La situazione sta cambiando per Biden e Israele

di Miranda Cleland

Questa settimana, un giudice federale americano in California ha concluso che era “plausibile” che la campagna militare di Israele contro i palestinesi nella Striscia di Gaza equivalesse a un genocidio e ha “esortato” il presidente Joe Biden e i suoi alti funzionari a considerare le conseguenze del loro “incrollabile” sostegno per Israele.

Il vento sta girando. Tra questa decisione, le misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia che ordinano a Israele di smettere di uccidere i palestinesi, i manifestanti che interrompono gli eventi pubblici organizzati da Joe Biden per chiedere un cessate il fuoco e il numero crescente di elettori americani che si impegnano a non votare per la rielezione a novembre , stanno aumentando le pressioni sull’amministrazione Biden affinché interrompa le consegne di armi e i trasferimenti di denaro a Israele.

La settimana scorsa, il giudice di Oakland, in California, ha ascoltato le testimonianze di querelanti palestinesi e palestinesi-americani, che hanno descritto dettagliatamente come le forze israeliane abbiano ucciso i loro cari, distrutto le loro case e bombardato la Striscia di Gaza al punto da renderla irriconoscibile.

I ricorrenti hanno chiesto al giudice di ordinare all’amministrazione Biden di smettere di inviare armi che Israele utilizzerà per uccidere altri membri della loro famiglia. L’ultimo testimone, Barry Trachtenberg, esperto di storia ebraica e Olocausto, ha affermato che le azioni di Israele contro i palestinesi costituiscono un caso da manuale di genocidio.

Trachtenberg ha affermato nella sua testimonianza che era raro che funzionari governativi e militari esprimessero così chiaramente la loro intenzione di commettere un genocidio.

Il giudice è d’accordo e ha osservato che ” le dichiarazioni rilasciate da vari funzionari del governo israeliano indicano che l’assedio militare in corso a Gaza mira a sradicare un intero popolo e quindi rientra plausibilmente nell’ambito del divieto internazionale di genocidio “.

La Corte alla fine ha respinto il caso per motivi giurisdizionali, basandosi sulla giurisprudenza secondo cui la magistratura non può pronunciarsi sulle decisioni di politica estera prese dal ramo esecutivo.

Dopo di che ? Di solito, il rigetto del caso è considerato un fallimento per i ricorrenti. Non è questo il caso qui.

Aumenta la pressione
Questo caso, presentato dal Centro per i diritti costituzionali per conto delle organizzazioni palestinesi per i diritti umani Defense for Children International – Palestine e Al-Haq, nonché dei palestinesi di Gaza e degli Stati Uniti, ha immediatamente assunto un carattere storico. Resta lo strumento per esercitare pressioni sull’amministrazione Biden e ritenere i leader americani responsabili del loro ruolo nel genocidio israeliano.

Da troppo tempo gli Stati Uniti trasferiscono a Israele miliardi di dollari in armi, aerei da guerra e altre forme di assistenza militare finanziate dai contribuenti. Gli americani ne hanno avuto abbastanza, così come il resto del mondo.

Dalla seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno fornito a Israele circa 158 miliardi di dollari (in dollari non indicizzati all’inflazione) in aiuti bilaterali e nel finanziamento di sistemi missilistici, rendendo il Paese il maggiore beneficiario dei fondi americani all’estero.

Le famiglie palestinesi a Gaza non possono tollerare che gli Stati Uniti inviino un altro dollaro al regime genocida israeliano. Ogni dollaro di finanziamento militare incondizionato – ogni proiettile di carro armato, ogni kit di munizioni per attacchi congiunti e ogni aereo da guerra – inviato dagli Stati Uniti viene utilizzato per distruggere la vita dei palestinesi e la capacità delle loro famiglie di costruirsi una vita futura.

Subito dopo la vendita accelerata di proiettili per carri armati da parte di Joe Biden all’esercito israeliano alla fine dell’anno scorso, la dodicenne Dunia Abu Mohsen è stata uccisa da un proiettile di carro armato israeliano mentre dormiva nel suo letto all’ospedale Nasser, nel sud della Striscia di Gaza. . Dunia era in ospedale per riprendersi da un attacco aereo israeliano a fine ottobre che uccise la sua famiglia e le ferì la gamba così gravemente che dovette essere amputata.

