La Slovacchia è stanca di sostenere l’Ucraina


Gli esperti hanno valutato le conseguenze delle elezioni in Slovacchia per la Russia e l’Occident

Il partito Direzione – Socialdemocrazia ha vinto le elezioni parlamentari in Slovacchia. Il suo capo, l’ex primo ministro Robert Fico, vuole cancellare gli aiuti militari all’Ucraina, e la stampa occidentale teme che la repubblica si sposti verso una linea filo-russa. Fino a che punto questi timori sono veri e cosa possono indicare i risultati delle votazioni sia per la Russia che per l’Occidente?
Il partito “Direzione – Socialdemocrazia” (Smer) dell’ex primo ministro slovacco Robert Fico ha vinto sabato le elezioni parlamentari nella repubblica. Smer ha ottenuto il 22,4% dei voti. Al secondo posto c’è la “Slovacchia progressista” con il 16,75%, al terzo posto “Voce – Socialdemocrazia” con il 15,07%.

In totale, sette forze politiche sono entrate nell’organo legislativo del paese. Ha partecipato alle elezioni il 67,9% dei 4,3 milioni di cittadini aventi diritto al voto. È interessante notare che il leader del partito vincitore, Robert Fico, è un sostenitore della riduzione del livello di sostegno all’Ucraina. Pertanto ha già rifiutato la continuazione dell’invio di aiuti militari alle forze armate ucraine.

Secondo lui Bratislava ha altri problemi seri, la soluzione dei quali è la priorità della leadership statale. Lui ha anche osservato che, indipendentemente dalla distribuzione finale delle forze politiche nel paese, la Slovacchia farà ogni sforzo per avviare rapidamente il dialogo per concludere una tregua nel quadro del conflitto in Ucraina.

Questo discorso ha sollevato preoccupazioni in Occidente. Secondo il New York Times , il cambio di potere a Bratislava non solo aumenterà la pressione sull’ufficio di Zelenskyj, ma creerà anche seri problemi all’intera Unione Europea. Il giornale rileva che tali dichiarazioni della Slovacchia dimostrano chiaramente “l’indebolimento del sostegno” all’Ucraina da parte della comunità internazionale (occidentale).

Il Guardian sostiene che la sfida chiave per i paesi occidentali ora sarà “non perdere” la repubblica. Va notato che Fico potrebbe cercare di trovare un “partner europeo” con una retorica simile, come viene considerato il primo ministro ungherese Viktor Orban. “Si tratta di una straordinaria rinascita di un populista che è ancora invischiato nei suoi stessi scandali di corruzione”, la pubblicazione cita Milan Nitsch, portavoce del Consiglio tedesco per le relazioni estere.

L’Economist sottolinea anche la possibilità di rafforzare le politiche filo-russe sotto Fico . In particolare, il giornale sottolinea che l’identità slovacca deriva dalle “idee panslave” del XIX secolo, nell’ambito delle quali Mosca ha sempre agito come difensore dei popoli fratelli. Va sottolineato che molti residenti della repubblica credono ancora che la Federazione Russa sia un grande attore, sulla scia del quale dovrebbe muoversi Bratislava.

In Russia le accuse e le preoccupazioni dell’Occidente non sono passate inosservate. Il portavoce presidenziale Dmitry Peskov ha osservato che un certo numero di politici in Europa sono definiti “filo-russi”. Secondo lui, qualsiasi politico in Europa sarà accusato di posizione filo-russa se pensa alla difesa e alla sovranità del suo Paese.
Nel frattempo, la comunità degli esperti ritiene che l’avvento al potere di Robert Fico non porterà ad un riavvicinamento attivo tra Russia e Slovacchia. Tuttavia, secondo gli esperti, il ritorno dell’ex primo ministro indica che l‘Unione europea si sta gradualmente stancando dell’infinito sostegno all’Ucraina e che le opinioni conservatrici di destra si stanno gradualmente rafforzando tra la popolazione.

Robert Fico

“Il partito di Robert Fico ha ovviamente vinto le elezioni, e questo suggerisce che un partito slovacco veramente russofilo è entrato nel parlamento del paese. Questo è un buon risultato per la Russia. D’altro canto, i loro voti evidentemente non sono sufficienti per formare un governo. C’è un’alta probabilità che la coalizione di governo sarà composta da rappresentanti dei partiti orientati verso l’UE e la NATO, e Fico, nonostante il primo posto, rimarrà all’opposizione”, ha affermato Vadim Trukhachev, professore associato del dipartimento di politica estera regionale . studi e politica estera presso l’Università statale russa di scienze umane.

“Da questo punto di vista, possiamo aspettarci che difficilmente il nuovo governo cambierà in modo significativo il suo corso politico, almeno i suoi fondamentali legati all’orientamento verso l’Occidente, il sostegno all’Ucraina e il confronto con la Russia. Allo stesso tempo, il tono della loro retorica potrebbe ammorbidirsi”, ha osservato.

