno che stimo ma che purtroppo, nonostante abbia fatto tanti egregi lavori per smascherare tutte le menzogne di questi decenni, si perde in un bicchier d’acqua. Non bisogna criticare Grillo in quanto comico, ma perché fa il doppio gioco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eliseo 9 mesi fa

      Rendere l’Italia ingovernabile, si, e evidente, ma perché? A favore di chi? Che cosa? Questo non mi è chiaro.Grillo in quale libro paga sta!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Umberto 9 mesi fa

        Allo stesso libro paga di tutti gli unti da circa tre secoli a questa parte (da molto più tempo se considerano aspetti più ampi). Anche gli obiettivi sono sempre gli stessi: usura, guerra, saccheggio, stupro, omicidio, furto, menzogna e tutti gli abominii necessari alla distruzione di ogni cosa buona nel mondo e volti al terrore e alla supremazia violenta del sionismo giudeo e del relativo padrone e burattinaio, che ancora non ha un volto, almeno per i più.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Umberto 9 mesi fa

      Sono perfettamente d’ accordo su quanto affermi, ma forse su un punto non me la sento del tutto di esprimere condanna, e cioè sul “popolo scemo” che si lascia abbindolare, a meno che tu non intenda definirlo così bonariamente, nel senso che viene considerato tale da chi lo inganna, e in quel caso non v’ è dubbio. Il motivo consiste nel fatto che è difficile, se non impossibile, per i “non addetti ai lavori”, ossia per chi non segue costantemente e con attenzione le evoluzioni sociali e politiche (il discorso vale per noi tutti), capire fin da subito che le intenzioni di chi irrompe sulla scena siano subdole e ingannevoli, specialmente quando l’ impostore di turno si mostra particolarmente ostile al sistema che si vuole cambiare, migliorare o abbattere: tanto più abile e affabulatore è il farabutto, tanto maggiori risultano le probabilità di successo del suo criminoso disegno. In un primo momento, a mio avviso, potrebbe cadere nel tranello chiunque, se ben architettato. E’ chiaro, altresì, che bisogna fare tesoro delle esperienze negative come quella in questione, soprattutto in considerazione del periodo attuale, che non lascia più spazio a nuove apparizioni portatrici di ennesime false speranze, altrimenti l’ aggettivo da te usato acquista reale valore, anzi diventa riduttivo. Da qui la necessità, per i delusi che fino all’ ultimo hanno creduto al loro primo traditore, di voltare pagina e iniziare a credere in forme diverse di “riappropriazione” della sovranità sottratta, convincendo finalmente se stessi della reale illegalità dell’ operato del sistema; aprendo davvero gli occhi e vedendo lucidamente che quello stesso sistema ha già rubato e sta continuando a rubare LA VITA propria e dei propri figli, fratelli, amici; osservando la terra, l’ acqua, l’ aria e tutto il mondo che li circonda, non potendo far altro che ammettere che ci si trova innanzi a un bivio secolare: da una parte la vita e la ricostruzione di tutto dalle fondamenta con enorme sacrificio e immensa abnegazione; dall’ altra la mera e semplice morte, nel senso più ampio che possa contenere la parola. Esistono modalità pacifiche per riprendersi quanto è stato scippato con rapina e inganno, conoscendo gli autori del male perpetrato? La risposta è altrettanto nitida come la consapevolezza precedentemente sottolineata: NO.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 9 mesi fa

        Non sono affatto d’accordo con questa sua disanima. In ciò sono confortato dal risultato dell’ultimo referendum sul cambiamento costituzionale, infatti a valutarne scrupolosamente tutti i risultati per disposizione territoriale ed età dei votanti si giunge a conclusioni diverse dalle sue.
        Non rilevo alcun sprovveduto sia che abbia votato no o sì, l’unica differenza tra i primi ed i secondi è che quest’ultimi si sono posizionati in modo smaccato per interessi squisitamente personali, guarda caso sarebbero la sinistra, i primi non hanno considerato il proprio tornaconto ma ciò che era più utile al paese.
        Quindi non ci sono giustificazioni da accampare per chicchessia, eventualmente attenuanti.
        Sedersi sporti sul davanzale mossi dalla vana attesa di veder passare Babbo Natale a bordo della sua slitta tirata dalle renne mi sembra anacronistico, sarebbe più opportuno definire demenziale.
        Per comporsi un’idea sull’attendibilità delle forze politiche presenti in campo è sufficiente confrontare i loro programmi politici con un qualsiasi regolamento condominiale che ogni condomino ha l’obbligo di sottoscrivere al momento del possesso dei suoi undicesimi, all’uopo segnalo il sito dell’ordine dei notai.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Scusate ho scritto disanima anziché disamina.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Umberto 9 mesi fa

          E’ esattamente quanto affermo. Non ci si può attendere salvatori della patria dalla melma costituita dall’ intero quadro politico – che di politico ha ben poco – se non la salvaguardia degli interessi di chi con quella melma è in qualche modo collegato, quindi pochi o comunque inferiori per numero a chi subisce il suo fraudolento operato. Appunto, non considero “scemo” il popolo, ma paziente, forse troppo, qualcuno potrebbe affermare, giustamente o meno. Personalmente, in ogni caso, non vedo alternative credibili alla lotta armata, anche se, a onor del vero, gli ultimi sviluppi politici e strategici internazionali mi suggeriscono un prudente, risicato ottimismo. Tuttavia, rimane il problema basilare riguardante l’ Italia: un panorama politico di una desolazione sconfortante: la dice lunga il fatto che un idiota parassita come Gentiloni sia ancora attaccato alla sottana di Hillary e al fondoschiena di Obama, mentre tutto il resto del mondo ha iniziato a scostarsene. Per questo motivo, ho motivo di credere che la nostra Nazione non sia attualmente e nel prossimo futuro in grado di darsi autonomamente una guida capace e autorevole, che dovrebbe comunque essere trovata del tutto fuori degli schemi convenzionali, magari sotto l’ ombrello di un amico (mmmh amici?) forte e sincero, che non riesco a immaginare al di là di Putin, seppur con mille riserve. Ma tant’ è sottile il filo del rasoio sul quale camminiamo che l’ amara riflessione è d’ obbligo. Insomma, siamo nei guai.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Giorgio 9 mesi fa

            Posta così la questione mi soddisfa, ma come già abbiamo avuto modo di scambiarci non credo che rientri nelle possibilità del popolo italiano modificare in senso evolutivo l’attuale situazione socio/politica, occorre un intervento sovrumano, con la conseguente cancellazione di metà popolazione, magari il sottoscritto compreso, dal momento che non riesco a trovare nel mercato della biancheria intima atta a contenermi i didimi, ormai devo muovermi con una barella a pancia in alto.

            Mi piace Non mi piace
  2. Cagliostro 9 mesi fa

    Qualcuno di voi ha letto le motivazioni del mv?
    Sembrerebbe proprio di no,
    Vi consiglio, soprattutto alla redazione, di informarsi meglio prima di affermare delle cazzate
    Altrimenti siete voi sul libro paga del soros di turno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      Non ho capito la valenza contenuta nella sua affermazione, potrebbe, gentilmente, essere più preciso? Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cagliostro 9 mesi fa

        Dai commenti, e soprattutto dall’articolo, si capisce perfettamente che non sono state lette le motivazioni che hanno portato il mv ad optare x questa decisione, decisione che comunque dovra essre approvata dai votanti,
        Posizionarsi in un gruppo, non vuol dire sposarne i principi, ma avere la possibilita, x adesso negata, di portare avanti le proprie idee,
        Tutti i commenti, contro grillo e il mv, sono espressione di quella parte di popolazione che vive e prospera grazie alla banda di predoni che infesta le istituzioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Umberto 9 mesi fa

          Ma certamente, siamo tutti con Renzi e Gentiloni, è evidente. Come si fa a non cogliere al volo questa sfumatura non da poco. I grillini, ad esempio, lo capirebbero subito, senza nemmeno accendere il pc.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Umberto 9 mesi fa

          I x=per 6=sei k=che sono la chicca che contraddistingue la forza motrice 4×4 del movimento v6 turbo da 0 a 100 in sei mesi e da 100 a 0 in un avviso di garanzia
          Scherzi a parte, la maggioranza dei votanti il movimento pentastellato è composta di gente onesta stufa ma che non ha compreso subito l’ inganno. Cadere in un tranello non significa essere stupidi, però se alla luce di certe conferme di precedenti dubbi, ci si ostina a voler dare sostegno a chi non è differente dal resto della gazzarra, si fa il gioco di chi ha posto la tagliola sul campo di grano. Non cambia alcunché. Sono altre le vie per ristabilire l’ ordine. Fate ciò che vi pare e buona fortuna.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Citodacal 9 mesi fa

          Ma certo. La Sesta Armata, a Stalingrado, non avendo più possibilità combattive, avrebbe dovuto spostarsi nel gruppo d’armate del Maresciallo Žukov, però mantenendo intatta la propria identità militare e politica. CasaPound dovrebbe far gruppo coi Centri Sociali e viceversa (se l’unione indiscriminata fa la forza…). Lo stesso discorso potrebbe applicarsi alle motivazioni d’un kapo. Nemmeno più il pudore per un minimo senso del ridicolo!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Walter 9 mesi fa

        A me, invece, sembra evidente: significa che la scelta di aggregarsi all’ALDE è dettata da una nobile motivazione che si chiama opportunismo, ovvero “non importa da che parte stai, l’importante è contare qualcosa”. Nel contesto attuale, per diventare un politico di successo sono necessari tre requisiti principali: non saper fare niente, non aver voglia di fare niente e pretendere di comandare. I “grillini” hanno tutti i requisiti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. emilio 9 mesi fa

      Le abbiamo lette tutti, e tu? Per me queste motivazioni si chiamano opportunismo, voltagabbana ecc. E aggiungo, pensi che l’Alde accetterà di prendere dentro il movimento se quest’ultimo non avesse cambiato opinione sull’europa?!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leo 9 mesi fa

    Grandissima delusione per chi ha seguito, simpatizzato, appoggiato
    il M5S sin dalla sua nascita. Sono certo che con questa mossa idiota
    Grillo perderá almeno il 50% dei consensi. Dovró cambiare cavallo.
    Alla fine, il modesto Salvini, pur con tutti i suoi limiti, é quello che che
    propone le scelte politiche piú intelligenti e condivisibili:
    Uscita da questa Unione europea disastrosa, totale solidarietá alla
    Marine LePen, uscita dalla Nato, eliminazione delle stupidissime
    sanzioni alla Russia ed, anzi, nuovi vigorosi accordi industriali e commerciali
    con la stessa. Ed infine, ciliegina sulla torta, blocco totale a questa assurda
    immigrazione con vasto e inesorabile programma di rimpatrio di tutti
    i clandestini, oltre al blocco navale per impedire altri sbarchi.
    Ho la certezza che la maggioranza degli italiani desidera le stesse cose
    e che pertanto Salvini otterrá grossi risultati perché raccoglierá il
    consenso anche da ex grillini come il sottoscritto, sbigottiti dal bestiale
    e stupido tradimento odierno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cagliostro 9 mesi fa

      Troppo forte, salvini, colui che è il rappresentante della lega, la quale ha ratificato gli accordi di lisbona, e amichetto del berlucchi e sostenitore occulto del bomba

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Umberto 9 mesi fa
        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Giorgio 9 mesi fa

        Salvini, un brodetto riscaldato ed allungato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Umberto 9 mesi fa

      La mossa di Grillo da te citata non è affatto idiota, bensì perfettamente in linea con la missione affidatagli e mira esattamente a perdere consensi, riportando il movimento sotto il livello di “sicurezza”. Inoltre, per quanto riguarda il Salvini, sono certo che, qualora ottenesse un bel risultato elettorale (sempre che si arrivi al voto e che ci si arrivi col suffragio universale), la tua delusione sarà uguale o maggiore dell’ ultima, poiché gli obiettivi sbandierati dal leghista sono pura propaganda in quanto irraggiungibili da questa classe politica così come è composta adesso, e questo il Salvini lo sa benissimo. Figuriamoci. E sia chiaro, per non lasciarti intendere che osteggio le tue speranze, che io sarei felicissimo se si addivenisse allo scenario e soprattutto ai risultati da te paventati. Purtroppo, temo che una simile transizione non potrà avere luogo senza ulteriori e ben più sofferte tribolazioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andrea 9 mesi fa

        Buongiorno a tutti
        Condivido appieno la risposta di Umberto sulla percentuale di popolarità del M5S. Tale affermazione è in linea su come veniamo reputati. Siamo numeri ridotti a percentuali e serviamo ai governanti, quelli veri, per comprendere il loro grado di dominio sulle nostre decisioni e sulle nostre coscienze.
        E Salvini farà la stessa fine… Il movimento del cambiamento non può che avvenire da dentro ognuno di noi, dalle azioni e dalle decisioni che ogni individuo prende. Questo fa la vera forza inarrestabile ed ingovernabile, forza che noi italiani abbiamo innata. Dobbiamo solo smettere di essere astuti ed iniziare ad essere intelligenti.
        Per maggiori chiarimenti sul mio pensiero invito a leggere alcuni articoli del mio blog ed in particolare questi:
        https://traterraecielo.live/2016/09/19/istigazione-alla-paura/
        https://traterraecielo.live/2016/07/18/episodi-oscuri-per-meritarci-la-luce/

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Sottoscrivo.
          Certamente avranno una sfera di cristallo nova fiammante!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nessuno 9 mesi fa

    Salve, non voglio ripetere quello che ho in molte occasioni commentato
    su questo movimento,ma aggiungo: è uno specchietto per allodole, né
    più né meno, un canalizzatore di malcontento per impedire che i loro voti
    vadano ai veri Partiti di opposizione, nettamente di destra, o peggio qualche
    reazione scomposta di popolazione giunta allo stremo della sopportazione.
    Sommando il fallimento di Roma a questo folle gesto e altri problemini qua e
    là come contorno del piatto, penso che il boccone sarà amaro alle prossime
    votazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Umberto 9 mesi fa

    Io, di delusioni, non ne prendo più da 25 anni. Del resto, cosa ci si poteva aspettare da un ex uomo di spettacolo comico e cabaret, che si cimenta nella vita politica? Ha potuto farlo solamente in un contesto come quello attuale, nel quale la politica non esiste più. Di conseguenza, chiunque avesse cavalcato un’ onda pseudo giustizialista strillando slogan da bar, avrebbe potuto benissimo carpire il consenso dei moltissimi indignati. Non che parecchie argomentazioni sostenute dal movimento 5 stelle non siano valide, ma è bastato poco tempo per comprenderne lo scopo. E non dubito che alcuni militanti nell’ orbita grillina possano essere considerati all’ altezza, però sono troppo pochi. Il resto è costituito da persone “normali” che, detto francamente, farebbero meglio a tornare alle loro precedenti mansioni o abitudini. Se si vuole rifare l’ Italia, occorro menti colte, raffinate, preparate, audaci e pronte alla lotta armata. Se si nominano le armi a Grillo, sparisce in un batter d’ occhio. Ma, ancor peggio, tutto ciò che prima esposto avrebbe senso se costui – e il compianto Casaleggio – non fossero in odore di…stella a sei punte. Una l’ hanno lasciata a casa.
    In ogni caso, nello specifico, le previsioni fatte da chi ha creato questo ammortizzatore socio-politico, sono state sbagliate in difetto. Per rimediare ad una eventuale ascesa troppo pericolosa, puntuale come un Audemars Piguet è arrivata la magistratura. E allora Grillo, a scanso di equivoci, è corso ai ripari, mettendo in chiaro la sua fedeltà inconcussa alle libere istituzioni sioniste. Andrà pure lui allo scannatoio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giorgio 9 mesi fa

    Alla donna che vola a cavallo di una scopa non ci credo, figuriamoci al Beppun.
    Infatti con la prima non ho mai avuto modo di confrontarmi a differenza che con il secondo e la sua corte a partire da Borelli che è il responsabile per il Veneto del movimento.
    Non voglio sembrare il solito detrattore infatti mi sono sempre presentato con atteggiamento propositivo, ma con mio sommo rammarico mi son trovato a confrontarmi con il nulla, un esercito di uomini di paglia che dovrebbero svolgere tutta altra funzione.
    Questa mia asserzione è confortata dall’ISTAT circa la preparazione del popolo così detto italiano ed anche dal pensiero dello studioso di glottologia morto pochi giorni fa: Tullio De Mauro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giorgio 9 mesi fa

    Gli uomini ed in genere anche tutti gli altri animali (intesi come possessori di anima) deambulano in modo rettilineo, se i primi non lo facessero rivelerebbero di essere influenzati da materie psicotropiche e quindi non in grado di utilizzare in toto le proprie capacità intellettive.
    Per capire la situazione anomala che dette persone stanno vivendo è sufficiente confrontarle morfologicamente con i serpenti (unici animali a muoversi con ondulazione laterale perché privi di zampe). Ma mentre per questi l’azione è normale per gli uomini è alterata, quindi è alla portata anche dei bambini concludere che c’è qualcosa che non funziona e di valutare il fatto con la dovuta accortezza ed attenzione.
    Che il Beppun sia ubriaco? O drogato? O teleguidato? I quesiti prima indicati sono indirizzati a coloro che si riconoscono nel movimento del comico genovese, perché credo siano gli unici in grado di spiegare, dato che ne condividono il pensiero, l’agito di Grillo, è vero Tascia?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      Ho scritto Tascia e chiedo venia, intendevo Tania.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. pietro 9 mesi fa

    Non bisogna dimenticare che Grillo ha partecipato alla famosa riunione a bordo del Britannia, dove si è discusso di come doveva esser il futuro economico dell’itaglia, non vorrei che lui fosse l’ennesimo cavallo di troia, destinato a incanalare le forze dell’opposizione, però ho la speranza che il movimento possa camminare con le sue gambe. Pietro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      Lei cammina sopra le acque?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Umberto 9 mesi fa

        Stavolta mi hai fatto pisciare nei calzoni dal ridere. Scusate, lettori, per la mia volgarità…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. pietro 9 mesi fa

        non capisco il senso della sua risposta, però vedendo i tuoi altri commenti capisco che sie qui per rompere il cazzo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Eugenio Orso 9 mesi fa

    Dopo soli tre/quattro mesi dalla mezza vittoria alle politiche del 2013, ho bollato il 5s come falsa opposizione …
    In precedenza, ho creduto che si trattasse, almeno, di una forza protorivoluzionaria, con qualche lineamento (per quanto debole, appena abbozzato) di forza politica d’opposizione radicale al sistema …
    Ora il cinque stalle sta mostrando con estrema chiarezza il suo vero volto, quello di opposizione “alla Tsipras”, che prende per i fondelli la popolazione e, al momento buono, abbassa la testa davanti ai poteri sopranazionali.
    Intendiamoci, ciò mi era già chiaro da molto prima dell’ipotesi di aderire all’ALDE, in parlamento europeo.
    Ribadisco che una falsa opposizione come quella dei grullini cinque stalle, ha i seguenti compiti:
    1) Spostare un’eventuale protesta popolare su un binario morto e preservare il sistema.
    2) non occuparsi di questioni rilevanti, come quella del lavoro e dei redditi popolari, dello stato sociale e della sovranità monetaria, ma spostare l’attenzione dei gonzi su questioni secondarie, come accade con il “restitution day” grillino …
    3) Fornire un “assist”, quando necessario, alle entità subpolitiche collaborazioniste di governo, votando loro provvedimenti o “cedendo” parlamentari.
    4) Scaldare i banchi in parlamento fino alla “chiamata” delle élite finanziarie, per accedere al governo (altrimenti, senza “chiamata”, opposizione falsa a vita!).

    Ecco tutto … La democrazia diretta in rete è una bufala propagandistica e irrealizzabile.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      Scusi! Lei quanti anni ha?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eugenio Orso 9 mesi fa

        Per Giorgio

        Cosa centra l’età? Dimmi la verità, sei un provocatore?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Sì, sono un provocatore, se lei lo ritiene.
          Per ognuno l’altro è ciò che desideriamo che sia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Umberto 9 mesi fa

      I migliori risultati che potenzialmente sono in grado di fare sono i “non mi piace” ai commenti dei forum, da buoni vecchi cattocomunisti servetti ex sessantottini che appena c’ era da fare a botte sparivano e poi li rivedevi dopo un mese con la barba ben rasata e la spilla della facoltà di filosofia, carichi di scartoffie del professore che gli accordava il 18 dopo il saggio della fidanzata o della sorella.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eugenio Orso 9 mesi fa

        Per Umberto

        I “non mi piace” sono troll del cinque stalle? Sono merda troll piddiota? Non importa. La merda in rete che sia grullina o piddina (due facce della stessa medaglia) resta sempre merda …

        Cari saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Umberto 9 mesi fa

          Salve Eugenio
          Certo, sempre la stessa sostanza e lo stesso puzzo. Ho scritto delle idiozie provocatrici per dimostrare che basta una piccola scintilla per farli andare fuori dai gangheri e che quindi ho ragione quando affermo che a politica e quasiasi altra cosa abbiana che fare con il ragionamento non è affar loro. Ma vedo che è ancora peggio: entrano, buttano un po’ di merda senza nemmeno leggere ed escono. Non gliene frega niente del dialogo, del confronto, delle idee, di un caz. Sono buoni solo per buttarla in cagnara e sparare accuse di corruzione, concussione, reati vari che non sanno nemmeno cosa significhino nello specifico dell’ articolo di codice. E’ un esercito che rappresenta il proprio mondo di illusione: il web. Per loro una Nazione o una SpA si amministra e si regge in piedi in rete.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tania 9 mesi fa

    Ieri ho chiesto a mio marito, e ora chi votiamo? Perché abbiamo sempre votato per un solo motivo, fare numero, che niente altro valiamo, votiamo solo per non fare governare questi porci con il 10% dei voti degli aventi diritto, come negli USA.
    Queste “democrazie” che meno gente si presenta ai seggi, più i politici godono, eh!…
    Grillo mi è sempre stato simpatico, poi un giorno di tanti anni fa disse una cosa che mi lasciò sbigottita, disse che il futuro era il computer, tutto sarà fattibile senza nemmeno spostarsi da casa, e io ho visto miliardi di persone sole, al buio, davanti alla macchinetta, persi nel mondo, ma soli come cani, e isolati… pensai, questo è folle, questo tipo è pericolosissimo…
    Eppure l’ho votato, sempre, mi sono detta fino a che il potere lo osteggia lo voto, è una fregatura, ma almeno mi prendo la soddisfazione di non mettere la croce su questo marciume vecchio, puzzolente di grasso, grasso di tutto, soldi, droga, malefatte di ogni tipo nessuna esclusa…
    Francamente penso che non esiste nessuna figura o partito oggi in UE con velleità sincere di smantellamento del potere costituito che in fin dei conti è ancora lo stesso dei sumeri…
    Spero nelle forze nazionaliste di destra, che detto da me che sono di sinistra da DNA, e ho zii e nonni uccisi dai fascisti e dai tedeschi, sembra una bestemmia… Eppure solo le forze con spinta nazionalista ci possono salvare dal sionismomassonicomafioso che si sta prendendo buona fetta del pianeta con mire espansionistiche… Dio mio…
    io credo che solo io posso fare una vera battaglia contro questa casta millenaria, io so che sto facendo la vera opposizione, non frequento la chiesa che il Vaticano è uno dei cardini di quel potere millenario, non compro azioni, che solo comprandone una divento un pilastro del sistema che aborro, vivo con poco e mi sento ricchissima, sono ricchissima, non mi manca niente, ma non perché non desidero niente, fossi scema, io desidero l’agiatezza come tutti, che solo un demente può dire che un comunista ama la miseria, come si può amare la miseria, o anche la povertà? Altro è essere afflitti dalla sindrome compulsiva dell’accumulo ossessivo, i Rothschild, Soros, parecchi vescovi, mafiosi, e potenti in generale sono i casi più tragici con questo disturbo, e nemmeno si curano!
    Ogni omuncolo terrestre è strumento in mano a questi folli da manicomio proprio e solo perché possiede le stesse caratteristiche degli stessi, altrimenti questi senza il consenso generale stringerebbero da secoli tra le mani solo FUFFA.
    Ho una mia idea su come funzioniamo noi terrestri, mi dice che nulla cambierà mai perché da un terrestre non è ancora nato nessun UOMO (Dio, espressione divina), siamo stati fino ad ora, e siamo tutt’ora, solo omuncoli, partendo proprio da quei luridi esseri malati mentali che infatti sono il meglio di noi, di questo che siamo, no? E infatti, ma quanto li ammiriamo, eh?
    Passa il Papa
    Ooooooh
    Passa la regina
    Ooooooh
    Passa l’uomo più ricco del mondo
    Ooooooh

    C’è uno che chiede l’elemosina in centro a Bologna che ha una cantilena “sono messo male”, ecco, potremmo adottarla per tutti noi.
    Dov’è il problema? Ma non c’è nessun problema! Se la UE è stata messa in piedi con scopi di rapina e truffa ai danni delle popolazioni europee e ci va bene, ne siamo consapevoli, dov’è il problema? Lamentarmi per poi accettare tutte le proposte del sistema, che mi lamento a fare? Mai visto un cassintegrato in piazza a manifestare per la sua condizione, i giovani sono rassegnati prima ancora di cominciare a vivere, ignoranti al top, bravi solo con tutto ciò che li rende controllabili, conoscono tutte le opzioni tecnologiche per rendersi sempre più controllabili dal sistema, e si sentono pure intelligenti per questo che si fanno da soli, se chiedi loro chi è Putin ti dicono, chi? Ma guardate l’Eredità la sera, o una volta Avanti un altro, tutti con la stessa storia, laureati disoccupati, che a domande tipo nome del Presidente della Repubblica rispondono Cossiga…
    Io non credo all’innocenza delle persone, al plagio, perché non plagi chi una cosa non la vuole fare per davvero, lo picchi, lo uccidi, ma non lo plagi, lo sottometti, questo non parlerà mai bene di te, non ti guarderà mai con rispetto, amore, stima, ma solo con odio, e quando passi non dice Oooooooh…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ramo 8 mesi fa

      penso che il “nazionalismo” che tu intenderesti, sia quello di base, cioè l’istinto di sopravvivenza di una nazione, e questa è una cosa che é sempre esistita, e l’ottocento ne fu l’esempio, e il novecento ne fu il proseguimento più o meno felice. Del resto Victor Hugo raccomandava alla Società delle Nazioni di essere portatrici di civiltà e benessere nel loro colonialismo. Non voleva infatti lo sfruttamento spietato ma il dare in cambio delle risorse, la civiltà e la giustizia e la sanità, frutto di secoli di lotte e sofferenza. Era un’epoca quella ove il nazionalismo tracimava nell’espansionismo e forse questo era una deriva. Insomma il sano nazionalismo è il volere il bene della propria nazione e di chi la compone in toto e non certo di pochi. Senza cadere nella boria che prevarica. Dopo tante degenerazioni ben mostrate nel vecchio film “Africa addio” circa la fine del colonialismo, e la svendita delle proprie nazioni nei decenni seguenti in Europa, oggi si è giunti al livello peggiore persino rispetto all’occupazione francese ed austriaca che furono lo spunto per l’insorgere degli Italiani nell’800. Insomma siamo al sano bisogno di sopravvivenza che animava Ungheresi, Italiani, Greci, Serbi, in quel lontano 800 . Se è così, allora si parla non di un movimento con le connotazioni del nazionalismo del 900, ma di un movimento di sopravvivenza come quelli dell’800. E questo è decisamente una cosa buona, e forse è così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Umberto 9 mesi fa

    A quanto pare sono arrivati i soliti maiali cattocomunisti filogovernativi e pedofili sionisti rottinculo a fare contropropaganda coi “non mi piace”. Che vi dilettiate in questi giochini, nella vostra miseria materiale e soprattutto intellettuale e morale non mi meraviglia affatto perché vi conoscono tutti. Fin dal tempo dei finti partigiani. Fin dai tempi in cui i vostri padroni titolari di cattedra vi incitavano a fare a botte per strada nascondendosi poi dietro al loden del rettore e voi, imperterriti e fedeli cani al guinzaglio obbedivate per un 18 anche alla svendita di madri e sorelle. Ma anche per voialtri presto il governo di pupazzi si romperà e non godrete più di questo belpaese dei balocchi.
    Tanto per giocare anch’ io un po’ con voi bambini viziati che vagate di bar in bar a scroccare caffè e sigarette a chiunque conosciate anche solo di vista facendogli le moine. Ho un patrimonio immobiliare cospicuo, oltre a conti e buoni del tesoro italiani e stranieri e faccio quel che mi pare e piace solo ed esclusivamente con voi e con quelli come voi. Qualora solo lo desiderassi, per puro capriccio, potrei anche sapere tutto di tutti su tutto e in ogni dove, ma non lo farei mai se non proprio con voi leccaculo del più potente, che sia anche quello del secondo piano che guadagna 100 euro in più di voi. PIATTOLE E ZECCHE per antonomasia, vi piace vincere facile e non sapreste come fare altrimenti. Bau bau

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Walter 9 mesi fa

      Condivido in larga misura quello che scrivi ma vorrei consigliarti di non prendertela troppo. I loro “Mi piace” e “Non mi piace” qui non contano una sega; lascia che questa mandria di incompetenti frustrati si esprima, lascia che si mostrino per quello che sono: poveri idioti aspiranti neo-fascisti. Quando ritornerà il tempo del manganello (purtroppo, prima o poi ci si arriverà) si renderanno conto di non essere dalla parte del manico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Umberto 9 mesi fa

        Salve Walter
        assolutamente no, volevo solo provocare e dimostrare che alla prima scintilla mandano tutto a puttane, per cui qualsiasi cosa abbia a che fare col ragionamento e la diplomazia non è pane per i loro denti. Addirittura, invece, constato che è ancora più inutile la costante battaglia che portano avanti poiché l’ unica cosa di cui sono capaci è quella di contrastare tutto, di buono e di cattivo, buttandola inevitabilmente in cagnara. Non possiedo patrimoni immobiliari e nemmeno titoli…volevo solo accendere la miccia…ma a quanto pare i loro sono solo raid lampo: entrano, scagazzano qua e là ed escono, senza nemmeno leggere. Saranno tornati nei loro blog dove se la suonano e se la cantano da soli nel loro stesso fatuo consenso pseudo popolare farcito di colorate e vivaci terminologie d’ accatto. Apprezzo comunque il tuo intervento, come del resto larga parte di tutti gli altri che esprimi in questo blog, come già abbiamo avuto modo di constatare entrambi.
        Un saluto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Citodacal 9 mesi fa

          Davvero non possiedi nulla dell’elencato? E io che ci avevo creduto e speravo servilmente in una tua generosa prebenda… (teniamo alto il morale ridendoci sopra, và).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Umberto 8 mesi fa

            Ah ah ah qualcosina si, la casa di proprietà, ancora equitalia non è venuta a riscuotere…

            Mi piace Non mi piace
      2. nessuno 9 mesi fa

        Salve, scrivi: ” lascia che questa mandria di incompetenti frustrati si esprima”
        è proprio questo il punto, non si esprimono affatto, mettono un “non mi piace”
        e via, aggiungo che raramente ho visto un si gran numero di “non mi piace” come
        in questa discussione…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. PieroValleregia 9 mesi fa

    salve
    personalmente, il M5S, non mi è mai piaciuto fin dai suoi albori per svariati motivi; ho sempre creduto, forse a torto, che fosse il cavallo
    di Troia, usato dal PD per togliere più voti possibili ai resti, vergognosi, di ciò che una volta era la destra sociale, distrutta in gran parte
    da Berlusconi e dal badoglio/giuda fini.
    Infatti il PD è il primo partito e fa quello che vuole e, a uso e consumo di chi ancora crede nei “ludi cartacei”, fa finta di litigare con
    i pentastellati.
    Ripeto, la mia è un’analisi opinabilissima ma non credo sia poi così campata in aria.
    saluti e buona giornata a tutti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Umberto 9 mesi fa

      Non solo. A giudicare dalla spocchia e dalla totale mancanza di educazione e rispetto del vivere civile, corroborate dal livello mediocre se non pessimo della quasi totalità dei militanti di tale inganno – non i votanti – ritengo, a ragione, che si tratti in ogni modo di un’ accozzaglia di persone, tra le quali parecchi frustrati che non vedono l’ ora di riprendersi le rivincite della vita. Per queto motivo sono da ritenersi senza dubbio un assembramento pericoloso al limite dell’ eversione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Eugenio Orso 9 mesi fa

    E’ giunta la notizia che i grullastri grilloidi pentastronzi hanno votato – in rete! – per la partecipazione alla fantastica ALDE ultraeuropoide!
    Sarà vero? Voto truccato? Dipendenza totale dal guru Grillo?
    Non importa, il gioco di Grillo e Casaleggio Jr. è chiaro.
    Sì al dominio finanziario, alla moneta privata, straniera a debito, sì alle continue controriforme anti-popolari e all’austerità.
    Come dire … sì nostra morte!

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Renè 9 mesi fa

    Aggiornamento: Il 78,5% dei grillini ha votato per rinnegare completamente il precedente schieramento. Questo non mi stupisce, innanzi tutto come diceva Stalin:”Non è importante chi vota ma chi conta i voti”, dunque potrebbero esserci degli (im)brogli, ma se scartiamo la prima, l’altra considerazione è che ciò che ha fatto Grillo è stato quello di replicare l’esperimento del Partito Comunista, che ribaltò la propria politica (o la propria facciata) da pro-lavoratori a pro-elitè, lo stesso gregge che scese in strada a milioni contro la “macelleria sociale…” contro l’abolizione dell’Art.18 quel gregge oggi vota ed è fedele al PD che ha fatto “macelleria sociale” etc etc … Perchè, gli elettori si auto-trasformano in pecore? Non so, conformismo, follia, scarsa intelligenza, fanatismo patologico… non so, di sicuro però l’esperimento è scientifico in quanto è replicabile e Grillo ha appena replicato l’esperimento che portò i comunisti a diventare gl’attuali iperliberisti elitari.
    Il guaio è che Grillo aveva il compito di inventare un falso partito di protesta anti regime e poi portare i suoi voti ad un governo di regime globalista, immigrazionista, schiavista, ai burattinai è sufficiente terminare questa legislatura per essere già al punto di non ritorno, ma grazie al traditore Grillo ed alle sue pecore la prossima legislatura sarà quella che seppellirà l’Italia, gl’italiani e più di tremila anni di storia.
    Infine: i politici non hanno più paura del popolo: Renzi disse “Al massimo mi mandano a casa” se invece la “destinazione” a cui un popolo tradito spedisce i traditori, fosse la forca, forse, i politici non sarebbero così arroganti e sfacciati, Grillo non ha paura del popolo che sta pugnalando alla schiena ed è un peccato che abbia ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 9 mesi fa

      “…conformismo, follia, scarsa intelligenza, fanatismo patologico…”

      Possiamo aggiungere qualcos’altro, ma la direzione corretta è questa e la Storia mondiale annovera illustri precedenti, anche recenti. Per l’Italia poi, sia detto senza alcun sentimento autorazzista – semmai con rammarico per la presenza dei moltissimi italiani che hanno mostrato e mostrano di saper fare e valere – pare affacciarsi con sempiterna frequenza quella che potremmo chiamare la “sindrome Badoglio” (da qualunque angolazione storica o politica la si voglia osservare). Si ha un bel volere a ripetere che vita ed essere umano siano razionali; potrebbero, volendolo con sforzo e applicazione. Evidentemente non gliene importa più d’un tanto. Orchestrina (modello Titanic) finale!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 9 mesi fa

        …son entrati nella lista; di rinnegati è pieno il parlamento, a dritta e a manca, nessuno si salva…
        basta avere memoria, aver letto ed essersi informati per capire che i grillini, copiano, pari pari, nel rinnegare principi (idee non ne hanno), il pci/pds/ds/pd vero maestro di voltagabbanesimo, passando poi dal msi che diventa an (gli anali liberisti), dagli ex dc che da baciapile son diventati gayfriendly…chi siamo noi per giudicare ?, fino alla chiesa che da faro cattolico è diventata una ong relativista, un coacervo di nemici di Cristo che, quest’ultimo “papa” ha pure definito un po cretino…
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Tania 9 mesi fa

    Il primo che mi viene a parlare di democrazia lo prendo a sputate in faccia, è una promessa solenne.
    Mi toccherà andare al seggio a fare mettere per iscritto davanti a me che prendo la scheda e la restituisco senza votare per mancanza di partiti che mi rappresentano, se si rifiutano di farlo chiamo il mio avvocato e i carabinieri, anche questa è una promessa solenne.
    Se siamo in dittatura voglio che la dittatura si dichiari pubblicamente. PUNTO.

    Ha paura di farlo?
    Perché?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. the Roman 9 mesi fa

    I 5 stelle sono un prodotto dei servizi britannici, e servono da gatekeepers. Chiunque puo’ verificare la veridicita’ di quanto affermo. Casaleggio e associati e’ una organizzazione al servizio di interessi occulti, simile alle Ong di Soros , per genesi, organico ed operativita’. Inventore di questo subdola forma di manipolazione, fu Muenzemberg nel secolo scorso ,nel tentativo di propagare il marxismo in Europa. Eric Sassoon, socio di Casaleggio, e’ pronipote di quel Sassoon trafficante di oppiacei che provoco’ la guerra dell’ oppio tra l’ Inghilterra e la Cina. Che interessi puo’ avere un miliardario di una dinastia come quella in Italia ?
    Sassoon, Soros , i consiglieri di Renzi e i maggiori esponenti delle istituzioni finanziarie sono ebrei.
    Ognuno tragga le sue conclusioni. A me pare evidente che non si muove foglia che giudeo non voglia.
    Non puo’ esistere nessuna forza di vera opposizione che non si scontri con questa elite transnazionale che tiene in pugno l’ occidente. Chi vuole rompere il guinzaglio finisce come Alba Dorata o National Action.
    Grillo e’ forse meglio di altri, forse crede di fare bene, ma e’ una piccola figura , un Masanielluccio.
    Un giullare vive delle risa del padrone, e Grillo e’ pur sempre un giullare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. nessuno 9 mesi fa

    Segnalo alla redazione che si stà verificando un’ attacco dei troll
    “non mi piace”, sono in numero nettamente anomalo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 9 mesi fa

      Lasciamoli sfogare. E’ il solo modo d’argomentare che hanno: sostituire il ragionamento col criterio organolettico con cui si valuta un lecca-lecca. Immagino se al Cern di Ginevra, o in qualsiasi consesso di ricerca scientifica, la validità d’una ricerca dovesse essere determinata dal sistema “mi piace; non mi piace”. Magari anche in una sala operatoria…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Citodacal 9 mesi fa

    http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2017/01/08/grillo-tentato-di-lasciare-efdd.-sul-blog-si-vota-su-futuro-in-ue_dcda7af9-11e6-4d7b-b92c-360795cc9be1.html

    L’ANSA batte la notizia che l’ALDE rifiuta l’alleanza con M5S; Verhofstadt dichiara: “Sono arrivato alla conclusione che non ci sono sufficienti garanzie di portare avanti un’agenda comune per riformare l’Europa”. Fine definitiva dei giochi? Che pagliacciata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. bertolini 9 mesi fa

    Il M5S e’ un movimento di estrema sinistra; è sempre stato così; è nato così…. E’ stato fatto crescere perchè alle Potenze oscure serviva un movimento politico che intercettasse il forte malcontento in una fase cruciale del porgetto mondialista di cui quest’organizzazione è un’avanguardia di rottura, la sua faccia più aggiornata (la stessa funzione che ebbero i giacobini).
    Gli ideali che animano i fondatori e i militanti (gran parte proviene dai centri sociali) non sono diversi da quelli della èlite globalista (ricordate le consultazioni on line su immigrazione e matrimoni omosessuali…).
    Andate un pò a vedere chi era Casaleggio e chi bazzicava…… Questi sono dei “miglioristi” di un sistema mondialista che nel complesso accettano, di cui condividono gli ideali e che ritengono appunto solo “perfettibile”. Sono post-comunisti in versione tecnologica per i quali la globalizzazione è la nuova forma del “sacro vecchio” internazionalismo. Scusatemi la ripetizione di alcuni concetti ma è meglio ribadire alcuni punti secondo me fondamentali per capire la vera natura di questo movimento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace