La Siria denuncia le aggressioni israeliane nella regione con il sostegno degli Stati Uniti

La Siria denuncia che il regime israeliano continua ad attaccare i paesi della regione, con il sostegno dell’Occidente, in particolare degli Stati Uniti.

Il rappresentante permanente della Siria presso le Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera, Husam al-Din Ala, ha detto giovedì che Israele perpetra atti di aggressione contro i paesi dell’Asia occidentale, mettendo a rischio l’integrità territoriale della regione, e pratica il ” Terrorismo di Stato ”contro i palestinesi e la popolazione delle alture del Golan occupate, con il pieno sostegno degli Stati Uniti e dell’Occidente.
“I ripetuti attacchi israeliani contro la Repubblica araba siriana costituiscono il titolo più importante della politica di sostegno al terrorismo, praticata dall’entità di occupazione israeliana durante anni di guerra terroristica combattuta in Siria, sia trattando i terroristi del Fronte Al-Nusra [ L’autoproclamatosi Fronte Fath al-Sham] e fornendo loro assistenza negli ospedali israeliani […] o sostenendo direttamente i terroristi nei loro attacchi alle posizioni dell’esercito siriano ” , ha affermato.

Il rappresentante siriano ha fatto tali commenti in un discorso alla 46a sessione del Consiglio dei diritti umani sul 7 ° mandato, denominata “Situazione dei diritti umani in Palestina e in altre terre arabe occupate”, secondo l’agenzia ufficiale di notizie siriana, SANA .
Ala si è inoltre rammaricato che i cittadini siriani delle alture del Golan soffrano delle gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani commesse dal regime di occupazione di Tel Aviv dal 1967.

Damasco sotto attacco di Israele

Ha inoltre riaffermato il sostegno di Damasco al diritto del popolo palestinese di stabilire uno Stato indipendente, con Al-Quds (Gerusalemme) come capitale, garantendo il diritto al ritorno dei profughi palestinesi ai sensi della risoluzione 194 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA).
“La Repubblica Araba Siriana rinnova il suo appello alle Nazioni Unite e agli Stati membri di porre fine all’occupazione israeliana della Palestina e del Golan siriano e di non riconoscere alcuno status giuridico derivante da azioni israeliane illegali e, infine, chiede di astenersi da qualsiasi attività turistica che aiuta l’occupazione israeliana ” , ha sottolineato.

‘Israele e terroristi si coordinano fra loro per prolungare la crisi siriana’
Il ministero degli Esteri siriano ha denunciato nei giorni scorsi che il regime israeliano e i terroristi si stanno coordinando per prolungare la crisi che affligge il Paese arabo.

Attraverso una lettera inviata al Segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) e alla Presidenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), mercoledì il ministero degli Esteri siriano aveva condannato la nuova aggressione aerea israeliana, perpetrata martedì contro alcuni obiettivi in ​​periferia di Damasco , la capitale siriana.

Damasco, i siriani sfidano l’America Israele

Secondo la lettera, citata dall’agenzia di stampa siriana SANA , questo attacco è una flagrante violazione della risoluzione 350 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ed è avvenuto solo un giorno dopo un attacco terroristico su un autobus che trasportava diversi soldati dell’esercito siriano a Daraa (sud-ovest).

“La Siria ritiene che la frequenza e la coincidenza delle aggressioni israeliane con attacchi terroristici dimostrano ancora una volta che c’è accordo e coordinamento tra tutte le parti ostili in Siria che si scambiano i ruoli per attuare la loro agenda comune che sostiene i gruppi Takfiri e il terrorismo economico, questo per materializzare alcuni progetti separatisti nella regione ” , si legge nel testo.
Tuttavia, afferma, tali atti di aggressione non influenzeranno la determinazione di Damasco a perseguire la sua “guerra legittima” contro il flagello del terrorismo.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • La soluzione
    19 Marzo 2021

    Visto che le parole non servono iniziate a bombardare Israele, legittima difesa a questo punto. Meglio un giorno da leone che cento da pecora. Occhio x occhio. Poi si vedrà,

  • Ubaldo Croce
    19 Marzo 2021

    Caro “La Soluzione”, certo che se continua così non ti si può biasimare…

  • mario
    19 Marzo 2021

    bombrdare isrele e” l “unica soluzione alla pace…………..
    W RUSSIA W CINA W IRAN SIRIA LIBANO PALESTINA CUBA VENEZUELA CILE
    ARGENTINA BOLIVIA ECC::::::: ECC…………ECC……….ECC………ECC………ECC……. W LA LIBERTA”

  • antonio
    19 Marzo 2021

    gli abusivi abitanti della Palestina dovrebbero togliersi dalle scatole ed emigrare in Canada, USA o Australia, dato che furti omicidi e danni in medioriente in 100 anni ne han fatti già troppi, ed incancreniscono la vita e la pace del Mediterraneo peggio dei serpenti velenosi

  • antonio
    19 Marzo 2021

    l’ Inghilterra è l’ isoletta dei Rotschild, e dei loro domestici Windsor

  • Giorgio
    20 Marzo 2021

    I media occidentali e l’opinione pubblica europea scoprono il razzismo della ridicola casa reale dei Windsor, serva dei banchieri sionisti, con qualche secolo di ritardo …… tramite la sceneggiata mediatica di Harry e Megan ……
    Prima non avevano mai sentito parlare di tratta degli schiavi, sterminio delle popolazioni indigene, crimini della compagnia delle indie …. tralasciando, richiederebbe troppo spazio, il lunghissimo elenco dei loro crimini aggiornato ai giorni nostri ……

Inserisci un Commento