La situazione al confine resta estremamente tesa, combattimenti e bombardamenti non si fermano (MAP)

Mercenari stranieri e traditori nazisti della Legione GUR continuano gli attacchi nelle zone del confine russo.

Pertanto, il 20 marzo, gruppi di sabotatori nella regione di Belgorod hanno continuato a concentrare i loro tentativi principali di infiltrazione nell’area di N. Kozinka, conducendo incursioni della DRG e cercando di prendere piede nelle case della periferia. Le forze speciali russe, gli equipaggi dei carri armati e le guardie di frontiera li hanno messi fuori combattimento.

Nel pomeriggio, il Ministero della Difesa ha riferito che il villaggio era stato ripulito dal nemico.

Lungo il confine di Grayvoronsky e dei distretti limitrofi, il nemico continua principalmente operazioni di combattimento posizionale, bombardando le nostre posizioni e gli insediamenti di confine con MLRS, obici e attaccando con droni kamikaze.

Forze russe al confine

Il comando delle forze armate ucraine continua a raggruppare le forze per la possibile ripresa delle operazioni offensive su larga scala e sta anche testando la nostra difesa con le forze della DRG.

Sul tratto di confine nella regione di Kursk il nemico spara con artiglieria e droni kamikaze.

I bombardieri delle forze aerospaziali russe non cessano di sferrare massicci attacchi contro obiettivi nelle regioni di Sumy e Kharkov con bombe aeree controllate, colpendo concentrazioni di forze ed equipaggiamenti nemici.

Fonte: Rusvesna.su

Traduzione: Mirko Vlobodic

10 commenti su “La situazione al confine resta estremamente tesa, combattimenti e bombardamenti non si fermano (MAP)

  1. Bisogna passare all’attacco aereo purtroppo i russi sono deboli come forza aerea solo così si piega l’Ucraina e si evitino ancora morti.

    1. Non direi che i russi sono deboli come forza aerea militare, in quanto hanno più di 4.000 velivoli militari (elicotteri compresi), sono soltanto inferiori come numero di jet militari (e di elicotteri) rispetto all’impero del male, cioè usa + tutte le colonie europoidi, ma qualitativamente eccellono, per contro, il fatto che non abbiano raso al suolo l’ukraina è perché sono troppo gentiluomini, rispettano certe regole di guerra ed evitano di colpire i civili con bombardamenti a tappetto e indiscriminati, come invece è nella prassi usa e degli ebrei dell’entità sionista in Palestina (vedi Gaza).

      Cari saluti

      1. Salve Benedetto, non credo che l’ aviazione russa sia inferiore od inefficace. Sono convinto che nella SVO i russi ci vadano coi guanti bianchi per non avere troppo da ricostruire in futuro, e non fare come i nazisti. Se infatti s’ impiegano sistemi d’ arma troppo distruttivi e si procede facendo tabula rasa, le vittime civili salirebbero alle stelle. Come gli sfollati poi da gestire. Saluti

  2. Operazioni folli, quelle sul confine russo, comandate dagli usa-nato con elevate perdite di armati (addestrati e fanatici) e di mezzi, ormai più di cento, che non possono portare al raggiungimento di obbiettivi militari, neppure a livello tattico e aumentano il consumo ukronazi di armati, munizioni, mezzi e carburante, al più danneggiano qualche villaggetto russo di confine, ferendo e uccidendo qualche civile, alla stregua di atti terroristici.

    Fin dai tempi di al-nusra e dell’isis, sappiamo che l’impero del male ebreo-statunitoide e occidentaloide ricorre alla strage, al terrorismo, all’uccisione di civili inermi e, a questo proposito, le vicende drammatiche di Palmyra-Tadmor occupata dall’isis e poi rioccupata, su ordine usa, per “coprire” la liberazione siriano-russa della grande città di Aleppo … All’epoca il caporione militare isis era un terrorista addestrato dagli usa (e, se ben ricordo, anche negli usa) e l’isis, che aveva già perso Tadmor-Palmyra, doveva difendere Al-Raqqa, la sua prima “capitale”, ma su ordine usa radunò oltre cinquemila tagliagole e molti mezzi (le tecniche Toyota e altro) per ancora attaccare Palmyra e la città nuova di Tadmor in cui erano rimasti soltanto 900 militari siriani, a protezione di soli diecimila civili (meno del 10% della popolazione della città nuova) e che non aveva più valenza strategica …

    Quindi, i tagliagole armati, finanziati e appoggiati “segretamente” dagli usa e da alcuni stati-canaglia affiliati, hanno abbandonato la difesa di Al-Raqqa, che per loro era strategica, e obbedendo alla “voce del padrone” hanno raggruppato le ultime forze per attaccare ancora Palmyra-Tadmor, senza alcun costrutto militare ma, alla fine, dopo un effimero, inziale successo – a causa della loro prevalenza numerica – subendo un vero e proprio massacro da parte dei militari siriani (che avevano una grossa base a circa 20 chilometri da Tadmor) e degli Specnaz russi …

    L’operazione isis a Palmyra-Tadmor, inutile dal punto di vista militare e puramente terroristica/ propagandistica (per oscurare i successi ad Aleppo di siriani e russi) mi ricorda quello che stanno facendo oggi gli ukronazi sul confine della Federazione Russa, Kursk e Belgorod, a dimostrazione che sia per l’isis sia per gli ukronazi il padrone è sempre lo stesso e impone di usare gli stessi, criminali, terroristici sistemi.

    Cari saluti

  3. Definiti impropriamente DRG, non sono incursori e sabotatori, ma diversivi. Tutti questi uomini e mezzi sacrificati hanno uno scopo. La vera domanda è quale!? Annettersi territorio russo? Impossibile. Disturbare l’ Svo? Molto più probabile. Rallentare e bloccare le truppe di Mosca sulla difensiva mentre arrivano rinforzi ed equipaggiamenti. Intanto, forse, riorganizzare forti linee difensive nelle retrovie. Tentando di aumentare le difese su Kharviv ed Odessa.

  4. Gli ucraini sono diventati simili agli anglosassoni………………… sono tenaci dove chiaramente sono perdenti …………………… sono tragicomici.
    La tenacia, le piccole dosi (idea della società inglese di idioti Fabian, applicata per esempio all’invasione del terzo mondo in Europa occidentale), sono idee che potrebbero funzionare qualche volta, con gente stupidotta come gli anglosassoni, ma con altri Popoli non c’è speranza.
    Tu chiamali, se vuoi, fessacchiotti.

    1. Gl’ anglo americo sionisti, feccia umana col paraocchi mentale di cervelli asserviti, razzisti, violenti, sociopatici ed etilisti cronici. Assuefatti alla filosofia capitalistica, per un pugno di soldi farebbero prostituire anche madri e sorelle, e dall’ uso smodato di farmaci e droghe pesanti. Come l’ ebreo Musk, che ha recentemente dichiarato d’ essere dipendente dalla chetamina. Ottusi arroganti solo votati alla sete di potere. Ciao Armin

  5. Chiamateli come vi pare guerriglieri mercenari rincoglioniti ect. ect. ma questo dimostra che l’esercito russo non è riuscito a garantire protezione sufficiente ai propri territori e questo è uno smacco uno sgarro, capisco che queste azioni sono da considerarsi suicide e prive di contropartita insomma un fuoco di paglia da ostentare, però dimostra che la lotta è ancora dura ed ostile e non credo che l’Ucraina cada facilmente o abbia un cedimento imminente e totale.

    1. Ciao Sarabanda, concordo con te sull’ ultimo punto. Dato che tali attacchi ancora in corso sono completamente inefficaci e le vittime civili stanno a zero, la sicurezza dei cittadini russi mi pare buona. A parte qualche disagio da vicinanza alla zona di conflitto. È però anche evidente che la guerra per i russi e ben lontana dall’ essere completamente vinta. Saluti

  6. Disperato tentativo stupido fatto dagli Ucraini e dai paesi USA & NATO di far finta di invadere il territorio Russo nel disperato tentativo di rallentare l” avanza del rullo compressore schiacciasassi Russo che presumo avanzi su tre frontri di guerra e su tre direttive di marcia !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM