LA STRATEGIA TERRORISTICA DI KIEV UCCIDE CIVILI NEL DONBASS E NELLE REGIONI DI CONFINE CON LA RUSSIA

Le forze armate ucraine continuano a bombardare senza senso i civili nella regione del Donbass e nelle regioni di confine con la Russia.

Il 3 ottobre, le forze ucraine hanno bombardato il villaggio di Golovchino nella regione di Belgorod. A seguito dell’aggressione è rimasta uccisa una donna di 48 anni. Secondo il governatore Vyacheslav Gladkov, i proiettili ucraini hanno colpito il centro del villaggio, distruggendo le infrastrutture civili. Vyacheslav Gladkov ha chiarito che a seguito dei bombardamenti, due case private sono state quasi distrutte e 51 edifici sono stati danneggiati. Gli edifici saranno restaurati al più presto. Il governatore ha aggiunto che tutti i servizi di sicurezza e il capo del distretto sono stati schierati sul posto.

“Vorrei sottolineare che le forze armate ucraine hanno sparato su un villaggio dove non ci sono attrezzature e strutture militari, ma vivono civili: bambini e anziani”, ha osservato Gladkov.

Il villaggio di Golovchino si trova a una decina di chilometri dal confine con l’Ucraina. È stato già bombardato dall’aFU due volte il 19 e il 26 aprile. Il 19 aprile tre civili sono rimasti feriti e più di 30 case sono state danneggiate. Il 26 aprile sono state danneggiate quattro case e diversi edifici non residenziali.
Anche le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, recentemente entrate in Russia, sono state bombardate dal regime di Kiev.

Militanti ucraini hanno licenziato il distretto centrale di Voroshilov di Donetsk dalle loro posizioni militari a Karlovka. L’attacco è stato effettuato con HIMARS MLRS di fabbricazione statunitense. Secondo il rappresentante della DPR presso il JCCC, l’AFU ha lanciato due missili. Uno di questo è stato abbattuto da mezzi di difesa aerea russi, l’altro è caduto vicino al centro commerciale Green Plaza. Non sono state segnalate vittime. Danneggiati diversi centri commerciali.


Nella Repubblica popolare di Luhansk, l’AFU ha colpito la città di Starobelsk con HIMARS MLRS di fabbricazione statunitense. Le forze ucraine hanno bombardato con un razzo contro un asilo che è stato danneggiato.
Gli attacchi ai civili sono effettuati con armi straniere di alta precisione, ovvero con cui le forze ucraine uccidono intenzionalmente civili nel tentativo di minacciare la popolazione filorussa delle Repubbliche.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “LA STRATEGIA TERRORISTICA DI KIEV UCCIDE CIVILI NEL DONBASS E NELLE REGIONI DI CONFINE CON LA RUSSIA

  1. Leggendo queste notizie abbiamo un’altra visione del conflitto che a confronto con l’informazione che passa su tutti i programmi televisivi italiani avvertiamo uno stato di censura insopportabile e di ripetere a pappagallo tutto ciò che viene passato dalle agenzie americane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus