La Siria esce dal freddo

Di Scott Ritter (*)

-Mentre il mondo continua a fare i conti con la realtà – e le conseguenze – del riavvicinamento mediato dalla Cina tra l’Arabia Saudita e l’Iran, un altro colpo di stato diplomatico si sta svolgendo nel Medio Oriente.

Questo è orchestrato dai russi. Il ministro degli Esteri saudita, il principe Faisal bin Farhan, è volato a Damasco la scorsa settimana, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar Assad. Questa visita ha seguito quella del ministro degli Esteri siriano Faisal Mikdad all’inizio di questo mese a Riyadh.

I due paesi hanno interrotto le relazioni diplomatiche nel 2012 all’inizio di un conflitto civile siriano che ha visto l’Arabia Saudita gettare i suoi soldi dietro i combattenti anti-regime che cercavano di rimuovere Assad dal potere.

Il sorprendente voltafaccia diplomatico fa parte di una nuova politica estera dell’Arabia Saudita, incarnata nella sua storica nuova relazione con l’Iran, che cerca di generare stabilità regionale attraverso la risoluzione del conflitto invece del contenimento mediato dai militari.

Come ha osservato il ministero degli Esteri saudita in occasione della visita di bin Farhan a Damasco, l’obiettivo saudita è “raggiungere una soluzione politica alla crisi siriana che ponga fine a tutte le sue ripercussioni e preservi l’unità, la sicurezza, la stabilità e l’identità araba della Siria e la restituisca alla sua Ambiente arabo.»

Drammatico scoppio della diplomazia

Il drammatico scoppio della diplomazia tra Riyadh e Damasco è il sottoprodotto della crescente influenza della Russia negli affari mediorientali ed è uno dei segnali più chiari del ruolo in declino degli Stati Uniti, la cui posizione militare e diplomatica nella regione è notevolmente diminuita nel corso degli ultimi anni.

La Russia ha legami di lunga data con il governo siriano. Nel 2015, il suo intervento durante il conflitto civile siriano ha sostenuto il governo di Assad, consentendogli di riprendere l’iniziativa contro l’opposizione (islamista radicale) appoggiata dagli Stati Uniti e dai sauditi.

Ma quella dinamica è cambiata dopo l’ottobre 2018, quando agenti di sicurezza sauditi, presumibilmente operanti sotto gli ordini diretti del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman, hanno assassinato il giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi .

I sauditi si sono offesi per la protesta degli Stati Uniti per il crimine, soprattutto quando l’allora candidato alla presidenza Joe Biden ha minacciato il principe ereditario, popolarmente noto come MbS, con l’isolamento e la punizione.

“Stavamo effettivamente per fargliene pagare il prezzo e renderli di fatto il paria che sono”, ha detto Biden durante un dibattito televisivo nel novembre 2019 , aggiungendo che c’è “pochissimo valore di redenzione sociale nell’attuale governo in Arabia Saudita.”

Biden si sarebbe poi pentito di quelle parole quando, nel luglio 2022, fu costretto a volare in Arabia Saudita e chiedere a MbS di aumentare la produzione di petrolio per abbassare i costi energetici che erano saliti alle stelle a causa delle conseguenze degli sforzi guidati dagli Stati Uniti per sanzionare petrolio e gas russi all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Mentre MbS ha ricevuto Biden, gli Stati Uniti non hanno ottenuto i risultati desiderati dall’incontro per ragioni che andavano oltre la scarsa chimica personale tra MbS e Biden. A quel punto, sia l’Arabia Saudita che la Russia hanno riconosciuto che, in quanto grandi produttori di petrolio, i loro interessi non erano ben serviti dalla competizione in un mercato dominato dall’angoscia guidata dagli Stati Uniti.

Questa consapevolezza è maturata nella primavera del 2020 all’indomani di una “guerra del petrolio” tra le due nazioni che ha visto l’Arabia Saudita abbassare precipitosamente il prezzo del petrolio producendo in eccesso, solo per essere eguagliata dalla Russia.

La guerra petrolifera saudita-russa è finita a causa dei negoziati mediati dall’allora presidente Donald Trump e per un po’ il mondo è stato costretto a vivere in un ambiente in cui i tre principali produttori di petrolio – Stati Uniti, Russia e Arabia Saudita – erano apertamente collusi sulla produzione globale in quote stabilite.

Lavrov con principe saudita

Ma poi è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina, le sanzioni energetiche guidate dagli Stati Uniti e il riconoscimento da parte sia della Russia che dell’Arabia Saudita che gli Stati Uniti non erano un partner stabile quando si trattava di gestire la risorsa economica più importante delle loro nazioni: l’energia.
Relazioni USA-Arabia Tese

Man mano che i legami Russia-Saudita si rafforzavano sulla base di scopi e obiettivi condivisi, allo stesso modo cresceva la tensione tra Arabia Saudita e Stati Uniti, spinta dalla totale disconnessione che esisteva tra l’amministrazione Biden e MbS sulla politica mediorientale.

L’Arabia Saudita ha intrapreso un progetto ambizioso, Vision 2030 , che cerca di far passare il regno ricco di petrolio dall’attuale eccessiva dipendenza dalla produzione di energia a un’economia più diversificata basata su tecnologie moderne e iniziative economiche non energetiche.

Un prerequisito fondamentale per questa visione è che l’Arabia Saudita diventi una forza di connettività nella regione e nel mondo, qualcosa che le politiche guidate dagli Stati Uniti che promuovono l’instabilità regionale e la guerra hanno reso impossibile. L’amministrazione Biden aveva raddoppiato una politica in cui l’Arabia Saudita fungeva da chiave di volta per affrontare l’Iran lungo un arco di crisi che si estendeva dal Libano, attraverso la Siria e l’Iraq; e nello Yemen.

L’Arabia Saudita ha affrontato la realtà di non poter vincere la sua guerra in Yemen (in corso dal 2014) e che gli sforzi di destabilizzazione guidati dagli Stati Uniti in Libano, Siria e Iraq stavano fallendo. Con il proprio obiettivo di diversificazione economica in mente, ha scelto di lavorare con la Russia per generare il tipo di stabilità necessaria per far prosperare le economie basate sull’energia.

La Russia ha organizzato silenziosamente colloqui con funzionari e diplomatici sia sauditi che siriani, culminati con la visita del presidente Assad a Mosca nel marzo 2023, dove è stata finalizzata la questione di un riavvicinamento con l’Arabia Saudita.

Resta ancora del lavoro da fare, tuttavia, poiché lo sforzo dell’Arabia Saudita per riportare la Siria nei ranghi della Lega Araba incontra la resistenza dei fedeli alleati degli Stati Uniti Giordania, Kuwait e Qatar. Ma il fatto è che, grazie alla diplomazia russa e cinese, in tutto il Medio Oriente sta scoppiando la pace, non la guerra. Tirare fuori la Siria dal freddo è semplicemente la manifestazione più recente dei fenomeni.

*Scott Ritter è un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica attuando trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq sovrintendendo al disarmo delle armi di distruzione di massa. Il suo libro più recente è Disarmament in the Time of Perestroika , pubblicato da Clarity Press.

-Fonte: InformationClearing House – Consortium News ” –

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM