La Siria del dopoguerra non ha bisogno dell’Occidente


di Mikhail Gamandiy-Egorov.

Le élite di governo occidentali, ancora non digerendo del tutto il fatto che i loro piani per la Siria sono andati in pezzi, militarmente e geopoliticamente, sperano probabilmente di giocare la carta economica, le sanzioni e quella relativa al ritorno dei rifugiati. Con di conseguenza un altro probabile fallimento.

Presumibilmente, le lezioni del mondo contemporaneo sono ancora in fase di apprendimento all’interno dell’establishment dell’Occidente, rimanendo questo, nella sua globalità, decisamente atlantista e pro-unipolare. Nel caso della Siria, pur riconoscendo la vittoria del presidente Bashar al-Assad e dei suoi alleati sul terreno, gli stessi governi occidentali sperano comunque che Damasco, proprio come Mosca e Teheran, andrà d’accordo con certe condizioni imposte dagli occidentali. Probabilmente lo credono a torto.

Ovviamente, la Siria deve ricostruirsi dopo la guerra di diversi anni condotta contro il terrorismo internazionale e i suoi sponsor esterni (USA, Francia, Turchia e Arabia Saudita). E oggi è davvero il momento della discussione e dei preparativi per mettere in atto il più rapidamente possibile le misure necessarie per un ritorno alla vita normale del Paese e dei suoi cittadini. E questo comporta inevitabilmente la completa ricostruzione delle infrastrutture e il ritorno dei profughi siriani. Anche se e su quest’ultimo punto, sarebbe corretto ricordare che molti profughi fuggiti dalla guerra sono già tornati, o continuano a farlo. Eliminando la teoria a lungo propagandata dall’élite politico-mediatica occidentale – vale a dire che i siriani stavano fuggendo non solo dai terroristi Daesh, ma anche dal governo di Bashar al-Assad.

Ma per raggiungere questi obiettivi, Damasco ha davvero bisogno della partecipazione occidentale? Tutto questo, sapendo che il presidente siriano aveva più volte dichiarato di essere contrario a qualsiasi partecipazione al processo postbellico da parte degli Stati che hanno sostenuto l’aggressione terroristica contro il suo Paese. Quindi facendo una chiara allusione ai paesi occidentali e pochi altri. E questo mentre indica che i paesi alleati della Repubblica araba siriana saranno privilegiati in detto processo.

Distruzioni e desolazione per una guerra che dura da oltre 9 anni, voluta da potenze esterne per rovesciare il governo e balcanizzare il paese (secondo il piano di USA e Israele)

In quanto tale, ciò che gli analisti occidentali dimenticano – è che oltre a Mosca e Teheran, Damasco potrà contare anche su Pechino – sostegno attivo a livello politico-diplomatico della Siria, anche in tandem risoluto con la Russia nel quadro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E quando diciamo Cina, intendiamo ovviamente la principale potenza economica. Il paese è semplicemente la principale potenza economica del mondo in termini di PIL a parità di potere d’acquisto (PPA). E i contatti tra alti funzionari siriani e cinesi sono stati regolari negli ultimi anni. Anche diversi paesi arabi mostrano interesse, anche se la loro vera motivazione resta da confermare.

Ora torniamo agli errori occidentali.

In particolare su questa suprema convinzione delle élite preoccupate che senza la loro partecipazione non si può fare niente o poco. La guerra in Siria ha dimostrato che militarmente non sono tanto i budget militari che contano, ma la determinazione a sradicare il focolaio terroristico. Tutto questo combinato con armamenti ed equipaggiamenti efficienti, personale qualificato e una certa capacità analitica. Essere in grado di utilizzare l’arte della diplomazia militare quando necessario o più adatto. È importante sottolineare che, tenendo conto delle realtà culturali e religiose sul terreno. Con loro il rispetto e l’adattamento ad essi.

Ma al di là dell’arte militare e politico-diplomatica, l’economia non è certo più uno strumento del dominio occidentale. Compreso il fatto che delle dieci principali potenze economiche mondiali attuali in termini di PIL-PPP, oggi quattro sono paesi occidentali, quindi meno della metà. Significa allo stesso tempo una cosa semplice: nel mondo multipolare, e a patto di volerlo, è sempre possibile trovare un’alternativa.

Siria, arrivano aiuti umanitari russi mentre il paese si trova sotto sanzioni occidentali
Bambini siriani ricevono aiuti alimentari russi

Per questo è sufficiente prendere l’esempio dell’Iran. Le sanzioni statunitensi contro la Repubblica islamica avrebbero dovuto semplicemente spazzare via l’economia iraniana. Questo era l’obiettivo e il governo degli Stati Uniti lo dichiarava apertamente. Alla fine, non solo la resistenza iraniana ha retto, ma le prospettive di cooperazione economica tra Teheran e Pechino hanno lasciato senza parole molti osservatori occidentali. Vale a dire centinaia di miliardi di dollari equivalenti agli investimenti cinesi, in un periodo di un quarto di secolo.

In generale, il quadro multipolare rafforza l’idea della capacità di risolvere le principali questioni internazionali con la partecipazione esclusiva di potenze non occidentali. Il recente caso del Nagorno-Karabakh ne è solo un’ulteriore conferma. Forse era inimmaginabile nel 1995 o nel 2000. Oggi è una realtà. E invece di stigmatizzare gli avversari geopolitici e gesticolare sull’eccezionalismo occidentale, sarebbe molto meglio che gli interessati si adattassero in modo costruttivo alla nuova realtà globale.

fonte: Observateurcontinental.fr

Traduzione: Gerard Trousson

Inserisci un Commento

*

code