La Siria minaccia di “colpire l’aeroporto di Tel Aviv” a meno che l’UNCSU non agisca contro l’impunità di Israele


Damasco ha minacciato di esercitare il suo legittimo diritto di autodifesa contro l’aggressione israeliana e di colpire l’aeroporto di Tel Aviv in una risposta speculare, a meno che il Consiglio di Sicurezza dell’ONU non metta fine alle intrusioni dell’IDF nello spazio aereo siriano.
Apparentemente esasperata di anni di impunità israeliana nei cieli siriani e attacchi regolari effettuati nelle vicinanze dell’Aeroporto Internazionale di Damasco, la Siria ha minacciato di vendicarsi in termini espliciti.

“Non è ora che il Consiglio di sicurezza dell’ONU interrompa le ripetute aggressioni israeliane sui territori della Repubblica araba siriana?” Il dott. Bashar al-Jaafari, rappresentante permanente della Siria all’ONU, se lo è chiesto martedì.

Oppure è necessario attirare l’attenzione dei responsabili della guerra in questo Consiglio esercitando il nostro legittimo diritto di difenderci e rispondere all’aggressione israeliana all’aeroporto civile di Damasco nello stesso modo sull’aeroporto di Tel Aviv?
Attacchi aerei contro presunti “obiettivi iraniani” in prossimità dell’aeroporto più trafficato della Siria sono diventati una norma per le Forze di Difesa Israeliane (IDF), il cui ex capo della Difesa ha confessato apertamente il mese scorso di condurre una campagna di bombardamenti su larga scala in Siria che dura da anni. Oltre a causare vittime e danni materiali con i loro attacchi “quasi quotidiani” , anche le missioni di combattimento israeliane in Siria hanno messo a rischio ripetutamente voli operanti nel paese lacerato dal conflitto.
Mentre l’IDF raramente riconosce di colpire obiettivi specifici in Siria, l’esercito russo ha tenuto sotto stretto controllo le manovre dell’IDF sulla Repubblica Araba. Il giorno di Natale, i jet israeliani hanno messo in pericolo due aerei civili mentre attaccavano obiettivi in ​​Siria, ha riferito il ministero della Difesa russo, osservando che gli F-16 dell’IDF sono volati via mentre i jet civili stavano atterrando negli aeroporti di Beirut e Damasco. A settembre, le azioni israeliane hanno provocato la morte di 15 militari russi dopo che i jet israeliani hanno deliberatamente utilizzato l’aereo di ricognizione russo Il-20 come copertura e lo hanno inserito nel percorso di un missile siriano per la difesa aerea.

Bashar al-Jaafari


Esortando il Consiglio di sicurezza dell’ONU ad adottare misure per porre fine a quelle palesi violazioni della sovranità siriana da parte dello stato ebraico, Jaafari ha accusato la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti – tutti membri permanenti dell’organismo mondiale – di sostenere l’aggressione israeliana in violazione della loro responsabilità di “mantenere pace e sicurezza internazionali in conformità con il diritto internazionale “.
Mettendo poca fiducia nelle intenzioni occidentali di portare la pace tanto attesa al paese, il diplomatico ha notato che la Siria progetta di ripristinare la piena sovranità sui suoi territori perduti, comprese le alture del Golan, che Israele continua ad occupare.

“La sovranità del restauro del Golan siriano occupato è un diritto permanente della Siria che non è soggetto a negoziati”, ha sottolineato Jafari.
Israele ha catturato le alture del Golan dalla Siria nella Guerra dei Sei Giorni del 1967. Mentre Tel Aviv si astenne dall’estendere la sovranità sul Golan per oltre un decennio, nel 1981 lo stato ebraico ha annesso l’area. Ai Drusi del Golan fu offerta la piena cittadinanza israeliana sotto la legge delle alture del Golan del 1981, ma solo una piccola minoranza cambiò la loro fedeltà dalla Siria a Israele. La Siria ha ripetutamente ribadito che la terra occupata è parte integrante del suo territorio e che funzionerà per restituirla con tutti i mezzi necessari. Tel Aviv vede le cose in modo diverso.

“Israele rimarrà per sempre sulle alture del Golan e le alture del Golan rimarranno per sempre nelle nostre mani”, ha detto il primo ministro Benjamin Netanyahu a novembre, dopo che gli Stati Uniti sono diventati l’unico stato a votare a fianco di Israele contro una risoluzione ONU simbolica e non vincolante invitare Tel Aviv a ritirarsi dalla regione occupata.
Nota: La politica di annessioni e di espansione territoriale da parte di Israele è sotto gli occhi di tutti ed appare evidente che le autorità dello Stato sionista stanno attuando il vecchio piano previsto della “Grande Israele” con la complicità degli Stati Uniti che coprono tutte le operazioni fatte da Israele. Lo spostamento della capitale a Gerusalemme e la dichiarazione di annessione delle Alture del Golan, rientrano in questo piano.

Fonte: RT.com – Traduzione e nota: Luciano Lago

8 Commenti

  • Andrea
    23 Gennaio 2019

    alla buon’ora……
    ma rimarranno parole al vento se poi non si fa sul serio,
    e questo vale anche per Mosca.

    Dopo l’abbattimento dell’aereo russo, Mosca ha strombazzato ai 4 venti che con la consegna dei S300 ai siriani lo spazio aereo sarebbe stato blindato, compreso quello libanese,
    peccato che gli F16 continuano a scorrazzare sopra il Libano per lanciare i missili.

    Dispiace dirlo,
    ma Mosca ha fatto troppi annunci “vincolanti”, che ad oggi sono solo annunci.

    Da domani vedremo.

    • atlas
      23 Gennaio 2019

      cosa vuoi vedere…una guerra che distruggerà tutto e tutti ? Si farà si farà …

  • Max
    23 Gennaio 2019

    La 3 guerra mondiale, scoppierà quando Israele verrà colpita!

  • Fabio Franceschini
    23 Gennaio 2019

    Una buona ragione per non colpirla comunque la si pensi

    • atlas
      24 Gennaio 2019

      questo fa comprendere quanto sia vicino il tempo in cui gli alberi smetteranno di dare ossigeno proprio a tutti …

  • Idea3online
    24 Gennaio 2019

    La religione, è noto, ha un ruolo importante nella lunga vicenda della questione mediorientale, che non si può per l’appunto ridurre ai canoni della realpolitik……
    “Nella realtà concreta – spiega al proposito l’autore – le cause dei fenomeni sono sempre molteplici e sarebbe ingenuo e fuorviante ridurle solo ad un determinato ambito o punto di vista. Per quanto riguarda la situazione israelo-palestinese e, più in generale, mediorientale, se da un lato sarebbe assurdo negare certi fattori geopolitici ed economici, dall’altro è impossibile districare la matassa ignorando una serie di ragioni che nel libro abbiamo definito ‘non strettamente correlate all’immagine della politica ‘contingente” a cui normalmente si rifanno i politologi. Parliamo di ragioni –spesso ignorate dal grande pubblico e ‘sottaciute’ dai media- che potremmo definire, in senso lato, teologiche. Tali ragioni determinano, più spesso di quanto si creda, scelte politiche foriere di grandi conseguenze; scelte che, da un punto di vista meramente strategico, sarebbero incomprensibili. Stiamo parlando, ad esempio, di buona parte della politica americana verso il Medio Oriente.

    Per continuare:
    http://blog.ilgiornale.it/puglisi/2019/01/11/la-guerra-del-tempio-escatologia-del-conflitto-mediorientale-e-non-solo/

  • Monk
    24 Gennaio 2019

    Pian pianino mi sto distaccando da tutto, l’impeto rivoluzionario è morto, facciano tutti quello che gli pare, tanto con una guerra non si risolverebbe nulla, dalle ceneri altri Soros usciranno e i sopravvissuti ricomincerebbero con le solite diatribe….si fottano tutti, la vita è breve, ritagliamoci una fetta di felicità individuale e affrontiamo la fine dei tempi con più menefreghismo, non cambieremo mai l’umanità marcia, ci vedessero degli alieni vomiterebbero,

    • atlas
      25 Gennaio 2019

      ah io tra una settimana me ne vado all’estero. Motivo ? Gamberi freschi e vagine depilate

Inserisci un Commento

*

code