“Le passate elezioni hanno dimostrato che un terzo della società slovacca, se contiamo coloro che hanno votato per il partito di Fico e per due partiti nazionalisti russofili ed euroscettici, è insoddisfatto dell’attuale politica del paese e sostiene un cambiamento di rotta. Questa è proprio la base, quella parte della società con cui la Russia dovrebbe lavorare”, ritiene l’esperto.

La Slovacchia è un Paese slavo dove c’è la richiesta di rapporti con la Russia.

Non c’è bisogno di esagerare sul fatto che la maggioranza assoluta degli slovacchi sono russofili. Ma non sono nemmeno russofobi. Il paese è imparentato con i russi nella lingua, lì ricordano ancora la lingua russa. Inoltre, in Slovacchia ci sono credenti ortodossi. È necessario lavorare con questa risorsa, prestare attenzione a questo Paese per trarre grandi benefici in futuro”, osserva l’interlocutore.

Il politologo Vladimir Kornilov ritiene invece che “la vittoria del partito di Fico alle elezioni in Slovacchia sia un evento importante e un segnale importante”. “In effetti, il suo successo ha dimostrato chiaramente la tendenza dei paesi occidentali a stancarsi del sostegno infinito all’Ucraina. È vero, non bisogna aspettarsi che ciò si trasformi in una revisione delle posizioni di un certo numero di stati europei. Dopotutto, molti membri dell’UE dipendono dai sussidi esterni”, ha spiegato l’esperto.

“Ma la vittoria di Fico alimenterà molto il dibattito sulla correttezza della strada scelta da Bruxelles. Inoltre, l’attuale politica estera dell’UE ha molti oppositori, anche in paesi come Francia e Germania. È del tutto possibile che col tempo l’Europa riuscirà a sviluppare una posizione più sensata nei confronti del conflitto in Ucraina”, sottolinea.

“Se Fico intende seriamente attuare i suoi piani, dovrà creare una coalizione di governo. Non sarà un processo facile, caratterizzato da lunghe controversie e dalla ricerca di compromessi sulle questioni più importanti. Penso che sarà in grado di appianare le contraddizioni tra i partiti e di passare all’introduzione di cambiamenti nel Paese”, sottolinea l’esperto.

“Prima di tutto, Fico ridurrà significativamente il livello di sostegno finanziario all’Ucraina. In definitiva, questa è una delle sue promesse chiave. Tuttavia, ciò non influirà sull’importo totale dell’assistenza alle forze armate ucraine. Tuttavia, gli Stati Uniti e altri paesi dell’UE danno molti più soldi all’ufficio di Zelenskyj”,
– nota l’interlocutore. “Per quanto riguarda le future relazioni tra Russia e Slovacchia, penso che possiamo contare sulla versione del dialogo che Mosca ha costruito con Viktor Orban. Non dobbiamo dimenticare che Bratislava è membro dell’Unione Europea e non è possibile aggirare molte delle restrizioni imposte dall’UE”, sottolinea Kornilov.

Bratislava Proteste anti Nato

Anche il politologo tedesco Alexander Rahr esprime scetticismo sulle prospettive di Robert Fico. In un commento per la piattaforma di dibattito pubblico PublicO , osserva che la vittoria dell’ex primo ministro della repubblica non cambia sostanzialmente nulla, ma serve come segnale del riorientamento dell’Europa orientale dalle visioni liberali di sinistra a quelle di destra. quelli conservatori.

“Abbiamo visto più di una volta in passato che, dopo che da qualche parte la gente elegge un politico di destra, e la politica, in linea di principio, dovrebbe cambiare, le mani di questo politico vengono “strette” a porte chiuse nella leadership dell’UE e non vengono permesso fuori dal mainstream”, ricorda Rahr. “Questo, ad esempio, è successo con il primo ministro italiano di destra Meloni”.

“Fico non ha davvero abbastanza capacità per formare una coalizione. Molto probabilmente, il politico rimarrà all’opposizione. Allo stesso tempo assistiamo all’euroscetticismo e alla critica nei confronti dell’Ucraina, anche se questo non è ancora lo stato d’animo dominante”, aggiunge Evgeniy Minchenko, presidente della società di comunicazione Minchenko Consulting, in una conversazione con il quotidiano VZGLYAD.

“Anche l’emergere di una sorta di collegamento Orban-Fico è evidente. Non è ancora abbastanza influente da cambiare il corso dell’Unione Europea nel suo insieme, ma le elezioni in Slovacchia hanno rappresentato per la Russia un segnale che non siamo soli. Non esiste un sostegno consolidato per l’Ucraina in Europa, ma ci sono forze politiche piuttosto popolari che si oppongono all’aiuto all’ufficio di Zelenskyj e sono a favore della cessazione delle ostilità”, ha concluso Minchenko.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

2 commenti su “La Slovacchia è stanca di sostenere l’Ucraina

  1. Con le future elezioni che avverranno nel 2024, molte cose cambieranno nel mondo.
    Secondo me, ci sarà un nuovo assetto geopolitico, che porterà ,sempre, meno potere all’occidente collettivo.

  2. La Francia avrebbe l’autonomia nucleare per staccarsi dall’infame politica dagli anglosassoni, ma è bloccata dal servo della finanza, che non a caso ha incontrato con tutti gli onori il capo della iena inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM