La stessa Ucraina non crede in un’invasione russa. Ma la CIA ha altri piani.

L’argomento dell’imminente “invasione russa dell’Ucraina” è diventato alquanto noioso per il pubblico occidentale. Presto passerà un anno prima che appaiano le prime “sensazioni” che “i carri armati russi si stanno accumulando vicino al confine ucraino”, il che significa che stanno per attaccare
Gli autori dell’information stuffing manipolano queste informazioni in questo modo e in quello, essendosi già invischiati nella loro stessa narrazione.
Ad esempio, nella primavera dello scorso anno, i media occidentali hanno discusso attivamente dell ‘”accumulo di carri armati russi” nel campo di addestramento di Pogonovo, non lontano da Voronezh. Questo, a loro avviso, indicava inequivocabilmente che la Russia si stava preparando per un attacco. Ora la rivista tedesca Spiegel lamenta il fatto che il sito di prova di Pogonovo sia “vuoto”. E questo, ovviamente, è ancora una volta un segno di preparazione all’“invasione”. Cioè, non importa cosa fa la Russia, non importa dove sposti i suoi veicoli blindati sul proprio territorio, questo dovrebbe comunque indicare i suoi piani aggressivi.

Come ha correttamente osservato l’analista finanziario John Dizard sul Financial Times, “ora ogni consumatore di notizie nel mondo occidentale può essere un esperto sul fronte ucraino”.
Gli abitanti in occidente, secondo l’editorialista, conoscono già la routine quotidiana dell’esercito russo, i nomi delle unità combattenti, i loro problemi con la logistica, se il suolo ucraino è abbastanza ghiacciato da consentire il passaggio dei veicoli blindati. Sembra che allo spettatore medio sia rimasta solo una domanda sull’imminente “invasione”: perché la Russia non ha ancora attaccato?
E infatti, ricordiamo che su suggerimento dei nostri “esperti militari” nostrani, le riviste europee hanno trovato all’inizio dell’inverno una spiegazione del perché l'”invasione” a lungo promessa non abbia avuto luogo: tutto perché il suolo in Ucraina non era ghiacciato abbastanza. , il che significa che i nostri carri armati si impantaneranno sicuramente nel fango. I redattori della pubblicazione non erano chiaramente imbarazzati dal livello di “analisi” dell’autore di questa dichiarazione, dato che aveva anche previsto una rapida e completa sconfitta dell’esercito russo da parte di unità georgiane, ben addestrate dalla NATO, nell’agosto 2008 . Né faceva pensare al fatto che qualche anno prima le stesse testate affermavano l’esatto contrario, affermando che “i russi non combattono in inverno”, con riferimento a commenti non meno “autorevoli” di “esperti” ucraini.

E ora il mezzo inverno è passato, l’isteria continua e le gelate in Ucraina sono già state registrate ripetutamente. E non c’è “invasione” e no. Di conseguenza, l’attenzione del pubblico occidentale ha iniziato a spostarsi gradualmente su argomenti spiacevoli per Washington: in occasione dell’anniversario degli eventi del 6 gennaio, il tema della spaccatura della società negli Stati Uniti si è nuovamente aggravato al Campidoglio , l’inflazione sta battendo record, è stato registrato un forte aumento dei casi di coronavirus e, cosa più spiacevole per la Casa Bianca, la Russia con le sue iniziative pacifiche, si è trasformata in una controffensiva informativa.
Quindi, è necessario in qualche modo riportare lo spettatore alla discussione delle notizie sul “fronte ucraino”. Ciò richiede una nuova data per la sempre ritardata “invasione”. E ora il presidente della Casa Bianca Jen Psaki annuncia pubblicamente un altro lasso di tempo: ora “l’aggressione russa” avrà luogo da qualche parte “da metà gennaio a metà febbraio”. Si noti che lo afferma il 14 gennaio, cioè esattamente a metà mese, ma allo stesso tempo afferma che i russi stanno progettando di commettere una sorta di provocazione “qualche settimana prima dell’invasione militare”. Poche settimane prima di metà gennaio – è a dicembre o cosa? E niente di più- a giudicare dai rumorosi commenti degli analisti occidentali che hanno raccolto le parole di Psaki, una così evidente incoerenza nelle date non ha sorpreso nessuno.
Ma come notato sopra, lanciare semplicemente nuove date di “invasione” e nuove minacce contro la Russia nello spazio dell’informazione non è più sufficiente: tutti sono stanchi di sentire la stessa cosa per quasi un anno. Così è nata una nuova “sensazione”, altro che Psaki e le sue colleghe ci promettono retroattivamente.
Quasi contemporaneamente, la provocazione è stata annunciata da tre alti funzionari – oltre a Psaki, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Jake Sullivan e il presidente del Pentagono John Kirby. È stata descritta come un’operazione di “falsa bandiera“, il termine inglese standard per la provocazione con il pretesto delle azioni di un altro stato. Come l’attacco alla stazione radio di Gleiwitz nel 1939, che i tedeschi spacciarono per l’aggressione della Polonia contro la Germania, scatenando una guerra su queste basi.

Agenti CIA addestrano ucraini

Quindi, proviamo a combinare i brevi commenti dei tre funzionari sopra citati e la CNN “esclusiva”, che i servizi segreti statunitensi usano spesso come “serbatoio di drenaggio” per diffondere falsi anti-russi. La Russia starebbe preparando segretamente un gruppo speciale di sabotaggio che si addestra con esplosivi nelle aree urbane. Il sabotaggio (presumibilmente un’esplosione) dovrebbe aver luogo nell’Ucraina orientale e le vittime saranno “marionette russe” (apparentemente combattenti della DPR o LPR) o “residenti di lingua russa”. Tutto questo dovrebbe servire da pretesto per una grande guerra.
Come se anche senza questo, le truppe ucraine periodicamente non organizzassero esplosioni, le cui vittime sono i civili nel Donbass. Se tutti servissero da pretesto per la guerra, a volte dovrebbe essere dichiarata più volte al giorno.
È curioso che tutti i funzionari che esprimono la versione della “operazione sotto falsa bandiera” ripetano la stessa frase come un orologio: tutto ciò avverrà secondo lo scenario di “annessione/occupazione illegale della Crimea nel 2014”.
È un peccato che nessun giornalista si sia preso la briga di chiedere a nessuna delle tre “J” (Jen – Jake – John) quale delle “provocazioni” la Russia abbia usato per “occupare la Crimea”, quale sia stata fatta saltare in aria o avvelenata. Quindi il motivo della decisione degli abitanti della Crimea sulla loro autodeterminazione è stato un colpo di stato illegale in Ucraina, sostenuto dagli Stati Uniti. Gli attuali oratori di Washington non vogliono dichiarare che il Maidan di Kiev e i “biscotti del Nuland” sono stati organizzati da Mosca per far passare questa operazione come azioni dei nazionalisti e del Dipartimento di Stato.

Tuttavia, i media occidentali hanno raccolto volentieri questa incredibile storia, ampliandola e integrandola con le versioni più folli. Per non parlare del fatto che il Ministero della Difesa ucraino ha regolarmente espresso tali scenari anche prima della Casa Bianca. È vero, hanno annunciato un’imminente provocazione nei depositi di munizioni in Transnistria, e non sul Donbass.
Naturalmente, questa non è la prima e non l’ultima affermazione del genere. Si potrebbe spazzarli via come il ronzio di una mosca fastidiosa. Ma dobbiamo capire che spesso questo significa una vera preparazione per la commissione di mostruose atrocità.
Un esempio illustrativo è la forte provocazione del quotidiano britannico The Times nell’agosto 2015, quando inventò una “sensazione” assolutamente ridicola che il DPR, con l’assistenza di alcuni scienziati russi, stesse sviluppando una “bomba atomica sporca” segretamente da Mosca . I narratori del servizio di sicurezza dell’Ucraina sono diventati la fonte principale di questa sensazione. Si potrebbe ridere di questa versione ridicola se non fosse suonata sullo sfondo degli incessanti bombardamenti da parte dell’esercito ucraino di un cimitero radioattivo presso l’impianto statale di prodotti chimici di Donetsk e la forte dichiarazione dell’allora Segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell’Ucraina Oleksandr Turchynov che Kiev avrebbe lavorato alla creazione della propria bomba “sporca”. Cioè, la stessa Ucraina ha ammesso che stava creando armi di distruzione di massa, ma si stava preparando in anticipo ad accusare la Russia di usarle.

Una caratteristica delle “sensazioni” odierne è il livello di chi la proclama. Mai prima d’ora una cosa del genere è stata espressa contemporaneamente da così tanti alti funzionari statunitensi. Ecco perché queste parole devono essere prese sul serio. È possibile che ciò significhi veri e propri preparativi per una provocazione molto grave, che potrebbe portare a molte vittime.
In questo caso, si dovrebbe prestare attenzione alle informazioni trapelate di recente secondo cui la CIA sta addestrando intensamente le forze operative speciali ucraine (SOF) in una base segreta nel sud degli Stati Uniti. Un ex ufficiale della CIA che ha familiarità con i dettagli di questa operazione riconosce senza mezzi termini il suo scopo: “Il programma insegna agli ucraini come uccidere i russi”. Combinato con le dichiarazioni di oratori americani su una “operazione di falsa bandiera”, questo suona più che inquietante.
Va ricordato che le SOF ucraine hanno ripetutamente commesso attacchi terroristici e sabotaggi sul territorio del Donbass. Inoltre, la Kiev ufficiale non lo ha nascosto, anzi si è vantato. Non molto tempo fa, l’attuale presidente Volodymyr Zelensky ha ammesso di aver commesso tali operazioni, e il suo predecessore Petro Poroshenko ha generalmente affermato di aver personalmente “ordinato e autorizzato dozzine di operazioni per eliminare gli invasori ei nemici dell’Ucraina”. Pertanto, i sabotatori ucraini addestrati dalla CIA sono capaci di qualsiasi attacco terroristico. Ciò significa che è necessario rispondere con triplice vigilanza agli scenari di provocazione espressi alla Casa Bianca, non percependoli unicamente come un altro bluff antirusso. Dietro di quelli potrebbero esserci piani davvero terribili per trascinare la Russia nel conflitto ucraino.
Non molto tempo fa, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha avvertito che “carri armati con componenti chimici non identificati” sono comparsi nelle immediate vicinanze della prima linea nel Donbass, indicando una possibile provocazione su larga scala. E subito dopo le dichiarazioni alla Casa Bianca, la direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino si è rapidamente adattata alla versione delle “tre J” e ha annunciato che “l’amministrazione russa dell’occupazione” si stava preparando ad accusare l’Ucraina di utilizzare agenti chimici a Gorlovka.

A giudicare dalle azioni delle autorità ucraine, loro stesse non credono a tutte queste storie dell’orrore sull ‘”invasione russa”. In caso contrario, i deputati della Rada non avrebbero prolungato le vacanze di Capodanno fino alla fine di gennaio. Ma non si può escludere che nella prossima provocazione su larga scala, i servizi speciali americani useranno l’Ucraina nell’oscurità, come è avvenuto nella scandalosa “operazione con i Wagneriti”. La simulazione di un attacco chimico alla Duma siriana nel 2018 ha mostrato come tali provocazioni siano organizzate e utilizzate nel mondo moderno. Solo dopotutto, l’attuale amministrazione statunitense questa volta potrebbe non limitarsi all’imitazione.
Vladimir Kornilov ,RIA

Leggici su
Источник: https://news-front.info/2022/01/17/ukraina-sama-ne-verit-v-rossiyskoe-vtorzhenie-no-u-tsru-drugie-plan

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti
  • Idea3online
    Inserito alle 00:04h, 18 Gennaio Rispondi

    Un computer puoi resettarlo, puoi riavviarlo, puoi ripristinarlo. Il mondo puoi resettarlo, puoi riavviarlo, puoi ripristinarlo.
    Se l’Agenda 2030 non verrà accolta nel senso permessa ai piani alti, non dal Grande Fratello, ma dal Supremo. Nemmeno l’altro nostro Grande Fratello Gesù, conosce l’Agenda del Padre, tanto più il Grande Fratello in terra dovrà camminare sul binario profetico, se toglie o aggiunge…….da millenni gira questo avvertimento:

    Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio gli farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell’albero della vita e della città santa, descritti in questo libro.
    Apocalisse 22:18,19

    Torniamo all’Agenda 2030.

    Se l’Elite capirà che non sarà possibile rispettare le tappe in quanto frettolosa di marchiare il gregge umano, al contrario Dio permetterà il marchio solo dopo una sequenza di eventi……..forse siamo diretti in questa sequenza…lo capiremo.

    Cosa farà l’Elite? Probabilmente ripristinerà il mondo precedente…….nel senso riavvierà con punto di ripristino.
    Si legge:
    Un punto di ripristino è un backup delle impostazioni del computer con un sistema operativo Windows, creato appositamente prima di una modifica software rilevante in modo automatico o manuale, come per esempio: prima dell’installazione di nuovi driver o aggiornamenti di Windows.

    Forse non è un caso che negli USA ci sono 2 Presidenti, e nel Vaticano 2 Papi. Se l’Elite volesse, Trump sarebbe Presidente degli USA e Benedetto XVI il Presidente del Vaticano.
    Sarà un caso che è stato mantenuto un punto di ripristino lasciando sospesi sia Trump che Benedetto XVI?

  • atlas
    Inserito alle 04:59h, 18 Gennaio Rispondi

    ma oggi come oggi la propaganda e l’informazione a chi giova ? Alla gente ebete democratica ? Chi deve dimostrare cosa a chi. A Dio ? O democrazia o sovranismo, il diritto sta nella forza e la forza appartiene solo e tutta a Dio. La Russia è il bene, forza Russia e basta

  • antonio
    Inserito alle 07:00h, 18 Gennaio Rispondi

    yankee go home – no gas no party

Inserisci un Commento