La super ipocrisia dell’Occidente sull’ISIS


Scritto da Eric Zuesse

Durante il periodo dal 17 settembre all’11 dicembre 2016 , gli Stati Uniti e i loro alleati hanno compiuto una massiccia operazione per spostare gli jihadisti sopravvissuti dell’ISIS che si trovavano nella regione irachena produttrice di petrolio di Mosul, nella regione petrolifera siriana di Deir Ezzor e Palmira. Questo era stato fatto in modo che quei jihadisti che rubavano petrolio e lo vendevano in Iraq poi avrebbero rubato il petrolio siriano aumentando così le probabilità di rovesciare il governo non settario della Siria.

Gli Stati Uniti e i loro alleati avrebbero quindi sostituito quel governo con uno che sarebbe stato controllato dalla famiglia fondamentalista sunnita dei Saud , che possiede l’Arabia Saudita , da sempre leader della potenza petrolifera e una famiglia regnante che, come noto, è la principale alleata straniera dell’America . I Saud sono fondamentali per mantenere il dollaro USA come valuta di riserva mondiale . L’aristocrazia statunitense si basa su di loro.
Ora che l’ISIS viene sconfitto dal governo siriano (e dai suoi alleati Russia e Iran) in Siria, gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di trovare altri governi che li prenderanno come rifugiati. Questo fa parte di un accordo raggiunto dal regime statunitense con ISIS, come risulta da varie testimonianze.

La questione di cosa fare con le migliaia di membri dell’ISIS sopravvissuti ma (temporaneamente) sconfitti – e con i loro coniugi e figli – ha sollevato l’ipocrisia forse al livello più alto di tutta la storia. I sui precedenti devono essere compresi se si vogliono capire le fonti di quell’enorme ipocrisia.

Ecco questo sfondo:

Quando la Russia ha iniziato a bombardare l’ISIS in Siria il 30 settembre 2015 , questo ha fortemente turbato il regime statunitense, che è quindi partito il 12 ottobre 2015 per lanciare armi in quella zona in modo da aiutare i jihadisti a abbattere gli aerei della Russia, che stavano bombardando l’ISIS . L’America’s Fox News Channel ha intitolato il suo report: “I lanci militari USA per 50 tonnellate di munizioni per i combattenti siriani, dopo la fine dell’addestramento” . Gli Stati Uniti non hanno iniziato a bombardare l’ISIS in Siria fino al 16 novembre 2015 e la scusa del governo degli Stati Uniti per non averli bombardati prima era “Questo è il nostro primo attacco contro i camion cisterna e, per ridurre i rischi per i civili, abbiamo lanciato un volantino prima del bombardamento. ” Hanno fatto finta che fosse stato fatto per compassione – non per estendere il più a lungo possibile il successo dell’ISIS nel conquistare il territorio in Siria (come riconobbe John Kerry durante una audizione registrata in sede ONU ).
Accade poi, il 26 febbraio 2019 , che l’agenzia di stampa del governo siriano ha riferito che gli Stati Uniti avevano inviato alla Federal Reserve USA più di 40 tonnellate di oro che l’ISIS aveva accumulato vendendo, sui mercati neri internazionali, petrolio dalla regione di produzione petrolifera della Siria attorno a Deir Ezzor – Il petrolio siriano rubato dall’ISIS e il suo ricavato viene rubato di nuovo dal regime degli Stati Uniti – e questo oro viene ora inviato negli Stati Uniti ( l’8 marzo Ho riportato l’ulteriore precedente e il contesto di quel furto degli Stati Uniti dalla Siria).

Il regime degli Stati Uniti aveva offerto ai membri dell’ISIS che erano nella regione petrolifera della Siria la scelta fra essere catturati e uccisi dal governo siriano, oppure per loro di consegnare agli Stati Uniti quell’oro e l’opzione scelta dai jihadisti era quella di dare l’oro agli Stati Uniti, che ora stanno cercando di trovare altri paesi per trasferire i jihadisti come “rifugiati” (dal momento che la Siria di certo non vuole loro, e nemmeno il regime degli Stati Uniti).
Il regime degli Stati Uniti sta onorando i suoi impegni nei confronti di quei “ex” membri dell’ISIS e delle loro famiglie, per aiutarli a trovare paesi che accetteranno queste persone come “rifugiati”. La Svezia, essendo molto liberale (nel senso ideologicamente molto confuso), sembra essere uno di questi paesi. (…….)

Famiglie dei terroristi dell’ISIS

Il nuovo governo svedese, che è stato finalmente formato a gennaio dopo mesi di ritardo, sta introducendo politiche che porteranno a una maggiore immigrazione in Svezia – nonostante il principale partito di governo, i socialdemocratici, si sia candidato alla promessa di restringere le politiche di immigrazione.
Il diritto al ricongiungimento familiare per le persone che hanno ricevuto asilo in Svezia che non hanno lo status di rifugiato viene reintrodotto – una misura che si stima possa portare almeno 8.400 nuovi immigrati in Svezia nei prossimi tre anni. Secondo il Ministro delle migrazioni, Morgan Johansson, questa misura “rafforzerà l’integrazione”, sebbene non abbia spiegato come.
“Penso che sia una misura umanitaria molto buona; Il 90 percento [di quelli che dovrebbero venire] sono donne e bambini che hanno vissuto a lungo nei campi profughi, [e] che ora possono ricongiungersi con il loro padre o marito in Svezia “, ha detto Johansson .


Foreign Fighters europei catturati in Siria

Questa dovrebbe essere ‘democrazia’?

Una nota positiva, tuttavia, alla fine di febbraio, il governo svedese ha presentato piani per introdurre una legislazione che criminalizzerebbe l’appartenenza a un’organizzazione terroristica. Questa nuova legge consentirebbe di perseguire i combattenti dell’ISIS che non possono essere collegati a un crimine specifico, ma che hanno dimostrato di aver fatto parte di un’organizzazione terroristica. I critici hanno sottolineato che ci sono voluti anni perché il governo prendesse provvedimenti per criminalizzare l’appartenenza alle organizzazioni terroristiche.

La Svezia è ipocritamente “neutrale”, ma in realtà una nazione vassalla degli Stati Uniti. La Svezia è spinta dal suo padrone, il regime degli Stati Uniti, ad accettare parte della gente che il governo degli Stati Uniti ha protetto per consentire agli Stati Uniti di prendere il potere in Siria e consegnarlo all’alleato principale dell’aristocrazia statunitense, i sauditi; e, quindi, il governo svedese sta ora cercando di quadrare questo cerchio, al fine di soddisfare almeno un po ‘tutti. Questa lealtà spaccata (tra il maestro imperiale e il pubblico domestico) è quella che viene chiamata “democrazia”, ​​al giorno d’oggi. Il padrone si tira da una parte, il pubblico è confuso o indeciso, e l’altro alleato del Medio Oriente, il principale degli Stati Uniti, Israele, sta procedendo nella direzione opposta, su questa particolare questione.

Questo è il modo in cui vengono effettivamente decisi gli affari internazionali. Le varie aristocrazie arrivano a un accordo su come procedere. Le rispettive opinioni pubbliche sono praticamente ignorate, tranne che come fronti per il loro PR. Questo è l’ordine internazionale di oggi, così come è stato per migliaia di anni: sono gli accordi che vengono raggiunti tra le aristocrazie. (………)

Originariamente apparso su Strategic-Culture.org

Traduzione : Luciano Lago

1 commento

  • Mardunolbo
    20 Marzo 2019

    La fine della Svezia ,nazione protestante e massonica, è vicina con l’implosione del suo popolo ormai annichilito dalle bande islamiche. Gli Usa, invece, sono già finiti con un Trumpello che si agita ma produce poco o niente nel mondo. Rimane solo cosa fare del più grande arsenale militare mondiale…Ci penseranno i pazzi che detengono il potere politico militare: usarle ! Sarebbe ottima cosa che venissero spazzati via da uragani prima che le loro pazze menti diano l’ordine finale.

Inserisci un Commento

*

code