La Serbia sotto ricatto: Se volete entrare nella UE dovete imporre sanzioni contro la Russia

Il commissario europeo ha declamato la condizione per l’adesione della Serbia all’UE.
Per aderire all’Unione europea (UE), la Serbia non deve solo attuare le riforme, ma anche imporre sanzioni contro la Russia, ha affermato il commissario europeo per l’allargamento e la politica di vicinato Oliver Vargelyi.

“Ora bisogna fare riforme e completare quei passi che riguardano, per esempio, i media, servono passi chiari e segnali chiari da Belgrado. Ma non posso nascondere il fatto che l’aggressione russa in Ucraina influisce anche sul processo di adesione, il progresso nello stato di diritto è fondamentale, ma questo non è sufficiente. Il coordinamento con la politica estera dell’UE svolge un ruolo più importante rispetto a prima <…>.
Abbiamo bisogno che la Serbia, Paese candidato, ci aiuti, la Serbia deve essere dalla nostra parte e aiutarci ad attuare le nostre sanzioni nel modo designato”, come riporta la TASS le parole di Vargeyi.

In precedenza, il presidente serbo Aleksandar Vučić a Parigi, dopo i colloqui con il capo della diplomazia europea Josep Borrell, aveva affermato che la Serbia non avrebbe imposto sanzioni contro la Russia, poiché questo Paese “ha contribuito a mantenere la nostra integrità territoriale”.
Ricordiamo, il primo ministro serbo Ana Brnabic ha affermato che i rappresentanti dell’UE hanno affermato che Belgrado dovrebbe riconoscere l’indipendenza del Kosovo (la regione secessionista), nonché imporre sanzioni contro la Russia per poter aderire all’Unione europea.

Fonte: vz.ru/news/

Traduzione: Mirko Vlobodic

La base USA nel Kosovo
A view of Camp Bondsteel and the surrounding landscape in Kosovo. (U.S. Army photo/Spc. Tara Moseman)


Nota: Le secessioni in Europa sono accettate e riconosciute quando sono conformi agli interessi degli Stati Uniti e della NATO. Negli altri casi (come per la Repubbliche del Donbass o la Crimea) sono ritenute una “violazione delle regole internazionali”.
Non è un caso che nel Kosovo sia stata costituita da Washington la più grande base militare USA in Europa: “Camp Bond Steel”, in Kosovo, è forse la più grande base militare americana in Europa, nei pressi del confine macedone, 500 ettari con un perimetro di 14 km, attraversata da 25 km di strade, 5000 soldati e grandi segreti sulle armi dispiegate.

Nota: Luciano Lago

16 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 16:53h, 02 Dicembre Rispondi

    La Serbia “deve” imporre sanzioni alla Russia ???
    Col cavolo !!!

  • Paolo
    Inserito alle 18:16h, 02 Dicembre Rispondi

    Quello che adesso alla Serbia può sembrare un privilegio, tra poco diventerà una minaccia…. l’adesione alla ue

    • Massimiliano
      Inserito alle 00:48h, 03 Dicembre Rispondi

      Ciao a tutti, ciao Paolo, mi è piaciuto molto il tuo commento|
      Ciao

  • Morello
    Inserito alle 18:40h, 02 Dicembre Rispondi

    che negozino ben bene l’entrata nei BRICS. Scommetto che Russia e Cina gli farebbero ponti d’oro per avere un alleato in Europa, altro che benefici dell’Unione Europea

    • Dolphin
      Inserito alle 20:03h, 02 Dicembre Rispondi

      Bravo Morello, io non me lo so spiegare questa brama di entrare nella trappola u.e dopo che hanno fatto a pezzi la ex Jugoslavia ti ci vai pure ad alleare, non lo riesco a capire , molto meglio la soluzione che tu hai sapientemente prospettato.

  • nicholas
    Inserito alle 18:46h, 02 Dicembre Rispondi

    Se non erro , la Cina ha inviato delle batterie missilistiche in Serbia.
    Mi sa che sarà difficile convincere la Serbia a far parte della UE.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 18:49h, 02 Dicembre Rispondi

    Fratelli serbi siete per caso impazziti a voler entrare in UE?…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • antonio
    Inserito alle 19:23h, 02 Dicembre Rispondi

    Fratelli Serbi non entrate nell’ Inferno Satanico che è questa UE dei Goldfiingers criminali – state Liberi state con Russia Cina e Brics – appena ci Libereremo anche noi dalle catene verremo con voi

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 20:00h, 02 Dicembre Rispondi

    Pure la Serbia si deve autodistruggere imponendo sanzioni alla Russia. Maledetti idioti e burattini. Prima o poi la pagherete

  • Carlos Catucci
    Inserito alle 20:14h, 02 Dicembre Rispondi

    Ma a che gli serve di unirsi ad un organismo agonizzante?

    • Giorgio
      Inserito alle 12:01h, 03 Dicembre Rispondi

      a farsi trascinare nelle fogne della storia ….

  • anto
    Inserito alle 09:21h, 03 Dicembre Rispondi

    vai brics!

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 13:20h, 03 Dicembre Rispondi

    Perché non sai parla di INVASIONE SOTTRAZIONE USA & NATO ormai VENTENNALE della Serbia ?

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 13:29h, 03 Dicembre Rispondi

    Perché l” Italia non invia 82 miliardi di euro e carri armati e cannoni ai poveri Serbi che sono stati INVASI E OCCUPATI MILITARMENTE DAI CATTIVI E SANGUINARI paesi NATO-UE -UK e dai super criminali USA ?
    L” Italia ha regalato carri armati -blindati -cannoni -munizioni e mitragliatrici ai criminali Ucraini e gli ha pure regalato 82 miliardi di euro !
    Mentre ai poveri Serbi indifesi invasi e occupati da oltre 20 anni Nisba !
    L ” Italia non invia nulla alla Serbia anzi la RICATTA perché deve sottomettersi agli USA !
    La Serbia non si è sottomessa né al” impero Ottomano né a quello Asburgico !
    Dubito molto che la Serbia si sottometta alle minacce militari di USA-UK-UE !

  • Gasparino
    Inserito alle 14:41h, 03 Dicembre Rispondi

    Anzi . . farebbe bene a mantenere le dovute distanze prima di essere addomesticata e soccombere sotto lo schiaffo dell’Amerika !

  • keki
    Inserito alle 16:41h, 03 Dicembre Rispondi

    Quando il potere statunitense crollerà, sarà un buon giorno per tutti.
    Magari noi europei saremo le vittime di questo crollo, ma ne varrà la pena.

Inserisci un Commento