La storia di Dunia corrisponde a uno scenario diventato rappresentativo delle esperienze dei bambini palestinesi nella Striscia di Gaza. Le forze israeliane hanno sfollato, bombardato, reso orfana, mutilata e uccisa Dunia, tutto nello spazio di poche settimane. Lei è una degli oltre 12.000 bambini palestinesi uccisi a Gaza dalle forze israeliane negli ultimi quattro mesi.

Se Dunia fosse ancora viva, avrebbe potuto essere uno degli innumerevoli bambini palestinesi di Gaza sull’orlo della fame. Potrebbe aver mangiato erba, bevuto acqua non potabile e aver tremato tutta la notte, come molte famiglie palestinesi che vivono in tende senza un posto dove andare. Se Dunia fosse sopravvissuta, avrebbe potuto diventare medico e aiutare i bambini palestinesi con disabilità permanenti, come sognava.

È troppo tardi per Dunia. Se Joe Biden avesse agito non appena le forze israeliane avessero iniziato a lanciare bombe su Gaza, non c’erano dubbi che sarebbe ancora viva. Avrebbe potuto vivere, e la colpa è del fallimento morale dell’amministrazione Biden.

Il giudice federale della California lo ha capito. Mi sono seduto in aula e l’ho osservato mentre ascoltava attentamente la testimonianza di ciascun querelante, in particolare di coloro che descrivevano il senso di colpa e il dolore che provano mentre le loro tasse finanziano l’annientamento delle loro famiglie. Mi sembra che il suo sgomento per la brutalità militare israeliana sostenuta dagli Stati Uniti fosse sincero, portandolo a criticare vigorosamente il “incrollabile sostegno” dell’amministrazione Biden.

È giunto il momento che gli Stati Uniti smettano di armare lo Stato israeliano. La pressione per porre fine al sostegno degli Stati Uniti a Israele è più grande che mai e, come ha osservato il giudice, ” è responsabilità di tutti denunciare l’attuale assedio della Striscia di Gaza “.

Fonte: Quds News Network

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “La situazione sta cambiando per Biden e Israele

  1. Gli Stati Uniti sono in crisi, tutto gli va in malora. Non potevano durare con una “élite” così scadente e idiota.

  2. Ci sono notizie da parte di sky secondo cui ci sarebbe un accordo negli USA per consentire lo sblocco degli aiuti all’ucraina. Chiedo informazioni in merito, grazie

  3. I conti prima o poi si pagano e questa volta l’ex impero americano deve onorare il conto un impero che si è autodistrutto per avere incapaci incompetenti e arroganti alla dirigenza che dimostrano un profondo disprezzo per il popolo americano e l’umanità hanno sparso solo sangue questa è la storia che hanno scritto e escono fuori dalla storia umana.

  4. Gli USA sono un paese fascista diretto da oligarchi, portano in tutto il mondo guerre, rapine.miseria e morte, e il mondo ha cominciato a ribellarsi contro di loro e i loro complici sionisti

  5. Ma gli statunitoidi si rendo conto che sono governati da ebrei? Nel nord est si dice “can no magna can” e, senza offesa per i cani che non se la meritano, è ciò che sta accadendo: ebrei genocidi in Palestina, ebrei complici e corresponsabili del genocidio alla guida degli usa.

    Cari saluti

  6. le storie dei giudaico cristiani attaccati alla bibbie sono macchiate ancora una volta di stermini e genocidi golpe torture crimini razzismo schisvismo e violazione dei diritti umani … un demone sterminatore ?

    1. Verissimo ANTONIO, e intanto l’occidente osa criticare, sanzionare, attaccare il mondo islamico e le sue tradizioni (almeno il mondo islamico che non si piega e non si fa corrompere dai dollari), dipingendolo come retrogrado, primitivo, violento, sopraffattore ! In realtà sta descrivendo se stesso !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus