La segretaria al Tesoro USA, Yellen, ammette che le folli sanzioni anti-russe minacciano l’egemonia del dollaro


di ANDREW ANGLIN
Le sanzioni statunitensi stanno spingendo molti paesi a cercare alternative al dollaro per gli insediamenti, ha ammesso il segretario al Tesoro Janet Yellen durante la sua apparizione annuale martedì davanti al Comitato per i servizi finanziari della Camera per discutere lo stato del sistema finanziario internazionale.

Alla domanda sul rischio di de-dollarizzazione, Yellen ha riconosciuto che l’uso del dollaro nell’economia globale sta diminuendo.

“Non sorprende che i paesi che temono di essere colpiti dalle nostre sanzioni stiano cercando alternative al dollaro. È qualcosa che dobbiamo semplicemente aspettarci “, ha affermato.

Alla domanda del membro del Congresso, Vicente Gonzalez, se gli Stati Uniti dovrebbero ridurre l’uso delle sanzioni nella loro politica estera dato che anche i paesi tradizionalmente alleati, come la Francia, hanno effettuato transazioni diverse dal dollaro, Yellen ha affermato che per la maggior parte dei paesi non vede “alcuna soluzione significativa” rispetto all’usare il dollaro. Ha riconosciuto che c’è una crescente diversificazione rispetto al biglietto verde all’interno delle attività di riserva globali, ma ha affermato di ritenere che il dollaro probabilmente manterrà il suo status di valuta dominante.

“Dovremmo aspettarci nel tempo una quota gradualmente aumentata di altre attività nelle riserve dei paesi – un naturale desiderio di diversificare… Ma il dollaro svolge il ruolo che svolge nel sistema finanziario mondiale per ottime ragioni che nessun altro paese è in grado di replicare … Non sarà facile per nessun paese escogitare un modo per aggirare il dollaro”, ha dichiarato Yellen. Ha osservato che tra i principali punti di forza del dollaro ci sono “mercati finanziari aperti e liquidi, un forte stato di diritto e l’assenza di controlli sui capitali”, che, secondo Yellen, “nessun paese è in grado di replicare”.
Il potere del dollaro USA è il potere dell’esercito americano.
È vero anche il contrario.
Entrambi sono caduti in momenti molto difficili.
È questa un’ammissione incredibile da parte della Yellen, un funzionario di un certo livello, ma è anche incredibile che questo venga minimizzato. La maggior parte del mondo – l’85% della sua popolazione – ha rifiutato di accettare le sanzioni russe. La Cina, la prima economia mondiale, è ora de facto il centro di potere della maggior parte del mondo.
La portata di questo è difficile persino da affermare.

Quello che è incredibile è la velocità con cui sta accadendo.
La guerra in Ucraina ha meno di un anno e mezzo ma si può già considerare come uno spartiacque.

La cosa divertente è che le sanzioni non hanno nemmeno fatto nulla per danneggiare la Russia. Hanno danneggiato l’Occidente. L’economia russa sta andando alla grande.

Se non fosse stato per le sanzioni, il mondo per lo più avrebbe tollerato la guerra. Ma come dice la Yellen, ogni paese sta pensando “e se fossi io il prossimo?” Stanno anche vedendo il fatto che con il sostegno della Cina, la Russia sta andando bene, nonostante sia stata bandita dalla “comunità internazionale” (degli stati occidentali).

Fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM