La strategia americana del fallimento arriva in Ucraina


Di BRANDON J WEICHERT

La missione statunitense in Ucraina segue le orme fatali delle campagne di guerra fallite in Afghanistan e Iraq
Dopo i fallimenti delle missioni militari statunitensi in luoghi come l’Afghanistan e l’Iraq – e in molte altre nazioni musulmane come la Libia – i critici della missione statunitense nella “guerra globale al terrorismo” hanno lamentato la mancanza di una strategia coerente.

Come dice la frase stanca di Carl von Clausewitz, “la guerra è un’estensione della politica con altri mezzi”. La guerra, quindi, è un atto intrinsecamente politico. Più precisamente, è l’uso della violenza da parte di un attore statale o non statale per influenzare un risultato politico.

Pertanto, ogni volta che viene utilizzata la forza militare, deve avere fini chiari stabiliti dalla leadership politica che ordina l’uso di tale forza militare. Quei fini politici chiaramente definiti devono essere integrati da modi affidabili per raggiungere quell’obiettivo politico realistico . I mezzi sono le risorse che devono essere impiegate per raggiungere il fine politico.

Inoltre, questi obiettivi politici devono essere fissati dalla leadership politica e militare. Non possono cambiare a metà missione (questo non ha nulla a che fare con l’essere flessibili a livello tattico).

Uno dei più grandi fallimenti degli ultimi 30 anni di interventi di politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente è stato quello che l’ex segretario alla difesa Robert Gates ha definito ” mission creep “. Questo è come spostare i pali della porta nel mezzo del gioco, rendendo il gioco impossibile da vincere.

Come hanno dimostrato le operazioni fallite dell’America in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria e tante altre dal 1945, lo slittamento della missione può essere catastrofico sia per il prestigio dell’esercito americano sia per la sua prontezza a condurre la sua più ampia missione di scoraggiare i veri grandi rivali statali negli Stati Uniti, vale a dire Cina, Russia, Iran e Corea del Nord.

Afghanistan: la lunga perdita
Un tempo base delle operazioni di al-Qaeda e dei loro alleati talebani, dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001 contro gli Stati Uniti, l’Afghanistan era diventato l’obiettivo principale dell’ira “giustificata” dell’America.

Con una manciata di operatori delle forze speciali, ufficiali paramilitari della Central Intelligence Agency (CIA), carichi di alleati tribali locali e giudiziosa potenza aerea americana, l’esercito americano ha deposto efficacemente i talebani e ha rotto la roccaforte di al-Qaeda nel paese in circa due mesi da ottobre a dicembre 2001.

Truppe USA si ritirano dall’Afghanistan

Se quel dicembre non fosse stato per una squallida pianificazione, è probabile che il conflitto si sarebbe concluso con la cattura o la morte di Osama bin Laden mentre fuggiva dalle forze americane ai piedi di Tora Bora.

Anche senza aver catturato bin Laden, tuttavia, nella primavera del 2002, le forze statunitensi in Afghanistan avevano realizzato ciò che il popolo americano voleva che facessero: avevano interrotto le reti terroristiche nel paese e assicurato alla giustizia i gruppi responsabili dell’attentato dell’ 11 settembre (come i media li indicavano).

Nonostante questo fatto, gli americani sono rimasti in giro per altri 20 anni, dissanguando le loro truppe, scorte di armi e tesori prosciugati nelle rocce dell’Afghanistan.

Per quale scopo? Inizialmente, era per vendicarsi dei colpevoli indicati dell’11 settembre (ammesso che fossero loro). Una volta raggiunto questo obiettivo, perché gli Stati Uniti hanno ampliato la propria impronta e il proprio impegno nel “Cimitero degli imperi?” La mancanza di una strategia coerente e concreta è stata una delle ragioni.

Iraq: la delizia di un idiota
In Iraq, la giustificazione per la guerra era chiara: l’amministrazione George W. Bush era convinta che Saddam Hussein avesse sviluppato un massiccio programma segreto di armi di distruzione di massa (armi di distruzione di massa, in particolare nucleari) e avesse collaborato con al-Qaeda (sosteneva il main stream).
Una volta che l’esercito americano si è insediato nel cuore della cosiddetta “mezzaluna fertile”, è diventato palesemente chiaro che entrambe le accuse mosse dall’amministrazione Bush contro Saddam Hussein erano sbagliate o inventate , a seconda di chi chiedete.

Piuttosto che andarsene e cercare di salvare il proprio potere, gli americani hanno scelto ancora una volta di restare con obiettivi massicci alle loro spalle – il tutto mentre l’amministrazione Bush ha cambiato silenziosamente l’obiettivo dalla rimozione di un regime che stava attivamente costruendo armi di distruzione di massa e collaborando con al-Qaeda alla diffusione democrazia in Medio Oriente (sic) per porre fine al terrorismo.

In Iraq, il mondo ha assistito ai peggiori eccessi dell’ignoranza strategica americana: ha invaso il paese sulla base di falsi pretesti, con una forza che era decisamente troppo piccola per proteggere il paese dagli insorti; ha cambiato i suoi obiettivi da qualcosa di ottenibile (porre fine a un regime che presumibilmente stava pianificando di bombardare gli Stati Uniti – sic!-) a qualcosa di meno realistico (diffondere la democrazia); e gli americani sono rimasti umiliati, dando potere ai loro nemici, creati da loro (l’Iran islamista e l’ISIS) nel processo.

Stordito e confuso in Ucraina
Dopo aver completamente fallito nelle lprp guerre in Medio Oriente, gli americani hanno ora preso gli odiosi prodotti delle sue fabbriche fallite e li hanno inviati alla guerra russo-ucraina. Dopo che i russi hanno invaso l’Ucraina lo scorso anno, gli americani hanno inondato di armi e altre forme di sostegno la nazione assediata.

Qual era il piano, però? Inizialmente, sembrava che l’obiettivo degli Stati Uniti fosse quello di convincere i loro partner della NATO a respingere l’invasione russa nell’Ucraina occidentale nel 2022. Questa era una strategia sensata e ha funzionato. La relativamente piccola forza d’invasione russa di 160.000 soldati è crollata sotto la pressione sostenuta dei difensori dell’Ucraina.

Una volta assicurata Kiev e assicurata la sopravvivenza del governo del presidente Volodymyr Zelensky, la logica linea d’azione sarebbe stata chiedere la pace, negoziare un accordo che mantenesse libera l’Ucraina occidentale e cedesse ufficialmente le province di lingua russa dell’Ucraina orientale e della Crimea ai russi
Nel preciso momento in cui gli americani avevano raggiunto l’obiettivo desiderato, tuttavia, Washington raddoppiò e incoraggiò gli ucraini a spostare il loro obiettivo da una difesa territoriale realistica a un folle tentativo di ripristinare completamente il controllo ucraino sia sull’Ucraina orientale che sulla Penisola di Crimea fortemente fortificata. .

Di recente, i leader occidentali hanno iniziato a parlare apertamente del loro desiderio di vedere il presidente Vladimir Putin rovesciato e la Federazione Russa divisa . Anche nelle migliori circostanze, a meno di una guerra mondiale totale, questo non sarebbe mai accaduto. Ma i fantasisti di Washington hanno illuso se stessi e l’Ucraina nel commettere un suicidio strategico sulla base di questi sogni irraggiungibili.

Seguendo gli americani strategicamente analfabeti, tutto ciò che gli ucraini faranno è prosciugare se stessi – così come le casse e le scorte di armi della NATO – e rendersi suscettibili a un massiccio contrattacco russo. Questo, ovviamente, è esattamente ciò che sta accadendo in Ucraina.

Grazie alla loro stretta associazione con gli ingenui geopolitici di Washington, l’Ucraina è stata indotta a gettarsi a capofitto in una guerra che non può vincere contro la Russia dotata di armi nucleari, il tutto mentre l’Occidente fa ben poco per prepararsi alla guerra più ampia che ha provocato.

Detenuti che gestiscono il manicomio
Se ci fosse stato un adulto a Washington durante l’attuale crisi o se l’ex presidente Donald Trump fosse stato al comando durante questo periodo, è probabile che l’intera guerra russo-ucraina sarebbe stata evitata. Ahimè, l’establishment di Washington è incapace di autocoscienza.

Questi principi viziati devono rendere omaggio per il loro status infondato agli dei della guerra con il sangue dei figli e delle figlie dell’Ucraina e, infine, con il sangue della gioventù americana.

La classe dirigente di Washington ha sbagliato per decenni a livello strategico. Con ogni disastro della politica estera, la posizione complessiva dell’America in cima al sistema mondiale è diminuita fino a raggiungere il suo attuale punto più basso.

Neutralizzando il potere dell’America e rimanendo nel mondo in queste infinite guerre di incendi boschivi, gli Stati Uniti ora hanno una scelta netta da fare.

Putin ispeziona le truppe

O Washington riesce a fare un miracolo in Ucraina o i russi schiacceranno l’Ucraina e poi spezzeranno la schiena dell’alleanza NATO, ponendo così fine alla posizione strategica degli Stati Uniti in Europa e probabilmente dando vita a un ordine mondiale completamente nuovo in cui ci sono più centri di potere, al contrario della solo America.

Questo destino era evitabile se gli Stati Uniti avessero semplicemente prestato maggiore attenzione alla strategia piuttosto che all’ideologia. In un modo o nell’altro, però, gli Stati Uniti stanno tornando al mondo reale. Non sarà carino quando si renderanno conto di quanto in basso sono veramente caduti.

Fonte; Asia Times

Traduzione: Gerard Trousson

P.S. Le opinioni espresse nell’articolo non coincidono necessariamente con quelle della Redazione

Foto in alto: cimitero in Ucraina

2 Commenti
  • Benedetto
    Inserito alle 20:49h, 17 Gennaio Rispondi

    Tutto quello che volete ma è solo la logistica che fa vincere il tenente russo inverno. Un appassionato abbraccio ai genitori dei soldati russi caduti e un silenzioso e commosso abbraccio ai parenti e genitori dei bambini russi caduti sotto il piombo della nato.

  • antonio
    Inserito alle 09:02h, 18 Gennaio Rispondi

    i pirati della regina – i mercanti di morte virus e oppio – i predoni di donne bimbi terre oro e petrolio – dollari di carta insanguinata portat sui mitra e tritolo – la Libertà e la Verità dei Folli

Inserisci un Commento