"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

LA SVEZIA VIETA LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE…

di Maurizio Blondet

Il 10 maggio il Parlamento svedese ha respinto 7 proposte che avrebbero promosso le vaccinazioni obbligatorie. Il governo svedese ha deciso infatti che le politiche di vaccinazione forzata sono contrarie ai diritti costituzionali dei loro cittadini.

La Svezia, invece di aderire alla pressione delle aziende farmaceutiche o delle tattiche spaventose dei media mainstream, ha adottato la decisione di rifiutare l’applicazione della vaccinazione obbligatoria ai suoi cittadini. Infatti, un tale mandato, hanno affermato, violerebbe la Costituzione del paese.

Anche altri fattori hanno influenzato questa decisione. Da un lato c’è stata la pressione dei cittadini che hanno manifestato chiaramente il loro dissenso oltraggio al concetto di vaccinazioni forzate. Il testo di uno dei moti relativi alla decisione ha rilevato che i parlamentari avevano osservato “una grande resistenza a tutte le forme di coercizione per quanto riguarda la vaccinazione“.

I politici hanno anche citato alcuni dati dal sistema sanitario svedese (NHF) che hanno rivelato frequenti e “gravi reazioni avverse” al vaccino MMR (morbillo, orecchioni e rosolia) ed hanno osservato che tali reazioni sono specificate anche nel foglietto informativo del vaccino.
I politici hanno affermato che siccome i bambini dovrebbero ricevere due dosi di questa vaccinazione, questi considerevoli rischi sarebbero raddoppiati. Inoltre hanno sottolineato che tali rischi non erano limitati al vaccino MMR, ma che altri vaccini causavano “reazioni avverse simili”.

Ecco il testo originale in svedese di ciò che è avvenuto (1): Riksdagen röstade Nej till alla vaccinmotioner

“La NHF svedese ha inviato una lettera al Comitato e ha spiegato che violerebbe la nostra Costituzione se introducesse la vaccinazione obbligatoria o la vaccinazione obbligatoria come è stata presentata nel moto di Arkelstens. Molti altri hanno anche presentato una corrispondenza e molti hanno richiamato il Parlamento e il mondopolitico. I politici parlamentari hanno sicuramente notato che c’è una massiccia resistenza a tutte le forme di coercizione per quanto riguarda la vaccinazione”

Vaccinazione obbligatoria

“La NHF svedese mostra anche le frequenti reazioni avverse in base al tasso a cui FASS specifica nel foglietto illustrativo del vaccino MMR, quando si vaccina un gruppo intero di 1 anno. Inoltre, bisogna tener conto che ogni gruppo di età riceverà due volte il vaccino MMR, per cui gli effetti collaterali sono raddoppiati. Non dobbiamo dimenticare che, inoltre, si applicano simili liste di reazioni avverse per altri vaccini.
Nella lettera abbiamo anche incluso una vasta lista degli additivi trovati nei vaccini – sostanze che non sono sostanze per la salute e non appartengono a bambini o bambini. Abbiamo finito l’opinione dei politici con una scoraggiante lista di studi che dimostrano che la vaccinazione è una cattiva idea”

Maurizio Blondet
26 maggio 2017

Fonte: MaurizioBlondet

*

code

  1. PieroValleregia 4 mesi fa

    … beh, ogni tanto una giusta la fanno anche gli (ex) vichinghi …
    Non vorrei scrivere bugie ma credo che l’Italia sia l’unica (ex) nazione ad imporli per forza …
    ah già, dimenticavo: i “valori” del 25 aprile …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 4 mesi fa

      A suo parere, cosa avrebbero fatto di giusto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Nicola 4 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 4 mesi fa

    Non ero a conoscenza che per procreare in Italia bisognasse avere un’autorizzazione statale, ebbene sì, lo confesso.
    Giustamente lo stato mi toglie la patria potestà perché non ottempero ai suoi dettami.
    Certo che dalla Svezia nulla ho da imparare, perché è stata la prima nazione a rendere di legno le anime dei propri cittadini, legandoli inequivocabilmente alla materia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 4 mesi fa

    Propongo la lettura dell’articolo di seguito linkato: AltraInformazione
    Lettera del dott. Giuseppe Di Bella a Famiglia Cristiana

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 4 mesi fa

      non si “linka ” nulla…vediamo di tradurre il suono gutturale e cerchiamo un traduttore su google, forse riusciamo a venirne a capo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 4 mesi fa

        Ma allora il suo è proprio un complesso d’inferiorità!!
        D’altronde per rifarsi ha svolto il ruolo d’ufficiale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 4 mesi fa

          o suoni gutturali , o ragli, non c’è altro ! del resto quando si invia a siti dove si geme per gli immigrati frutto “della colonizzazione europea”, non ci si può aspettare altro di meglio !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Manente 4 mesi fa

    “L’utero è mio e me lo gestisco io”, strillava la Bonino … ora, grazie alle “battaglie civili” di questa fattucchiera e degli smidollati che le hanno dato retta, l’utero può essere dato o preso in affitto, con l’eutanasia chi vuole può decidere se, quando e come lasciare questa valle di lacrime, ma il diritto di decidere se fare o meno 13 vaccinazioni alla volta ed il principio “il corpo è mio e me lo gestisco io” per bambini e genitori è negato per legge … non vale più ! Potenza di Soros, di Big Pharma e dell’entità pidiota !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 4 mesi fa

      E pompava, la Bonino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Werner 4 mesi fa

    La patria potestà andrebbe tolta a quei genitori troppo libertini e permissivi coi figli adolescenti, che li lasciano liberi di uscire fino a tarda notte, di ubriacarsi, di cannarsi, di avere rapporti promiscui, il tutto in nome di un concetto distorto e dannoso di “libertà” che li renderà da adulti immaturi e irresponsabili, non a chi non vorrebbe sottoporre il proprio bimbo o bimba ai vaccini, che se lo fa è certamente per il suo bene, soprattutto dopo che da più parti è stata messa in evidenza una presunta correlazione tra vaccini e casi di autismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Walter 4 mesi fa

      I vaccini hanno salvato milioni di persone da morte e disabilità: questo è un dato di fatto.
      La presunta correlazione tra vaccini e autismo si basa su una sola pubblicazione scientifica che è stata ritrattata dallo stesso autore: anche questo è un dato di fatto.
      Non esiste alcuno studio serio su possibili correlazioni tra autismo e vaccinazione: altro dato di fatto.
      Che i genitori, seppure animati da buone intenzioni, sappiano e facciano sempre il bene dei loro figli è tutto da dimostrare.
      Le presunte correlazioni messe in evidenza da più parti spesso si dimostrano delle idiozie.
      Una puntualizzazione: io non vendo vaccini, anzi non vendo proprio niente. Che la gente si vaccini o meno non cambia il mio reddito e le mie prospettive di carriera. I miei figli sono stati vaccinati; gli altri facciano quello che ritengono opportuno. Tanto è inutile discutere con chi non vuole intendere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Werner 4 mesi fa

        Mi rincresce il fatto che lei abbia travisato il senso del mio post. Desidero precisare che non ho manifestato contrarietà ai vaccini, che se servono a evitare il diffondersi di malattie sono assolutamente da somministrare. La domanda che uno dovrebbe porsi è, siamo sicuri che il Governo italiano abbia posto l’obbligatorietà dei vaccini per il bene dei nostri figli? Personalmente ne dubito, anzi, sarei più propenso a credere che lo abbia fatto su pressione delle lobby farmaceutiche, e il nostro Stato, come la gran parte di quelli occidentali, si è sempre mostrato prono alle lobby e ai loro interessi, in qualsiasi settore.

        Tra l’altro noi non sappiamo quali siano le componenti di questi vaccini, per cui non so fino a che punto sia presunta la correlazione tra vaccini e autismo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Walter 4 mesi fa

          Alle lobby farmaceutiche i vaccini non convengono perché costano poco e prevengono le malattie infettive; dal punto di vista del profitto, converrebbe lasciare che la gente si ammali per poi vendere antibiotici e strumenti e reagenti per la diagnosi di infezioni.
          Le tue considerazioni sono di carattere generale, ovvero aria fritta. Di quali vaccini parli in particolare? Su quale o quali vaccini nutri dei dubbi? Quali sono le sostanze i cui parli? Hai idea della legislazione in materia e di quanti e quali controlli devono essere effettuati prima che un vaccino sia approvato e commercializzato? Le componenti dei vaccini sono scritte sul foglietto illustrativo; basterebbe leggerlo e informarsi su cosa sono quelle sostanze. Ma al giorno d’oggi sono tutti professori, tutti capaci di giudicare cose che conoscono minimamente. Del resto, questa è la democrazia. E scusa se non vomito quando scrivo “democrazia”.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Werner 4 mesi fa

            Pazienza, l’importante è che sei tu a conoscere tutto e che gli altri scrivono sciocchezze.

            Mi piace Non mi piace